You are currently browsing the tag archive for the ‘SAN SEVERINO’ tag.

SAN SEVERINO MARCHESe saranno individuati gli autori delChigiano1 gravissimo gesto, come mi auguro, il Comune di San Severino Marche si costituirà parte civile. Dopo aver avvertito le autorità, cosa che ho già fatto, se sarà necessario presenterò anche una denuncia contro ignoti. Il ruolo istituzionale, oltre a quello morale ed alla mia coscienza, mi impongono di chiedere che i responsabili di azioni così vili e vigliacche siano severamente perseguiti”. Il sindaco di San Severino Marche, ChigianoCesare Martini, è apparso tirato e teso, e non è riuscito a trattenere l’emozione che più volte ha rotto la sua voce durante l’orazione ufficiale, nel corso della cerimonia, promossa da Comune ed Anpi, con la quale è stato celebrato il 69esimo anniversario degli eccidi di Chigiano e Valdiola. Cerimonia, quella di quest’anno, preceduta da un episodio molto triste: la comparsa di alcune scritte oltraggiose nei pressi del monumento ai caduti della Resistenza posto a due passi dal luogo in cui, fra il marzo e l’aprile del 1944, vennero trucidati alcuni settempedani rei di essersi opposti al nazifascismo.Chigiano2

Accanto al primo cittadino di San Severino Marche, con indosso la fascia tricolore, anche il sindaco di Gagliole, Mauro Riccioni, quello di Serra San Quirico, Massimo Cantiani, di Angeli di Rosora, Lamberto Marchetti, il vice sindaco di Apiro, Giovanni Piersigilli, il consigliere provinciale Pietro Cruciani, il presidente del Consiglio comunale di San Severino Marche, Ostilio Beni, gli assessori comunali Simona Gregori e Giampaolo Muzio, il consigliere Alessandra Aronne, i vertici dell’Anpi rappresentati dal presidente provinciale Lorenzo Chigiano3Marconi, da quello di San Severino Marche, Bruno Taborro. Presenti poi, insieme al gonfalone cittadino, anche quello del Comune di Serra San Quirico, e quelli delle sezioni dell’Anpi settempedana, di Tolentino, Matelica, Gagliole, Esanatoglia, Serra San Quirico, del Basso Musone, di Osimo e poi quelli della Croce Rossa Italiana e dell’Associazione Nazionale Carabinieri, intervenuti con una folta rappresentanza.Chigiano4

Davanti a bandiere e gonfaloni e quanti hanno inteso celebrare il 69esimo anniversario degli eccidi di Chigiano e Valdiola le scritte offensive tracciate nella notte che lo stesso sindaco Martini ha voluto non fossero cancellate. “Dobbiamo prendere coscienza di quello che menti folli hanno fatto. Dobbiamo denunciare pubblicamente episodi come questi, compiuti oggi giorno, e non dobbiamo vergognarci” – ha ancora ribadito salutando, tra i presenti, una delle leader della Resistenza contro la dittatura in Iran che da anni vive nelle Marche.

Precedendo i discorsi ufficiali, durante una funzione religiosa celebrata per ricordare le vittime degli eccidi di Chigiano e Valdiola, don Pacifico Marinà aveva avuto modo di sottolineare: “Siamo qui perché vogliamo un rapporto di pace e fraternità con tutti. Non odiamo gli autori di questi gesti ma vogliamo capire”.

 Come ci ricorda Pietro Calamandrei, uno dei padri costituenti – ha sottolineato invece il segretario dell’Anpi di San Severino Marche, Donella Bellabarba – in queste valli e su queste montagne è nata la nostra Costituzione. Essere qui oggi a ricordare, non è un puro atto retorico e forse è bene ricordare quanto sosteneva il tedesco Willy Brand e cioè che bisogna correggere la democrazia osando più democrazia e per noi è forse giunta l’ora di realizzare in pieno la nostra Costituzione”.

Fra gli interventi anche quelli di alcuni partigiani distintisi nella Resistenza a San Severino Marche e poi quello di Francesco Rocchetti, dell’Anpi, sulla Costituzione ed il pluralismo dal titolo: “Con metodo democratico”. La cerimonia, animata dalle letture di alcuni articoli della Costituzione, da parte di Alberta Ricottini, si è infine conclusa con un recita di Stefano Fabbroni dedicato a storie e canzoni della tradizione popolare. Nelle foto: alcuni momenti delle celebrazioni ufficiali

Annunci

SAN SEVERINO MARCHE–Il Comune di San Severino Marche ha lanciato una sottoscrizione pubblica, di cui si è fatto subito promotore il Comitato per la Difesa e la Tutela dell’Ospedale “Bartolomeo Eustachio”, per l’acquisto di un nuovo ecografo da donare al Dipartimento materno infantile. La raccolta fondi – saranno necessari circa 50 mila euro – coinvolgerà tre istituti di credito: la Banca delle Marche, la Ubi Banca e la banca Monte dei Paschi di Siena. Recandosi in una delle numerose filiali di uno dei tre istituti presenti in tutto il territorio regionale, sarà possibile effettuare una donazione, anche di pochi euro, senza costi di commissione. A presentare l’iniziativa pubblica sono stati il Sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, il vice sindaco e assessore comunale alla Sanità, Vincenzo Felicioli, il direttore del Dipartimento materno infantile del nosocomio settempedano, Angelo Mantovani, ed il segretario del Comitato per la Difesa e la Tutela dell’Ospedale “Bartolomeo Eustachio”, Mario Chirielli. “La pubblica sottoscrizione per l’acquisto di un nuovo ecografo per il nostro ospedale è un segnale che viene dal territorio, che vale più di ogni protesta, che intende dimostrare la vicinanza della gente ma anche la preoccupazione per la salute. Come istituzioni abbiamo avviato questa campagna dopo aver rigettato le proposte di una riorganizzazione del sistema ospedaliero che interessa da vicino anche il nostro ospedale con azioni che continuano ad essere calate dall’alto e che non tengono conto delle esigenze del territorio. Una realtà come la nostra, che nel mondo della sanità marchigiana produce e funziona ed è fatta solo di situazioni positive ed eccellenze, non può essere penalizzata – ha ancora una volta ribadito il sindaco, Cesare Martini, alla presentazione della pubblica sottoscrizione per l’acquisto dell’ecografo – La creazione dell’Asur unica regionale – ha pubblicamente denunciato il primo cittadino settempedano – va rivista e ripensata: occorre tornare nelle periferie ed ascoltare la voce della gente comune, dei pazienti”. Sulla stessa linea il vice sindaco ed assessore comunale alla Sanità, Vincenzo Felicioli: “Il software dell’ecografo presente presso il Dipartimento materno infantile viene aggiornato da anni, ma oramai il macchinario va sostituito. Abbiamo già costituito un comitato tecnico, composto dal sottoscritto, dal direttore del Dipartimento, dottor Angelo Mantovani, e dal presidente del Comitato per la Difesa e la Tutela dell’Ospedale “Bartolomeo Eustachio”, dottor Marco Marchetti, perché sia garantita la gestione dei fondi che si andranno a raccogliere. Ci auguriamo di riuscire a mettere insieme più dei cinquantamila euro necessari per provvedere poi ad acquistare anche altre apparecchiature”. “Sarebbe necessaria – ha sottolineato a proposito il dottor Angelo Mantovani – anche una strumentazione per la refertazione standardizzata delle ecografie ostetriche. L’ecografo, comunque, non serve solo per le gravidanze, ma anche per la ginecologia e la pediatria. Se questi strumenti non si aggiornano le risposte non sono garanti di una perfetta diagnosi”. 

Da sinistra: Chirielli, Felicioli, il Sindaco Cesare Martini, Mantovani

Da sinistra: Chirielli, Felicioli, il Sindaco Cesare Martini, Mantovani

Per il Comitato per la Difesa e la Tutela dell’Ospedale “Bartolomeo Eustachio”, il segretario Mario Chirielli, intervenuto al lancio della sottoscrizione pubblica ha sottolineato: “Siamo qui per ovviare ad una assurdità visto che non sono stati messi a disposizione dalla Regione i fondi necessari per comperare un’apparecchiatura indispensabile in quello che è uno degli ospedali più efficienti delle Marche per quanto riguarda il punto nascita”.

TOLENTINO–Il Sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, e la Giunta comunale hanno approvato un “atto di indirizzo” relativo alla realizzazione della rotatoria in corrispondenza dell’incrocio con Viale Terme S. Lucia, nei pressi del ponte di Mancinella. E’ stato così dato mandato al Dirigente del settore Tecnico Comunale di attivare l’istruttoria per lo studio e la predisposizione del progetto, atto alla realizzazione di questa importante opera, volta a snellire il traffico, rendendo più agevole – nella direzione di Fabriano – la viabilità in un nodo essenziale di collegamento con l’entroterra. Il via ai lavori anche per la verifica della procedura per la realizzazione, con eventuale valutazione di acquisizione di aree private, e la conseguente valutazione della Giunta Comunale che, in base al progetto dei lavori di realizzazione della rotonda, verificherà la rispondenza alle esigenze del traffico comunale ed extracomunale, nonchè il finanziamento della spesa relativa. Come si ricorderà l’Amministrazione comunale tolentinate ha già dato parere favorevole al progetto esecutivo, riguardante un programma attuativo di interventi di miglioramento della sicurezza stradale, con la creazione di una rete continua di percorsi pedonali nei pressi dell’incrocio del ponte di Mancinella. Questi lavori sono in corso di aggiudicazione e sono localizzati – come detto – nell’area intorno al ponte di Mancinella, nei pressi del bivio con Viale Santa Lucia, strada principale che da Tolentino conduce a San Severino Marche, una strada molto trafficata, soprattutto da mezzi pesanti, che rendono lo snodo estremamente pericoloso per gli automobilisti, passanti e residenti e dove di frequente si verificano anche incidenti. “La realizzazione della rotonda in questo punto strategico, è stata valutata attentamente dall’Amministrazione comunale – ha precisato il Sindaco Giuseppe Pezzanesi – soprattutto studiando a lungo i “flussi di traffico” con la collaborazione del Corpo dei Vigili Urbani. La nostra intenzione è quella di permettere il raggiungimento di un livello ottimale di sicurezza per la circolazione viaria e pedonale e l’eliminazione delle lunghe code di automezzi, nelle ore di punta, che creano notevoli disagi e frequenti incidenti”.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
ottobre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
Annunci