You are currently browsing the tag archive for the ‘MARIA LUISA BONGELLI’ tag.

CVITANOVA MARCHE • QUARTIERE QUATTRO MARINE •
QUESTA SERA MERCOLEDI 12 NOVEMBRE 2014 (ORE 21,15)
MARIA LUISA BONGELLI PRESENTA “L’ISOLA DEL POMO”
• UN RACCONTO TRATTO DA UNA STORIA VERA

SI tratta di una avventura in mare dove il coraggio e l’altruismo superano le difficoltà di una tempesta, in un mondo dove le persone si aiutavano!MARIA LUISA BONGELLI-52956836_n

Annunci

In Italia ognuno porta per sempre nel cuore il proprioBONGELLI-CASA-MOLO- paese natìo. E’ così per tutti. Lo conferma anche la civitanovese Maria Luisa Bongelli, insegnante per tanti anni, ora residente a Porto San Giorgio, che ha sentito la necessità di raccontare storie familiari e di vicinato della sua infanzia, per trasmetterle ai figli e quindi ad ogni lettore curioso. Bello e suggestivo il titolo: “La casa davanti al molo”. Una settantina le pagine dell’autrice che scorrono fluide e leggere, partendo in particolare dalla ridente Fontespina, che una volta era una sorta di isola a nord di Porto Civitanova, una comunità fatta di essenzialità, di lavori umili, di vita familiare intervallata dagli orti e dalla ferrovia.

Maria Luisa Bongelli narra in particolare di fontespinati che per sfuggire alla miseria nel 1949 e negli Anni Cinquanta presero decisioni drastiche, imbarcandosi a Genova per cercare fortuna a Rio de Janeiro oppure a Buenos Aires. Tra questi l’intrepida Zia Pasqualina, detta poi “l’americana”.

Un altro fontespinate, invece, finì per lavorare nella Pampas argentina, dove gli occorse un incidente (per salvare dall’acqua un ragazzo che rischiava di annegare) per cui perse l’udito. Un fatto che l’aveva prostrato e gli aveva fatto perdere l’interesse per la vita. Ma la piccola moglie che l’aveva sospinto a partire, per dare un futuro alla famiglia, grazie all’amicizia con due signorine delle Poste, alle quali lavava la biancheria per sopravvivere, riuscì a rintracciarlo per farlo tornare. Il marito non aveva dato più notizie di sè da due anni. Riportarlo a casa è stato una specie di miracolo. Commovente la scena dell’arrivo del treno annunciato dal fischio e la consorte ch corre ad abbracciarlo. Poi la nascita dopo un anno di un figlio.

Allora le nascite avvenivano rigorosamente in casa, fra trepidazioni e rassicurazioni della “levatrice” e delle donne più anziane, che erano esperte per aver avuto tanti figli, com’era usanza. Un’altra bella storia narrata dalla Bongelli è quella di una famiglia che cercò fortuna nel mondo dell’edilizia a Reims, a 200 Km da Parigi, dove un nucleo di parenti si era inserito con la forza della volontà, dopo i primi mesi passati nelle baracche dell’impresa.

Poi il ritorno a Fontespina, per costruire col gruzzoletto la casa, un presidio di sicurezza per gustare un futuro nello spazio del proprio mondo familiare, che ruotava attorno alla chiesa di San Carlo e la Piazzetta, dove il Bar ed il negozio di Generi alimentari erano il punto d’approdo per tutti, unitamente al piccolo teatrino parrocchiale.

Queste atmosfere passate, narrate da Maria Luisa Bongelli, sono piaciute e gli incontri per presentare il libro hanno avuto successo sia a Civitanova, come a Fermo, Porto San Giorgio ed altrove. Scrittura è memoria ed attorno alla memoria – alla fine – ci ritroviamo tutti volentieri, perchè ci accorgiamo di avere una storia, sia pure di gente comune, che ha preso e prende parte, con la sua identità, alla grande intricata storia nazionale.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Annunci