You are currently browsing the category archive for the ‘Personaggi’ category.

CIVITANOVA–La Fototeca Comunale di Civitanova Marche – Centro Comunicazioni Visive si rinnova nell’immagine e nella metodologia di gestione e apre le porte al pubblico per questo nuovo inizio con un evento “open day” di fotografia e comunicazione visiva; un’occasione per conoscerne la storia, incontrare i nuovi e vecchi membri dello staff e ascoltare le proposte culturali per il futuro. L’appuntamento è per il 22 e 23 maggio, vicoFOTOTECA-21-5-2015- cIirolo sforza 6, Civitanova Marche ore 9/12; 16/19.

La due giorni è stata presentata questa mattina, alla stampa, dal presidente Primo Recchioni e dal direttore Francesca Iacopini, alla presenza dell’assessore alla Cultura Giulio Silenzi, dei fotoamatori e dei membri del Direttivo.

La Fototeca vive un momento di passaggio dopo la morte di Paolo Domenella che l’ha arricchita e lanciata – ha spiegato Recchioni – e vuole dare spazio ai giovani e alle nuove idee. Ci auguriamo che saranno in tanti a portarci il loro contributo”.

In programma quattro mostre e l’avvio di un Dipartimento giovani con Paolo Brasca e molto altro ancora.

La Fototeca – ha spiegato Iacopini – non vuole essere solo un centro di raccolta di vecchie foto, ma un luogo dove parlare e ragionare intorno alle immagini. Per trent’anni Paolo Domenella e i fotoamatori hanno lavorato per mettere le radici e per una costruzione solida dell’istituzione. Grazie al patrimonio lasciato, oggi possiamo pensare ad una nuova mission, anche grazie al sostegFOTOTECA-21-5-2015- cIirono dell’Amministrazione comunale: l’interazione con il pubblico e con i giovani”.

Questa mattina è stata presentata anche la nuova immagine coordinata dell’Ente, che prima non aveva un vero e proprio logo, e il sito Internet creati da Giulio Vesprini di Asinus in cathedra. Si tratta di un’evoluzione stilistica originata da una Rolleiflex.

La fototeca si apre alla città – ha detto Silenzi – agli appassionati di foto, e ce ne sono tanti, e vuole diventare un luogo dove le persone vogliono condividere sensazioni, immagini che parlano soprattutto della nostra città. Questa istituzione, che è cresciuta a poco a poco con la forza del volontariato, è ora pronta alla svolta, ad aprirsi anche alle altre associazioni ed enti e scuole, e collaborare alle iniziative organizzate dal Comune. Il patrimonio è enorme (oltre 10 mila lastre) e permetterà di raccontare il “come eravamo” per capire meglio l’identità di questa città, la sua memoria, come era e quanto sia cambiata. Un plauso va al presidente Recchioni e alla direttrice Francesca Iacopini che sta dando nuovo slancio a questa ormai gloriosa istituzione”.

Alla conferenza stampa erano presenti anche l’ex presidente Enrico Lattanzi, i fotoamatori Umberto Polizio, Ciro Lazzarini, Luigi Sampaolesi.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la pagina facebook della Fototeca http://www.fototecacomunale.it, inviare una mail a info@fototecacomunale.it o telefonare al numero 320 6044277

Programma dettagliato

VENERDI’ e SABATO 9 – 12 : apertura al pubblico della mostra “L’immagine fotografica come documento storico e strumento di comunicazione – percorsi di lettura dei fondi d’archivio”

VENERDì 16 – 19 : presentazione alla città della nuova immagine istituzionale

SABATO 16 – 19: presentazione alla città della nuova politica culturale

Fototeca Comunale – Centro Comunicazioni visive: La storia

Fondato nel 1982 per iniziativa di Paolo Domenella, Luigi Sampaolesi, Umberto Polizio, Ciro Lazzarini, Primo Recchioni, Roberto Gaetani, Primo e Fabrizio Garbuglia, Ivano Quintavalle, il Gruppo Fotoamatori civitanovesi è all’origine della Fototeca Comunale di Civitanova Marche, centro comunicazione visiva, la cui nascita è ufficializzata dal Consiglio Comunale con delibera n .429 del 1983.

La prima sede dell’istituzione è in via Saragat, quartiere Fontespina, dove le sale seminterrate di una scuola vengono attrezzata dalle donazioni dei fotoamatori che allestiscono un archivio, un laboratorio stampa con camera oscura e locali per mostre temporanee.

Nel 2004 l’amministrazione comunale investe nell’Istituzione e nelle sue capacità di realizzare eventi culturali di primo piano e le fornisce una nuova prestigiosa sede, affacciata sulla piazza principale della città.

In oltre trent’anni di attività, la fototeca ha al suo attivo mostre, incontri ed eventi anche di rilevanza nazionale, riflessioni a tutto campo sulla comunicazione visiva contemporanea, diventando luogo di riferimento e confronto non solo per fotografi professionali ed amatori, ma anche per intellettuali, artisti e scrittori mossi dalla volontà di interpretare la realtà attraverso le sue immagini.

Oggi la fototeca si presenta con un organico e una filosofia di gestione totalmente rinnovate. L’istituzione è chiamata oggi ad interrogarsi sulla fotografia non solo come strumento di documentazione, ma come mezzo di produzione artistica originale, capace come e più di altri di rappresentare la velocità, la connessione, la liquidità del mondo contemporaneo.

Annunci

Al Cecchetti evento speciale con “Corri, ragazzo, corri” • A Civitanova, tre giorni di proiezioni in omaggio alla Giornata della Memoria

CIVITANOVA (21/01/2015) – Evento speciale al Cinema Cecchetti di Civitanova. Da lunedì 26 a mercoledì 28 gennaio, l’Azienda dei Teatri aderisce al progetto della Lucky Red, che porta nelle sale cinematografiche la pellicola “Corri, ragazzo, corri”, del regista Pepe Danquart.

CORRI RAGAZZO CORRI-700x500In occasione della Giornata della Memoria e solo per tre giorni, sarà possibile vedere questa storia vera, incredibile, emozionante, dura. La Shoah vissuta da una ragazzino di 9 anni, che inizia la sua fuga senza meta tra i boschi della Vistola, in un autunno inoltrato, e che ha come unica risorsa il ricordo dell’affetto e della speranza.

La storia di Yoram Friedman, oggi ottantaduenne, è tratta dal romanzo “Corri ragazzo corri” di Uri Orlev. Biglietto intero 5 euro, 4 ridotto.

CASETTE D’ETE–Circa trecento persone hanno partecipato oggi (6 settembre 2014), dalle ore 17 alle 21, presso il “Casale Raccosta” (un edificio anteriore al 1736) all’inaugurazione della mostra aperta fino al 30 settembre – promossa dall’associazione “Artenaturalmente” e coordinata dal direttore artistico  Cecilia Casadei – per ricordare Vincenzo Raccosta, scomparso improvvisamente il 4  marzo scorso, che diversi anni fa (2011)

La presentazione della mostra da parte di Cecilia Casadei al Casale Raccosta • Foto©Millepaesi

La presentazione della mostra da parte di Cecilia Casadei al Casale Raccosta • Foto©Millepaesi

aveva avviato questa manifestazione artistica estiva chiamando a raccolta tanti pittori ed incisori marchigiani. Appassionato di pittura sin da ragazzo, unitamente al ciclismo, Vincenzo Raccosta aveva frequentato l’Istituto Industriale Montani di Fermo. I pennelli ed i colori gli regalavano ore di vera felicità quando, specie d’inverno e nelle giornate piovose, poteva dedicarsi in qualità di autodidatta a ciò che sentiva nell’animo, dando forma sulla tela a scene di vita naturale, ritratti, nonchè a manifesti, una sorta di sintesi pittoriche di eventi e comportamenti umani nella storia. La sua casa è stata come trasformata, al primo piano, in un museo dell’arte contemporanea, mentre al piano terra leggermente rialzato hanno trovato posto le opere di tanti amici artisti che avevano esposto anche nelle scorse stagioni. Altri se ne sono aggiunti per l’occasione. La sua scomparsa ha galvanizzato i suoi amici appassionati di pittura (Maurizio Governatori e Cleofe Ramadoro in primis), che si sono stretti attorno alle sorelle Bianca e Silvana, per ricordare Vincenzo nel modo migliore, esponendo i suoi lavori in maniera organica, in quella cornice naturale in cui è vissuto, che è stata tirata a lucido per l’occasione fra siepi pareggiate ed agavi gigantesche e solenni, vere sculture en plein air.

In rosso Cecilia Casadei, a destra le sorelle di Vincenzo Bianca e Silvana. Foto ©Millepaesi

In rosso Cecilia Casadei, a destra le sorelle di Vincenzo Bianca e Silvana. Foto ©Millepaesi

Ha tracciato la figura e l’opera di Vincenzo Raccosta – una persona mite, riservata, senza gli assilli di chi va di fretta, ma dai forti convincimenti morali ed artistici – Cecilia Casadei di Pesaro, che di lui ha anche scritto oggi sulla pagina della cultura-spettacoli de Il Resto del Carlino di Fermo. Inquadrata la sua opera in uno stile naif, che coinvolge e dispone  alla riflessione sulla vita, ha sottolineato l’importanza dell’arte nella vita di ognuno, perchè apre alle dimensioni spirituali dell’anima. L’attività di Vincenzo Raccosta è stata documentata da un catalogo con foto dei quadri, stampato dalle Grafiche Fioroni di Casette d’Ete, comprensivo dell’elenco delle mostre, soprattutto collettive, cui av

CASALE RACCOSTA • L'INGRESSO DELLA MOSTRA FOTO©MILLEPAESI

CASALE RACCOSTA • L’INGRESSO DELLA MOSTRA • FOTO©MILLEPAESI

eva preso parte dal 2003 in poi. Nel medesimo volume foto e curriculum degli altri artisti presenti con una loro opera al Casale Raccosta. Si tratta di: Carla Abbondi, Vittorio Amadio, Arnoldo Annibali, Fabrizio Bandini, Guido Bandini, Franco Bastianelli, Mauro Brattini, Agostino Cartuccia, Giampiero Castellucci, Manuela Cerolini, Marisa Cesanelli, Silvio Craia, Luigi Fioravanti, Graziella Gabrielli, Giovanni Garbuglia, Maurizio Governatori, Alessandro Guerrini, Carlo Iacomucci, Marisa Marconi, Svitlana Maryjni, Franco Morresi, Cipriano Olivieri, Sandro Pazzi, Riccardo Piccardoni, Alfredo Pirri (scomparso nel giugno del 2014), Franco Polverini, Cleofe Ramadoro, Fernando Rea, Anna Riccitelli, Romanina Romanella, Maria Silenzi, Giancarlo Splendiani, Lucia Spagnuolo, Roberto Torregiani, Sandro Trotti, Mario Vespasiani. La serata è stata contrassegnata infine da tanta musica e dalle canzoni interpretate da giovani di talento. Declamate, altresì, delle poesie in vernacolo di Tullio Mariani di Casette d’Ete, ma  trasferitosi in Toscana, da parte di Giorgio Rossi e Primo Sacchini, della locale Compagnia teatrale.  Apertura mostra: tutti i giorni dalle ore 18 alle ore 20, fino al 30 settembre 2014. (e.e.)

“Il grande successo del film “Il giovane favoloso” di Mario Martone a Venezia – commenta l’assessore alla Cultura Pietro Marcolini – contrassegnato dall’apprezzamento del pubblico e della critica e accolto da ben quindici minuti di applausi in occasione della sua proiezione, ci riempie d’orgoglio per essere stati coproduttori insieme agli sponsor privati, a Rai Cinema e a Palomar di un’operazione culturale che lascerà sicuramente un segno nella storia del cinema italiano e nell’interpretazione stessa del genio leopardiano. L’accoglienza ricevuta, attesa ma non scontata, ci fa ben sperare per i riconoscimenti che ci auguriamo il film potrà ricevere nella sede veneziana come in altre a cui concorrerà”.
La Regione Marche, alla luce dei amplissimi consensi riscossi, affiancherà nelle prossime settimane la promozione del film ad una serie di iniziative sul territorio regionale e non solo. Insieme a quanto programmato dalla casa di produzione Palomar e da Rai Cinema ci saranno, infatti, varie iniziative per far conoscere il film ad un ampio pubblico, a partire dai marchigiani, cogliendo così il duplice obiettivo di approfondire la figura straordinaria di Giacomo Leopardi e di rilanciare la presenza dei cittadini e delle famiglie al cinema.
L’anteprima assoluta nazionale del film avverrà a Recanati il prossimo 9 ottobre con la presenza del regista Mario Martone e nei giorni successivi a questa data (dal 10 al 15 ottobre) Recanati sarà l’unica sala in Italia a proiettare il film.
“Insieme a Palomar e Rai Cinema – prosegue l’assessore – la Regione Marche sarà prima al Film Festival di Londra (dal 20 settembre al 5 ottobre) con un evento di promozione turistica e culturale collegato alla partecipazione del film al concorso e poi a Roma il 15 ottobre per una anteprima all’Auditorium della capitale.
Il film, inoltre, uscirà per iniziativa della Regione in tutte le sale cinematografiche delle Marche nel fine settimana dal 16 al 19 ottobre. Dal mese di ottobre fino a dicembre 2014 valorizzeremo attraverso specifiche iniziative i luoghi leopardiani come la Casa Museo del poeta, in collegamento anche con eventi culturali in svolgimento nella regione come la mostra ‘Da Giotto a Gentile’ ”.
Infine, la Regione sta sostenendo un’azione promozionale con il gruppo La Repubblica-L’Espresso che vedrà la luce nel mese di novembre con la pubblicazione in allegato al giornale e alla rivista di quattro dvd, finalizzati a diffondere tra il grande pubblico la conoscenza del poeta-pensatore recanatese e della realtà in cui nacque e visse.

CIVITANOVA–Più di centottanta ragazzi da nove anni in su provenienti da tutta Italia – Bologna, Milano, Firenze, Napoli, Bari, Lecce, Genova – e dall’estero, Francia e Spagna, da venerdì 1 a sabato 9 agosto partecipano al secondo Campus Civitanova Danza per Domani, un’occasione unica di formazione con i maggiori maestri europei provenienti dalla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e dell’Opéra di Parigi.

FOTO DI LUIGI GASPARRONI

A SINISTRA PAOLA VISMARA, MENTRE TIENE LE LEZIONI AL CAMPUS DI CIVITANOVA • FOTO DI LUIGI GASPARRONI

 

L’iniziativa – promossa da Comune di Civitanova Marche, Teatri di Civitanova e AMAT con la collaborazione di Ballando Ballando – si svolge nell’ambito del Festival internazionale Civitanova Danza che – accanto agli spettacoli – rinnova e amplia l’appuntamento con l’alta formazione, di cui il Campus è espressione massima estendendolo da sei (come lo scorso anno) a nove giorni.

 

A cura di Paola Vismara (docente della Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala) con i docenti della Scuola di Ballo del Teatro alla Scala e dell’Opéra di Parigi, tra i quali Frédéric Olivieri direttore della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, il Campus offre un programma intensivo per coloro che amano quest’arte affascinante con lezioni di danza classica e contemporanea, per tre livelli, pre accademico (9-11 anni, 63 partecipanti), intermedio (12-14 anni, 58 partecipanti) e avanzato (da 14 anni in su, 62 partecipanti) che si svolgono presso il Teatro Rossini e la Palestra dell’Istituto di Istruzione Superiore “Leonardo da Vinci”.

FOTO DEI PARTECIPANTI AL CAMPUS DI CIVITANOVA DANZA FOTO DI LUIGI GASPARRONI

ALCUNI DEI PARTECIPANTI AL CAMPUS DI CIVITANOVA DANZA•  FOTO DI LUIGI GASPARRONI

A tenere

FREDERIC OLIVIERI FOTO DI LUIGI GASPARRONI

FREDERIC OLIVIERI •  FOTO DI LUIGI GASPARRONI

le lezioni sono, insieme ai già citati Paola Vismara e Frédéric Olivieri (avanzato e intermedio, classico e repertorio), i migliori maestri europei: Florence Clerc (professeur du ballet, Ballet de l’Opéra de Paris – avanzato, classico e repertorio), Vladimir Derevianko (professeur du ballet, Corpo di Ballo del Teatro alla Scala – intermedio e avanzato, classico e repertorio e pas de deux), Elisa Scala (docente della Scuola di Ballo del Teatro alla Scala – pre accademico), Paul Dennis (coreografo e ripetitore di tecnica e repertorio José Limón – contemporaneo avanzato e intermedio e masterclass repertorio Limón), Fabrizio Monteverde (coreografo internazionale – contemporaneo avanzato e intermedio) e Amelia Colombini (docente della Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala – corso insegnanti).

Ad arricchire lo svolgimento delle lezioni è la presenza al pianoforte dei maestri accompagnatori Massimo Ciarella e Marco Paderni della Scuola di Ballo Accademia Teatro alla Scala.

 

Il programma prevede un corso di aggiornamento per insegnanti di danza (gratuito) curato da Amelia Colombini, nei giorni 789 agosto. Il corso si compone di lezioni di teoria (analisi della costruzione di una lezione di danza classica, anatomia applicata alla danza, musica applicata alla danza, creazione degli esercizi e loro evoluzione ‘dalla sbarra al centro’, tecnica dei salti e delle punte) e lezioni di pratica con l’ausilio di un pianista.

 

La presenza a Civitanova Marche di artisti ospiti della giornata conclusiva del festival internazionale (sabato 9 agosto), diventa occasione privilegiata di dialogo con il Campus. Ai partecipanti più grandi è offerta la possibilità di partecipare a una masterclass gratuita condotta dal coreografo e danzatore Giulio D’Anna, tra gli artisti più richiesti in Europa.

 

di Ennio Ercoli

CIVITANOVA• Aria di entusiasmo e di forte determinazione, in casa della nuova società rossoblu, imperniata attorno alla figura di Giorgio Bresciani

Nella Foto©Millepaesi da sinistra: l'assessore allo sport Piergiorgio Balboni, Muscariello, Bresciani, Mecomonaco ed il segretario Giampaolo Gorelli

Nella Foto©Millepaesi da sinistra: l’assessore allo sport Piergiorgio Balboni, Muscariello, Bresciani, Mecomonaco ed il segretario Giampaolo Gorelli

(direttore generale, ex giocatore di serie A), che ha confermato la ferma volontà di fare bene e di recuperare il tempo finora perduto per lavorare sodo e mettere a punto la nuova compagine. Dopo aver annunciato e presentato il nuovo allenatore, ovvero Antonio Mecomonaco, ed il Direttore sportivo Daniele Muscariello, che ha lavorato anche a Praga ed in Grecia (a Zante), ha detto che la squadra effettuerà un’amichevole di lusso estiva con una squadra di livello, si spera di serie A. Confermato il Capitano rossoblu Marco Morbiducci, mentre per il nuovo assetto della squadra bisognerà recuperare sui tempi. “Io ho dato le mie indicazioni come trainer – ha detto a Millepaesi Mecomonaco – adesso starà alla proprietà ed ai dirigenti fare le scelte pratiche, alla luce delle esigenze sportive che abbiamo. Una volta definito l’organico ci sarà da accelerare la preparazione e recuperare – come dicevo – il tempo perduto. Arrivo qui a Civitanova (sciarpa rossoblu sulle spalle) con grande entusiasmo – ha aggiunto il nuovo allenatore – perchè sono consapevole delle legittime aspettative degli sportivi, mentre il calcio ci costringe “ad un esame ogni giorno”. Quello che uno ha fatto nel passato conta… poco!, perchè c’è sempre da rimboccarsi le maniche quotidianamente. Civitanova è un bella piazza sportiva, di tradizione, sono rimasto meravigliato anche dalla partecipazione, questa sera, alla presentazione di tanti sportivi e tifosi. E’ la conferma di quanto la Civitanovese sia una squadra di spessore nel panorama sportivo marchigiano ed italiano. Come allenatore dovrò solo lavorare in silenzio, perchè quello che conta è solo il campo, sono i fatti, le dichiarazioni lasciano il tempo che trovano. Quindi tanta concretezza e speditezza da parte di Mecomonaco, che può contare peraltro su una esperienza personale di spessore. Bresciani si è soffermato anche sulle necessità di migliorare il campo, mentre l’assessore Piergiorgio Balboni, nel dirsi soddisfatto della svolta che ha preso la storia della Civitanovese (rispetto anche a pochi giorni fa), ha assicurato che si adopererà per fare quegli interventi che permettano di facilitare l’azione di preparazione della Civitanovese, che andrà in ritiro – ha detto Bresciani – in una località non lontana più di un’ora e mezza da Civitanova. Tre le località in pectore. L’assessore Balboni, inoltre, ha rivolto un forte appello ai tifosi, anche ultrà, ad essere uniti, sotto un unico slogan primario Forza Civitanovese o Alé Citanò, mettendo da parte ogni spirito di fazione, voltando decisamente pagina rispetto agli episodi negativi della passata stagione, perchè le contrapposizioni non servono, non pagano, anzi fanno perdere solo consensi, non solo alla squadra, ma anche all’intera città. Andare allo stadio deve diventare, invece, un piacere anche per la famiglia – ha aggiunto Balboni – perchè il calcio è bello solo se vissuto con vero spirito sportivo, secondo la filosofia del vinca il migliore. Gli sportivi presenti, anche per bocca di Enrico Costantini, hanno auspicato che la Civitanovese possa trovare al momento giusto un uomo disponibile alla sua guida, quale il Conte Francesco Sabatucci, presente all’incontro, perchè “Tosca” si trova proprio nella proprietà di famiglia, dove c’è il noto e rinomato Campo pratica Agrigolf. Va ricordato che il papà di Francesco, il Conte Carlo Sabatucci, è stato apprezzatissimo Presidente della Civitanovese in anni ormai lontani, che sulle pagine di “Millepaesi” molti anni fa abbiamo anche ricordato nei dettagli, per la penna dell’indimenticabile Nino Quintabà.

 

ELEONORA ABBAGNATO E RODOLFO BALZARETTI A CIVITANOVA SUL PALCO DEL ROSSINI DOPO LO SPETTACOLO • FOTO DI LUIGI GASPARRONI

ELEONORA ABBAGNATO E FEDERICO BALZARETTI A CIVITANOVA MARCHE SUL PALCO DEL TEATRO  ROSSINI DOPO LO SPETTACOLO • FOTO DI LUIGI GASPARRONI

 

 

 

 

 

 

ELEONORA ABBAGNATO DOPO LA SERATA INAUGURALE DI CIVITANOVA DANZA  NEL CORSO DELLA QUALE IL PUBBLICO LE HA TRIBUTATO IL MASSIMO DI AFFETTO E AMMIRAZIONE PER LA SUA BRAVURA, PER IL SUO STILE INCONFONDIBILE, NON A CASO E' LA STELLA ATTUALE DELLA DANZA ITALIANA E PARIGINA  NELLA FOTO DI LUIGI GASPARRONI CON DANIELE MARIA ANGELINI E LATTANZI (A DESTRA)

ELEONORA ABBAGNATO DOPO LA SERATA INAUGURALE DI CIVITANOVA DANZA NEL CORSO DELLA QUALE IL PUBBLICO LE HA TRIBUTATO IL MASSIMO DI AFFETTO E DI AMMIRAZIONE PER LA SUA BRAVURA, PER IL SUO STILE INCONFONDIBILE • NON A CASO E’ LA STELLA ATTUALE DELLA DANZA ITALIANA E PARIGINA
NELLA FOTO DI LUIGI GASPARRONI CON DANIELE MARIA ANGELINI E LATTANZI (A DESTRA)

 

ABB-ph ©Luigi Gasparroni  0578-LG

 

ABB-FOYER ROSSINI-ph©Luigi Gasparroni  0497-LG

 

 

 

 

 

BALZARETTI AL CENTRO CON (DA SINISTRA) L'ASSESSORE BALBONI, DANIELE MARIA ANGELINI (ASSESSORE ALL'ESORDIOD I CIVITANOVA DANZA), LATTANZI SPONSOR, ALFREDO DI LUPIDIO (DIRETTORE DEL TEATRO ROSSINI)

IL NOTO CALCIATORE DEL PALERMO, POI DELLA JUVE ORA DELLA ROMA BALZARETTI AL CENTRO CON (DA SINISTRA) L’ASSESSORE BALBONI, DANIELE MARIA ANGELINI (ASSESSORE ALL’ESORDIO DI CIVITANOVA DANZA), LATTANZI SPONSOR, ALFREDO DI LUPIDIO (DIRETTORE DEL TEATRO ROSSINIDI CIVITNOVA)

MONTECOSARO–Un intero paese, Montecosaro,

ANITA CERQUETTI DAVANTI  ALLA CASA NATALE A MONTECOSARO, IN PIAZZA TRIESTE

ANITA CERQUETTI DAVANTI ALLA CASA NATALE A MONTECOSARO, IN PIAZZA TRIESTE

si dà appuntamento domani  venerdi 11 luglio 2014, alle 21,15, a Porta San Lorenzo per rivivere “I migliori anni della nostra…Anita”. Per Anita, naturalmente, intendiamo riferirci alla Cerquetti, grande artista dell’opera lirica, nata proprio tra queste mura. La serata prevista, fa parte di un ampio progetto culturale, “Genius loci” (ovvero l’identità appartenente a un luogo ben preciso) ideato da “Macerata Opera Festival”. L’iniziativa, fortemente voluta da “l’Accademia Anita Cerquetti”, con il Patrocinio del Comune di Montecosaro, è inserita nei tre appuntamenti programmati per l’occasione. Il primo, già effettuato il 19 giugno a Montecosaro Scalo con “Vita e arte di Anita”, egregiamente realizzato da Francesco Micheli, mentre il più importante, si svolgerà il 7 agosto allo Sferisterio di Macerata con la grande “Festa per Anita”. Ma torniamo a quelli che, secondo il suo ideatore Paolo Marinozzi, saranno i “Migliori anni della nostra…Anita”. “Non può e non vuol essere – ci tranquillizza Marinozzi – una brutta copia delle presentazioni che il direttore artistico Micheli ha realizzato con maestria. La mia, infatti, non sarà una lettura critica del personaggio Cerquetti con relativa comparazione del suo valore artistico nel mondo della lirica. Ma piuttosto, una parentesi leggera, dopo anni a dir poco difficili, che ci riporta a quel magico periodo del dopoguerra fino agli anni del boom. Proprio quello che segnerà l’arco temporale della folgorante carriera della Cerquetti, talmente alta quanto purtroppo breve. Mentre, la nostra stella illuminava l’intero universo con i suoi inarrivabili bagliori musicali, nel suo paesello come in tutta Italia, la vita per i “poveri ma belli” continuava ad essere fatta di “pane, amore e fantasia”…Per questo ho pensato di raccogliere in un unico contenitore diverse espressioni artistiche: dall’opera all’operetta, dalla romanza alla canzonetta. Sarà un percorso non solo musicale, ma anche di moda e costume, cinema e televisione, sport e passione”.

A portarlo in scena penseranno quelli del “Gruppo Penelope” (orchestra, balletto, cantante, imitatore) con la conduzione artistica di Sandro Avigliano. Va ricordato che la realizzazione di questo evento è stata possibile grazie a “L’Accademia Anita Cerquetti” che con profonda dedizione, da parecchio tempo, sta portando avanti importanti iniziative a livello internazionale. Infine, per rendere ancor piu’ significativa la magnifica serata a lei dedicata, sarà presente come ospite d’onore la stessa Anita Cerquetti. Un motivo in più, per non mancare all’appuntamento…

 

PATTY PRAVO 2838

 

PATTY-PIAZZA LIBERTA'-FOTO©MILLEPAESI-3904-LG

 

 

PATTY-SAN FRANCESCO-CORVATTA-FOTO MILLEPAESI-3928

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PATTY-SAN FRANCESCO-FOTO©MILLEPAESI-3947

 

FOTO MILLEPAESI

 

CIVITANOVA – DOMENICA 13 APRILE 2014 –TANTA GENTE OGGI POMERIGGIO AD ATTENDRE PATTY PRAVO IN PIAZZA DELLA LIBERTA’ A CIVITANOVA ALTA E DAVANTI ALL’AUDITORIUM SAN FRANCESCO, DOVE LA CANTANTE HA POI TAGLIATO IL NASTRO ALLA PRESENZA DEL SINDACO TOMMASO CORVATTA E DEI PROMOTORI.

PATTY SEI UNICA HA DETTO LA GENTE. PATTY SEI UN MITO.

ALL’INTERNO 23 ABITI DI SCENA INDOSSATI NEI VARI ANNI DA PATTY PRAVO IN TRASMISSIONI TELEVISIVE O CONCERTI NEI TEATRI.

SONO IN VENDITA. PER OGNUNO C’E’ UNA CIFRA INDICATA. BASTA COMPILARE UN MODULO PRESSO IL FRONT OFFICE DELL’AUDITORIM.

IL RICAVATO VERRA’ GIRATO AD EMERGENCY.

PATTY PRAVO E’ RIMASTA MOLTO SODDISFATTA DELL’ALLESTIMENTO ED IN PARTICOLARE DELL’ESPOSITORE, CHE ERA STATO REALIZZATO NEGLI ANNI PASSATI DA MAURIZI ARREDAMENTI, PER LA MOSTRA SUGLI ABITI DI D’ANNUNZIO. PER TUTTI GLI INTERVENUTI E’ STATO DAVVERO UN BEL POMERIGGIO. LA MOSTRA RIMARRA’ APERTA FINO AL 4 MAGGIO 2014.

CIVITANOVA–E’ scomparso ieri, sabato sera 5 aprile 2014 alle 20,30, all’età di 75 anni, il noto civitanovese Nello Albanesi, titolare della Pizzeria Rossoblu, situata proprio all’iNELLO ALBANESI-Tnizio di Corso Vittorio Emanuele, all’angolo con il Palazzo Sforza (lato sud) in pieno centro cittadino, con vista anche in Piazza XX Settembre. I familiari su entrambe le serrande dell’inconfondibile pizzeria cittadina hanno fatto affiggere due manifesti, con la foto di un Nello sorridente e la frase “Ciao a tutti”.

In svariati decenni di attività Nello era ormai conosciuto ed apprezzato da tutti. Lascia la moglie Anna Maria Mariotti, sempre impegnata a sfornare e servire i clienti, e le figlie Stefania e Maria Luisa.

I funerali domani lunedì 7 aprile, alle ore 16, nella vicina Chiesa di San Pietro. Per molti clienti e conoscenti era abituale scambiare opinioni con Nello sullo sport e su Civitanova in generale, al momento dell’acquisto della pizzetta al pomodoro e mozzarella  o neiPIZZERIA ROSSOBLU-FOTO©MILLEPAESI-LGG-2984 momenti di calma, quando  si concedeva qualche decina di minuti di relax ai tavolinetti, davanti al locale. Qualche estate fa Nello ci aveva raccontato di come era faticosa e grama la vita da noi nel dopoguerra, del suo lavoro da giovane nel settore calzaturiero, per enumerare poi i progressi che sono stati compiuti dagli anni settanta in poi, grazie alla diffusa laboriosità artigianale e commerciale di ognuno. Fatto che ha decretato per il nostro intero comprensorio una formidabile svolta sociale, appannata solo dalla crisi attuale, quale contraccolpo dei primi sintomi manifestatisi dal 2008.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930