Il Presidente Santori: “Farò presentare un’interpellanza parlamentare contro gli embarghi verso i russi”

MILANO–“Il mercato interno ha la necessità di ripartire, non possiamo solo contare sulle commesse provenienti dall’estero. Non possiamo parlare di made in Italy se poi la politica nazionale non si adopera per difenderlo”. E’ quanto dichiarato dal Presidente di Confindustria Fermo Andrea Santori al Micam di Milano che ha vissuto la sua terza giornata. “E’ vero che l’export garantisce il 60-70% del fatturato delle nostre aziende, ma non possiamo dimenticare che il restante 40% di prodotto destinato al mercato italiano garantirebbe reddito, sviluppo e soprattutto occupazione. La Confindustria nazionale sta facendo pressione affinchè il Governo metta al più presto in agenda la questione della tutela del made in Italy per far ripartire l’economia italiana. Per questo ha chiesto un incontro con il consigliere sulle politiche comunitarie del Presidente Renzi Enzo Moavero, già Ministro per gli Affari Europei, perché l’Esecutivo tratti prima possibile questo argomento che per noi è prioritario. Sul fronte anti contraffazione e obbligatorietà dell’etichetta del Paese di origine sappiamo che Assocalzaturifici ha ottenuto uno straordinario risultato con l’approvazione del relativo articolo al Parlamento europeo. Ora la questione dovrà essere approvata dal Consiglio possibilmente ed inderogabilmente durante il semestre italiano di Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea. Su questo ci ha supportato alacremente Luisa Ferrarini che ringraziamo. E per scongiurare altri ed eventuali embarghi russi contro i prodotti dell’Ue, al termine del Micam, dopo aver raccolto i dati finali, chiederò al deputato Laura Ricciatti, membro della Commissione Attività Produttive della Camera, di presentare un’interpellanza parlamentare”.

E dal Micam, dove in questi giorni ha operato anche uno stand di Confindustria Fermo che ha assistito le imprese e che ha fornito servizi ai visitatori come informazioni sulla collocazione delle aziende e materiale turistico-informativo, il Presidente Santori lancia un altro messaggio: “La formazione è un investimento contro la crisi, lo testimoniano i sorprendenti risultati dell’Its e dei suoi corsi, Its che con tre suoi studenti dei corsi di Civitanova Marche e di Fermo è anche partner di un interessante progetto di e-commerce denominato “Shusala” che vede insieme aziende calzaturiere e negozi di abbigliamento. E ancora la fabbrica pilota per le calzature e la prossima fabbrica pilota dei cappelli: iniziative che saranno in grado di dare sbocchi occupazionali ai giovani oltre che idee e novità al nostro territorio”.

 

 

Annunci