You are currently browsing the category archive for the ‘Politica’ category.

L’assessore regionale al lavoro Marco Luchetti: “Diamo continuità agli interventi, in attesa delle nuove disposizioni ministeriali”

ANCONA–“Un impegno comune per continuare a garantire

MARCO LUCHETTI PRIMO DA SINISTRA (SEDUTO) NEL SETTEMBRE SCORSO INTERVENUTO ALL'INAUGURAZIONE DELLA COOPERATIVA RISORGIMENTO DI MONTECOSARO(IN PIEDI IL SINDACO STEFANO CARDINALI

MARCO LUCHETTI PRIMO DA SINISTRA (SEDUTO) NEL SETTEMBRE SCORSO INTERVENUTO ALL’INAUGURAZIONE DELLA COOPERATIVA RISORGIMENTO DI MONTECOSARO  • IN PIEDI IL SINDACO STEFANO CARDINALI

il sostegno al reddito dei lavoratori delle aziende marchigiane in crisi”. È il commento dell’assessore regionale al lavoro, Marco Luchetti, dopo la firma dell’Intesa istituzionale da parte della Regione, delle associazioni imprenditoriali e delle organizzazioni sindacali. Lunedì scorso il Tavolo regionale ha prorogato al 31 marzo 2014 l’intesa sugli ammortizzatori in deroga, in attesa del decreto interministeriale che dovrà definire le nuove norme.

“La crisi continua a interessare tutte le aree territoriali e produttive della regione – evidenzia Luchetti – È necessario che le istituzioni e le rappresentanze sindacali e imprenditoriali proseguano nella positiva collaborazione che hanno mostrato in questi anni per contrastare le ricadute sociali e occupazionali in atto. L’accordo consente di dare continuità agli interventi, in attesa delle disposizioni ministeriali per il 2014. A questo proposito continueremo a garantire il nostro impegno, sia a livello di coordinamento delle Regioni, sia presso il ministero del Lavoro, affinché il governo nazionale stanzi, al più presto, ulteriori risorse per il finanziamento degli ammortizzatori in deroga. La Regione, con il proprio bilancio, sta comunque intervenendo al massimo delle possibilità per contenere gli effetti della crisi”. In base all’intesa, fino alla definizione delle nuove regole, i datori di lavoro potranno richiedere un periodo di Cassa integrazione guadagni (Cig) in deroga della durata  massima di tre mesi (519 ore). La Regione autorizzerà la Cig con la modalità a consuntivo”.

Annunci

CIVITANOVA–Il Sindaco di Civitanova, Tommaso CORVATTA-TGR-21-12-2013-FOTO©MILLEPAESI-7708Claudio Corvatta, (nella foto, intervistato di recente dal Tgr Marche) ha  inviato una “lettera aperta” sulla nuova tassazione (Iuc) ai colleghi Sindaci del Circondario: Stefano Cardinali (Comune di Montecosaro), Carlo Carnevali (Comune di Montefano), Giuseppe Ripani (Comune di Montelupone), Mario Lattanzi (Comune di Monte San Giusto), Stefano Montemarani (Comune di Morrovalle), Rosalba Ubaldi (Comune di Porto Recanati), Sergio Paolucci (Comune di Potenza Picena), Francesco Fiordomo (Comune di Recanati). Di seguito il testo completo di tale lettera.

Carissimi colleghi,

presa coscienza della nuova tassazione Iuc comprensiva di casa e rifiuti, ed effettuate alcune simulazioni pratiche insieme al nostro settore bilancio, abbiamo compreso che per il 2014 i nostri concittadini subiranno una tassazione maggiore, essendo reintrodotta attraverso la Tasi una aliquota Imu ridotta al 2,5 per mille. Per gli altri immobili rimangono invece fissate le vecchie aliquote fino al 10,6 per mille”.

“A fronte di un più cospicuo esborso per i contribuenti, per le nostre amministrazioni comunali vi sarà una ulteriore decurtazione degli introiti, in quanto non ci verrà più riconosciuto l’equivalente del 4,5 per mille della prima casa, ma solo, al massimo, il 2,5, che dobbiamo prelevare direttamente dalle tasche dei nostri concittadini”.

“Tutto questo accade mentre il governo, attraverso diverse sue fonti, afferma ripetutamente che nel 2014 la tassazione sarà in diminuzione. A questo va aggiunto che la modalità di applicazione della Tari comporterà un ulteriore gravosissimo esborso per le attività produttive, un settore che vede molti piccoli e medi imprenditori a rischio di chiusura, come affermato anche recentemente da Diego Della Valle sul Sole 24 ore”.

“Ritengo personalmente, così come l’Anci, che tale situazione sia assolutamente inaccettabile e sono pronto ad azioni concrete per far sentire la voce di questa amministrazione comunale e dei miei concittadini fino a Roma. Per questa ragione ritengo opportuno organizzare un incontro, e mi rivolgo a voi colleghi dei comuni insistenti nello stesso ambito socio-territoriale, proponendo di vederci martedì prossimo, 21 gennaio, alle ore 18, per uno scambio di vedute sull’argomento e, se d’accordo, per concordare iniziative comune presso il governo centrale”.

“Confidando in un riscontro, saluto con viva cordialità”.

Il Sindaco Tommaso Claudio Corvatta

 

 

CECCOTTI-AREA-ASSEMBLEA 18 GENNAIO 2014.9187

ANCONA–Si attesta al quinto posto, l’attuale sindaco di

IL SINDACO DI ANCONA VALERIA MANCINELLI

IL SINDACO DI ANCONA VALERIA MANCINELLI

Ancona Valeria Mancinelli, tra i primi sindaci che ottengono maggior consenso, nella classifica frutto del sondaggio effettuato da Ipr Marketing per “Il Sole 24 Ore” (noto ed autorevole quotidiano economico italiano pubblicato a Milano), il quale ha verificato il gradimento dei primi cittadini di 101 capoluoghi di provincia italiani.

Mentre, come verificato dall’indagine, sei sindaci su dieci sono meno apprezzati rispetto all’elezione, il sindaco dorico è al quinto posto (dopo il sindaco di Pavia, Alessandro Cattaneo, al primo posto con il 68% seguito dai colleghi di Bari, Salerno e Imperia), con il 63% dei consensi nel sondaggio di fine 2013, contro il 62,60 ottenuto il giorno dell’elezione, registrando un +0,4%.

 Il sondaggio del Sole 24 Ore – ha commentato oggi lo stesso  sindaco dorico Mancinelli – cerca di fotografare la realtà, così come avviene per tutti i sondaggi, i quali a volte vi riescono e altre no. In questo caso però, trovo una certa corrispondenza tra quello che trovo pubblicato e le parole degli anconetani che quotidianamente incontro in giro per la città e questo è fonte di soddisfazione, ma soprattutto un forte stimolo a proseguire con impegno il mio incarico elettivo”.

CIVITANOVA–Gazebo del Movimento Cinque Stelle Civitanova (nella foto il drappello capitanato da Mirella Emiliozzi, consigliere comunale, la più votata del M5S) oggi – domenica 12 gennaio 2014 – in Corso Umberto I°, come spesso avviene nel dì di festa, per svolgere a livello militante un’opera di informazione sulle problematiche tipicamente cittadine. Nel colloquio con i cittadini le questioni generali della città, in particolare quella relativa alla costruzione della nuova area commerciale che sta polarizzando l’attenzione di tuttiCINQUE STELLE CIVITANOVA DOM-12-1-2014-9112-LEGGERA, la spesa delle luminarie natalizie (deliberate solo per 9.500 euro), l’Imu da pagare il 24 gennaio.

Il M5S fa presente, inoltre, che da gennaio non si riunirà più in Biblioteca Comunale, come avveniva nel passato (“il Pd ha eccepito che occupavamo spazi pubblici”), ma in Via Cecchetti, 6, dove si trovava la sede dell’Inps. I locali sono stati offerti gratuitamente al M5S.

CIVITANOVA–E’ partito ieri pomeriggio, venerdi 10 gennaio 2014, con l’incontro svoltosi in sala giunta con i rappresentanti delle associazioni di categoria, il percorso di “progettazione partecipata” avviato dall’Amministrazione comunale di Civitanova per la ridefinizione urbanistica dell’area Ceccotti. Un incontro che ha riscosso una nutrita partecipazione dai rappresentanti degli enti invitati ed è stato introdotto dal sindaco Tommaso Claudio Corvatta. “Questa è la sede per iniziare a promuovere idee – ha rimarcato il primo cittadino – Come amministrazione abbiamo impresso delle linee guida, nella direzione della riqualificazione urbanistica, della promozione della mobilità, di interventi ecosostenibili, all’insegna del contenimento dei volumi. L’area Ceccotti rappresenta la principale opportunità di svolta per Civitanova Marche e riteniamo preziosa la collaborazione di un professionista di altissimo spessore come l’architetto Sandro Polci”.

LA VECCHIA FORNACE CECCOTTI NELL'AREA OMONINA VISTA DALL'ADRIATICA

LA VECCHIA FORNACE CECCOTTI NELL’AREA OMONINA VISTA DALL’ADRIATICA

Proprio Polci ha quindi introdotto, con l’aiuto di una serie di slide, alcuni elementi cruciali per la riqualificazione dell’area. “Non siamo qui per proporre soluzioni o un progetto già definito, altrimenti tutto questo percorso non avrebbe senso. Abbiamo deciso di partire da un incontro con gli stakeholders, perché riteniamo necessario capire quali possano essere gli interlocutori per intervenire. Altrimenti sarebbe come apparecchiare una tavola imbandita senza avere chi cucina”.

Di seguito, alcuni spunti per avviare il confronto. “L’area Ceccotti non deve diventare un altro quartiere o un’altra linea di traffico su gomma, non è questo l’obiettivo. Va invece sgretolato quel muro tra due parti della città costituito fin qui dalla Stazione ferroviaria. La mobilità deve superare questa barriera, attraverso un sovra o sottopasso che porti verso Corso Umberto I°. Un altro obiettivo sarà quello di riqualificare l’ex Fornace Ceccotti, simbolo del fervore produttivo della Civitanova del Novecento. In Europa esistono esempi molto interessanti, come quelli della riqualificazione di opifici industriali nella Ruhr, che potrebbero fornire spunti positivi. Pensiamo inoltre ad un polo verde, che vada in continuità con il Parco del Castellaro, un’area che deve essere verde, ma vissuta, tenendo conto che in questa zona gravitano all’incirca 140.000 persone e questo sito può diventare anche un’attrattiva turistico-ricettiva”.

In tema di parcheggi, l’architetto pensa “ad una soluzione non visibile, che potrebbe ricavarsi realizzando un basamento sopra l’attuale livello dei posti auto. Il proposito è quello di evitare di portare il traffico su gomma dentro la nuova area”. Da Polci anche una precisazione sulla progettazione partecipata. “E’ una modalità apparentemente lenta, ma non è così. E’ invece la strada più breve perché consente di raggiungere una soluzione condivisa. Quello che inizia oggi è un percorso di durata complessiva di circa 4 mesi”.

Dopo una serie di interventi e suggerimenti da parte dei presenti alla riunione, la chiusura dell’assessore all’urbanistica Francesco Micucci. “Sappiamo tutti in linea di massima cosa vogliamo fare, l’obiettivo di questi incontri è quello di trovare soluzioni condivise e praticabili, contemperando le idee con i criteri economici necessari a tenere in piedi l’operazione”. Ilprossimo appuntamento è fissato per sabato 18 gennaio, alle ore 15.30, in sala consiliare, dove si svolgerà la prima assemblea pubblica aperta a tutta la cittadinanza. In settimana sarà inoltre attivata una sezione al sito internet comunale, in cui verranno inseriti relazioni e documenti relativi agli incontri sull’ex Ceccotti e sarà allestito un indirizzo mail dedicato per raccogliere osservazioni, suggerimenti e contributi per la ridefinizione urbanistica dell’area. 

 

CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO CLAUDIO TOMMASO CORVATTA E DEL VICE-SINDACO GIULIO SILENZI

CIVITANOVA–Duecentocinquantamila euro di debiti fuori bilancio per le spese legali. E’ la somma che l’amministrazione Corvatta è chiamata a coprire per pagare le parcelle di 13 avvocati, nominati negli anni scorsi. Una questione che sarà oggetto del consiglio comunale del 20 dicembre 2013 e di

PALAZZO SFORZA SEDE DEL COMUNE DI CIVITANOVA ADDOBBATO A FESTA PER IL NATALE 2013

PALAZZO SFORZA SEDE DEL COMUNE DI CIVITANOVA ADDOBBATO A FESTA PER IL NATALE 2013 • FOTO©MILLEPAESI

cui hanno parlato in conferenza stampa il sindaco Tommaso Claudio Corvatta ed il vice Giulio Silenzi. “Tra le eredità ricevute dalla passata amministrazione – sottolinea il primo cittadino – ci troviamo anche a sostenere queste spese, frutto di una serie di contenziosi, che pesano in modo significativo sulle casse dell’ente. In questo anno e mezzo abbiamo limitato drasticamente il ricorso agli avvocati, contenuto le spese a pochissimi incarichi e chiuso in modo soddisfacente alcuni contenziosi. Mi chiedo tuttora come sia stato possibile spendere tutte queste somme in consulenze legali negli anni passati. Quelli che nel centrodestra hanno ironizzato qualche giorno fa sulla supposta della Tares, ci hanno lasciato queste bombe ad orologeria che una dopo l’altra esplodono sulla testa di tutti i cittadini”.

Ci siamo trovati ad ereditare più di 250 contenziosi – prosegue Giulio Silenzi – Nell’arco di quest’ultimo anno ne abbiamo chiusi 15, ma ne rimangono molti altri. Sono soldi freschi che dobbiamo destinare alle parcelle dei legali, con poco più di queste somme sarebbe stato possibile limitare di un punto l’Imu su seconde case e fabbricati, oppure incrementare sensibilmente il numero di famiglie da esentare dal pagamento della Tares. In alcuni casi, come per il Panettone nei pressi del molo, si è portata avanti una causa priva di senso, a nostro avviso persa in partenza, che ci costa oggi altri 23.000 euro, per un totale che si aggira sui 40.000”.

Il debito per le spese legali sarà discusso alla prossima seduta di consiglio comunale prevista per venerdì 20 dicembre. “Abbiamo voluto che questo provvedimento fosse oggetto di discussione consiliare – conclude il vicesindaco Silenzi – E’ opportuno che ognuno, soprattutto chi ha causato queste spese, se ne assuma le responsabilità”.

CIVITANOVA–”Che fine ha fatto il Bilancio di Previsione 2013 e il relSEL-bilancio ricercaativo Piano Triennale degli investimenti?” Se lo domanda oggi (anche con una manifestino, nella foto) Maria Grazia Pierluca, del Coordinamento Sinistra Ecologia e Libertà (Sel Civitanova). 

“A quanto sembra ad oggi – stigmatizza Pierluca – non esiste una sola proposta, una bozza su cui sia possibile organizzare un confronto aperto, non solo fra le forze politiche, ma ancora più importante con la città,le categorie sociali, le associazioni,ecc.

“Seppure il Bilancio di Previsione poteva essere fatto da molto tempo, oggi l’amministrazione Comunale continua ad esserne sprovvista e procede nella spesa impegnando solo un dodicesimo di quanto possibile”.

“Non siamo davanti ad una distrazione – argomenta l’esponente di Sel – ma al risultato di forti divisioni politiche interne alla maggioranza del Sindaco Tommaso Corvatta, divisa su tutto e incapace di individuare una linea concreta di intervento nella città. L’annunciata chiusura della sede distaccata dell’Università di Macerata nella nostra città – frutto della scarsa attenzione a questa importante istituzione – è una delle conseguenze”.

“Ci troviamo di fronte ad una paralisi amministrativa che incide negativamente sul corpo vivo della città di Civitanova – spiega con amarezza Maria Grazia Pierluca – a cominciare dagli investimenti e alle manutenzioni e che diventa ancora più grave perché non viene applicato al Bilancio di Previsione”.

“Relativamente a questo punto dell’avanzo di amministrazione Sindaco e Giunta con una delibera hanno trovato una sorta di “escamotage” per decidere la priorità di utilizzo dell’avanzo di amministrazione, impegnandosi ad utilizzare la quasi totalità per finanziare parte del Palasport, quando vi potevano essere altre forme di finanziamento e soluzioni meno impegnative per il Comune”.

“Il Bilancio di Previsione 2013 – puntualizza Pierluca – deve essere approvato per legge entro il 30 Novembre e venti giorni prima la proposta della Giunta deve essere consegnata ai Consiglieri Comunali. Ora ai cittadini non resta che la beffa, quella di vedere applicate le nuove super tasse locali per i Rifiuti e i servizi”.

“Chiediamo dunque al Sindaco che lo aveva promesso e messo per iscritto – conclude Maria Grazia Pierluca – dove sta la costruzione partecipata del Bilancio con i cittadini, le categorie sociali,ecc? Come intende applicare le nuove tariffe?”

“E’ evidente che visti i tempi a disposizione la partecipazione con la P maiuscola non ci sarà e non potrà essere spacciata per partecipazione attiva l’eventuale informazione di quanto evidentemente deciso fra le mura di Palazzo Sforza!”

AL VIA UNA VASTA MOBILITAZIONE POPOLARE SUL FRONTE DELLA CULTURA CHE COINVOLGERA’ I CIVITANOVESI

CIVITANOVA–E’ scattata oggi  sabato 2 novembre 2013 UNIVERSITA'-RACCOLTA FIRME 2-11-2013-LG la raccolta di firme in Corso Umberto I° per chiedere il mantenimento a Civitanova del Corso di Mediazione linguistica, attivo presso il complesso “Stella Maris” da 10 anni a questa parte (il Rettore che ha varato per primo l’operazione è stato il Prof. Alberto Febbrajo), con la frequenza di mille studenti iscritti, che arrivano da svariati Comuni delle Marche e d’Italia! In appena tre ore ben 500 cittadini hanno sottoscritto la petizione. La raccolta delle firme (che sarà ripetuta anche sabato prossimo 9 novembre, mentre dei fogli sono stati distribuiti a studenti, nonchè presso vari negozi del centro e del quartiere universitario) farà molto clamore, perchè il problema è sentito in tutti i ceti sociali e senza distinzione di appartenenza politica.

Oggi sul Carlino Roberta Belvederesi, esponente della sinistra, ha espresso la necessità di salvaguardare a tutti i costi la permanenza dell’Ateneo di Macerata a Civitanova. La Federazione del centro destra ha promosso la raccolta di firme – il cui start è stato in concomitanza con la giornata di mercato – che farà sicuramente breccia nell’opinione pubblica.

Come si ricorderà l’attuale Rettore dell’Università di Macerata, Prof. Luigi Lacchè, ha annunciato nelle settimane scorse la volontà di riportare a Macerata il Corso, perchè l’amministrazione civitanovese attuale non ha ottemperato al programma convenuto (l’8 maggio 2013) di mettere a disposizione i locali adeguati, in particolare l’Aula Magna ed altre stanze.
Il Sindaco Tommaso Claudio Corvatta ed i suoi assessori hanno detto – da parte loro – che si son dati comunque da fare e che il Comune vuole comunque fare tutto ciò che è necessario, lasciando intendere che c’è la volontà di recuperare il tempo perduto.

Nel frattempo è stato inaugurato anche il nuovo collegio universitario che era già completato da tempo nell’area Micheletti, di fronte al Liceo Scientifico.

Certamente se il Rettore ha dovuto prendere una decisione drastica qualcosa non ha funzionato. Però a questo punto in tutte le forze politiche e sopratutto nei cittadini in quanto tali c’è la consapevolezza che l’Università a Civitanova è un “patrimonio consolidato” che non va azzerato. Esso ha preso corpo per i buoni rapporti nel decennio fra Rettorato e Comune (giunte Marinelli e Mobili), con il sostegno di tanti imprenditori (c’è un’associazione apposita che ha spalleggiato l’Ateneo) che hanno guardato a mediazione linguistica come ad un corso particolarmente congeniale al mondo economico civitanovese e del distretto economico calzaturiero e non solo, tutto proiettato verso l’export.

In Corso Garibaldi, dove ha sede l’Ateneo, si insegnano le lingue straniere fondamentali per il XXI secolo: inglese, francese, tedesco, arabo e cinese! E si insegnano con docenti madrelingua. Ai ragazzi – oltretutto – piace la “location” – come si dice oggi – cioè la dislocazione dell’Ateneo per la baricentrica posizione geografica di Civitanova, facilmente raggiungibile da ogni parte, che unisce inoltre il vantaggio di essere centro vivace e moderno, che permette di conciliare gli studi con il tempo libero ed il divertimento (mare e non solo).

Fra tutti i corsi aperti in in contemporanea in periferia dall’Università di Macerata quello di Civitanova è stato l’unico che ha registrato da subito un boom unico, che sorprese tutti. Significa che era azzeccato il corso e che era azzeccata la sede. Ampliare i locali dovrebbe dunque essere la cosa più facile e logica da fare. Con l’impegno pratico di tutti ci si deve riuscire!                                    (e.e.)

 CIVITANOVA–Questi sono i civitanovesi risultati eletti per prendere parte alla gestione dei consigli di quartiere.

CONSIGLI QUARTIERE-ELEZIONI 27 OTTOBRE 2013-6213-LG
Civitanova Alta 
Alessandro Lattanzi, Juswak Angeletti, Camilla Bellavita Mussio, Simone Cardelli, Marco Gasparri, Guglielmo Giannoni, Maurilio Morlacco, Giuseppe Paolini, Matteo Pirro, Michele Staffolani 

Fontespina-San Gabriele 
Vincenzo Pascucci, Sebastiano Attardo, Paolo Balducci, Bruno Giacconi, Sonia Cerquetti, Daniele Marchiani, Marco Pertecarini, Antonio Riccione, Yuri Tassara, Simonetta Mataloni, Francesco Tolentinati 

Risorgimento 
Pamela Forani, Giovanna Capodarca Agostinelli, Simone Catini, Alessandro Faustini, Francesco Filomeni, Luca Formica, Corrado Lauri, Gianni Mercuri, Massimo Muzi, Alessandro Orsili, Ilenia Vesprini .

San Marone 
Benedetta Bambozzi, Danilo Bizzarri, Augusto Bruni, Goffredo Cervellini, Massimo De Angelis, Alessandro Ferraro, Roberta Menghini, Andrea Montanari, Tiziana Ripari, Giuseppe Torrano. 

Santa Maria Apparente 
Maurizio Gennari, Carlo Bartolini, Danilo Bitti, Giuseppe Ciarpella, Oriana Frapiccini, Nazareno Grassetti, Duilio Lanchini, Luca Lattanzi, Angelo Quintabà.

Centro 
Cristiana Cecchetti, Nicola Di Feo, Stefano Grassetti, Veronica Palestini, Andrea Perini, Stefano Petrelli, Antonio Secchiari.

 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Annunci