You are currently browsing the tag archive for the ‘POPSOPHIA 2013’ tag.

Tra gli ospiti anche Luca Boschi del Sole 24 Ore e Giulio Giorello sulla filosofia di Topolino

 

TOLENTINO – (28/08/2013) – È con “Oppure disegni”, appuntamento legato al fuPOP-umBerto curi inpiedi a popsophiametto che si apre oggi (giovedì 29 agosto 2013) la quattro giorni al Castello della Rancia di Tolentino di Popsophia e Biennale Internazionale dell’umorismo nell’Arte.

Dopo il saluto inaugurale delle 17.30 con l’Assessore alla Cultura della Regione Marche, Pietro Marcolini, il Sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi, e il consigliere comunale con delega alla Cultura Alessandro Massi, ad introdurre la questione cardine delle Giornate della Rancia, due tra i più importanti intellettuali del nostro Paese, il filosofo Umberto Curi (foto sopra a destra) e il giornalista Marcello Veneziani.POP-giorello_lucrezia

Prima di addentrarci nel mondo dei balloon, infatti, alle 18.00 i due pensatori danno vita ad una lectio intitolata “O combatti o scappi oppure…”, dove ad essere terreno d’indagine è l’alternativa, la possibilità altra che sfugge alla logica binaria di attacco e di resa con cui affrontiamo le difficoltà della vita.

Il riso, metodo sublime di conoscimento del mondo e di superamento del dramma, durante la quattro giorni attraverserà tutte le arti passando anzitutto per la nona arte, il fumetto.

A confrontarsi con il tema “Oppure…disegni”, alle 19.30 il giornalista, blogger del Sole 24 ore, fumettista e già direttore culturale di Lucca Comics e Napoli ComiconLuca Boschi con un intervento focalizzato proprio su “Il fumetto umoristico”. Un modo per introdurre il mondo a strisce e balloon e per intendere il suo linguaggio e l’ironia che lo caratterizza.

A seguire uno dei più attesi contest tematici, il ring del fumetto della Scuola Internazionale di Comics che porta tra le cinta merlate del Castello della Rancia“Vignette sul ring” con la conduzione di Gianfranco Tartaglia, meglio conosciuto, assieme all’amico Pietro Gorini, con lo pseudonimo di Passpartout. Il match umoristico-sportivo vedrà importanti fumettisti sfidarsi tra loro a suon di matite, chiamati a interpretare il tema di Morreall.

La seconda serata, alle 22.30, invece ci porta nel mondo Disney con “La filosofia di Topolino”. Alla difficile impresa di tracciare un nesso tra la speculazione filosofica e il topo più famoso del mondo, l’epistemologo Giulio Giorello e la filosofa Ilaria Cozzaglio, autori del saggio omonimo. Al “Topo che pensa”, vengono ricondotte molte delle questioni propriamente filosofiche ed etiche. Il saggio oltre ad evidenziare, in un nesso ludico, il legame tra due ambiti generalmente considerati distanti, focalizza l’attenzione sull’effettiva potenza espressiva del fumetto, un genere autonomo, nobile, altro dalla letteratura o dal cinema ma comunque riconducibile al piano alto dell’arte.

A chiudere la serata alle 23.30 i Family Portrait che presentano il loro ultimissimo album, “Lontano”.

Le foto si riferiscono all’edizione 2012 di Popsophia che si tenne a Civitanova Marche

Un pubblico medio di 4000 persone a sera, un target variegato dai giovani delle scuole agli intellettuali, l’adesione completa dei ragazzi, l’attenzione della stampa nazionale, il tema che ha intercettato il bisogno di risposte alla crisi contemporanea
 
PESARO–È con un arrivederci alla città di Pesaro, che si è chiusa domenica 7ROCCA COSTANZA-PESARO-2013- luglio 2013 la terza edizione di Popsophia, festival del contemporaneo. Nelle due precedenti edizioni – lo ricordiamo – si era tenuta a Civitanova Marche e Civitanova Alta, nelle splendide cornici del liberty del Lido Cluana e del centro storico medievale, dove nacque Annibal Caro. La cinque giorni pesarese di Rocca Costanza con tema Eroi e antieroi ha portato nell’architettura rinascimentale del Laurana  un pubblico medio di 4.000 persone al giorno: dagli intellettuali ai giovanissimi, dai pesaresi ai turisti stranieri provenienti da tutta Italia e dall’Europa. Sessanta ospiti, sette rassegne e otto mostre hanno animato, senza soluzione di continuità, il cortile e i sotterranei della Rocca. Il festival è stato raccontato sulla stampa nazionale e locale e sulle maggiori testate on line; la diretta di Rainews 24, con la direttrice Monica Maggioni, ha fatto entrare Popsophia nelle case di tutti gli italiani. 
 
 “La filosofia indaga il pop e il pop racconta la filosofia”: mai come questa volta la contaminazione può dirsi raggiunta. Il genere e il metodo della popsophia sono riusciti ad affermarsi pienamente con il tema “eroi e antieroi”, raggiungendo – ben oltre l’importanza dei numeri – il vero obiettivo culturale. Nel cortile della rocca i maggiori filosofi contemporanei hanno affrontato da diversi punti di vista l’epica del presente, mentre nei sotterranei sono stati indagati i miti della contemporaneità e i nuovi strumenti di comunicazione globale: dalla saga sui vampiri alle fiction create su YouTube.  Perfino la politica non è sfuggita alla domanda popfilosofica su chi sono gli eroi del presente e Matteo Renzi ha auspicato un Don Chisciotte finalmente vincente. 
 
Il bilancio culturale del festival è enorme. Grande è la soddisfazione per essere stati in grado di avvicinare un pubblico così variegato e soprattutto giovane ai temi della pop filosofia e per essere riusciti a fornire altre chiavi di lettura per comprendere la realtà di tutti i giorni.  
Lo testimonia la qualità dei migliaia di libri venduti, legati proprio ai temi della pop filosofia. Tra di essi anche quelli nati del rapporto tra Popsophia e la casa editrice Mimesis, che pubblicherà anche tutti gli interventi del festival di quest’anno. 
Un altro indice è dato dall’enorme quantità di giovani volontari che hanno reso possibile il festival, tutti frutto del grande lavoro svolto durante l’anno nelle scuole pesaresi sui temi degli eroi e degli antieroi, con il sostegno dell’ufficio scolastico provinciale. 
Un successo che va diviso con tanti soggetti pubblici e privati, ma che ha come protagonista principale la città di Pesaro, che ha creduto nella novità culturale proposta dal festival.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31