You are currently browsing the tag archive for the ‘PAOLA GIORGI’ tag.

ANCONA–“La Regione ha già provveduto, oggi, a trasmettere alla Presidenza del Consiglio la richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza, come aveva assicurato già ieri il presidente Spacca nel corso dei vari incontri avuti a Senigallia. Tutta la macchina organizzativa della Regione ha lavorato e continuerà a lavorare con la celerità che la situazione richiede. I cittadini marchigiani, che hanno subito le conseguenze della straordinaria ondata di maltempo che si è abbattuta sulle Marche nei giorni scorsi, sin da subito possono inviare semplici segnalazioni scritte ai loro Comuni di residenza sia per quanto riguarda i danni alle abitazioni private che alle attività produttive. Rispetto ai danni all’agricoltura, sia in termini di strutture che di coltivazioni, le segnalazioni vanno inoltrate alle strutture decentrate del Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca. In questa prima fase non sono necessarie perizie tecniche o altra documentazione aggiuntiva. Alla Regione spetterà il compito di raccogliere tutte le informative dai Comuni: l’intento è quello di avere una prima ricognizione indicativa dei danni da comunicare alla Protezione Civile nazionale nel minor tempo possibile. Tranquillizziamo il capogruppo socialista in Regione, Moreno Pieroni: come in altre emergenze, la Regione si è subito attivata. Il nostro compito è lavorare per aiutare concretamente la comunità colpita dal maltempo”: è quanto afferma l’assessore alla Protezione Civile, Paola Giorgi, che chiarisce in merito alla nota stampa di Pieroni.

Annunci

Porto di Ancona, l’assessore Giorgi incontra il commissario straordinario

IL PORTO DI ANCONA • FOTO©MILLEPAESI

IL PORTO DI ANCONA • FOTO©MILLEPAESI

Giampieri: “No a un declassamento”.  Giampieri: “Coordinamento istituzionale forte”

“Un incontro per condividere le strategie di sviluppo del porto di Ancona, verso cui la Regione Marche pone grande attenzione in considerazione del ruolo rilevante che lo scalo riveste sia per l’economia regionale, che nell’ambito dello sviluppo delle relazioni europee verso l’area Balcanica”. Sintetizza con queste parole, l’assessore ai Porti, Paola Giorgi, gli esiti dell’incontro odierno avuto con il commissario straordinario dell’Autorità portuale di Ancona, Rodolfo Giampieri.

“È fondamentale implementare la competitività del porto di Ancona, che non può subire penalizzazioni dalla ridefinizione dei distretti logistici e portuali che preveda un declassamento di Ancona”, continua Giorgi. L’assessore e il commissario hanno effettuato una ricognizione sulle necessità dell’infrastruttura portuale, indispensabili per assicurare una maggiore operatività del porto. Iniziando dai lavori della vasca di colmata, che “procedono secondo i tempi previsti”.

La Vasca ha capienza di circa 200mila metri cubi e sarà utilizzata per lo smaltimento dei fanghi di dragaggio portuale: metà capienza per le esigenze del porto di Ancona, l’altra metà per il conferimento dagli altri porti regionali. Sono state approfondite anche le questioni per giungere all’individuazione delle aree idonee di conferimento a mare delle sabbie di escavo compatibili rispetto ai limiti di legge per questa modalità di smaltimento, allo scopo di garantire una maggiore operatività di tutti i porti marchigiani. “Il porto è per sua natura infrastruttura dinamica – ha ribadito Giorgi – Le molteplici possibilità di crescita e sviluppo vanno inserite in un contesto più ampio della dimensione locale e monitorate frequentemente”.

L’assessore e il commissario Giampieri hanno perciò convenuto sulla necessità di confronti frequenti, anche coinvolgendo il Comune di Ancona per il suo ruolo di capoluogo regionale. In questa ottica, Giampieri ha accolto l’invito dell’assessore a intavolare un tavolo di confronto che coinvolga Porto, Aeroporto e Interporto, allo scopo di rilanciare le potenzialità della piattaforma logistica delle Marche. Condivisone si è infine avuta sull’importanza che assume il porto di Ancona come terminale del corridoio Scandinavo-Mediterraneo, “con cui anche l’Europa riconosce il valore strategico dello scalo dorico, che assume ancora più centralità nella odierna cornice della Strategia della Macro Regione Adriatico Ionica”, ha sottolineato Giorgi, ribadendo che “il riconoscimento europeo rappresenta un elemento imprescindibile e la base di partenza per ogni ipotesi di discussione di riordino delle Autorità portuali”.

Il commissario dell’Autorità portuale, Rodolfo Giampieri, ha espresso soddisfazione sugli esiti dell’incontro, sottolineando che “un coordinamento istituzionale forte è un metodo di lavoro efficace per riuscire a velocizzare i tempi delle decisioni e essere competitivi in un mercato sempre più dinamico e selettivo, nel rispetto delle imprese e dei lavoratori”.

Paola Giorgi: “Superare il digital divide”. Simoncini: “Grazie Regione per Patto Stabilità”

OSIMO–Oltre 780 mila euro di investimenti, più di mille famiglie connesse a internet grazie alle risorse europee (Fesr 2007-2013) che la Regione Marche ha destinato a Osimo. La seconda tappa del tour “Arriva la Banda…Larga” ha fatto tappa in città, con un incontro pubblico presso la Sala Maggiore del Comune.

Erano presenti, insieme all’assessore regionale Paola Giorgi, il sindaco Stefano Simoncini, l’assessore comunale Sandro Antonelli (Innovazione Tecnologica), il sindaco di Santa Maria Nuova, Angelo Santicchia. La campagna di comunicazione coinvolgerà 78 Comuni e farà tappa nei 14 individuati come capofila. A Osimo sono stati illustrati anche i risultati conseguiti a Santa Maria Nuova, Offagna e nella frazione Poggio di Ancona. Il Piano telematico della Regione si è sviluppato lungo tre direttrici: dorsali in fibra ottica, ponti radio Wireless, adeguamento delle centrali Tlc. Tutta la zona interessata dalla tappa del tour ha avuto investimenti superiori al milione e 680 mila euro. 

A Osimo sono stati stesi 11 km di fibra ottica – con un investimento di 415 mila euro – a Case Nuove (200 famiglie servite) e Passatempo (800 famiglie). Il potenziamento dei ponti radio Wireless (237 mila euro utilizzati) ha riguardato le zone Ponte dell’Aspio, San Biagio, Case Sparse, oltre le zone industriali di Pignocco, Scaricalasino, San Biagio, Dante Alighieri, Via Jesi. Non sono stati effettuati investimenti sulle Centrali Tlc, in quanto già attivate (a Case Nuove e Passatempo), nel 2010, con fondi del ministero dello Sviluppo Economico. 

A Offagna, invece, sono stati stesi 8 Km di fibra ottica (172 mila euro investiti). A Santa Maria Nuova la rete in fibra ottica si è sviluppata per 15 km (spesi, dalla Regione, 500 mila euro); l’area industriale della Pradellona è coperta da un ponte radio wireless (utilizzati 13 mila euro), mentre l’adeguamento delle centrali Tlc ha richiesto 81 mila euro. 

La frazione Poggio di Ancona è stata servita con 4 km di fibra ottica (56 mila euro richiesti) e con l’adeguamento della Centrale Tlc per 81 mila euro. “Sono stati investimenti fondamentali e strategici, per consentire a tutti i territori delle Marche di poter accedere ai servizi offerti dalla banda larga – ha commentato l’assessore Giorgi – La scelta è quella di consentire alle comunità locali di superare il digital divide. Oggi siamo arrivati al 98% della capacità Adsl, che pone le Marche ai vertici nazionali. 

L’infrastrutturazione immateriale è fondamentale per poter aggredire i mercati internazionali. Per questo motivo, anche nella prossima programmazione dei Fondi europei 2014-2020, grande spazio daremo all’implementazione dell’agenda digitale”. 

“Le comunità locali hanno bisogno di infrastrutture digitali per poter accedere ai nuovi servizi – ha detto il sindaco Simoncini – È positivo che la Regione Marche investa su queste tematiche, facendosi promotrice di una nuova e innovativa progettazione che facilita la connessione e la capacità di dialogo della pubblica amministrazione con i cittadini. Va anche sottolineato l’impegno della Regione che, da due anni, con il Patto di stabilità verticale, limita la propria capacità di spesa per destinarla ai Comuni e alle Province, che possono così recuperare operatività senza violare le regole di bilancio”. Il sindaco di Santa Maria Nuova, Santicchia, ha evidenziato “l’importante impegno della Regione Marche per sviluppare la bada larga e consentire ai territorio di essere competitivi sul mercato globale”.

 

ANCONA–“Per quanto riguarda le vicende di Aerdorica ci tengo a sottolineare, se qualcuno lo avesse dimenticato, che la Regione Marche è parte lesa e che è stato proprio questo Ente a sollecitare la sospensione dall’incarico del direttore Marco Morriale appena saputo del suo coinvolgimento in un procedimento penale”. Lo ha affermato oggi Paola Giorgi assessore regionale alle infrastrutture.

“Come sempre la Regione ripone piena fiducia nella Magistratura e, in attesa di appurare i fatti che riguardano esclusivamente la responsabilità individuale di un dirigente, si è immediatamente preoccupata – prosegue l’assessore Giorgi – di fare in modo che le attività dello scalo proseguano senza disagi per gli utenti, sotto la guida del consigliere anziano Paolo Costanzi nominato presidente protempore dal Cda di Aerdorica, società di gestione di cui la Regione detiene l’82%. La vicenda in questione, se provata, sarebbe indubbiamente grave, ma  strumentalizzarla a fini politici gettando fango sulla credibilità dell’intera azienda, non  rende un buon servizio ai marchigiani. L’aeroporto rientra negli asset fondamentali  di sviluppo e crescita dell’economia regionale e per questo motivo, nonostante gli altri soci si siano progressivamente dileguati, la Regione  ha continuato a credere nelle potenzialità dello scalo e ad investire per garantirne prima la sopravvivenza e poi lo sviluppo. Il buon posizionamento dell’aeroporto delle Marche, pur in un quadro di crisi economica generale che sta mettendo a dura prova tante piccole realtà come il Sanzio,  è provato dai contatti che gruppi internazionali e operatori del settore stanno promuovendo per iniziative in partenrship. Nel breve periodo sono inoltre previsti investimenti per sviluppare attività no-fly che alimenteranno in senso positivo il bilancio di Aerdorica: si tratta della realizzazione di un Centro commerciale riservato ai viaggiatori nazionali ed internazionali che rappresenterà una vetrina commerciale permanente della manifattura del fashion marchigiano. Non va dimenticato infine che l’aeroporto, già volano di crescita indispensabile per il turismo, sarà presto – ha concluso Giorgi – un punto di riferimento per tutta la Macroregione Adriatico-Ionica in via di costituzione, garantendo ricadute economiche positive sul nostro territorio”.

 

Il giovane regista e interprete Enoch Marrella con lo spettacolo Cuoredebole è ilMARCOLINI.GIORGI.SANTINI-teatro made in marche 3 vincitore del 1° Concorso Teatro Made in Marche intitolato a Tommaso Paolucci, nato su iniziativa di Regione Marche, AMAT, Comune di Matelica e Comune di Sassoferrato con l’obiettivo di accrescere il sostegno alla distribuzione teatrale dei lavori degli artisti marchigiani. Teatro Made in Marche – i cui vincitori sono stati presentati questa mattina dall’Assessore regionale alla Cultura (nella foto primo da sx) Pietro Marcolini, da Paola Giorgi Assessore della Regione Marche alle Politiche Giovanili e membro della giuria e Gilberto Santini direttore AMAT e membro della giuria – si è rivelato una importante occasione per sostenere il teatro professionale “di casa nostra”, ma anche un prezioso omaggio alla memoria diMARCOLINI-DUE-PREMIATI-Teatro made in marche2 un importante operatore marchigiano che ha raggiunto importanti risultati sulla scena nazionale.

L’iniziativa ha ottenuto un grandissimo successo: sono stati infatti trentaquattro i progetti che sono pervenuti da tutta la regione e che hanno visto in azione circa novanta artisti del territorio. I progetti sono stati valutati dalla giuria del concorso composta da Roberta Blasi, Brunilde Di Giovanni, Paola Giorgi, Saverio Marconi, Gilberto Santini, Giampiero Solari e Giovanni Vernassa che ha dapprima selezionato i quattro spettacoli finalisti che hanno avuto l’opportunità di essere presentati all’interno del cartellone della stagione 2013 del Teatro Piermarini di Matelica e ha successivamente decretato tra questi, dopo un’accurata valutazione, lo spettacolo vincitore a cui andrà un premio in denaro di tremila euro da impiegare in distribuzione (regionale, nazionale e internazionale) e aprirà la stagione 2013/2014 del Teatro del Sentino di Sassoferrato.

Cuoredebole, tratto da un breve racconto di Fëdor Dostoevskij è la storia di due amici e colleghi interpretati da Enoch Marrella ed Edoardo Ripani. Non solo il dolore, ma anche la stessa felicità, in determinate condizioni di debolezza, può risultare ingestibile o addirittura insopportabile. Enoch Marrella si è diplomato presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Tra i maestri con i quali si è formato si ricordano Anna Marchesini, Michele Placido, Claudio Longhi e Carlo Cecchi. Edoardo Ripani si forma con importanti protagonisti della scena come Marco Sgrosso, Elena Bucci, Eugenio Ravo, Philippe Gaulier e Norman Taylor. 

Il premio del pubblico è andato invece a Luca Mezzabotta con lo spettacolo Prova d’attore all’italiana. A decretarlo direttamente gli spettatori del Teatro Piermarini, chiamati ad esprimere in ognuna delle quattro serate, il proprio gradimento.

 

Prova d’attore all’italiana narra le vicende di una giovane compagnia teatrale in prova; brani recitati e vicende personali degli attori – Mariateresa Ferroni, Francesco Facciolli, Oscar Genovese, Luca Mezzabotta – si alternano in un continuo mutamento di ritmo e situazioni. Luca Mezzabotta è un attore di Porto Sant’Elpidio formatosi prima alla scuola “Enrico Cecchetti” di Civitanova Marche poi al Centro Teatrale “San Gallo” di Tolentino. Amplia la sua preparazione alla scuola di Commedia dell’Arte del Maestro Antonio Fava di Reggio Emilia specializzandosi nella maschera di Arlecchino.

 

 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Annunci