La Guardia Costiera di Pesaro ha prestato soccorso, nel primo pomeriggio di Ferragosto, a due diportisti che sono incorsi in un sinistro marittimo alle pendici del Monte San Bartolo.

Alle ore 15:26 perveniva una segnalazione, tramite Numero Blu 1530, alla Sala Operativa della CapIncaglioDiportoitaneria di Porto di Pesaro, relativa alla presenza di una imbarcazione da diporto sotto la falesia del monte, nei pressi della località denominata “La Croce”, molto vicina alla costa e con evidenti difficoltà di manovra.

Scattavano immediatamente le operazioni di ricerca e soccorso da parte dei mezzi nautici della Guardia Costiera che, in breve tempo, raggiungevano l’imbarcazione e constatavano che la stessa si era “incagliata” su un basso fondale, per cause in corso di accertamento. A bordo della stessa vi erano i due membri dell’equipaggio, coniugi provenienti dalla provincia di Perugia, che venivano presi a bordo di una motovedetta e portati in salvo nel porto di Pesaro.

Successivamente avevano inizio le operazioni di disincaglio dell’unità, che si protraevano fino a tarda notte. Con l’ausilio del Personale e delle attrezzature in dotazione ai Vigili del Fuoco chiamati ad intervenire sull’unità incagliata, si riusciva infine a recuperare l’imbarcazione da diporto che, assistita dai mezzi della Guardia Costiera e dei Vigili del Fuoco, poteva far rientro in porto ed ormeggiare al sicuro.

La tempestività e la professionalità degli uomini della Guardia Costiera e dei Vigili del Fuoco hanno determinato il successo delle operazioni di soccorso e di recupero dell’unità, a salvaguardia della vita umana in mare e tutela dell’ambiente.

Ricordiamo che In caso di emergenza in mare, bisogna chiamare il Numero Blu della Guardia Costiera, ovvero il  1530

Annunci