CASETTE D’ETE (SANT’ELPIDIO A MARE)- Dopo sette secoli, tornano i Monaci Benedettini nella Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti, una delle strutture benedettine più importanti delle Marche, per celebrare una messa solenne in canto gregoriano ‘dedicata’ proprio a Santa Croce. E’ l’ennesima operazione culturale promossa dall’associazione Santa Croce che, grazie alla immediata disponibilità dei monaci benedettini di Norcia che hanno accolto con entusiasmo la proposta, ha potuto realizzare l’evento nella basilica di Santa Croce.

Cinque i benedettini (età media 35 anni) del Santuario di Norcia che celebreranno la Missa Sollemnis in Inventione Sanctae Crucis: una celebrazione interamente in latino sottolineata dai canti gregoriani che trasmetteranno emozioni uniche e profonde ai presenti.

La musica per la vita monastica è una parte essenziale delle nostre preghiere – dicono i Monaci -. Il canto fa parte dell’aria che respiriamo e data la frequenza con cui lo pratichiamo, per noi è naturale”. E’ stato firmato da poco un contratto con la Casa discografica De Montfort Music per incidere il loro primo cd internazionale, una registrazione dei loro canti gregoriani classici che sarà in vendita da giugno.

In occasione della loro presenza a Santa Croce, infine, porteranno la birre Nursia, prodotta nel birrificio interno al monastero secondo la tradizione antica dei monaci. “E’ anche questo un modo per fare evangelizzazione”.

 

Annunci