You are currently browsing the category archive for the ‘GIOVANI’ category.

Ancona def

Annunci

 

CIVITANOVA MARCHE – Conferenza stampa a tre voci compatte e unite, oggi, in casa Civitanovese. Mentre continuano entusiastici i dati che provengono dalle prevendite (circa 450 i tagliandi venduti fino alle 19.00 di questa sera), si è appreso però di un’ulteriore problematica emersa nelle ultime ore: se

AMODEO, BRESCIANI, MECOMONACO

AMODEO, BRESCIANI E MECOMONACO

mbra infatti che la Società Maceratese abbia rifiutato di corrispondere alla Civitanovese un numero maggiore di tagliandi “omaggio” per i minorenni che volessero partecipare accompagnati dai genitori all’incontro dopo che i 50 elargiti nella giornata di ieri erano stati velocemente esauriti e nonostante si sia ben lontani dal coprire l’intera capienza del Settore Ospiti riservato ai rossoblù (che è di 1.300 posti nonostante gli 800 più i 50 tagliandi omaggio consegnati). Restano da capire le motivazioni di tanta acredine, tuttavia è tempo di concentrarsi sulla gara, e non c’è modo migliore di farlo che ascoltando direttamente le voci dei protagonisti di questa squadra, chiamati domenica ad una sfida decisiva, al vero crocevia della stagione.

Il primo intervento è di Mister Mecomonaco: «Sappiamo tutti che è una partita importantissima, però il campionato è ancora molto lungo e se ci credono altre squadre che sono alle nostre spalle, abbiamo il diritto di crederci anche noi fino alla fine. Speriamo di riuscire a vincerla questa partita, ma io non mi deprimerò nemmeno se le cose dovessero andare male. Purtroppo il risultato non lo determinano solo i giocatori, ci sono tanti fattori. All’andata abbiamo perso immeritatamente il derby per un episodio, quindi può darsi che questa volta il vento giri a nostro favore. Noi dobbiamo essere sereni e tranquilli, siamo consapevoli dell’importanza fondamentale di questa partita soprattutto per i nostri tifosi. Comunque la squadra deve stare tranquilla: non è una partita che va caricata più di tanto, perché i ragazzi sanno già quello che devono fare, soprattutto per rispetto di quelli che ci circondano, dei nostri grandi tifosi che ultimamente non siamo stati in grado di far gioire. Sono una persona positiva, bisogna guardare in avanti, lasciando perdere quello che è successo: giochiamoci questa partita a viso aperto, ben consapevoli di quanto valiamo».

A seguire il bomber, Capitan Amodeo: «Capita a tutti gli attaccanti di avere leggere flessioni: sarei stato più preoccupato se non si fossero create delle occasioni da gol, che invece ci sono sempre state e sono sicuro che si saranno. Continuo ad avere la massima fiducia, nonostante mi dispiaccia che non abbiamo approfittato di queste ultime gare per incamerare più punti: guardiamo comunque positivamente all’impegno di domenica, che è molto importante e può farci partecipare al campionato con una prospettiva diversa» .

A concludere, è il Direttore Generale Giorgio Bresciani, chiamato a caricare definitivamente tutto l’ambiente per la partita delle partite, con la sua consueta maestria: «Sono stati giorni delicati, ma siamo ripartiti tutti insieme e oggi siamo qui con un unico intento, che rimane sempre quello di provare a vincere questo campionato. A mister Mecomonaco all’inizio son stati chiesti i playoff, in questo momento stiamo ottenendo il risultato e certamente pensiamo di avere una squadra che fino all’ultima giornata può pensare di aggiudicarsi la vittoria finale. Se siamo qui è proprio perché evidentemente siamo tutti d’accordo e c’è stato un patto di ferro tra noi. I problemi si risolvono in casa propria, non c’è alcuna necessità di esternare al di fuori le cose interne, dando gusto a chi non ha cuore questa Società. Questa settimana è stata importante per cementare il gruppo ed è giusto anche ricordare una cosa: con Mecomonaco siamo insieme da tre anni, anche quest’anno stiamo costruendo qualcosa di importante. Come in tutte le grandi famiglie si possono avere discussioni, ma poi un’amicizia salda, fatta di affetto, lealtà e professionalità, risulta più forte di tutto. Ciò che è accaduto ha cementato ancora di più questo gruppo: i giocatori si sono allenati molto bene, sono tranquilli sotto ogni punto di vista, ma i momenti di frizione possono capitare a tutte le grandi squadre che si pongono obiettivi ambiziosi. La nostra precisa idea resta quella di fare un campionato che a Civitanova si possano ricordare. Andremo dunque a Macerata più convinti che mai per provare a vincere questa partita».

                                                           * * *

DERBY MACERATESE – CIVITANOVESE AFFIDATO A VOLPI DI AREZZO

Il designatore della CAN D Carlo Pacifici ha affidato il derby ad un’esperta terna tosco-laziale.

L’arbitro scelto è stato infatti Manuel Volpi di Arezzo, il quale sarà coadiuvato da Luca Foglietta e Simone Assante entrambi di Frosinone. Tutti e tre gli ufficiali di gara sono al terzo anno in Interregionale ed hanno superato quota 40 nel computo delle gare dirette (43 Volpi, 41 Foglietta, 44 Assante; gli assistenti in coppia sono usciti 11 volte). Il direttore di gara ha incrociato la Civitanovese in un’unica occasione la scorsa stagione: Fermana – Civitanovese 0-0 datata 3 novembre 2013 assistito da Matteoni di Arezzo e Cecchi di Pistoia. Nessun precedente invece con la Maceratese. Mentre il primo assistente Foglietta non ha mai “sbandierato” le due contendenti dell’”Helvia Recina”, il secondo Assante è alla quarta uscita in un match della Maceratese (precedenti: Maceratese – Recanatese 1-1 del 17 marzo 2013, Bojano – Maceratese 0-1 del 27 ottobre 2013 e Maceratese – Recanatese 2-0 del 6 aprile 2014).

* * *

SETTORE GIOVANILE

JUNIORES NAZIONALE: DERBY DI ALTA CLASSIFICA

Fari puntati sul Comunale “Mornano” nella diciottesima giornata del Campionato Nazionale Juniores girone “G”. Sul terreno verde della Città Alta, la Civitanovese riceverà la visita della Vis Pesaro, compagine che la precede in classifica di sole due lunghezze. I rossoblù, galvanizzati dagli ultimi risultati positivi, hanno la ghiotta opportunità di scalare una posizione, ma allo stesso tempo sono consapevoli che non sarà facile avere ragione dei rossiniani: ci sono pertanto tutti gli ingredienti per un match d’alta classifica tutto da vivere. Dirigerà il signor Marco Di Stasio della sezione di Fermo il quale si avvarrà della collaborazione dei signori Dario Tonelli e Brenda Mosca della sezione di Ancona.

ALLIEVI E GIOVANISSIMI: DERBY INSIDIOSI

Come per la prima squadra, domenica 25 gennaio è giornata di derby anche per gli Allievi Regionali. I rossoblù di Adolfo Cichella sono attesi infatti dalla sentita gara contro la Maceratese. La Civitanovese salirà a Collevario da imbattuta capolista, ma ben conscia delle insidie che caratterizzano questo tipo di partite. Alle ore 11:00 sarà il signor Matteo Vella della sezione di Macerata a decretare l’inizio.

Anticipo di lusso per i Giovanissimi Provinciali. Oggi alle ore 18:30 il team guidato da Marco Moretti ha affrontato in casa la temibilissima formazione biancoverde de Il Ponte (arbitro Luca Mari di Macerata). Il match con i morrovallesi  altro test probante per la capolista che guida meritatamente a punteggio pieno il girone.

Osservato il turno di riposo, tornano in campo i Giovanissimi Cadetti di mister Mauro Cellini. L’appuntamento è per le ore 17:00 di domani tra le mura amiche del “Fratelli Giovanni e Mariano Ciccarelli” dove la Civitanovese attenderà la visita della Recanatese. Arbitrerà il signor Edoardo Roncaglia della sezione di Macerata.


MACERATA–Aumentano del 20% gli iscritti al primo anno dell’Università di Macerata. Lo scorso 15 gennaio si sono chiuse le iscrizioni ordinarie (ma ci si potrà ancora iscrivere pagando le more) e il dato finale conferma appieno la tendenza già registrata nei mesi scorsi, ossia un clamoroso balzo in avanti del numero di matricole per l’Ateneo maceratese, dopo tre anni di buona tenuta. I “nuovi” universitari sono in tutto 2.831 contro i 2.359 dell’anno scorso.
L’incremento ha interessato tutti i Dipartimenti dell’Ateneo, in particolare quelli di Studi Umanistici, con un aumento del 28%, e di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali, cresciuto del 22%, mentre si registrano un più 15% per Economia e diritto, 17% per Giurisprudenza e 12% per Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo.

I risultati legati alle due principali novità dell’a.a. 2014-2015, hanno superato le più rosee aspettative. Infatti, il “ritorno” da Civitanova a Macerata ha portato al corso di laurea in Discipline della mediazione linguistica, il 42% in più di iscritti al primo anno per un totale di quasi 1000 iscritti, e la nuova interclasse di Beni culturali e turismo ha segnato un aumento dell’8% rispetto alla somma degli iscritti al primo anno dei corsi prima distinti in Scienze del turismo e in Valorizzazione dei beni culturali (quest’ultimo era a Fermo).

In totale sono ben dodici i corsi che hanno superato i 100 iscritti al primo anno, un altro record: Discipline della UnimcTo1mediazione linguistica, Giurisprudenza, Lingue e culture straniere occidentali e orientali, Economia: banche, aziende e mercati, Lettere, Scienze politiche e relazioni internazionali, Scienze della Comunicazione, Scienze della formazione primaria, Scienze pedagogiche, Beni culturali e turismo e Scienze giuridiche applicate, attiva nella sede di Jesi, e Beni culturali e turismo.

In aumento – anche se in maniera contenuta – gli iscritti italiani fuori regione, in particolare da Abruzzo, Puglia e Sicilia. Si registra, inoltre, una tenuta degli studenti stranieri, il 5%, ben al di sopra della media nazionale (che è al 3%).

“Questi risultati – ha osservato il Rettore Prof. Lacchè – sono straordinari, molto superiori alle medie nazionali, e tanto più lo sono se si considera il fatto che i corsi Unimc sono tutti nell’area delle scienze sociali e umane. Il lavoro degli ultimi anni sta producendo risultati molto incoraggianti, che riconoscono l’elevata specializzazione e l’attrattività dei corsi, il forte livello di internazionalizzazione, servizi di buon livello e rapporti crescenti con il mondo del lavoro. Ora la grande sfida sarà mantenere e, se possibile, migliorare simili risultati nel prossimo futuro. Unimc è un Ateneo che cresce nella didattica e nella ricerca. Un vantaggio per Macerata e per il territorio”.

Al Cecchetti evento speciale con “Corri, ragazzo, corri” • A Civitanova, tre giorni di proiezioni in omaggio alla Giornata della Memoria

CIVITANOVA (21/01/2015) – Evento speciale al Cinema Cecchetti di Civitanova. Da lunedì 26 a mercoledì 28 gennaio, l’Azienda dei Teatri aderisce al progetto della Lucky Red, che porta nelle sale cinematografiche la pellicola “Corri, ragazzo, corri”, del regista Pepe Danquart.

CORRI RAGAZZO CORRI-700x500In occasione della Giornata della Memoria e solo per tre giorni, sarà possibile vedere questa storia vera, incredibile, emozionante, dura. La Shoah vissuta da una ragazzino di 9 anni, che inizia la sua fuga senza meta tra i boschi della Vistola, in un autunno inoltrato, e che ha come unica risorsa il ricordo dell’affetto e della speranza.

La storia di Yoram Friedman, oggi ottantaduenne, è tratta dal romanzo “Corri ragazzo corri” di Uri Orlev. Biglietto intero 5 euro, 4 ridotto.

CIVITANOVA–Giorno di grande festa ieri sabato 17 gennaio 2015 al Palasport di Civitanova, dopo l’inaugurazione ufficiale di venerdì che ha accolto un foltissimo parterre istituzionale, con spazio al divertimento e allo spettacolo, con i cittadini e tantissimi ospiti. A condurre in sala Claudia Andreatti, Miss Italia 2006, e Marco Moscattelli che hanno commentato i momenti esilaranti e le battute della “iena” Filippo Roma, che si è complimentato perché finalmente tra tante incompiute può essere in una città in cui in 135 giorni è stato costruito un bellissimo palazzetto. E il pubblico esplode con risate gli applausi, divertito, anche con Pier Massimo Macchini e le sue battute in fermano, le atlete del centro ginnasta Mens Sana, e Fantasy planet e le canzoni di Marta Porrà e Mark Zitti e i fratelli Coltelli. A far gli onori di casa, fin dalle prime ore del pomeriggio, il vicesindaco Giulio Silenzi, che ha invitato la mamma Landa, novantenne, a questa grande giornata di gioia._PALAS-SPALTI-FDM_2829

Nella scaletta, il momento clou è riservato alla Lube sul campo, con il ds Stefano Recine, Simona Sileoni, l’allenatore Alberto Giuliani, e gli uffici stampa Carlo Perri e Marco Tentella. Conoscono il pubblico civitanovese per la prima volta pieni di entusiasmo, anche i giocatori Sabbi, Bonacic, Fei, Baranowicz, Shumov. Molta carica e voglia di iniziare ad allenarsi, sicuri della struttura con un ottimo parquet, nella casa che da anni cercavano.

I riti propiziatori di Filippo Roma hanno concluso i saluti della Lube. Lo spettacolo riprende con il rapper Andre Young e il video promozionale di Civitanova con la regia di Paolo Doppieri e la festa prosegue con l’arrivo del sindaco Corvatta e della sua squadra formata da Silenzi, Costamagna, Mariotti, Mattucci, Ginnobili, cui si è aggiunto il presidente della Provincia Antonio Pettinari e Fabio Sturani presidente Coni, che hanno di nuovo ringraziato tutti e invitato i civitanovesi a godersi il PalaCivitanova. E ora forza Lube. “Ora comincia un’altra storia, la nostra storia che abbiamo meritato tutti”.

 

CAMPIONATO NAZIONALE SERIE D, GIRONE “F”  XIX^ GIORNATA

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Geria, Ficola, Mioni, Bensaja, Aquino, Cossu, Shiba (29′ st Ruzzier), Bigoni, Amodeo, Degano, Pintori (11′ st Margarita). A disposizione: Agresta, Carlini, Magini, Pigini, Morbiducci, Biagini, Forgione. All. Antonio Mecomonaco.

VIS PESARO (3-5-1-1): Osso, Fabbri (38′ st Bartolucci), Dominici, Brighi, Labriola, Pangrazi, Granaiola, Rossoni, Torelli (18′ st Rossi), Ruffini, Bugaro (47′ st Vagnini). A disposizione: Teodorani, Ciano, Filippucci, Montesi, Cobaj, Zanigni. All. Ferruccio Bonvini.

ARBITRO: Riccardo Turchet di Pordenone (Marco Gerometta di Udine – Edoardo Naccari di Udine).

RETI: 20′ pt Degano, 30′ pt Dominici.

NOTE: espulsi al 30′ st Dominici per doppia ammonizione (gioco falloso + proteste), al 45′ st Brighi per doppia ammonizione (gioco falloso + gioco falloso). Ammoniti: 18′ pt Torelli (gioco falloso), 37′ pt Shiba (gioco pericoloso), 12′ st Brighi (cnr), 23′ st Granaiola (gioco falloso), 50′ st Osso (perdita di tempo). Corner 1-3. Recupero 0’+6′.

CIVITANOVA MARCHE – Mezz’ora della ripresa. Turchet fischia un DEGANO-PORTAPALLA-OK-PH-2687calcio di punizione per la Vis Pesaro. A Dominici, che aveva fissato il pareggio rossiniano sfruttando un’avventata uscita dell’esordiente Geria sugli sviluppi di un corner, scappa qualche parola di troppo. Seconda ammonizione e biancorossi in 10. Il match si mette su un invitante piano inclinato per i rossoblù. Amodeo calcia a lato dopo aver tagliato in due la difesa. Ruzzier spara alto. Continua il forcing della Civitanovese. La Vis resta in 9. Bonvini ordina il terzo cambio. Il cronometro scorre. Inesorabile. Turchet assegna ulteriori due minuti di recupero. Degano calcia un’insidiosa punizione bassa in area. Osso sbroglia. Amodeo prova ancora con un diagonale da posizione decentrata. Osso sventa ancora. La Civitanovese deve accontentarsi dell’1-1. Unica consolazione, la frenata generale nei quartieri alti.

La squadra di patron Patitucci aveva approcciato molto bene l’incontro portandosi in vantaggio con Degano, impeccabile sulla sponda di Amodeo a perforare l’estremo ospite. Peccato la leggerezza in occasione del pareggio.

La cronaca della partita

4′ pt, Shiba carica il destro sugli sviluppi di un corner, ribatte la difesa rossiniana.

5′ pt, diagonale a lato di Amodeo.

9′ pt, Ruffini altissimo sugli sviluppi di una punizione.

11′ pt, Pintori, spostato sulla sinistra, tenta il diagonale: senza esito.

20′ pt, Shiba impeccabile nel cross, sponda di Amodeo per l’accorrente Degano che perfora di precisione Osso. Civitanovese in vantaggio.

30′ pt, uscita a vuoto mano aperta di Geria sugli sviluppi di un corner calciato da Bugaro, la sfera giunge a Dominici per il quale è troppo facile insaccare con un tocco sporco. 1-1

32′ pt, punizione di Degano, di poco alto.

35′ pt, tenta la conclusione dalla distanza Ruffini scorgendo Geria fuori dai pali: cuoio fuori.

15′ st, stoccata di Amodeo ben imbeccato dal neoentrato Margarita: alta.

22′ st, insidioso traversone su portiere di Shiba, salva la difesa biancorossa.

24′ st, Degano in profondità per Margarita il quale, a tu per tu con Osso, scaglia il diagonale che termina a lato per un pelo.

27′ st Bugaro tenta la girata di sinistro, alta di un niente.

30′ st, Vis in 10: seconda ammonizione per Dominici reo di aver protestato su una punizione a favore.

32′ st, Rossi da sottomisura tenta la rovesciata che termina fuori sugli sviluppi di una punizione.

37′ st, Amodeo spreca clamorosamente calciando fuori dopo aver tagliato in due la difesa vissina ed essersi presentato a tu per tu con Osso.

44′ st, Ruzzier alto da buona posizione.

45′ st, Vis in 9: espulso Brighi per doppia ammonizione.

48′ st, punizione bassa di Degano, sbroglia in qualche modo Osso facendo sfumare la ghiotta occasione per i rossoblu.

51′ st, diagonale di Amodeo, Osso respinge con i piedi.

               

CIVITANOVA MARCHE – Sulla situazione della squadra si registra oggi una nota del Presidente Patitucci. Ecco il testo. «Smentisco categoricamente che la squadra abbia avuto una prestazione sotto tono per via di voci o malcontenti che influenzano i giocatori. Trovo assurdo e offensivo, e non certamente per il sottoscritto, che si espone volentieri a tutte le critiche costruttive, che venga infangata e non onorata la professionalità dei nostri giocatori, dirigenti etc. Pensare di avere dei mercenari che regolano il loro rendimento in campo in base alla presenza o meno di problemi societari, è semplicemente assurdo. I nostri giocatori così come il Mister, così come tutti gli addetti ai lavori, e soprattutto i dirigenti, sono davvero dei grandi professionisti e prima di tutto delle gran belle persone, ed io sono fiero ed orgoglioso di poter collaborare con loro. La Società Civitanovese, che io mi onoro di rappresentare, ha tanti problemi, e non lo ho mai disconosciuto, molti dei quali non dipendono da me, ma da passate scellerate gestioni. Io ho semplicemente raccolto la sfida, mi sono imbarcato in questa avventura, insieme a dei compagni di viaggio meravigliosi, e non trascuro nessuno, dal primo dirigente, ai giocatori, ai mister, ai magazzinieri, tutti, davvero tutti. So che il cammino è tortuoso e difficile, ma certamente questo non va a minare i nostri progetti. Spesso mi sento scorato da sorprese che emergono dal passato e che comunque mi ricadono addosso, ma il coraggio mi torna subito ogni volta che vedo l’impegno di tutti coloro che sono al mio fianco a far del bene e voler bene a questa Società e a questo progetto, e ancor di più a vedere un pubblico sempre più numeroso premiare i nostri sforzi. Vi prego dunque, dire che Matelica, o prima ancora Jesi, siano entrambe disfatte dovute a problemi societari vari, è un offesa per tutti gli addetti ai lavori: non per me, mi aspetto anzi che io sia il vero bersaglio se qualcosa non va da parte di tutti, perché sono sempre pronto a mettere la faccia e non solo quando mi tributate un complimento o un applauso. La Società ha diversi problemi, e non a caso abbiamo parlato di un progetto triennale per arrivare al successo, perché sapevamo dall’inizio che avremmo ereditato una situazione pesante. Come tutte le società, i problemi si riflettono soprattutto dal punto di vista finanziario, ma pensare che un rimborso pagato, non pagato, pagato tardi o parzialmente, possa esser il motivo di un migliore o minore rendimento in campo, è assurdo, e non sono meritevoli di tali accuse i nostri giocatori. I dirigenti ed io, “il Presidente”, per primo, abbiamo il dovere di risolvere i problemi, e vi assicuro che ci impegniamo strenuamente ogni giorno per farlo. I giocatori ed il Mister con tutto lo Staff tecnico sudano in campo per ottenere risultati, e tutti mi hanno offerto la loro solidarietà e fiducia perché sanno che nella Civitanovese la musica è cambiata: qui oggi nessuno perderà un euro, neanche quelli che hanno maturato crediti durante le passate stagioni e gestioni di terzi, anche se certamente risolvere tutto all’istante è impossibile. In questi giorni, nel sentire le critiche, poco costruttive a mio giudizio, sembra che esistano due squadre: una quella degli otto risultati positivi consecutivi, che a sorpresa è seconda a due punti dalla prima, e l’altra quella che perde con il Matelica fuori casa e sembra esser un colabrodo formato da tanti sfaticati fuori e dentro il campo. Attenzione signori, le squadre forti si basano su solide fondamenta, e non su un fuoco di paglia, e dovrebbe suonare strano a tutti se in una sola stagione si arrivasse primi, si andasse in Lega Pro e si facessero 34 partite a punteggio pieno. Questa sarebbe solo fortuna, non progetto e attuazione. Io mi sento di chiedere a tutti i tifosi, anche a quelli che ancora non si sentono di supportare la squadra la domenica allo stadio, che oggi la squadra merita fiducia, più di quando esce da risultati positivi, la stessa fiducia che io ripongo nei giocatori, mister, dirigenti, tecnici etc, e che loro tutti ripongono in me. Forse è bene coniare un nuovo slogan “La Civitanovese è una Società che ha tanti problemi, ma che ha ora tanti uomini decisi a volerli risolvere per riportarla ai livelli calcistici che merita”. Vi prego dunque tutti, tifosi, giocatori e addetti ai lavori, se veramente teniamo tutti in pari misura alla Civitanovese, prendiamo le distanze da stupide chiacchiere da bar. Questa è la mia filosofia, io sono pronto a metter la faccia su tutto e tutti, e questo è il vero cambiamento che ognuno dovrebbe cogliere nella Civitanovese: il capitano della nave non scappa quando entra un po’ d’acqua a bordo, ma si prodiga a riparare il danno insieme a tutti gli altri con impegno e umiltà». Vi abbraccio tutti Patitucci.

 

PREVENDITE CIVITANOVESE – VIS PESARO

Per domenica 18 Gennaio, prima gara interna del 2015 al “Polisportivo Comunale”,

Civitanovese – Vis Pesaro,

si comunica che sono già disponibili i tagliandi di ingresso

nei seguenti punti di prevendita:

SEGRETERIA SEDE fino al sabato 17 alle ore 13,00

BAR FONTANA fino a sabato 17 alle ore 21,00

BAR MARIO’ DEI PINI fino a sabato 17 alle ore 21,00

BAR NANA’ fino a domenica 18 alle ore 10,00

SNAI AGENZIA Centro fino a sabato 17 alle ore 21,00

BOCCIOFILA FONTESPINA fino a sabato 17 alle ore 21,00

La Civitanovese  comunica che il prezzo d’ingresso per il Settore Ospiti è di €. 10,00 e che i botteghini saranno regolarmente aperti a partire dalle ore 13:30 nella giornata di domenica.

Visto che nelle precedenti occasioni si sono verificate  lunghe code ai botteghini il giorno della gara, i  tifosi sono gentilmente pregati di recarsi alle biglietterie ed ai cancelli almeno 30 minuti prima dell’inizio della partita, onde evitare lo spiacevole inconveniente degli ingorghi dell’ultimo minuto.

                 

JESINA – CIVITANOVESE: 5-2

JESINA: (4-3-3): Cornacchia, Cardinali Nicola, Calcina, Frulla, Tafani, Marini, Trudo, Ambrosi (17’st Lippo), Traini (13’st Tittarelli), Francia (27’st Bastianelli), Cardinali Mattia. (A disposizione: Giachè, Remedi, Pierandrei, Brighi, Ledesma, Sassaroli) Allenatore: Francesco Bacci.

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Aquino, Biagini (14’st Cossu), Forgione, Massaccesi (3’st Margarita), Amodeo (27’st Mengali), Degano, Pintori. (A disposizione Agresta, Foresi, Baiocco, Ruzzier, Giovino, Morbiducci). Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Gianluca Sartori della sezione di Padova.

ASSISTENTI: Marco Della Croce (sezione di Rimini) e Michele Redaelli (sezione di Pesaro).

RETI: 14’ Frulla, 17’ Trudo, 18’ Francia, 30’ e 41’ Traini (rig), 43’ Massaccesi e 93’ Pintori (rig) (C).

NOTE: temperatura intorno ai 12°; spettatori circa 2000 con nutrita e colorata rappresentanza ospite, stimata intorno alle 300 unità; ammoniti Traini (J), Aquino e Mioni(C) tutti per gioco falloso; corner 4-2; recupero 0+5.

Jesina-Civitanovese, foto BinciJESI – Si ferma a sette la striscia di vittorie consecutive della Civitanovese , che a Jesi ha pagato a carissimo prezzo una prima frazione quasi del tutto concessa agli avversari, ed un atteggiamento troppo poco aggressivo, di fronte ad un degno avversario, sceso invece in campo fin da subito con i cosiddetti “occhi di tigre”. Pressoché non pervenuti i rossoblù nei primi 45’ al “Carotti”: il pesantissimo parziale di cinque reti ad una sancisce un passivo che può apparire impietoso, ma che invece fotografa appieno un approccio troppo morbido da parte dei ragazzi di Mecomonaco, mai apparsi in partita, poco propensi al sacrificio, nonostante le pesanti assenze in mediana (Ferrini e Della Penna out per infortunio), mai apparsi in grado di rimboccarsi le maniche e gettare il cuore oltre l’ostacolo, nel momento del bisogno. Subito pericolosi – invece – i biancorossi con il mobilissimo Trudo, che pronti via esaltava Silvestri: l’istinto del giovane portiere e la grinta del classe ’97 Ficola, oggi migliore dei suoi, nulla potevano però contro le folate jesine che si sono susseguite senza sosta per tutto il primo tempo. Ad aprire le marcature al 14’ Frulla, che – complice una deviazione – insaccava l’1-0. A seguire, un micidiale uno-due che nel giro di un minuto tra il 17’ ed il 18’ portava i leoncelli sul velluto del 3-0: prima Trudo e poi Francia mandavano infatti in visibilio i tanti accorsi sugli spalti. Gli ospiti accusavano il colpo, non riuscendo a reagire; era anzi Traini ad aumentare il passivo, realizzando alla mezzora un penalty concesso per l’atterramento di Mattia Cardinali in area ad opera di Aquino, ed al 41’ la doppietta personale dopo una solitaria e vincente, indisturbata, percussione in area. A firmare il gol della bandiera per i rossoblù era Massaccesi, con una conclusione dalla distanza sul finire del tempo. Nella ripresa, prevedibile controllo della gara da parte dei locali, con una girandola di cambi su entrambi i fronti. Il forcing ospite non sortiva alcun effetto positivo, nonostante la maggiore spinta offensiva ed un legno colpito da Degano quasi al termine: i tentativi di Forgione, Amodeo e Pintori non avevano né concretezza né fortuna. Proprio allo scadere, un rigore trasformato da Pintori fissava il risultato sul 5-2 finale. Un duro colpo per la Civitanovese: i mezzi per ripartire, primo tra tutti l’affetto e gli applausi dei tanti tifosi presenti, salutati dai ragazzi sotto la curva, non mancano. Sconfitte del genere possono anzi aiutare a ritrovare umiltà e spirito di sacrificio, qualità indispensabili per le squadre che vogliono vincere i campionati.

QUESTA LA CRONACA DI OGGI

PRIMA FRAZIONE

1’: Trudo dalla destra impegna subito in una parata spettacolare Silvestri, bravissimo ad uscire di pugno, anche sulla minaccia aerea relativa al corner seguente.

14’: Al terzo corner, la Civitanovese si fa sorprendere da Frulla, che servito dietro e privo di marcatura, calcia la sfera verso la porta. Con la complicità di una deviazione, cuoio che si insacca e vantaggio locale.

17’: Trudo sulla sinistra brucia Aquino e raddoppia in diagonale

18’: Alla ripresa del gioco, la Civitanovese perde subito palla, Francia tenta la conclusione da fuori che è vincente e sancisce un pesante 3-0.

26’: sprazzo di Pintori, il cui tiro al volo di destro è “murato” da un difensore.

30’: Traini su rigore firma il poker, spiazzando Silvestri. Penalty decretato per un atterramento di Aquino su Mattia Cardinali, penetrato sulla sinistra.

37′: ancora pericolosissimo Trudo da fuori.

41’: Traini solo nel cuore dell’area trafigge inesorabilmente Silvestri per il 5-0.

43’: Massaccesi firma il gol della bandiera per la Civitanovese, con un destro dalla lunga distanza che sorprende Cornacchia.

SECONDA FRAZIONE

3’: Margarita rileva Massaccesi. Mister Mecomonaco prova a rinforzare il reparto avanzato.

10’: la Civitanovese prova a reagire, non trovando mai comunque il varco giusto.

12′: Amodeo nel cuore dell’area vede la sua conclusione respinta da Cornacchia, poi Forgione spara alto e Pintori lambisce il palo.

16’: sempre sul filo del fuorigioco, la Jesina torna pericolosamente dalle parti di Silvestri, guadagnando un calcio franco dalla sinistra.

22’: ancora un brivido in area Civitanovese, con Francia che non riesce a pungere per l’ennesima volta sotto misura. Nell’occasione, il numero 10 resta a terra ed è necessario l’intervento della barella.

25′: Forgione su assist di Amodeo chiamava Cornacchia al volo plastico.

28’: Marini si immola salvando sulla linea di porta la conclusione di Pintori.

34′: Corner Civitanovese, testa di Aquino su cross di Degano.

37′: punizione di Degano, Aquino non riesce nella conclusione di testa in tuffo.

39′: traversa di Degano poi Forgione impegna in corner Cornacchia.

46’: velleitaria punizione di Degano che attraversa l’area.

48’: dagli undici metri Pintori fissa il risultato sul 5-2 finale.

 

TERMOLI – CIVITANOVESE: 1-3

TERMOLI (4-4-2): Natali, Scarpone, Sorianello, Caprioli, Dispoto, Lapenna, Maiorano, Gagliano, Santoro, Pugliese (8’st Simonetti), Fulvio (25’st Mattia). (A disposizione: Ferrucci, Arcuri, Arbotti, Camilleri, Di Gennaro, Manes, Prencipe) Allenatore: Marcello Casu.

CIVITANOVESE (4-2-3-1): Silvestri, Ficola, Mioni, Bensaja, Biagini (38’st Aquino), Cossu, Forgione, Ferrini (5’st Massaccesi), Amodeo (28’ Mengali), Degano, Pintori. (A disposizione Agresta, Foresi, Ruzzier, Giovino, Morbiducci, Margarita). Allenatore: Antonio Mecomonaco.

ARBITRO: Giuliano Parrella della sezione di Battipaglia.

Termoli-CivitanoveseASSISTENTI: Marco Orga di Moliterno ed Eustachio Capolupo di Matera.

RETI: 44’ e 20’st Amodeo (C), 22’st Degano (C), 32’st Caprioli (T).

NOTE: gara a porte chiuse per ordine del Giudice Sportivo; temperatura intorno ai 20°; terreno in buone condizioni; corner 5-4; ammoniti Sorianello, Scarpone e Caprioli (T), Massaccesi e Mioni (C) per gioco falloso; recupero 1’+ 3’.

CRONACA

PRIMA FRAZIONE

1′: punizione di Degano, Cossu non riesce a correggere a rete.

5’: punizione di Caprioli, Silvestri in due tempi e primo corner per i molisani.

12’: ribattuta la conclusione di Forgione.

13’: Degano nel cuore dell’area a botta sicura, Natali si oppone in corner.

16′: A provarci è Forgione dal limite, alta sopra la traversa la sua conclusione.

19’: Gagliano insidioso dalla destra. A rispondere sul fronte opposto ancora Forgione con un destro al volo.

28’: saetta di Pintori che lambisce la traversa.

35’: ammonizione per Sorianello (T), giallo per gioco falloso.

38’: pericolosissimo contropiede della Civitanovese, con Amodeo che non riesce a “bucare” Natali, ottenendo solo un corner.

44’: Capitan Amodeo porta la Civitanovese in vantaggio: Degano sulla sinistra crossa al centro per il numero 9 rossoblù che di testa brucia tutti e firma l’1-0 che chiude di fatto la prima frazione.

SECONDA FRAZIONE

3’: si infortuna al ginocchio Ferrini, lo rileva Massaccesi.

8’: primo cambio anche per il Termoli, con Simonetti che prende il posto di Pugliese.

11’: Forgione sul filo del fuorigioco si incunea al centro dell’area e colpisce a botta sicura, con la conclusione che si infrange sul palo.

20’: raddoppio di Amodeo, assist da corner ancora di Degano.

22’: Degano firma un elegante 3-0 con il suo pregevole sinistro.

28’:capitan Amodeo, ex di giornata così come il portiere Silvestri e mister Mecomonaco, lascia il campo a Mengali.

32’: Caprioli su punizione accorcia le distanze per il Termoli.

38’: Biagini lascia il posto ad Aquino, che torna in campo dopo la frattura dell’alluce accorsa con il Celano qualche settimana fa.

45’: ammonizione per Caprioli.

TERMOLI –Stadio “Gino Cannarsa” senza corredo di pubblico per decisione del Giudice Sportivo, in una insolitamente tiepida giornata di fine Novembre: ad affrontarsi sul campo Termoli e Civitanovese, terzultima contro seconda in classifica, entrambe, per opposti motivi, desiderose di fare bene.

Grande rivoluzione in casa molisana in questa settimana, con un undici schierato in campo dal neo Mister Casu dalla bassissima età media, ma dalle grandi motivazioni viste le due ultime sconfitte e l’insediamento del nuovo Presidente Calarco.

Civitanovese in striscia positiva dal 12 Ottobre, con aspirazione di calare il “settebello” e proiettarsi a ridosso della capolista.

Inizio a ritmi blandi tra le due formazioni: bisogna aspettare l’ultimo minuto della prima frazione per vedere cambiare il risultato, anche se la Civitanovese mantiene sempre ben salde le redini del gioco.

E’ capitan Amodeo al decimo centro stagionale a sbloccare l’equilibrio, con un gol di testa, su ottimo assist di Degano dalla sinistra.

Nella ripresa brutta tegola per i rossoblù, che perdono subito Ferrini per una sospetta distorsione al ginocchio e colpiscono un legno con il sempre mobile, ma sfortunato Forgione: in due minuti però, tra il 20’ e il 22’st, la gara si incanala definitivamente su un binario favorevole, con una micidiale combinazione Degano – Amodeo che porta il punteggio sullo 0-3.

Ad accorciare le distanze per il Termoli, complice una leggera deviazione, Caprioli al 32’: il risultato non cambierà più.

La Civitanovese sfata l’ennesimo tabù ed inizia ad assaporare l’aria dell’alta classifica.

 

PAGELLA D'ORO_DEF_LOCANDINAIL GIORNO DELLA PAGELLA D’ORO

Il Direttore del Sole 24 Ore Napoletano ospite della cerimonia

FERMO-Si terrà oggi 21 novembre alle ore 10.00 presso il Teatro dell’Aquila di Fermo la 52a edizione della Pagella d’Oro, ambito riconoscimento della Carifermo Spa e della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo.

L’ospite dell’edizione numero cinquantadue sarà Roberto Napoletano, Direttore del Sole 24 Ore. Napoletano proporrà alla platea una lezione magistrale su “Viaggio in Italia. Inventiamoci un futuro” traendo spunto dal suo ultimo saggio e rispondendo a domande e riflessioni provenienti da alcuni studenti delle scuole medie di secondo grado presenti in platea.

Napoletano è direttore de Il Sole 24 Ore (dal 24 marzo 2011), dell’agenzia di stampa Radiocor, dell’emittente Radio24 e di tutte le testate professionali (dal 19 giugno 2013). E’ inoltre Direttore Editoriale del Gruppo 24 ORE (dal 1° marzo 2012).

I presidenti della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo Alberto Palma e della Carifermo Spa Amedeo Grilli daranno il benvenuto ai 120 ragazzi provenienti dalle scuole dei comuni delle province di Fermo, Ascoli Piceno, Macerata, Ancona e Teramo, dove la banca è presente con sue filiale. Gli studenti, accompagnati dai dirigenti scolastici e dagli insegnanti, saranno chiamati sul palco dove ritireranno il premio.

La Pagella d’Oro è stata ideata il 31 ottobre del 1962 dall’istituto fermano per celebrare la Giornata del Risparmio, iniziativa organizzata annualmente dall’Acri – Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa ed istituita nell’ottobre del 1924 in occasione del 1° Congresso Internazionale del Risparmio.

I 120 ragazzi, segnalati dagli organi scolastici come migliori per “per profitto, capacità ed impegno”, riceveranno in dono una somma in danaro messa a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, alcune pubblicazioni e cd editi dalla Carifermo Spa. La 52a edizione della Pagella d’Oro è meno colorata di rosa rispetto alle precedenti. Infatti su 120 Pagelle d’Oro il 53% è rappresentato da ragazze (il 62% nel 2013 e nel 2012).

Alcune curiosità tra i premiati. La famiglia Romanelli di Ponzano di Fermo festeggia la Pagella d’Oro per due anni di seguito. Lo scorso con Chiara e quest’anno con Caterina.

La famiglia Conti di Torre San Patrizio ricorderà invece con particolare orgoglio la giornata del 21 novembre. Camilla riceverà la Pagella d’Oro per la scuola secondaria di primo grado di Torre San Patrizio, mentre contestualmente il fratello Carlo, Pagella d’Oro nel 2006, si laureerà in economia all’Università Bocconi di Milano. Diverse anche le esperienze che gli studenti premiati stanno già facendo all’estero, come Marco Narcisi, in Slovenia per uno stage.

Sulla pagina facebook “pagelladoro” è possibile postare foto e commenti sulla cerimonia. Cliccando “mi piace” sulla pagina e segnalando aneddoti, anche delle passate edizioni, si darà la possibilità a tutti di condividere emozioni e curiosità dello storico premio.

 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  
Annunci