CIVITANOVA MARCHE – Il derby è nell’aria. E’ bastato oggi fare un giro per le strade, in prossimità ed anche oltre lo Stadio, per rendersene conto.

Striscioni, cartelli, bandiere: la Civitanova rossoblu è pronta, come dimostra anche la massiccia affluenza dei tifosi ai vari punti di prevendita – tagliandi per l’attesissima sfida di domani contro la Maceratese (in occasione della quale, si ricorda ancora una volta, tutti i botteghini rimarranno chiusi).Mecomonaco pre-derby

Anche mister Mecomonaco, atteso dai cronisti in conferenza stampa per il tradizionale appuntamento che precede ogni incontro, è apparso pronto:

« Sogno di dare una grande gioia a questo pubblico di Civitanova – le sue prime parole – che nelle prime due gare e soprattutto in questi ultimi giorni ci ha dimostrato un calore ed un attaccamento fuori dal comune. Inutile nascondersi, io e tutti i ragazzi teniamo in maniera particolare a ripagare questo grandissimo affetto da cui su ogni fronte siamo stati “investiti”, stringendo ancora di più il magnifico rapporto che già sembra essersi creato tra tifosi, squadra, città e società. Il mio obiettivo è dunque vincere e convincere, facendo magari una grande prestazione: sotto il punto di vista dell’impegno so che i miei ragazzi come sempre daranno fino all’ultimo secondo il loro massimo per portare a casa l’intera posta. Sarà l’atteggiamento mentale, secondo me, a fare la differenza: essendo un derby può succedere di tutto, ed a volte sono i singoli episodi a decidere gare come queste, ma la determinazione e la serenità che in settimana si è cercato di trasmettere loro sono condizioni imprescindibili per affrontare un’attesa del genere nel migliore dei modi».

Nella lista dei convocati pre-derby (Agresta, Amodeo, Aquino, Bensaja, Cossu, Degano, Della Penna, Ferrini, Ficola, Forgione, Gialloreto, Giovino, Margarita, Massaccesi, Mengali, Mioni, Morbiducci, Pintori, Ruzzieri, Silvestri, Terlino, Vignieri), una gradita sorpresa, il ritorno a disposizione di Morbiducci, che, da civitanovese doc, non può che “sentire” in maniera particolare l’impegno alle porte: il suo pieno recupero sarà graduale, ma finalmente “il capitano” sembra aver messo alle spalle l’importante infortunio occorsogli nella scorsa stagione. «I ragazzi stanno tutti bene, abbiamo preparato l’appuntamento meticolosamente, come al solito sarà la notte che viene a darmi le ultime indicazioni: di certo l’assetto abituale non verrà smantellato, noi proveremo ad esprimere il nostro consueto gioco. A chi mi dice – prosegue il Mister – che i nostri avversari sono favoriti, posso solo rispondere che i derby sono partite a sé, in cui la classifica non conta, nei quali, molto più che i programmi, è la singola giocata a essere spesso determinate. Conosco pregi e punti deboli della Maceratese, l’ho già vista giocare: il loro 4-3-3 sui generis dà il meglio nelle ripartenze e più che fare la partita punta molto sull’errore altrui. Sono sicuro che magari non ci saranno tantissime occasioni da gol, ma gli spunti interessanti non mancheranno».

«Noi tutti vorremmo onorare questo appuntamento nel migliore dei modi: viverlo da dentro dà emozioni fortissime, attendiamo questa sfida con il giusto equilibrio, senza avvertirne negativamente la tensione. L’entusiasmo non ci manca: più di ogni altra cosa sono sicuro che vincere ci darebbe una molla ed uno stimolo in più per continuare ad impegnarci e a lavorare bene, come dal primo giorno ognuno di noi qui sta facendo – conclude Mecomonaco a ventiquattr’ore dal big match – ma ancor più di questo, ciò che conta per me è ripagare questa piazza straordinaria con uno spettacolo pari all’attaccamento che ogni giorno i tifosi ci stanno dimostrando».

Che derby sia, allora: non una partita, ma La Partita, si suole dire.

La Civitanovese ancora una volta è pronta ad appassionare il suo pubblico.

                               

Annunci