You are currently browsing the tag archive for the ‘STAZIONI DI RILEVAMENTO’ tag.

Questi i dati tecnici ufficiali forniti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in ordine al terremoto della notte scorsa nelle Marche. “Un terremoto di magnitudo (Ml) 4.9 è avvenuto alle ore 03:32:24 italiane del giorno 21/Lug/2013 (01:32:24 21/Lug/2013 – UTC) ed è stato localizzato in Adriatico centro-settentrionale a pochi chilometri dalla costa marchigiana, tra la Provincia di Ancona e di Macerata. L’evento è stato registrato ad una profondità di 8.4 Km.  I Comuni più vicini all’epicentro sono: Loreto (An), Numana (An), Sirolo (An), Porto Recanati (Mc).INGV-

Dalle 03:32 sono state registrate nell’area altri eventi sismici (circa 10 aggiornati alle ore 08:00 italiane) con magnitudo maggiore di 2.0. L’evento più forte si è verificato alle 05:07 con magnitudo (ML) 4.0, ad una profondità di 10.1 Km.

COMUNI INTERESSATI ENTRO I 10 KMLORETO (AN), NUMANA (AN), SIROLO (AN), PORTO RECANATI (MC).

QUESTI I COMUNI INTERESSATI TRA I 10 E I 20 KM:

ANCONA (AN), CAMERANO (AN), CASTELFIDARDO (AN), OSIMO (AN), MONTECOSARO (MC), MONTELUPONE (MC), POTENZA PICENA (MC)

 Il terremoto è stato localizzato con i dati delle stazioni della Rete Sismica Nazionale dell’INGV. I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato, prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicità italiana.

 Nelle Marche i rilevamenti sismici vengono effettuati mediante 20 stazioni della RSM (Rete Sismologica Marchigiana) che, con diverse metodologie di funzionamento e trasmissione dei dati e sotto il cordinamento dell’INGV, monitorizzano l’Italia centrale.
 Le 20 stazioni della RSM registrano continuamente i dati e li memorizzano.

 La Rete Sismometrica Marchigiana (RSM) è stata costituita neSTAZIONI RILEVAMENTO-20-2006l 1980, nell’ambito del Progetto Finalizzato Geodinamica del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Successivamente la RSM venne gestita – con esiti alterni – annota la Protezione Civile dall’Osservatorio Geofisico Sperimentale di Macerata, in forza di una convenzione stipulata con la Regione Marche. 
A partire dal 1996 la rete inizia ad acquisire segnali digitali, attraverso acquisitori del SSN.
 Nel 2002 il Servizio Protezione Civile della Regione Marche decise di occuparsi direttamente del monitoraggio sismico su scala regionale, scegliendo di collaborare con l’INGV.
 All’inizio del 2005 la RSM si componeva di 10 stazioni sismometriche stand by, collegate via radio al centro di registrazione regionale.
 Nel 2005 il Dipartimento della Protezione Civile mette a disposizione la propria struttura.

Oggi la rete regionale è composta da 20 stazioni sismometriche dotate dei seguenti apparati:

sismometri: 1Hz e 3 componenti (Mark Product L-4C-3D o Lennartz Electronic LE-3-D Classic o Lite).

acquisitori: Lennartz Mars 88 RM (A/D converter 16 bit, RAM 4 MB).

convertitori gps->dcf: Lennartz.

modem GSM/GPRS: Wavecom Fastrack, Digicom, Siemens …

alimentazione: rete con batteria tampone o pannelli solari (generalmente 2 x 70 WP x 12 V).

Annunci

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
giugno: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Annunci