You are currently browsing the monthly archive for luglio 2016.

ANCONA–Nell’incantevole scenario di Marina Dorica si è svolta sabato scorso ad Ancona, una delle tappe regionali del concorso più storico della nostra nazione dedicato alla bellezza femminile, quello appunto di Miss Italia.

Vincitrice della tappa dorica la 18enne Angela Crescenti di Falconara Marittima che con la fascia di Miss Alpitour Marche accede di diritto alle pre-finali nazionali di Jesolo

Angela è quindi una delle nove bellezze marchigiane che rappresenterà’ la nostra regione alle fasi prefinali del concorso.

Ben 19 le miss partecipanti alla tappa dorica provenienti da ogni parte della regione.

Seconda classificata, con la fascia di Miss Rocchetta Bellezza, Martina Guerra di Pedaso, Miss Alpitour terza classificata Elena Caputo di Civitanova Marche.

Quarto posto ed ottiene la fascia di Miss Tricologica Sofia Merli di Sirolo, quinto posto e la fascia di Miss Interflora ad Asia Patarca di Sant’Elpidio a Mare, sesto posto con la fascia di Miss Dermal Institute a Sara Barbatelli di Treia. La fascia di Miss Marina Dorica è andata a Lucia Giacomucci di Agugliano mentre la fascia di Miss Pasta di Camerino alla Civitanovese Rosa Setola.

Conduttore della serata l’eccellente Marco Zingaretti, presentatore ufficiale del concorso per la regione Marche. L’organizzazione è stata curata dall’Agenzia Pai e dalla Relife Servizi di Giuseppe Filloramo. insieme al consiglio di amministrazione di Marina Dorica, rappresentato in giuria dai componenti Silverio Dorsi, Giuseppe Mascino e dal Presidente Moreno Clementi, che ha svolto la funzione di presidente di giuria.

Il Presidente ha ringraziato le aspiranti Miss per la loro partecipazione evidenziando che “la loro più autentica bellezza sta nella capacità di rincorrere un sogno e nell’impegno profuso per realizzarlo” e che “ogni adulto che incontra il loro sguardo, viene fortemente richiamato alla propria responsabilità di dare ogni possibile e personale contributo per realizzare le condizioni perché i sogni di queste ragazze, passando per il loro impegno, possano un giorno diventare realtà concrete”.

Anche l’Amministrazione Comunale, rappresentata dall’Assessore alla Cultura e Turismo Paolo Marasca, ha voluto partecipare a quello che é ormai diventato un appuntamento fisso nell’Estate di Marinadorica.

Annunci

PESARO–Nell’ambito dell’operazione di polizia marittima denominata “Mare Sicuro 2016” il personale militare della Guardia Costiera di Pesaro e Gabicce Mare, ha proceduto al sequestro di quattro costruzioni abusive, realizzate prevalentemente in legno, posizionate ai piedi della falesia del Parco Naturale del Colle San Bartolo, circa 200 metri più a nord dal porticciolo turistico di Baia Vallugola all’interno del territorio comunale di Gabicce Mare.

Le costruzioni in parola sono state realizzate in una zona demaniale marittima interdetta per il pericolo di frane (poiché posta proprio sotto la falesia attiva) ove sono vigenti appositi divieti di transito, campeggio e balneazione.

Per quanto sopra, le pattuglie della Guardia Costiera hanno proceduto al sequestro penale delle strutture che, oltre a causare il deturpamento del meraviglioso contesto ambientale del Parco Naturale del Colle San Bartolo, occupavano abusivamente una superficie demaniale marittima di circa 105 metri quadrati. Basti pensare che la struttura più grande presentava una rudimentale copertura in legno e custodiva all’interno lettini e suppellettili.

Si ricorda che il Colle San Bartolo è un elemento di elevatissima valenza naturalistica, censito all’interno della “Rete Natura 2000” del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed inserito in apposito elenco, per le sue peculiarità di conservazione della flora e della fauna, quale “Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale” ai sensi della Direttiva Habitat della Comunità Europea.

Dell’attività svolta dalla Guardia Costiera, a tutela dell’ambiente, è stata informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pesaro per le conseguenti attività giudiziarie.

L’attività posta in essere dai militari della Guardia Costiera ha anche il fine di garantire la sicura fruizione del litorale da parte di tutti i cittadini e dei turisti che, ignari dell’alto rischio ovvero non curanti dei divieti, potrebbero essere attratti a trascorrere del tempo in luoghi pericolosi per frane della falesia.

“Gli uomini e le donne della Guardia Costiera” – ha sottolineato il Comandante del Porto di Pesaro Capitano di Fregata (CP) Angelo CAPUZZIMATO – “proseguiranno incessantemente nell’effettuazione di controlli sul demanio ed in mare, con il fine di salvaguardare la vita umana, la sicurezza della navigazione e la tutela dell’ambiente marino e costiero”.

Ad “Altair 3” l’altro Challenge “Città di Civitanova Marche”, riservato al primo in tempo reale
Domani alle 10.30 una costiera nell’arcipelago di Sebenico

SEBENICO (Croazia), 1 luglio 2016. Se “Altair 3” (Sandro Paniccia) è stato il più veloce delle 28 imbarcazioni che hanno partecipato alla 16^ “Regata internazionale Civitanova – Sebenico”, aggiudicandosi così il Challenge “Città di Civitanova Marche”, la classifica in tempo compensato ha premiato la brillante performance di “Adrenalina a mille” (B. Bucciarelli), che guida la classifica provvisoria della manifestazione e si porta a casa il Challenge “Città di Sebenico”, precedendo “Altair 3” e “Folgore” di Piero Paniccia (leader nel raggruppamento B, in cui corrono gli scafi da regata più piccoli).

Degno di nota anche il 4° posto assoluto (primo fra le “Gran Crociera”) di “Vittoria” (Giorgio Paolucci), mentre “Illumia44” del navigatore oceanico Michele Zambelli è 15° assoluto (sesto nel raggruppamento B): “La nostra barca non ha trovato condizioni ideali, essendo progettata per le andature portanti – il commento del minista forlivese – La performance di oggi non è positiva in ottica Ostar, lo è invece per lo sviluppo dell’attività formativa della Tribù del Vento. Ho gareggiato insieme a 3 allievi della mia scuola, al debutto nella navigazione di alto mare. L’Adriatico non è l’Oceano, si sa, ma è un mare difficile e pieno di insidie che può insegnare tanto in termini di crescita tecnica e umana. Una ricorrente criticità? La bonaccia con cui anche noi abbiamo combattuto a poche miglia dalla costa croata, un duro banco di prova per la nostra resistenza”.

Nel frattempo, è approdata nel porto di San Benedetto del Tronto la barca di Marianna De Micheli, madrina di questa edizione della regata. L’attrice-autrice e velista, impegnata nella circumnavigazione dell’Italia in barca a vela con la sola compagnia del suo gatto, è stata ospite del Club Vela Portocivitanova mercoledì e giovedì scorsi, incontrando velisti e curiosi per promuovere il suo ultimo libro “Centoboline”.

Il programma prosegue questa sera con il gala nell’esclusiva cornice dell’Hotel Jadran, durante il quale si svolgeranno la premiazione della regata offshore e la sfilata Brosway, marchio leader nella produzione di gioielli fashion che omaggierà con dei preziosi i primi classificati nella prova lunga. Domani alle 10.30 è previsto il segnale di partenza della consueta “Regata tra le isole” dell’arcipelago di Sebenico mentre alle 21 tornerà la mondanità con un dinner informale, organizzato nella suggestiva Fortezza Barone, in cui sarà possibile gustare dell’ottima carne croata alla griglia, ammirando l’esclusiva veduta della città medioevale dall’alto, illuminata dallo spettacolo pirotecnico per la chiusura del (concomitante) “Festival del Bambino”.

CIVITANOVA–”C’è una evidente manovra di svilimento della sanità nell’area della provincia maceratese, alla quale non assisterò inerme, anzi intendo intraprendere ogni azione possibile, anche clamorosa, e credo che lo stesso faranno anche gli altri colleghi sindaci”. Lo afferma il Sindaco Dr. Claudio Tommaso Corvatta. “Il piano di riordino della rete clinica ipotizzato dalla Regione Marche prevede – stigmatizza – misure inaccettabili per l’Ospedale di Civitanova Marche. Verrà meno infatti l’unità operativa complessa di Pediatria, cioè verrà tagliato il primario del reparto; ci verrà tolta l’unità semplice di ematologia e non ci verrà concessa quella di fisiatria, che invece era stata promessa ormai da tempo. Non è un discorso di campanile per la struttura civitanovese, perchè è l’intera Area Vasta 3 ad uscire impoverita”.

“All’Ospedale di Macerata, ad esempio, viene preferito quello di Ascoli Piceno per la chirurgia vascolare – puntualizza il Dr. Corvatta – nonostante il nosocomio maceratese avesse tutte le carte in regola per ospitarlo. Sono tagli e ridimensionamenti immotivati che colpiscono l’intera provincia ed i suoi cittadini. Una scelta che ritengo scandalosa, anche perchè va a tagliare le ali alle vocazioni migliori della nostra sanità”.

“Alla luce di un piano di riordino del genere, parlare di Ospedale unico, tema sul quale la Conferenza dei sindaci dell’Area vasta 3 è chiamata a confrontarsi venerdì 1 luglio 2016, è una evidente presa in giro. E’ impensabile ragionare su un nuovo ospedale da costruire nei prossimi anni o decenni, quando ora si scava la fossa e si frantumano le fondamenta dell’attuale assetto sanitario del territorio”.

“Se dei tagli debbono essere effettuati – argomenta ancora Corvatta – esistono modalità differenti e senza dubbio più efficaci di contenimento della spesa. Penso ad una migliore e più funzionale organizzazione dei Poliambulatori nell’area montana, penso alla previsione di sinergie tra gli Ospedali di Civitanova e Macerata e quello che verrà costruito a Fermo come struttura di rete dell’Area vasta 4. Così com’è, questo piano di riordino non passerà – conclude il Sindaco di Civitanova – a costo di restituire la fascia di sindaco per protesta. Auspico un ravvedimento della Regione, anche perchè dubito fortemente che troveranno in tutta la provincia di Macerata un solo sindaco concorde con questo riordino della rete clinica”.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031