CIVITANOVA–”La continua ricerca” di Franco Morresi: questo il titolo della mostra antologica dedicata dalla città di Civitanova ad uno dei suoi artisti migliori (MORRESI-PAPETTI-4308nel 1982 ha esposto alla Biennale di Venezia), che attraverso 33 opere, in gran parte di grande formato, documentano il suo itinerario pittorico. Molto belli i suoi quadri relativi al paesaggio marchigiano, mentre il presentatore della mostra, Prof. Stefano Papetti (che ha curato anche il catalogo), ha sottolineato l’alternarsi fra momenti di serenità a quelli i cui quadri documentano sofferenza e dolore. Fatto sta che dal 1970 (anno della sua prima mostra alla Galleria Annibal Caro) ad oggi l’artista civitanovese, che ha esposto in molte gallerie d’Italia, ha maturato il suo significativo percorso artistico, sfoderando una forza comunicativa indubbia. Al taglio del nastro erano presenti il Sindaco, Dr. Claudio Tommaso Corvatta, e tanti amici di Morresi e quanti in città amano  la pittura. Il critico Papetti ha inquadrato la pittura dell’artista nella cornice cittadina, che ha fatto registrare dagli anni cinquanta in poi tanti stimoli per la presenza MORRESI-4404in riviera, specie d’estate, di pittori come Cantatore, Ciarrocchi, Monachesi, il collezionista Luciano Moretti, che poi ha donato alla comunità civitanovese la Pinacoteca, oggi sita in Corso Annibal Caro. Una atmosfera di fervore, che ha contribuito a sprovincializzare il nostro ambiente. Effettuati gli studi all’Accademia di Belle arti di Macerata, quando era direttore il grande Remo Brindisi, Morresi era già stato omaggiato con una antologica da Civitanova nel 1982. Nei due anni successivi ha esposto a Bologna, Ferrara, Trento, Bergamo e Brescia. Nel 2000 una mostra gli è stata dedicata nel prestigioso palazzo Servanzi-Confidati di Sanseverino Marche. Nel biennio 2004-2005 Morresi ha svolto anche attività di direttore artistico della Galleria Foresi, sotto i portici di Palazzo Sforza, in Piazza XX Settembre.  Ha lanciato in estate anche l’idea delle mostre di pittura in Galleria, nell’omonimo Palazzo al centro città, punto d’incontro culturale, commerciale e del tempo libero.  La mostra di Morresi è stata fortemente voluta, unitamente al Comune,  dall’Associazione MORRESI-GENTE-4332Arte, di cui è energica animatrice Anna Donati, che riunisce ben 280 soci, che ha al suo attivo anche i riuscitissimi “Martedì dell’arte”, che si tengono ormai da diversi anni presso la Sala Consiliare. 

Annunci