CIVITANOVA MARCHE – Oggi ultimo sabato di lavoro al “Comunale” di Campo di Giove, che si è chiuso con una sgambatura a ranghi contrapposti, sotto i sempre vigili occhi di mister Mecomonaco e del proprio staff tecnico.Riccardo Cossu

Domani i rossoblu si trasferiranno a Popoli, dove alle ore 17:00 presso il “Comunale” situto in Via dello Sport, la Civitanovese affronterà il Paterno, compagine militante nell’Eccellenza abruzzese, per la terza gara amichevole.

Nella cittadina della provincia di Pescara, situata a 254 metri sul livello del mare, la Civitanovese si tratterrà poi da martedì 12 fino a giovedì 14 agosto, per completare l’ultima parte del “ritiro pre-campionato”.

La sfida contro il team aquilano sarà la giusta occasione per saggiare la condizione fisica e gli automatismi di una squadra completamente rinnovata, dopo due settimane di intenso allenamento.

Tra i volti nuovi, spicca quello di Riccardo Cossu (nella foto), roccioso difensore (186 cm di alteza per 82 Kg di peso) giunto in riva all’Adriatico, dove si stabilirà con tutta la famiglia, dal Bastia Umbra dove lo scorso anno ha totalizzato 28 presenze, corredate da un gol.

Classe 1982, Cossu vanta un eccellente curriculum. Il centrale di sinistra ha infatti vestito, tra le altre, le casacche di Arrone, Casoli, Renato Curi Angolana, Pisa e, soprattutto, Fano dove ha trascorso ben 3 stagioni. L’obiettivo dichiarato è quello di vivere un bel campionato, dopo la salvezza alla penultima giornata dello scorso anno.

«Alla Civitanovese – dichiara il difensore nato in Nigeria – ho trovato un bellissimo ambiente. Idea e progetto mi hanno convinto dal primo momento, il gruppo è solido e compatto: si sta creando un’ottima alchimia con i più giovani, che sarà molto utile a loro per crescere e maturare, così come a noi più esperti per rafforzare motivazioni e senso di responsabilità.

Da parte mia, posso senz’altro dichiarare che gli stimoli non mi mancano: ogni domenica darò il massimo per onorare la maglia e per ottenere i risultati che meritiamo».

Annunci