You are currently browsing the monthly archive for aprile 2015.

CASETTE D’ETE (SANT’ELPIDIO A MARE)- Dopo sette secoli, tornano i Monaci Benedettini nella Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti, una delle strutture benedettine più importanti delle Marche, per celebrare una messa solenne in canto gregoriano ‘dedicata’ proprio a Santa Croce. E’ l’ennesima operazione culturale promossa dall’associazione Santa Croce che, grazie alla immediata disponibilità dei monaci benedettini di Norcia che hanno accolto con entusiasmo la proposta, ha potuto realizzare l’evento nella basilica di Santa Croce.

Cinque i benedettini (età media 35 anni) del Santuario di Norcia che celebreranno la Missa Sollemnis in Inventione Sanctae Crucis: una celebrazione interamente in latino sottolineata dai canti gregoriani che trasmetteranno emozioni uniche e profonde ai presenti.

La musica per la vita monastica è una parte essenziale delle nostre preghiere – dicono i Monaci -. Il canto fa parte dell’aria che respiriamo e data la frequenza con cui lo pratichiamo, per noi è naturale”. E’ stato firmato da poco un contratto con la Casa discografica De Montfort Music per incidere il loro primo cd internazionale, una registrazione dei loro canti gregoriani classici che sarà in vendita da giugno.

In occasione della loro presenza a Santa Croce, infine, porteranno la birre Nursia, prodotta nel birrificio interno al monastero secondo la tradizione antica dei monaci. “E’ anche questo un modo per fare evangelizzazione”.

 

mauriziTONINO-CIVITANOVA – Verrà inaugurata domani 24 aprile 2015  nello Spazio Multimediale San Francesco a Civitanova Alta alle ore 18 la mostra L’arte della Meraviglia, dell’artista marchigiano Tonino Maurizi. Organizzata con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e Turismo e dei Teatri di Civitanova, è curata da Paola Ballesi in collaborazione con la Pinacoteca Civica Marco Moretti, e sarà aperta al pubblico fino al 24 maggio 2015.

Novanta opere tra dipinti, sculture, acquarelli, disegni e collages, raccontano una storia lunga sessant’anni fatta di lavoro e di entusiasmo, di fatica e audacia, di slanci appassionati e di concretezza, di visioni immaginifiche divenute realtà e terreno propizio per la felice congiunzione di arte e artigianato secondo il dettato del Bauhaus che Tonino Maurizi ha fatto proprio attraverso l’originale interpretazione di Ivo Pannaggi, l’artista maceratese eletto fin dai banchi di scuola a suo maestro di vita.
Una storia che ha avuto inizio dalle suggestioni ricavate dal ‘sapere della mano’ nella falegnameria paterna e dalla eccellente formazione ricevuta all’Istituto d’arte di Macerata, allora presieduto da Renzo Ghiozzi (in arte Zoren), da insegnanti di indubbio spessore quali Guglielmo Ciarlantini, Vincenzo Monti, Nino Ricci, Marone Marcelletti, Paolo Magri-Tilli e Alberto Sensini. Un ambiente stimolante grazie anche a compagni di scuola come Valeriano Trubbiani, Danilo Bergamo, Silvio Craia, Paolo Gubinelli, Giorgio Cegna, Guido e Carlo Bruzzesi, Cecco Bonanotte, Dante Ferretti e altri ragazzi di talento che avrebbero avuto importanti affermazioni nel mondo dell’arte. “Presentiamo il meglio della produzione di Maurizi – ha affermato la direttrice della Pinacoteca Enrica Bruni, durante la conferenza stampa a cui hanno partecipato anche l’assessore Giulio Silenzi, l’artista e la curatrice Paola Ballesi -. Intendiamo valorizzare il genio locale, apriamo quindi una finestra su quelle che sono le eccellenze di Civitanova Marche”.
Segnata in gioventù da grande irrequietezza, l’avventura di Tonino Maurizi prosegue con il viaggio sulle orme di Pannaggi, quando non ancora maggiorenne lascia il suo paese verso la Svizzera, la Francia e il Nord Europa, con l’intenzione di acquisire alla fonte le tendenze artistiche del contemporaneo, carpirne i segreti e condividerne i fascinosi ideali. Ideali che lo introducono al design industriale e del prodotto, alla funzionalità dell’oggetto e alla decorazione degli interni sconfinando dalla progettazione dello spazio verso la scenografia e la moda.
Ma è nella Milano della fine degli anni ‘50 che la frequentazione con artisti e studenti che gravitano attorno all’Accademia di Brera gli spalanca il mondo della neoavanguardia dove respira il clima trasgressivo e alchemico dell’arte che rivoluziona la vita tracciandone nuove coordinate di riferimento suggerite dalle sperimentazioni più spericolate ed azzardate del movimento spaziale, nucleare e di altri giovani artisti che operavano nello spazio espositivo Azimut.
Le molteplici e varie esperienze giovanili che nei primi anni ’60 lo portano ad esporre le sue opere in tutt’Italia, sono anche la linfa vitale della sua attività imprenditoriale che nel giro di pochi anni trasforma la bottega del padre in un’azienda-laboratorio in cui poter pensare, disegnare, progettare e realizzare il nuovo modo di abitare e di vivere la casa creando mobili, oggetti, sculture dalle linee pulite, essenziali, e dipinti dettati da istintività espressiva, pieni di colore.
Da circa un ventennio accanto all’impegno aziendale ha ripreso a svolgere un’intensa attività espositiva soprattutto all’estero a cominciare nel 2008 da Pechino, alla Collettiva Olympic Fine Arts Beijing organizzata in occasione dei Giochi Olimpici, e Dhaka, alla 13th Asian Art Biennale Bangladesh, e di recente nel giugno 2014 a Beirut all’International Banner Art Exhibition, in ottobre in Malaysia alla Langkawi Art di Kuala Lumpur e a Macerata, in chiusura d’anno, con una personale organizzata dall’associazione Brigata Amici dell’Arte presso la Galleria Terraferma.
La declinazione del neoespressionismo astratto è la cifra della sua pittura, che, forte di una potente gestualità di marca informale, si avvale di spatolate veloci, immediate, assestate come fendenti senza ripensamenti sulla tela o sulla tavola per far rutilare il pigmento in fantasmagorie di forme e colori che appaiono all’improvviso, pronte a stupire sul crinale del visibile. Così la sua energia creativa alimentata dal sacro fuoco, riservato a pochi eletti, di chi non smette mai di meravigliarsi e meravigliare produce un segno impulsivo e gestuale che, sia che faccia esplodere il colore come un fuoco d’artificio, sia che imbrigli la materia nei volumi delle forme, ogni volta puntualmente mette in scena l’arte della meraviglia.
La mostra rimarrà aperta al pubblico dal 24 aprile al 24 maggio tutti i fine settimana (incluso il primo maggio), dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Nella foto da sinistra Bruni, Maurizi, SIlenzi e Ballesi

CIVITANOVA–Sabato 25 aprile, alle ore 21.30, in occasione della Festa della Liberazione, il Teatro “Annibal Caro” di Civitanova Marche Alta ospiterà “La Notte di San Giovanni”, un progetto teatrale che concluderà la rassegna “Ciao Bella – Settimana della Resistenza” promossa dal Comune di Civitanova Marche.POLLENZA-LIBERAZIONE-foto scena

Il progetto nasce dopo un anno di ricerca sulle memorie della Resistenza nella zona dell’alta provincia di Macerata e del Camerinese; si tratta di uno spettacolo inedito, basato sulla fusione tra parola e musica, interpretazione scenica e paesaggi sonori.

Attraverso la ricostruzione dei principali momenti della Guerra di Liberazione e dei fatti più drammatici che hanno segnato i mesi dell’occupazione nazifascista in questa zona d’Italia, “La Notte di San Giovanni” vuole tornare ad indagare gli anni della Resistenza senza POLLENZA-foto notte san giovanni (2)retorica né revisionismi, ripartendo dall’attualità di episodi minuti, eppure radicati nella storia dei luoghi che li hanno ospitati e nella memoria di chi ancora oggi li abita, per arrivare, attraverso la riscoperta della storia da cui proveniamo, a suscitare nuove domande e nuove emozioni, costruendo un ponte tra il passato di 70 anni fa ed oggi.

Ad impreziosire e completare la narrazione scenica dei due attori Monica Belardinelli e Massimo Roberto Beato, sarà la ricerca musicale realizzata dalla cantautrice Serena Abrami e da Enrico Vitali, a partire da canzoni originali della Resistenza e da brani di gruppi (come Csi e Marlene Kuntz), che hanno segnato il rock d’avanguardia italiano dell’ultimo quindicennio.

Il progetto si avvale della collaborazione delle sezioni Anpi di Pollenza e di Camerino, che hanno fornito un fondamentale supporto alla ricerca storiografica e un indispensabile sostegno organizzativo, del sostegno e del patrocinio del Comune di Pollenza, nonché della partecipazione dell’associazione fotografica “Isovraesposti”, che ha selezionato tramite un concorso la foto della locandina dello spettacolo e che realizzerà le foto di scena.

Il costo del biglietto di ingresso è 1 euro, che verrà destinato all’Emporio della Solidarietà.

Dal 25 al 29 agosto al Club Vela si svolgerà il Campionato Italiano Assoluto di Vela d’Altura

CIVITANOVA–Civitanova Marche ospiterà dal 25 al 29 agosto 2015 prossimi il Campionato Italiano assoluto di Vela d’Altura, il più importante evento agonistico per le competizioni tra imbarcazioni di serie, che assegnerà i titoli italiani ORC International assoluti e di categoria.

Ad annunciare la manifestazione è il Club Vela Portocivitanova, che ccivitanova spiaggia-aerea-(7)o-organizzerà la manifestazione insieme alla Federazione Italiana Vela (FIV) e all’Unione Italiana Vela d’Altura (UVAI).

Mentre in città si è già messa in moto la macchina organizzativa dell’evento che porterà oltre 500 velisti tra i migliori del panorama internazionale e quasi 50 scafi nel porto civitanovese, la Regione Marche, il CONI Marche e il Comune hanno assegnato i rispettivi patrocini.


Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
aprile: 2015
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930