You are currently browsing the tag archive for the ‘ALFREDO DI LUPIDIO’ tag.

CIVITANOVA (13/02/2016) – Civitanova  protagonista del giorno alla Bit, ovvero alla Borsa Internazionale del Turismo che si sta svolgendo a Milano. A partire dall’esibizione degli Oregon Tape Crew che creano un grande movimento prima della conferenza, incuriosendo numerose persone. “Civitanova si presenta alla Bit con la sua caratteristica di città dei festival – ha affermato l’assessore al Turismo e alla Cultura Giulio Silenzi – . Dal mese di giugno, abbiamo un programma denso con la danza, Futura, Rive, il Festival del cinema e Vita Vita. Ogni sera, come è stato per l’estate 2015, c’è sempre qualche iniziativa da seguire. Chi viene a Civitanova deve provare una forte emozione, positiva. Investiamo sui talenti, sui giovani e sulla cultura”.

Insieme a Silenzi, il direttore TDiC Alfredo Di Lupidio che ha sottolineato l’importanza dell’Azienda dei Teatri nell’organizzazione di eventi complessi come i Festival – “un braccio operativo che, con cura, si impegna al massimo per la logistica e la realizzazione di queste manifestazioni” -, e Gilberto Santini, direttore artistico di Civitanova Danza che ha annunciato la grande sorpresa. “In questa nuova edizione accadrà di tutto: avremo le grandi stelle, con la musa italiana della danza internazionale Eleonora Abbagnato che inaugurerà un nuovo palcoscenico, al Palasport, con la Carmen del regista Amedeo Amodio. Inoltre, apriremo uno spazio per le famiglie, per danzare con i figli. La danza è una chiave d’ingresso importante per questo territorio. È un faro, in ognuna delle sue forme”.

Riflettori anche su Futura, il Festival che si svolge nella Città Alta (meraviglioso centro storico medievale), dal 22 al 31 luglio 2016, con la direzione artistica di Gino Troli. “Questa quarta edizione – ha aggiunto Silenzi – dal titolo Vita Nova porterà grandi nomi di rilievo internazionale della letteratura e del cinema a dibattere sui temi del futuro e una sezione sarà dedicata al 450esimo anniversario della morte di Annibal Caro, poeta e traduttore dell’Eneide, nostro illustre concittadino. Come gli anni passati, ci sarà la presenza di collaboratori di fama nazionale come Massimo Arcangeli, Edoardo Boncinelli, Diego Fusaro, Filippo La Porta, Italo Moscati e Paolo Di Paolo. Possiamo già anticipare un grande evento che riguarda la recente scoperta sulle onde gravitazionali, con i più grandi protagonisti del progetto Virgo”.

Durante la presentazione c’è stata l’incursione di Patrizio Roversi, conduttore della trasmissione Turisti per caso, che ha detto “Sono stato di passaggio a Civitanova. Posso dire che le Marche sono davvero una regione che rappresentano una grande pluralità”. E da qui un simpatico dibattito con Silenzi sull’unica regione, la nostra, al plurale e sull’unicità della conformazione territoriale, fortemente caratterizzata da valli, a volte non comunicanti.

In chiusura, spazio per un’altra bella novità: nella prossima stagione, il territorio correrà veloce anche sui pedali. Questo grazie alla Bike Long Marche, progetto promosso da Marche Bike Life, azienda specializzata in cicloturismo internazionale. Si tratterà di un itinerario in bicicletta dalle Marche fino a Londra: 2100 chilometri attraversando l’Europa promuovendo le Marche. “Un evento che vuole far conoscere il territorio – ha spiegato Mauro Fumagalli, ad di Marche Bike Life – attraverso il cicloturismo e le aziende ed eccellenze del territorio”.

 

Annunci

CIVITANOVA–Grande successo e grande entusiasmo, con gli artisti richiamati più volte sulla scena dal numeroso e caloroso pubblico che ha affollato il Teatro Rossini, ha accolto ieri sera, venerdì

ELEONORA ABBAGNATO CON IL DIRETTORE DEL TEATRO ROSSINI DI CIVITANOVA ALFREDO DI LUPIDIO FOTO©MILLEPAESI

ELEONORA ABBAGNATO CON IL DIRETTORE DEL TEATRO ROSSINI DI CIVITANOVA MARCHE  ALFREDO DI LUPIDIO • FOTO©MILLEPAESI

11 luglio 2014, l’inaugurazione della ventunesima edizione del Festival internazionale Civitanova Danza promosso da Comune di Civitanova Marche, Teatri di Civitanova, AMAT in collaborazione con Camera di Commercio di Macerata, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Marche e Provincia di Macerata e con il sostegno di Banca Marche, Gleam bijoux di Zamir Diana (main sponsor), Hotel Miramare e Peugeot Autoclub Marche.
Ad aprire le danze al Teatro Rossini è stato l’atteso ed esclusivo Gala con protagonista Eleonora Abbagnatoétoile de l’Opéra di Parigi, star internazionale a tutto campo, bellissima e carismatica, che ha riempito la scena – insieme a interpreti prestigiosi, un vero e prorpio “firmamento di stelle”: Marion Barbeau, Léonore Baulac, Alessio Carbone, Noellie Conjeaud, Jean Sébastien Colau, Isabelle Ciaravola, Axel Ibot, Nicolas Le Riche e Benjamin Pech.

Eleonora Abbagnato, étoile dell’Opéra di Parigi, ha celebrato nell’esclusiva serata quell’innato desiderio unendo due Paesi, la Francia e l’Italia, assieme ai suoi colleghi e amici più cari, declinando la danza in forme sempre diverse: dai capolavori di Jerome Robbins e Roland Petit, tra i maggiori coreografi del Novecento, alla teatralità di Angelin Preljocaj, fino all’armonia “inquieta” di William Forsythe. Eleonora Abbagnato è una ballerina che fa luce e lo ha ben dimostrato al pubblico del Teatro Rossini, proveniente anche da fuori regione per questo evento esclusivo. Una certezza aurea, una seduzione che ha lasciato una scia tra i tanti amanti del balletto presenti a Civitanova per l’occasione.

Palermitana dai caratteri fisici normanni, Eleonora è cresciuta artisticamente in Francia, costruendo una delle più avvincenti carriere di italiani all’estero. Trionfatrice all’Opéra di Parigi, ha assorbito dal contesto che l’ha lanciata il rigore di una scuola di danza tra le più ammirate al mondo e l’ottica “multilinguistica” del repertorio di una grandiosa compagnia. Riflette bene quest’apertura a diversi linguaggi il programma di pezzi proposti nella serata. Testimoniano quell’ampiezza di visione le firme degli autori inclusi nella scaletta: accanto al genio “storico” del balletto francese della seconda metà del Novecento Roland Petit, quel capolavoro del ventesimo secolo che è In the Night, dell’americano Jerome Robbins, preceduto da Le Parc, una creazione firmata dal franco-albanese Angelin Preljocaj.

Il Gala è stato un intenso percorso nella danza del Novecento che ha attraversato, tra gli altri, Notre Dame de Paris di Roland Petit, danzato da Eleonora Abbagnato e da Nicolas Le Riche e Le Parc di Angelin Preljocaj interpretato dalla stessa Abbagnato e Benjamin Pech.

Alessio Carbone ha riempito la scena con la coreografia Arepo, un assolo di Maurice Béjart. Insieme alla collega Léonore Baulac, Carbone ha interpretato anche una raffinata coreografia di Ben Stevenson, Three Preludes, su musica di Rachmaninoff. Per continuare sul filone della coreografia del Novecento, non poteva mancare William Forsythe, di cui si è ammirato In the Middle Somewhat Elevated con Marion Barbeau e Axel Ibot. Essi sono stati anche gli interpreti del passo a due di Romeo e Giulietta, con Rudolf Nureyev in veste di coreografo. Uwe Scholz è stato rappresentato attraverso Jeunne Homme, passo a due su musica di Mozart, danzato da Noellie Conjeaud e Jean Sébastien Colau. Ha chiuso il programma uno dei capolavori indiscussi del Novecento, In the Night di Jerome Robbins. Ciascuno dei duetti – danzati da Isabelle Ciaravola e Benjamin Pech, Noellie Conjeaud e Jean Sébastien Colau, Eleonora Abbagnato e Nicolas Le Riche – ha esplorato la relazione di coppia, con l’esito complessivo di un ritratto avvincente e sfaccettato dell’amore. La musica è stata eseguita dal vivo da Enrica Ruggiero al pianoforte.

Millepaesi news • Foto di Luigi Gasparroni
CIVITANOVA • SERGIO CARLACCHIANI E 

SERGIO CARLACCHIANI, FRANCESCO PEROSNI (ASSESSORE COMUNALE AL COMMERCIO), ALFREDO DI LUPIDIO • FOTO DI LUIGI GASPARRONI

SERGIO CARLACCHIANI, FRANCESCO PERONI (ASSESSORE COMUNALE AL COMMERCIO), ALFREDO DI LUPIDIO •  FOTO DI LUIGI GASPARRONI

ALFREDO DI LUPIDIO LE “COLONNE DECENNALI” DI VITA VITA, DALL’ESORDIO A IERI SERA. DIRETTORE ARTISTICO IL PRIMO, DIRETTORE DELLA COMPLESSA MACCHINA TEATRALE ALFREDO, COLLAUDATO DA 30 ANNI DI ESPERIENZA NEL MONDO DELLO SPETTACOLO, CAPACE DI GESTIRE IN SIMULTANEA PIU’ EVENTI SULLA PIAZZA CIVITANOVESE, INTESA SIA COME PORTO CIVITANOVA CHE COME CIVITANOVA ALTA, UOMO DALLE MILLE RISORSE NELLA “TEMPISTICA” E NELLA GESTIONE DEGLI IMPREVISTI, CHE SEMPRE CI SONO NELLE MANIFESTAZIONI LIVE, ANCHE IN QUELLE APPARENTEMENTE SENZA INGHIPPI.

LA PRIMA EDIZIONE SORPRESE TUTTI, NELLA SECONDA SE NON RICORDIAMO MALE LA CONCLUSIONE AVVENNE CON DISCORSO DI SERGIO DAL BALCONE DEL PALAZZO COMUNALE (PALAZZO SFORZA).
POI E’ STATO UN CRESCENDO ROSSINIANO DI ANNO IN ANNO. IL DATO COSTANTE: GENTE A FROTTE E SEMPRE SODDISFATTA. 
IERI SERA E IERI NOTTE UN NOSTRO GIOVANE CRONISTA HA SINTETIZZATO L’EDIZIONE 2013 CON QUESTA FRASE: “CI SONO STATI MENO MOMENTI DI ANIMAZIONE DI STRADA E PIU’ MUSICA DI QUALITA’, SENZA INTERFERENZE FRA LE POSTAZIONI”.

CIVITANOVA SI CONFERMA LUOGO DEL DIVERTIMENTO, DELLO SVAGO, DEL “LOISIR” PER DIRLA IN FRANCESE, CHE DEVE MANTENERE E SVILUPPARE LA PROPRIA LEADERSHIP IN CAMPO REGIONALE E NON SOLO, AVENDO DALLA SUA IL VANTAGGIO DELLA CENTRALITA’ GEOGRAFICA REGIONALE E QUELLA LOGISTICA DELLA DIRETTRICE ADRIATICA DELLA MOBILITA’ NAZIONALE.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930