You are currently browsing the category archive for the ‘Sport’ category.

CIVITANOVA MARCHE – Sulla situazione della squadra si registra oggi una nota del Presidente Patitucci. Ecco il testo. «Smentisco categoricamente che la squadra abbia avuto una prestazione sotto tono per via di voci o malcontenti che influenzano i giocatori. Trovo assurdo e offensivo, e non certamente per il sottoscritto, che si espone volentieri a tutte le critiche costruttive, che venga infangata e non onorata la professionalità dei nostri giocatori, dirigenti etc. Pensare di avere dei mercenari che regolano il loro rendimento in campo in base alla presenza o meno di problemi societari, è semplicemente assurdo. I nostri giocatori così come il Mister, così come tutti gli addetti ai lavori, e soprattutto i dirigenti, sono davvero dei grandi professionisti e prima di tutto delle gran belle persone, ed io sono fiero ed orgoglioso di poter collaborare con loro. La Società Civitanovese, che io mi onoro di rappresentare, ha tanti problemi, e non lo ho mai disconosciuto, molti dei quali non dipendono da me, ma da passate scellerate gestioni. Io ho semplicemente raccolto la sfida, mi sono imbarcato in questa avventura, insieme a dei compagni di viaggio meravigliosi, e non trascuro nessuno, dal primo dirigente, ai giocatori, ai mister, ai magazzinieri, tutti, davvero tutti. So che il cammino è tortuoso e difficile, ma certamente questo non va a minare i nostri progetti. Spesso mi sento scorato da sorprese che emergono dal passato e che comunque mi ricadono addosso, ma il coraggio mi torna subito ogni volta che vedo l’impegno di tutti coloro che sono al mio fianco a far del bene e voler bene a questa Società e a questo progetto, e ancor di più a vedere un pubblico sempre più numeroso premiare i nostri sforzi. Vi prego dunque, dire che Matelica, o prima ancora Jesi, siano entrambe disfatte dovute a problemi societari vari, è un offesa per tutti gli addetti ai lavori: non per me, mi aspetto anzi che io sia il vero bersaglio se qualcosa non va da parte di tutti, perché sono sempre pronto a mettere la faccia e non solo quando mi tributate un complimento o un applauso. La Società ha diversi problemi, e non a caso abbiamo parlato di un progetto triennale per arrivare al successo, perché sapevamo dall’inizio che avremmo ereditato una situazione pesante. Come tutte le società, i problemi si riflettono soprattutto dal punto di vista finanziario, ma pensare che un rimborso pagato, non pagato, pagato tardi o parzialmente, possa esser il motivo di un migliore o minore rendimento in campo, è assurdo, e non sono meritevoli di tali accuse i nostri giocatori. I dirigenti ed io, “il Presidente”, per primo, abbiamo il dovere di risolvere i problemi, e vi assicuro che ci impegniamo strenuamente ogni giorno per farlo. I giocatori ed il Mister con tutto lo Staff tecnico sudano in campo per ottenere risultati, e tutti mi hanno offerto la loro solidarietà e fiducia perché sanno che nella Civitanovese la musica è cambiata: qui oggi nessuno perderà un euro, neanche quelli che hanno maturato crediti durante le passate stagioni e gestioni di terzi, anche se certamente risolvere tutto all’istante è impossibile. In questi giorni, nel sentire le critiche, poco costruttive a mio giudizio, sembra che esistano due squadre: una quella degli otto risultati positivi consecutivi, che a sorpresa è seconda a due punti dalla prima, e l’altra quella che perde con il Matelica fuori casa e sembra esser un colabrodo formato da tanti sfaticati fuori e dentro il campo. Attenzione signori, le squadre forti si basano su solide fondamenta, e non su un fuoco di paglia, e dovrebbe suonare strano a tutti se in una sola stagione si arrivasse primi, si andasse in Lega Pro e si facessero 34 partite a punteggio pieno. Questa sarebbe solo fortuna, non progetto e attuazione. Io mi sento di chiedere a tutti i tifosi, anche a quelli che ancora non si sentono di supportare la squadra la domenica allo stadio, che oggi la squadra merita fiducia, più di quando esce da risultati positivi, la stessa fiducia che io ripongo nei giocatori, mister, dirigenti, tecnici etc, e che loro tutti ripongono in me. Forse è bene coniare un nuovo slogan “La Civitanovese è una Società che ha tanti problemi, ma che ha ora tanti uomini decisi a volerli risolvere per riportarla ai livelli calcistici che merita”. Vi prego dunque tutti, tifosi, giocatori e addetti ai lavori, se veramente teniamo tutti in pari misura alla Civitanovese, prendiamo le distanze da stupide chiacchiere da bar. Questa è la mia filosofia, io sono pronto a metter la faccia su tutto e tutti, e questo è il vero cambiamento che ognuno dovrebbe cogliere nella Civitanovese: il capitano della nave non scappa quando entra un po’ d’acqua a bordo, ma si prodiga a riparare il danno insieme a tutti gli altri con impegno e umiltà». Vi abbraccio tutti Patitucci.

 

PREVENDITE CIVITANOVESE – VIS PESARO

Per domenica 18 Gennaio, prima gara interna del 2015 al “Polisportivo Comunale”,

Civitanovese – Vis Pesaro,

si comunica che sono già disponibili i tagliandi di ingresso

nei seguenti punti di prevendita:

SEGRETERIA SEDE fino al sabato 17 alle ore 13,00

BAR FONTANA fino a sabato 17 alle ore 21,00

BAR MARIO’ DEI PINI fino a sabato 17 alle ore 21,00

BAR NANA’ fino a domenica 18 alle ore 10,00

SNAI AGENZIA Centro fino a sabato 17 alle ore 21,00

BOCCIOFILA FONTESPINA fino a sabato 17 alle ore 21,00

La Civitanovese  comunica che il prezzo d’ingresso per il Settore Ospiti è di €. 10,00 e che i botteghini saranno regolarmente aperti a partire dalle ore 13:30 nella giornata di domenica.

Visto che nelle precedenti occasioni si sono verificate  lunghe code ai botteghini il giorno della gara, i  tifosi sono gentilmente pregati di recarsi alle biglietterie ed ai cancelli almeno 30 minuti prima dell’inizio della partita, onde evitare lo spiacevole inconveniente degli ingorghi dell’ultimo minuto.

                 

CIVITANOVA–Ancora poche ore dopodichè si accenderanno i riflettori sul nuovo Palasport di Civitanova Marche. E’ stata una giornata di fermento, alla vigiliPALAS-SIMONA ROLANDI-3164a dell’inaugurazione istituzionale di domani e della festa aperta a tutta la cittadinanza di sabato pomeriggio. Già sul posto dirigenti e tecnici della Lube volley, che tra qualche giorno si trasferiranno per i primi allenamenti della società campione d’Italia uscente. Stamattina erano al Palas, tra gli altri, il coach della Lube Alberto Giuliani e l’amministratore delegato Albino Massaccesi.

Questa mattina, a visitare in anteprima la struttura, è arrivata la giornalista Simona Rolandi (nella foto con l’assessore Cristiana Cecchetti), conduttrice di Dribbling su Rai due ed altri programmi sportivi del servizio pubblico. E’ tra l’altro una delle voci più preparate del giornalismo sportivo sul volley, che ha seguito da inviata anche lo scorso settembre i mondiali di pallavolo femminile trasmessi sulle reti Rai. “Complimenti, è un impianto bellissimo – ha detto la Rolandi entrando nel nuovo Palazzetto – realizzarlo in così pochi mesi è un’impresa davvero notevole. Credo che questo palasport possa portare un consistente movimento a Civitanova. Il volley muove un grande numero di appassionati, oltre a tutti gli eventi, sportivi e non, che potrà ospitare. Mi sembra un impianto ideale, con tutte le carte in regola per candidarsi ad ospitare le final four di Coppa Italia di volley ed altre manifestazioni sportive di prestigio”.

Ora non rimane che il momento più atteso. Domani saranno i bambini i primi a calcare il nuovo parquet, con un torneo esibizione tra le scolaresche dei plessi civitanovesi. Il taglio del nastro alle ore 13.30, alla presenza del viceministro delle infrastrutture Riccardo Nencini. Sabato pomeriggio, dalle 15.30 in poi, sarà invece una festa per tutta la città, con esibizioni e spettacoli per celebrare la realizzazione di un sogno in tempi da record.

JESINA – CIVITANOVESE: 5-2

JESINA: (4-3-3): Cornacchia, Cardinali Nicola, Calcina, Frulla, Tafani, Marini, Trudo, Ambrosi (17’st Lippo), Traini (13’st Tittarelli), Francia (27’st Bastianelli), Cardinali Mattia. (A disposizione: Giachè, Remedi, Pierandrei, Brighi, Ledesma, Sassaroli) Allenatore: Francesco Bacci.

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Aquino, Biagini (14’st Cossu), Forgione, Massaccesi (3’st Margarita), Amodeo (27’st Mengali), Degano, Pintori. (A disposizione Agresta, Foresi, Baiocco, Ruzzier, Giovino, Morbiducci). Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Gianluca Sartori della sezione di Padova.

ASSISTENTI: Marco Della Croce (sezione di Rimini) e Michele Redaelli (sezione di Pesaro).

RETI: 14’ Frulla, 17’ Trudo, 18’ Francia, 30’ e 41’ Traini (rig), 43’ Massaccesi e 93’ Pintori (rig) (C).

NOTE: temperatura intorno ai 12°; spettatori circa 2000 con nutrita e colorata rappresentanza ospite, stimata intorno alle 300 unità; ammoniti Traini (J), Aquino e Mioni(C) tutti per gioco falloso; corner 4-2; recupero 0+5.

Jesina-Civitanovese, foto BinciJESI – Si ferma a sette la striscia di vittorie consecutive della Civitanovese , che a Jesi ha pagato a carissimo prezzo una prima frazione quasi del tutto concessa agli avversari, ed un atteggiamento troppo poco aggressivo, di fronte ad un degno avversario, sceso invece in campo fin da subito con i cosiddetti “occhi di tigre”. Pressoché non pervenuti i rossoblù nei primi 45’ al “Carotti”: il pesantissimo parziale di cinque reti ad una sancisce un passivo che può apparire impietoso, ma che invece fotografa appieno un approccio troppo morbido da parte dei ragazzi di Mecomonaco, mai apparsi in partita, poco propensi al sacrificio, nonostante le pesanti assenze in mediana (Ferrini e Della Penna out per infortunio), mai apparsi in grado di rimboccarsi le maniche e gettare il cuore oltre l’ostacolo, nel momento del bisogno. Subito pericolosi – invece – i biancorossi con il mobilissimo Trudo, che pronti via esaltava Silvestri: l’istinto del giovane portiere e la grinta del classe ’97 Ficola, oggi migliore dei suoi, nulla potevano però contro le folate jesine che si sono susseguite senza sosta per tutto il primo tempo. Ad aprire le marcature al 14’ Frulla, che – complice una deviazione – insaccava l’1-0. A seguire, un micidiale uno-due che nel giro di un minuto tra il 17’ ed il 18’ portava i leoncelli sul velluto del 3-0: prima Trudo e poi Francia mandavano infatti in visibilio i tanti accorsi sugli spalti. Gli ospiti accusavano il colpo, non riuscendo a reagire; era anzi Traini ad aumentare il passivo, realizzando alla mezzora un penalty concesso per l’atterramento di Mattia Cardinali in area ad opera di Aquino, ed al 41’ la doppietta personale dopo una solitaria e vincente, indisturbata, percussione in area. A firmare il gol della bandiera per i rossoblù era Massaccesi, con una conclusione dalla distanza sul finire del tempo. Nella ripresa, prevedibile controllo della gara da parte dei locali, con una girandola di cambi su entrambi i fronti. Il forcing ospite non sortiva alcun effetto positivo, nonostante la maggiore spinta offensiva ed un legno colpito da Degano quasi al termine: i tentativi di Forgione, Amodeo e Pintori non avevano né concretezza né fortuna. Proprio allo scadere, un rigore trasformato da Pintori fissava il risultato sul 5-2 finale. Un duro colpo per la Civitanovese: i mezzi per ripartire, primo tra tutti l’affetto e gli applausi dei tanti tifosi presenti, salutati dai ragazzi sotto la curva, non mancano. Sconfitte del genere possono anzi aiutare a ritrovare umiltà e spirito di sacrificio, qualità indispensabili per le squadre che vogliono vincere i campionati.

QUESTA LA CRONACA DI OGGI

PRIMA FRAZIONE

1’: Trudo dalla destra impegna subito in una parata spettacolare Silvestri, bravissimo ad uscire di pugno, anche sulla minaccia aerea relativa al corner seguente.

14’: Al terzo corner, la Civitanovese si fa sorprendere da Frulla, che servito dietro e privo di marcatura, calcia la sfera verso la porta. Con la complicità di una deviazione, cuoio che si insacca e vantaggio locale.

17’: Trudo sulla sinistra brucia Aquino e raddoppia in diagonale

18’: Alla ripresa del gioco, la Civitanovese perde subito palla, Francia tenta la conclusione da fuori che è vincente e sancisce un pesante 3-0.

26’: sprazzo di Pintori, il cui tiro al volo di destro è “murato” da un difensore.

30’: Traini su rigore firma il poker, spiazzando Silvestri. Penalty decretato per un atterramento di Aquino su Mattia Cardinali, penetrato sulla sinistra.

37′: ancora pericolosissimo Trudo da fuori.

41’: Traini solo nel cuore dell’area trafigge inesorabilmente Silvestri per il 5-0.

43’: Massaccesi firma il gol della bandiera per la Civitanovese, con un destro dalla lunga distanza che sorprende Cornacchia.

SECONDA FRAZIONE

3’: Margarita rileva Massaccesi. Mister Mecomonaco prova a rinforzare il reparto avanzato.

10’: la Civitanovese prova a reagire, non trovando mai comunque il varco giusto.

12′: Amodeo nel cuore dell’area vede la sua conclusione respinta da Cornacchia, poi Forgione spara alto e Pintori lambisce il palo.

16’: sempre sul filo del fuorigioco, la Jesina torna pericolosamente dalle parti di Silvestri, guadagnando un calcio franco dalla sinistra.

22’: ancora un brivido in area Civitanovese, con Francia che non riesce a pungere per l’ennesima volta sotto misura. Nell’occasione, il numero 10 resta a terra ed è necessario l’intervento della barella.

25′: Forgione su assist di Amodeo chiamava Cornacchia al volo plastico.

28’: Marini si immola salvando sulla linea di porta la conclusione di Pintori.

34′: Corner Civitanovese, testa di Aquino su cross di Degano.

37′: punizione di Degano, Aquino non riesce nella conclusione di testa in tuffo.

39′: traversa di Degano poi Forgione impegna in corner Cornacchia.

46’: velleitaria punizione di Degano che attraversa l’area.

48’: dagli undici metri Pintori fissa il risultato sul 5-2 finale.

 

TERMOLI – CIVITANOVESE: 1-3

TERMOLI (4-4-2): Natali, Scarpone, Sorianello, Caprioli, Dispoto, Lapenna, Maiorano, Gagliano, Santoro, Pugliese (8’st Simonetti), Fulvio (25’st Mattia). (A disposizione: Ferrucci, Arcuri, Arbotti, Camilleri, Di Gennaro, Manes, Prencipe) Allenatore: Marcello Casu.

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Biagini (38’st Aquino), Cossu, Forgione, Ferrini (5’st Massaccesi), Amodeo (28’ Mengali), Degano, Pintori. (A disposizione Agresta, Foresi, Ruzzier, Giovino, Morbiducci, Margarita). Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Giuliano Parrella della sezione di Battipaglia.

Termoli-CivitanoveseASSISTENTI: Marco Orga di Moliterno ed Eustachio Capolupo di Matera.

RETI: 44’ e 20’st Amodeo (C), 22’st Degano (C), 32’st Caprioli (T).

NOTE: gara a porte chiuse per ordine del Giudice Sportivo; temperatura intorno ai 20°; terreno in buone condizioni; corner 5-4; ammoniti Sorianello, Scarpone e Caprioli (T), Massaccesi e Mioni (C) per gioco falloso; recupero 1’+ 3’.

CRONACA

PRIMA FRAZIONE

1′: punizione di Degano, Cossu non riesce a correggere a rete.

5’: punizione di Caprioli, Silvestri in due tempi e primo corner per i molisani.

12’: ribattuta la conclusione di Forgione.

13’: Degano nel cuore dell’area a botta sicura, Natali si oppone in corner.

16′: A provarci è Forgione dal limite, alta sopra la traversa la sua conclusione.

19’: Gagliano insidioso dalla destra. A rispondere sul fronte opposto ancora Forgione con un destro al volo.

28’: saetta di Pintori che lambisce la traversa.

35’: ammonizione per Sorianello (T), giallo per gioco falloso.

38’: pericolosissimo contropiede della Civitanovese, con Amodeo che non riesce a “bucare” Natali, ottenendo solo un corner.

44’: Capitan Amodeo porta la Civitanovese in vantaggio: Degano sulla sinistra crossa al centro per il numero 9 rossoblù che di testa brucia tutti e firma l’1-0 che chiude di fatto la prima frazione.

SECONDA FRAZIONE

3’: si infortuna al ginocchio Ferrini, lo rileva Massaccesi.

8’: primo cambio anche per il Termoli, con Simonetti che prende il posto di Pugliese.

11’: Forgione sul filo del fuorigioco si incunea al centro dell’area e colpisce a botta sicura, con la conclusione che si infrange sul palo.

20’: raddoppio di Amodeo, assist da corner ancora di Degano.

22’: Degano firma un elegante 3-0 con il suo pregevole sinistro.

28’:capitan Amodeo, ex di giornata così come il portiere Silvestri e mister Mecomonaco, lascia il campo a Mengali.

32’: Caprioli su punizione accorcia le distanze per il Termoli.

38’: Biagini lascia il posto ad Aquino, che torna in campo dopo la frattura dell’alluce accorsa con il Celano qualche settimana fa.

45’: ammonizione per Caprioli.

TERMOLI –Stadio “Gino Cannarsa” senza corredo di pubblico per decisione del Giudice Sportivo, in una insolitamente tiepida giornata di fine Novembre: ad affrontarsi sul campo Termoli e Civitanovese, terzultima contro seconda in classifica, entrambe, per opposti motivi, desiderose di fare bene.

Grande rivoluzione in casa molisana in questa settimana, con un undici schierato in campo dal neo Mister Casu dalla bassissima età media, ma dalle grandi motivazioni viste le due ultime sconfitte e l’insediamento del nuovo Presidente Calarco.

Civitanovese in striscia positiva dal 12 Ottobre, con aspirazione di calare il “settebello” e proiettarsi a ridosso della capolista.

Inizio a ritmi blandi tra le due formazioni: bisogna aspettare l’ultimo minuto della prima frazione per vedere cambiare il risultato, anche se la Civitanovese mantiene sempre ben salde le redini del gioco.

E’ capitan Amodeo al decimo centro stagionale a sbloccare l’equilibrio, con un gol di testa, su ottimo assist di Degano dalla sinistra.

Nella ripresa brutta tegola per i rossoblù, che perdono subito Ferrini per una sospetta distorsione al ginocchio e colpiscono un legno con il sempre mobile, ma sfortunato Forgione: in due minuti però, tra il 20’ e il 22’st, la gara si incanala definitivamente su un binario favorevole, con una micidiale combinazione Degano – Amodeo che porta il punteggio sullo 0-3.

Ad accorciare le distanze per il Termoli, complice una leggera deviazione, Caprioli al 32’: il risultato non cambierà più.

La Civitanovese sfata l’ennesimo tabù ed inizia ad assaporare l’aria dell’alta classifica.

 

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE D, GIRONE “F”• XI^ GIORNATA

CIVITANOVESE – RECANATESE 2-0

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Biagini, Cossu, Forgione, Massaccesi (13’ st Margarita), Amodeo (34’ st Mengali), Degano (43’ st Ruzzier), Pintori. A disposizione: Agresta, Morbiducci, Aquino, Tofani, Giovino, Terlino. All. Antonio Mecomonaco.

RECANATESE (4-4-1-1): Verdicchio, Candidi (18’ st Agostinelli Matteo), Brugiapaglia, Scartozzi (46’ Agostinelli Luca), Patrizi, Comotto, Di Iulio, Traini, Galli (25’ st Marolda), Gigli, Mosconi. A disposizione: Cartechini, Gleboki, Monachesi, Moriconi, Garcia, Latini. All. Daniele Amaolo.

ARBITRO: Simone Degli Esposti di Bologna (Pierluigi De Chirico – Sergio Binetti di Barletta).

RETI: 44’ st Pintori, 50’ st Margarita.

NOTE: espulso al 22’ st Traini per fallo da tergo su Degano. Ammoniti: al 14’ pt Candidi (gioco falloso), 10’ st Scartozzi (gioco falloso), 24’ st Degano (cnr), 28’ st Patrizi (gioco falloso), 36’ st Margarita (cnr). Corner: 3-2. Recupero 2’ + 6’. Spettatori 1000 circa.

CIVITANOVA MARCHE – La sestina si è fatta attendere, ma alla… fine è arrivata puntuale. La Civitanovese regola all’inglese una buona RecanatCIVIRANOVESE-RECANATESE- 16-11-2014-Esultanza Civitanovese, foto Benfattoese e accorcia sul vertice ora distante soltanto 3 lunghezze.

Quando ci si apprestava ad annoverare definitivamente il team leopardiano tra le bestie nere della Civitanovese (negli ultimi 2 precedenti interni soltanto due pareggi) e a commentare una prova sottotono della squadra di Mecomonaco, Pintori ha estratto il coniglio dal suo elegante cilindro.

L’esterno sardo, spesso braccato dall’agile pacchetto arretrato giallorosso, trova il modo di incendiare l’out mancino dopo aver scambiato con il neoentrato Mengali. Entrato in area è chirurgico nello scagliare con il destro un diagonale che si insacca dopo aver carambolato con la base del palo: 1-0 e Citanò in visibilio. In pieno overtime, a far sciogliere definitivamente nel classico brodo di giuggiole il buon pubblico accorso a gremire le scalee del “Polisportivo” ci ha pensato Margarita, al secondo centro consecutivo, il quale, pregevolmente lanciato da Mengali, anticipava il proprio avversario e beffava Verdicchio con un astuto tocco sporco.CIVITANOVESE-OGGI 65_n

Civitanova ha vinto, ma onore alla Recanatese, che si è dimostrata compagine quadrata ed organizzata, la quale ha pagato con gli interessi il “peccato originale” di Marolda, che ha dissipato clamorosamente una ghiottissima occasione.

In casa rossoblù, tra le note positive di una prestazione non proprio da ricordare – squadra poco incisiva, che non è riuscita a sfruttare al meglio la superiorità numerica per più di metà ripresa – vanno segnalate le performance di Massaccesi, che non fa rimpiangere lo squalificato Ferrini e di Mengali il quale, appena chiamato in causa dal tecnico di Pratola Peligna, ha risposto presente, firmando entrambi gli assist.

La cronaca

3’ pt, bravo Silvestri ad ipnotizzare in uscita Di Iulio.

4’ pt, Degano conquista una punizione dal limite – fallo di Di Iulio – che lo stesso ex Ancona si incarica di battere, chiamando Verdicchio al grande intervento in corner. Angolo che non sortirò effetti.

16’ pt, velleitario Traini dalla distanza.

38’ pt, Amodeo sradica una palla a centrocampo, apre sulla sinistra per Degano che viene contrato al momento della conclusione. Sfuma così una ghiotta occasione per i rossoblù.

19’ st, Traini carica il tiro, Scartozzi va a fare blocco sull’uscita di Silvestri, ma la difesa rossoblù riesce a sbrogliare.

21’ st, Bensaja pesca sulla sinistra Pintori il quale penetra in area, ma Verdicchio è sicuro in uscita abbrancando la sfera.

22’ st, rosso diretto per Traini reo di un fallo da dietro a centrocampo su Degano.

26’ st, clamoroso errore di Marolda in posizione dubbia, che spreca malamente da ghiottissima posizione calciando a lato.

44’ st, Pintori scambia con Mengali, infiamma l’out mancino e di destro fulmina in diagonale Verdicchio: palo-gol.

50’ st, Mengali lavora un gran pallone per Margarita il quale anticipa il proprio avversario e beffa Verdicchio con un abile tocco sporco.

 

 

CIVITANOVA MARCHE – La rifinitura di questo sabato mattina 15 novembre 2014 ha dato buone indicazioni al Mister della Civitanovese Antonio Mecomonaco, che ha esordito così in conferenza stampa:« Ovvio che il risultato finale di domani dipenderà da tanti fattori, ma noi cercheremo come sempre di fare la partita per vincere, perché stiamo davvero bene e centrare il sesto successo di fila è ampiamente nelle nostre possibilità – le sue prime parole – La Recanatese è squadra coriacea e vanta una tradizionMecomonaco pre-Recanatesee positiva nei confronti della Civitanovese: personalmente la ritengo una compagine molto valida, costruita per fare bene e dotata di ottimi elementi singoli e di un grande affiatamento di gruppo. I leopardiani possono inoltre vantare un tecnico, Daniele Amaolo, che oltre ad avere una grandissima esperienza e ad essere una garanzia per questa categoria, personalmente stimo tantissimo: i giallorossi si nascondono, ma a mio parere il loro non sarà affatto un campionato anonimo, e domani proveranno di certo a renderci difficile la vita».

Dall’esterno all’interno il Mister di origini teatine è passato poi ad analizzare la situazione in casa rossoblù:« Il massimo rispetto dell’avversario nulla toglie al nostro fermo proposito di centrare la piena posta in palio. Le assenze a cui dovrò sopperire (la squalifica di Ferrini, i tanti infortunati, ndr) non mi preoccupano tout court, ma solo in funzione del mantenimento del giusto equilibrio tattico, che nelle ultime uscite sembrava pienamente raggiunto, tanto nel gioco propositivo quanto nella fase di non-possesso: abbiamo una rosa che mi permette di affermare serenamente che chi scenderà in campo a posto degli indisponibili farà egregiamente il proprio dovere. Il grande lavoro dello staff tecnico e sanitario e lo spirito di abnegazione che costantemente i ragazzi mettono nell’allenamento e nel preparare le gare mi fanno dire che, anche se probabilmente sarà un derby ostico e da affrontare con la massima attenzione, lo spirito è quello giusto. Il gruppo sta bene – prosegue Mecomonaco – ripongo in ognuno dei miei giocatori la massima fiducia. A questo proposito, basta osservare la gara di domenica scorsa a Fano, quando i cambi operati nella ripresa hanno mutato volto all’incontro.

L’ingresso in campo di Margarita, ragazzo esemplare e giocatore che ritengo di un’altra categoria al netto del grave infortunio che ne ha condizionato la carriera, ne è dimostrazione lampante: al di là della gioia che noi tutti abbiamo provato nel vederlo ritrovare la via del gol dopo tanti sacrifici, posso di certo di dire che lo spogliatoio è sano, concentrato e motivato per onorare fino in fondo e con il cuore questa maglia e per affrontare al meglio tutti gli ostacoli che si frapporranno tra noi e la conquista dei nostri obiettivi».

La chiusura è per il pubblico, che in casa Civitanovese è con cognizione di causa spesso citato come famigerato dodicesimo uomo in campo: «A me e ai giocatori compete esclusivamente dare tutto il possibile sul rettangolo verde e non altrove per ottenere i risultati che questa piazza e questi tifosi meritano – le ultime parole del Mister – poi sono sicuro che continuando a vincere e a giocare bene come stiamo facendo, lo ripeto dall’inizio dell’anno, la gente tornerà a gremire lo stadio. E’ il nostro proposito dichiarato. E’ innegabile che sia per noi un enorme piacere vedere l’affetto dei nostri sostenitori e sentirli vicini: d’altra parte sappiamo con quanto impegno la Società stia cercando in ogni modo di coinvolgerli, attuando diverse iniziative in loro favore ed in favore della città stessa di Civitanova Marche, che non possono che riempirci di gioia e di speranza per il futuro. Proseguiamo così, in campo e anche fuori, armiamoci di fiducia: la strada è giusta, mirare in alto adesso si può».

Elenco convocati: Agresta, Amodeo, Aquino, Bensaja, Biagini, Cossu, Degano, Ficola, Foresi, Forgione, Giovino, Margarita, Massaccesi, Mengali, Mioni, Morbiducci, Pintori, Ruzzier, Silvestri, Terlino, Tofani.

 

CIVITANOVA MARCHE – «Sono fiducioso: abbiamo tutte le carte in regola per centrare il sesto successo consecutivo»: ha esordito così senza tanti giri di parole il Direttore Sportivo rossoblù Daniele Muscariello (foto), più che mai convinto del valore della squadra costruita in estate con la supervisione attiva del Direttore Generale Giorgio Bresciani.MUSCARIELLO-14-11-2014-n

«Anche i ragazzi hanno ormai preso coscienza del ruolo che questa Civitanovese può recitare nell’arco del campionato: la partita di Fano ne è un chiaro esempio. Rimontare uno svantaggio ed operare un sorpasso non è mai facile, soprattutto fuori casa, eppure così è andata: i giocatori iniziano a crederci, le vittorie alimentano morale e convinzione. La storia del ritorno al gol di Margarita ha commosso un po’ tutti, ma la grande caratura di questo ragazzo, che conoscevamo perfettamente, sia sotto il profilo tecnico, che soprattutto umano, non ci ha di certo sorpreso. Daniel è un grande uomo-spogliatoio, dà il massimo nonostante ancora il suo impiego in campo non sia del tutto continuo, ma le speciali cure del nostro preparatissimo staff stanno dando un input fondamentale al suo recupero totale. Ci auguriamo che proprio dal “Mancini”, dove tutto poteva interrompersi, avvenga invece la sua rinascita. Nel gruppo c’è entusiasmo, ed è questo ciò che conta».

Un entusiasmo che il Direttore si augura possa venir corrisposto già da domenica prossima, quando le mura del Polisportivo ospiteranno la Recanatese di mister Amaolo e degli ex Galli e Comotto, per un altro derby dall’altissimo valore: «La Società si sta impegnando molto per ricostruire la fiducia con la città. Per la sfida di domenica sono state invitate alcune scuole a partecipare con i propri ragazzi, ed in più sono state proposte tariffe agevolate in tutti i settori per riportare allo stadio quanta più gente possibile, soprattutto le famiglie, che è nostro punto d’onore riuscire a coinvolgere, oltre ai nostri splendidi tifosi, che non mancano mai di farci sentire il loro supporto».

«Per quanto riguarda la sfida sul campo, come ho già detto, ogni gara va affrontata con le giuste attenzione e concentrazione, e con il massimo rispetto, ma credo che domenica possiamo fare nostro il bottino pieno – prosegue Muscariello – Certo la Recanatese ha ottimi elementi, ma come collettivo, qualità e organizzazione di gioco noi non siamo certo secondi a nessuno ed il nostro atteggiamento, da alcuni definito “spregiudicato”, si è fatto ora più accorto anche in fase di non possesso, dunque .. siamo ancora più forti!».

«Anche per quanto riguarda il mercato, perciò, aspetteremo il momento giusto per operare, sia nel campo “under” che in quello “over”, e sia chiaro saranno integrazioni per offrire più soluzioni ancora a Mister Mecomonaco, non di certo “sostituzioni” – ha concluso il DS di origini romane – siamo in uno stato di grazia: sperando in una concomitanza di risultati favorevoli circa gli impegni di Maceratese e Sambenedettese, opposte rispettivamente a Chieti e Vis Pesaro, potremo fare un altro passo avanti per avvicinarci ancora di più alla vetta».

 

 

FEBA-ALERNO- DOME- 16 NOV-_n

FEBA.2014-2015-n

 Formazione 2014-2015 • Campionato nazionale A2 • da sinistra (in alto)

Ass.allenatore: Cardinali Giampiero

Piscina Silvia – Filippetti Licia – Delibasic Selma – Bocola Giorgia – Iamnucci Federica – Zaccari Ludovica – Romano Alice –

Vice Allenatore: Donatella Melappioni

Fisioterapista: Massimiliano Paoltroni

Da sinistra (in basso)

Marcia Gomes – Trobbiani Gioia – Bruscantini Chiara – VinciguerrA Carmen – Marinelli Eleonora – MAttucci Martina – Trobbiani Jessica – Giardini Alessia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE D, GIRONE “F” X^ GIORNATAA.J. FANO – CIVITANOVESE 1-2

A.J. FANO: Marcantognini, Clemente, Cesaroni, Lunardini, Torta, Fatica, Sartori (43’ st Carsetti), Marconi (30’ st Gambini), Gucci, Borrelli, Sassaroli (38’ st Zhytarchuk). A disposizione: Marin, Olivi, Antinori, Carpineta, Palazzi. Allenatore: Marco Alessandrini.

CIVITANOVESE: Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Biagini, Cossu, Forgione (47’ st Morbiducci), Ferrini, Amodeo, Degano (19’ st Margarita), Pintori (45’ st Ruzzier). A disposizione: Macellari, Massaccesi, Giovino, Tofani, Mengali, Terlino. Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Francesco Luciani della sezione di Roma 1

ASSISTENTI: Paolo Delle Fontane di Ciampino e Francesco Carbonari di Roma 1.

RETI: 41’ pt Sassaroli (F); 8’ st Pintori (C), 31’ st Margarita (C).

NOTE: temperatura 18°; spettatori circa 1000 con nutrita rappresentanza ospite; ammoniti Clemente e Fatica (gioco falloso) nelle fila del Fano; Ferrini e Ficola (gioco falloso), Amodeo (proteste) e Margarita (eccesso di esultanza) nelle fila della Civitanovese; espulso Lunardini (Fano) al 49’ st per doppio giallo (entrambi per proteste); corner 3-4; recupero 2’+5′.

FANO – Dopo un buon avvio di marca rossoblu, con Degano che già al 6’ avALMA FANO- - CITANO-9-11-2014-eva chiamato all’intervento prodigioso Marcantognini, i granata di Alessandrini iniziavano a prendere le misure agli ospiti e la gara si incanalava su un binario decisamente più guardingo e attendista. Mister Mecomonaco si sbracciava dalla panchina, ma nulla poteva sulla crescente reazione dei padroni di casa che, dopo i primi 15’, salivano progressivamente in cattedra, tanto da trovare il vantaggio nel finale di frazione. I tentativi di Borrelli (26’, sinistro sopra la traversa) e di Sartori (31’, barba al palo alla destra di Silvestri), facevano infatti da preludio al gol di Sassaroli, che al 41’, complice anche una deviazione fortuita, trovava l’incrocio dei pali, dopo un’azione insistita in area rossoblu, con la retroguardia ospite poco lesta a liberare.

Nella ripresa, la Civitanovese trovava subito il pari grazie ad un magistrale calcio franco di Pintori, sul quale nulla poteva Marcantognini, ma continuava a latitare in manovra, a differenza del solito. Nonostante ciò, diverse le palle inattive interessanti di cui potevano beneficiare gli ospiti, ed una ghiotta occasione non capitalizzata da Forgione fornivano il giusto “antipasto” al clamoroso 1-2, concretizzato al 31’st dal neo-entrato Margarita che proprio al “Raffaele Mancini” due anni e mezzo fa era stato vittima di un grave infortunio. Ciò che il calcio toglie, a volte dà.

CRONACA

INDISPONIBILI: Agli assenti Sebastianelli, Sivilla, Nodari, si aggiungono per il Fano le assenze del portiere Ginestra, squalificato, e del giovane Lo Russo, infortunatosi durante il riscaldamento. Nelle fila civitanovesi, invece, “out” Aquino, Cibocchi, Della Penna, Agresta, Vignieri e Gialloreto.

EX DI GIORNATA: Cossu e Torta.

In tribuna presenti Giovanni Cornacchini, attuale allenatore dell’Ancona e Gabriele Morganti, entrambi ex giocatori del Fano ed ex allenatori della Civitanovese.

PRIMA FRAZIONE

3′:Sartori cade al limite dell’area, l’arbitro lascia proseguire. Appena pochi istanti dopo, pericoloso capitan Amodeo, che ruggisce sul fronte opposto.

6′: Degano servito con un colpo da biliardo da Forgione vede la sua conclusione ribattuta da Marcantognini, che si supera. La Civitanovese guadagna il primo corner, ma l’azione susseguente non crea particolari grattacapi alla retroguardia di casa.

8′: calcio franco per la Civitanovese, fallo su Forgione: alla battuta ancora Degano, nulla di fatto.

11’: reazione Fano. Ammonizione per Clemente, reo di un fallo su Mioni, mentre Biagini viene chiamato ad un provvidenziale intervento in difesa.

20’: il calcio franco di Borrelli si perde a lato.

25’: buona combinazione Pintori- Degano, il triangolo con Amodeo non si chiude di un soffio.

26’: risposta granata affidata a Borrelli, il cui sinistro sorvola la traversa. Primo corner Fano.

31′: il sinistro al volo di Sartori, che in velocità aveva superato ben quattro avversari, fa la barba al palo alla destra di Silvestri.

33′: punizione dalla destra per il Fano affidata a Lunardini, è Sassaroli a colpire di testa mandando a lato.

35′: fallo di Sassaroli su Bensaja, calcio di punizione dalla trequarti affidato allo stesso numero quattro, ma la testa di Degano non centra il bersaglio.

40′: ammonizione per Ferrini, diffidato, che dunque salterà il match con la Recanatese.

41’: il Fano passa in vantaggio con Sassaroli, la cui conclusione “sporcata” da una deviazione trova l’incrocio dei pali, dopo un’azione insistita da parte dei padroni di casa ed i rossoblu poco lesti a liberare la propria area. Il Fano termina comunque in avanti la prima frazione.

SECONDA FRAZIONE

2’ st: dopo una punizione di Degano, probabilmente da ripetere, fallo di Ficola che viene ammonito tra le proteste locali, soprattutto del capitano granata Lunardini, sanzionato anch’esso con il cartellino giallo.

8’ st: un calcio franco di Pintori ristabilisce l’equilibrio. Un destro a fil di palo che non lascia scampo a Marcantognini.

13′ st: altra punizione per la Civitanovese, questa volta affidata a Degano, con la palla che termina la corsa sull’esterno della rete.

15’ st: Fano in avanti, Mioni in evidenza per alcuni provvidi interventi in copertura. Un nervoso Amodeo viene ammonito per proteste. Margarita prende il posto di Degano.

28’ st: altra punizione dalla destra di Pintori, nulla di fatto. L’arbitro Luciani ravvisa un fallo, ma nel prosieguo dell’azione Forgione si divora una ghiotta occasione nel cuore dell’area granata.

31’ st: Margarita firma il 2-1 nello stadio del suo grave infortunio di qualche anno fa: ciò che il calcio toglie, a volte dà.

33’ st: miracolo di Silvestri su Gucci, la cui conclusione a botta sicura trova nel “gatto” ospite un ostacolo insormontabile.

42’ st: Amodeo mette i brividi alla retroguardia granata.

47’ st: pericoloso il Fano con Clemente.

 

CIVITANOVA MARCHE – Alla vigilia della trasferta di Fano, è Mister Mecomonaco a dire la sua, nella tradizionale conferenza stampa post-rifinitura del sabato, aperta ai tanti giornalisti delle testate marchigiane.

Mecomonaco pre Fano«Conosco bene i nostri avversari: i granata sono a mio parere, nonostante le assenze, una squadra tosta, ottimamente diretta e costruita per ben figurare, tra le migliori del campionato. Dovremo fare molta attenzione alle palle inattive, hanno elementi di spessore pericolosissimi quando vengono a saltare in area, ma noi, pur rispettando massimamente i nostri avversari, dobbiamo e possiamo fare la nostra gara – ha esordito il tecnico di origini teatine – Sono arci-sicuro di quella che sarà la prestazione della Civitanovese. Sono convinto che faremo una grande partita».

A ruota libera, poi il Mister: «Nel calcio, ogni domenica è come un esame: il risultato perciò non è mai scontato. Quello che so per certo è che abbiamo un ottimo gruppo, unito e compatto, in cui anche chi non è chiamato in causa con continuità si sente importante al pari degli altri e sa di essere parte integrante di un grande progetto, in cui chi veste la maglia è sempre chiamato a dare non meno del massimo per questi colori. La nostra squadra è da tempo in crescita costante, ci sono entusiasmo e serenità, ci si allena bene e con grinta,l’atteggiamento mentale è quello giusto»

Ha poi proseguito: «Domani siamo chiamati ad un impegno difficile, ma il nostro proposito è di portare a casa i tre punti, facendo la partita così come è nelle nostre corde e possibilità, ma pur sempre rimanendo umili e “provinciali”. Vogliamo fare risultato e squadre come il Fano, che giocano un bel calcio, ma al tempo stesso lasciano giocare, ci permettono di esprimere al meglio la nostra verve propositiva e spettacolare».

Per tirare le somme: «Ovviamente spero di rosicchiare qualche punto alle nostre contendenti, in caso di risultato positivo da parte nostra, ma, senza retorica, davvero abbiamo bisogno di ragionare partita per partita e di affrontare un “ostacolo” alla volta. La nostra attenzione è dunque oggi totalmente sul Fano. Dobbiamo pensare solo a noi stessi e a ciò di cui, sono certo, siamo capaci. Al giro di boa delle gare di andata potremo tracciare un primo bilancio e vedere dove realmente questa Civitanovese può arrivare, tenendo in giusto conto anche gli altri importanti organici che ci contendono il primato, ma ben consapevoli dei nostri mezzi e dei nostri grandi obiettivi».

Questi infine i rossoblu convocati per la trasferta di domani, al “Raffaele Mancini” di Fano: Amodeo, Bensaja, Biagini, Cossu, Degano, Ferrini, Ficola, Forgione, Giovino, Macellari, Margarita, Massaccesi, Mengali, Mioni, Morbiducci, Passalacqua, Pintori, Ruzzier, Silvestri, Terlino, Tofani.


Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
dicembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031