Per i settant’anni della più importante Agenzia giornalistica d’Italia, Carlo Gambalonga ha pubblicato l’interessante volume “Casa Ansa” (Ed. Centro di Documentazione Giornalistica), un libro dANSA.CASA ANSA-gambalonga_0i riferimento per chi si occupa di media, giornalismo e democrazia. Carlo Gambalonga lavora all’Ansa dal 1976, per cui conosce come pochi ogni angolo e ogni redazione della più grande ed autorevole agenzia di stampa italiana, dove ha ricoperto l’incarico di vicedirettore vicario, prima con Pierluigi Magnaschi e poi con Giampiero Gramaglia e Luigi Contu, dopo essere stato per dieci anni coordinatore delle sedi regionali e, nella fase iniziale, del notiziario Ansamed. Gambalonga ha ottenuto anche prestigiosi riconoscimenti, come il Premio Ischia nel 2007, quale migliore giornalista dell’anno. È stato altresì autore di tre libri: “Cinema fermo posta”, “Il signore delle nascite”, “AIDS come combatterla”. La prefazione del libro è stata scritta da Giulio Anselmi che definisce l’Ansa “colonna vertebrale della nostra cronaca contemporanea”, sempre in prima fila nel quotidiana attività di informazione del sistema, con la crescente rapidità che internet ha imposto. “I giornalisti dell’Ansa – scrive Anselmi – hanno sempre lavorato tenendo presente i principi statutari della libertà ed indipendenza, che aveva ispirato nel 1945 i promotori dell’agenzia.”
Annunci