COSA FA L’AMMINISTRAZIONE PER EVITARE LE OCCUPAZIONI ABUSIVE?

di Fabrizio Ciarapica 

“La notizia apparsa stamane, circa l’occupazione abusiva di un appartamento in zona San Marone, rispolvera un tema importante e attuale comeCIARAPICA FABRIZIO-_n il diritto all’abitazione, sacrosanto, ma senza mai trascendere nell’illegalità. Le istituzioni hanno un ruolo e un obbligo preciso nel favorire le condizioni ideali affinché la casa sia una certezza per tutti i cittadini; da una parte non tartassando chi con sacrificio l’ha costruita o acquistata e dall’altra mettendo in atto politiche sociali adeguate per aiutare chi invece non può permettersela.

Purtroppo a Civitanova, il Sindaco la pensa diversamente, non solo per le aliquote IMU, le più alte d’Italia, ma soprattutto perché, il primo atto del suo mandato, fu proprio la requisizione di un alloggio pubblico, pratica al limite della legalità, a favore di una famiglia da poco arrivata in Città, scavalcando chi invece da anni aspettava in graduatoria il proprio turno.

Come se non bastasse ha sfrattato la storica Scuola di Recitazione Cecchetti, in zona Piane Chienti (già scuola elementare, ndr) per ospitare un centro sociale di sinistra, già condannato per occupazione abusiva. Per finire, ci spieghi per quale motivo i 26 alloggi della residenza studenti-anziani, non sono stati ancora assegnati, nonostante siano ultimati da oltre due anni e per i quali il Comune sta versando da tempo 200.000 euro l’anno come canone di leasing, che si aggiungono ai 600.000 euro di contributo sul fotovoltaico perso da questa Amministrazione per una dimenticanza.

Caro sindaco, lei non solo sta sprecando risorse pubbliche, ma sta dando esempi molto negativi, di come le regole non vadano rispettate, e quando poi succedono fatti come questo, non può avere la coscienza pulita”.

Annunci