You are currently browsing the tag archive for the ‘CASTELFIDARDO’ tag.

CIVITANOVA MARCHE – «Rispetto per tutti, paura di nessuno»: questa la sintesi più strMECOMONACP-SAB-23-8-2014-0350-LGetta del pensiero di mister Mecomonaco (nella foto Millepaesi), che nella prima conferenza stampa della stagione, tenutasi oggi sabato 23 agosto 2014 poco dopo mezzogiorno, al termine dell’allenamento di rifinitura, presso la sede sociale di via Garibaldi, ha voluto presentarsi ai giornalisti ed esporre i propri pensieri sul prossimo inizio ufficiale in maniera franca e diretta, così come è nel suo carattere.

«Parlare – esordisce il tecnico rossoblu – mi piace poco, preferisco fare, e fare bene: è questo il mio primo obiettivo. Ormai comunque ci siamo: l’impegno di Coppa Italia di domani merita la massima importanza, così come ritengo che tutte le gare meritino la dovuta attenzione. Personalmente, perdere non mi piace nemmeno in amichevole: il Castelfidardo, poi, come tutte le squadre neo-promosse, può godere di quel supporto ulteriore dato dall’entusiasmo di affrontare una nuova categoria, e questo non è un fattore da sottovalutare. La buona ossatura dell’anno precedente, con la guida di un tecnico motivato e capace, ne fanno un avversario molto ostico e degno della massima considerazione».

L’analisi si è spostata quindi verso l’interno, verso quel gruppo ancora in via di sistemazione definitiva, che già da domani è chiamato a dar prova del proprio valore: «Siamo consapevoli da tempo che la rosa non è totalmente completa: la Società, nelle competentissime persone del Direttore Generale Bresciani e del Direttore Sportivo Muscariello (presente alla conferenza stampa, ndr) sanno benissimo ciò che manca e si stanno muovendo a tale proposito nel migliore dei modi» – queste le sue dichiarazioni – «Mi riferisco al portiere, certo, ma anche ai tanti fuoriquota visionati in ritiro, sui quali non voglio e non posso dare un giudizio affrettato, e soprattutto all’acquisto del centrocampista Ferrini, schierato giovedì in amichevole, che potrebbe essere una pedina importante del nostro scacchiere e per il quale stiamo attendendo positivi sviluppi».

«Dal mio punto di vista, comunque, ritengo ognuno dei componenti di questa rosa importante, ed ognuno dovrà impegnarsi al massimo per conquistarsi una maglia da titolare: ovviamente ai più “esperti” (Amodeo, Cossu, Degano, etc) sarà affidato il compito di “tirare la carretta” e guidare al meglio i più giovani, ma questo è fisiologico, soprattutto contando sul fatto che anche dal punto di vista caratteriale il gruppo che è stato costruito è compatto ed altamente motivato» – conclude mister Mecomonaco – «E’ chiaro a tutti che per i ben noti motivi siamo partiti con un pizzico di ritardo rispetto alle altre contendenti, tra le quali, come ho già detto, vedo Samebendettese, Campobasso, Chieti e Matelica leggermente in vantaggio: proprio per colmare questo piccolo gap stiamo lavorando al massimo, pensando a creare e non a distruggere, cercando il prima possibile di tornare ad allenarci al nostro stadio per far sì che anche i tifosi possano iniziare ad a seguirci ed affezionarsi a noi, come nella migliore tradizione di Civitanova Marche».

Il tecnico rossoblu, in conclusione, ha annunciato che nelle prime occasioni la fascia da capitano sarà affidata a bomber Giovanni Amodeo, mentre il probabile modulo per domani sarà il prediletto 4-2-3-1.

Di seguito i convocati per la gara di domani: Agresta, Amodeo, Bensaja, Biagini, Cibocchi, Cossu, Degano, Ficola, Forgione, Giovino, Margarita, Mioni, Ruzzier, Sako, Santagata, Vignieri, Macellari, Passalacqua, Garbuglia, Caldaroni.

CIVITANOVA MARCHE – Dopo un ritiro pre-campionato lungo ed intenso, durato 18 giorni, è tempo (ieri ed oggi) di riposo per la Civitanovese. Il lavoro riprenderà domani lunedì 18, quando i ragazzi per la prima volta si alleneranno a Civitanova. Non sarà l’erba del “Polisportivo Comunale” ad ospitare le prime sedute, bensì quella del “Comunale Mornano” di Civitanova Alta.

MORRESI

MORRESI

«Il bilancio della preparazione in altura – ha dichiarato il Direttore Sportivo rossoblù Daniele Muscariello – è senza dubbio positivo: si è cercato di costruire un gruppo esemplare ed anche se la “rosa” è alla data odierna ancora da completare in alcuni ruoli chiave, il periodo trascorso insieme è assolutamente servito per conoscerci meglio, per permettere ai valori umani di emergere. Prima che ringraziare tutti i ragazzi, vorrei spendere due parole di encomio per lo staff tecnico: la professionalità, lo studio scientifico, la cura di ogni particolare e l’organizzazione globale hanno fatto di ogni allenamento una lezione da cui imparare. Solo quando si lotta tutti insieme per lo stesso obiettivo, uniti, si può vincere: il nostro obiettivo è quello di dare il massimo sempre, in ogni occasione».

«Sono veramente soddisfatto di come mister Mecomonaco ed i suoi collaboratori hanno condotto questa fase: dalla pre-preparazione, volta soprattutto al rafforzamento per scongiurare gli eventuali infortuni, alle prime uscite amichevoli, ho avuto l’impressione di una squadra concentrata e serena: certo l’intensità e le motivazioni sono quelle del calcio d’agosto e la condizione è ancora in fase di rodaggio».

«Nella settimana entrante – conclude il Ds Muscariello – si comincerà a fare sul serio. Prima, giovedì 21 agosto, ci attenderà al “La Croce” di Montegranaro l’ambiziosa Folgore Falerone Montegranaro dei tanti ex, per la prima apparizione nel nostro territorio, poi, domenica 24, sarà calcio vero con il primo impegno ufficiale di Coppa quando affronteremo il Castelfidardo».

* * *

Nei giorni scorsi il Dipartimento Interregionale ha emanato i gironi della Juniores Nazionale. La FC Civitanovese 1919 è stata inclusa nel raggruppamento “G”, che si snoda lungo l’Adriatico assieme alle marchigiane Castelfidardo, Fano, Jesina, Recanatese e Vis Pesaro, alle venete Abano, Atletico San Paolo Padova, Clodiense, Delta Porto Tolle e Thermal Abano Teolo, alle romagnole Bellaria, Ribelle, Rimini e Romagna Centro.

Doveroso quindi il punto della situazione con Paolo Morresi (nella foto) campione provinciale lo scorso anno con i Giovanissimi dei record rossoblu, da quest’anno “promosso” alla guida della Juniores Nazionale del sodalizio di Corso Garibaldi, in virtù della nomina del valente Paolo Squadroni a Responsabile dell’intero Settore Giovanile.

«La composizione del girone mi ha un po’ sorpreso, rispetto alle stagioni precedenti: onestamente pensavo che la Civitanovese venisse inserita nel raggruppamento con umbre e toscane, ma ciò non cambia nulla, anzi. Nonostante siano più di vent’anni che alleno, per me si tratta totalmente di un’esperienza nuova con questa categoria, che non ho mai affrontato in precedenza: ciò mi riempie di orgoglio e sono sicuro che per me ed i ragazzi sarà un’avventura non solo importante, ma anche massimamente gratificante, in quanto verremo a contatto con squadre, ambienti e realtà inedite ed in certi casi lontane da noi, ma proprio per questo ancora più stimolanti. Ho raccolto questa sfida con estremo piacere – conclude il tecnico, classe ’59 – Mi sono già incontrato con i miei giocatori, le date per lo start ufficiale sono già state stabilite. Questa mattina sarà tempo di test, da lunedì in poi prenderà il via il lavoro vero e proprio».

Nel contempo, la Fc Civitanovese 1919 ha diramato l’organigramma del proprio Settore Giovanile, che nell’importantissima stagione di rinnovamento 2014/2015 risulterà così composto:

ORGANIGRAMMA SOCIETARIO SETTORE GIOVANILE CIVITANOVESE 1919

Responsabile Settore Giovanile: Paolo Squadroni

Responsabile Area Tecnica: Leandro Vessella

Segretario Settore Giovanile: Francesco Morgese

Supervisore Segreteria Settore Giovanile: Giuseppe Cerolini

Psicologa: Eva Del Monte

Preparatore Atletico: Marco Carrer

Preparatore Portieri: Alfredo Latini

Allenatore Juniores Nazionale: Paolo Morresi

Allenatore Allievi: Adolfo Cicchella

Allenatore Giovanissimi “A”: Marco Moretti

Allenatore Giovanissimi “B”: Mauro Cellini

Allenatore Esordienti: Marco Miluzio

Allenatore Pulcini 2004: Francesco Mancini

Allenatore Pulcini 2005: Angelo Gasparroni

Allenatore Pulcini 2006: Flavio Torresi

Allenatore Pulcini Misti: Alessio Milenati

Allenatore Piccoli Amici 2007: Valentino Quinti

Allenatore Piccoli Amici 2008: Roberto Mercuri

A tale proposito, è intervenuto il Responsabile dell’Area Tecnica Leandro Vessella: «E’ con grande soddisfazione che siamo arrivati ad ultimare un organigramma di prim’ordine, composto dal giusto mix di giovani pieni di talento ed esperti ex-professionisti».

«Il nostro – continua Vessella – è un “progetto pluriennale”, strutturato per durare e migliorarsi nel tempo: obiettivo dichiarato è far sì che nel giro di pochi anni vengano aggregati in prima squadra almeno 8/10 elementi a stagione provenienti dal nostro settore giovanile, con la massima attenzione ai ragazzi di Civitanova e delle realtà limitrofe. In quest’ottica vanno visti gli accordi che stiamo stringendo con alcune importanti realtà del territorio, quali i Settori Giovanili delle Società Santa Maria Apparente e Vis Civitanova. Con umiltà, ci siamo seriamente riproposti di riconquistare la fiducia di genitori e cittadini tutti, colmando il gap di credibilità che alcune vicissitudini avevano contribuito a creare in tempi recenti: siamo sicuri della serietà e della bontà del nostro attuale progetto, che ci ricondurrà presto a recitare il ruolo di leader che meritiamo nell’ambito della città. Per quanto riguarda le date ufficiali, lunedì 18 Agosto inizierà l’attività agonistica, mentre lunedì 25 prenderanno l’avvio a cascata tutte le altre categorie: non vediamo l’ora di dimostrare sul campo le nostre parole».

 

CASTELFIDARDO–Un omaggio ad un passato prestigioso che ha conferito benessere e notorietà ad un intero distretto, ad un preFISA-GRUPPO-06_11_2013_PremioSpaccaCastelfidardo_07sente fondato sull’eccellenza artigianale e sulla versatilità musicale e ad un futuro che offre ulteriori prospettive di sviluppo. Il 150esimo anniversario di fondazione dell’industria della fisarmonica si è discostato dallo spartito delle semplice celebrazione, fornendo anzi opportunità di rilancio, richiamo turistico e vetrina promozionale per lo strumento, i produttori, la città di Castelfidardo che ne è culla e la Regione tutta. Un percorso di valorizzazione condiviso fra enti e istituzioni, confermato dall’incontro di questa mattina in cui il presidente Gian Mario Spacca ha accolto la visita di una delegazione fidardense.FISA-TRE-06_11_2013_PremioSpaccaCastelfidardo_04

«La fisarmonica per le Marche è non solo una tradizione culturale e un simbolo identitario, ma  anche un  pezzo della storia economica del nostro territorio che oggi può tornare ad essere una opportunità di crescita e di sviluppo a livello internazionale. In occasione del 150° anniversario – ha detto il Presidente Spacca – vogliamo rilanciare il cluster della fisarmonica nelle prospettive più moderne che oggi offre la tecnologia dell’elettronica, attualmente tra i punti di forza della nostra imprenditoria. Continuare a investire sulle reti  è una strategia sulla quale la Regione punta con decisione. La valorizzazione della fisarmonica, esportata già in Argentina dai nostri emigranti e che sta attirando anche i paesi orientali, può essere inoltre  integrata al turismo e all’indotto di questo settore, esaltando gli aspetti più peculiari e radicati della nostra terra che si sposano con le suggestioni che questi inducono nei visitatori».FISA-DUE-06_11_2013_PremioSpaccaCastelfidardo_03

«Grazie al sostegno ed alla vicinanza della Regione Marche, siamo riusciti a caratterizzare questo 150° con una serie di iniziative accolte con grande favore ed interesse – ha detto il Sindaco Mirco Soprani -; un contenitore culturale, ma anche un volano per il futuro, come dimostra la visita in corso in questi giorni di operatori stranieri in aziende originate dalla diversificazione produttiva innescata dalla fisarmonica». In segno di riconoscenza, il sindaco e il Presidente del Museo internazionale della fisarmonica Vincenzo Canali, hanno consegnato al presidente Spacca alcune pubblicazioni edite per l’occasione, l’annullo filatelico speciale, una targa con l’effige di Paolo Soprani fondatore dell’industria della fisarmonica ed un organetto personalizzato realizzato dalla ditta Baffetti.

 

 

 


CASTELFIDARDO – Non ci sono “solo” gli oltre 100 partecipanti alla prima edizione della rassegna per organetto e i 215 iscritti al “Premio&Concorso” a PP-Spettacolo_Anteprima_ieri_Teatro_Potenza_Picena (1)bussare alla porta del Festival internazionale della fisarmonica. C’è un’altra presenza forte, autorevole, seducente: quella della storia. Che riemerge con forza negli appuntamenti che stanno aprendo la kermesse messa in campo da Amministrazione Comunale, Pro Loco e Ideazione Eventi. Nel 150° anniversario della fondazione dell’industria di Paolo Soprani, si riannodano su uno spartito musicale i fili della passione e della tradizione, unendo idealmente le tre proposte che animano il week-end: il concorso dedicato al “genitore” degli strumenti ad ancia, l’apertura della mostra “La fisarmonica nel francobollo”, il workshop sugli antenati della fisarmonica. Vecchi harmoniflute datati secoli addietro, antiche armoniche in legno e madreperla riportate in vita grazie ad un certosino restauro conservativo, accanto ad un autentico gioiello – il prototipo della fisarmonica realizzato su disegno di Leonardo da Vinci – in mostra al Museo Internazionale di via Mordini (foto sotto). Una “chicca”, questa, che porta indietro le lancette del tempo anticipando di circa 300 anni l’inveCASTELFIDARDO-Fisarmonica_Leonardo_da_Vincinzione della fisarmonica.

Da sottolineare, poi, il grande successo dell’ultima anteprima itinerante nelle Terre della Musica – venerdì sera al Teatro Mugellini di Potenza Picena (foto in alto) – che ha esaltato la fisarmonica in una veste diversa: cafè chantant e burlesque con Mirko Dettori, Madame de Frais e Giuditta Sin, cui va il merito di aver deliziato il pubblico con uno spettacolo in bilico fra musica e teatro in tipico stile anni trenta.

Concorso nazionale di organetto – Si assegnano oggi i premi del primo concorso nazionale di organetto e fisarmonica diatonica organizzato in collaborazione con l’A.M.I.S.A.D., che sta richiamando un centinaio di musicisti, in gran parte giovani, provenienti da ogni angolo d’Italia e comitive di turisti (il record sinora a Napoli con un gruppo di 47 persone), riversatesi nel centro storico e in visita al Museo. A loro il sindaco Soprani ha indirizzato un saluto di benvenuto. La giuria presieduta dalla direttrice d’orchestra e concertista bielorussa Svetlana Malets Skorobogataia completerà oggi (dalle 9 in sala convegni) le audizioni: alle 21 in piazza della Repubblica il concerto in ensemble dei vincitori e a seguire le jam session al “Dopo Festival” nell’area dell’O’Brian di via Marconi, ma è la “piazza” ad essere già un fermento di incontri.

 La fisarmonica nel francobollo – Biancaneve che dirige i sette nani (Redonda 1987), I pirati dei caraibi (Turks & Caicos, 1985), Qui Quo Qua che aprono allegramente il mantice nell’esemplare edito dalle poste romene per il bicentenario dei fratelli Grimm. C’è tanta Disneyland ma anche tanta arte da apprezzare tra le rarità esposte nella mediateca di piazza Leopardi. La mostra (orari: 18 – 20) a cura del costituendo circolo filatelico fidardense e del Museo della fisarmonica su collezione di Giancarlo Cocito, racconta in maniera originale la storia della fisarmonica attraverso le immagini ritratte sui francobolli provenienti da tutto il mondo. Oltre 300 pezzi da Corea, Cina, Tanzania, Brasile, Germania, Slovenia, Malta, ecc.; quattro pannelli delle Poste italiane, varie buste annullate e curiosità varie: un angelo con la fisarmonica, Marlene Dietrich, un Chagall, l’edizione del 1943 coniata in Belgio a favore dei prigionieri di guerra.  E nella giornata di sabato 21, ci sarà anche lo speciale annullo filatelico in omaggio a Paolo Soprani.

 Gli antenati della fisarmonica – Un mondo affascinante inserito nello scrigno di arte e cultura del Museo internazionale di via Mordini, dove sono custodite autentiche perle, come “la fisarmonica di Leonardo da Vinci” ricostruita sulla base di uno schizzo del grande scienziato ed artista del Rinascimento italiano tratto dal Fol. 76r. del Codice Madrid II rivenuto nella  Biblioteca Nacional de Madrid. Si è chiuso ieri con un lusinghiero bilancio in termini di partecipazione ed interesse, il seminario organizzato dal nuovo CDMI (Centro Didattico Musicale Italiano) che ha materialmente riportato alla funzionalità antichi esemplari. I maestri Royan e Mugnoz hanno eseguito brani su copie di strumenti del XXIX secolo realizzati sulla base di disegni antichi (copia dell’armonica a mantice di Greggiati 1793-1866), su  un Accordeon del 1860 proveniente da collezione privata e mostrato un esempio di restauro di unharmoniflute d’epoca (Francia, seconda metà del secolo XIX), un modello “primitivo” con tastiera, un organo portativo in uso dalla metà dell’Ottocento fino ai primi del Novecento poi soppiantato dalla fisarmonica classica.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
agosto: 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31