CIVITANOVA–La Compagnia dei Carabinieri di Civitanova Marche (Comandante Capitano Domenico Candelli), ancCC-MOTOCICLISTI-MOLO-(4)he per l’estate 2014, svolgerà, nei mesi di Luglio ed Agosto, un servizio di prossimità studiato ad hoc per “chi va al mare” sulla costa maceratese.   
Concepito per rispondere alla crescita di bisogni di sicurezza e legalità lungo le spiagge, mira ad avvicinare quanto più possibile l’Arma dei Carabinieri al cittadino proprio nei luoghi dove, in estate, trascorrono vacanze e momenti di svago decine di migliaia di persone.
Svolto mediante pattuglie appiedate, composte da professionisti della prossimità, quali i Carabinieri di quartiere della Stazione di Civitanova Marche, e gli equipaggi in uniforme ed in borghese che opereranno a bordo di moto del Nucleo Operativo Radiomobile della Caserma Piermanni, vigileranno nelle ore di massimo afflusso dei bagnanti, gli stabilimenti balneari e lungo i tratti di spiaggia libera. Decisiva, anche quest’anno, la collaborazione coi gestori degli chalet e con la loro associazione ABAT.
 
Questa mattina, sul Lungomare Sud, il primo intervento operativo del Carabiniere di Quartiere: mentre pattugliava le spiagge del Lungomare Piermanni ha assistito ad un furto appena consumato, notando un ragazzo che se la dava alle gambe dai balneari verso la ex Casa Balilla. Alla vista della divisa dell’Arma quel ragazzo ha provato a nascondersi nei cespugli dove ha buttato per terra, fra i giardini della Casa Balilla, un borsello e poi ha sfilato dallo smartphone la scheda sim. Ma dinanzi al teatro Cecchetti, mentre fuggiva, ha incrociato la pattuglia del Radiomobile, accorsa in ausilio al Carabiniere di Quartiere, e veniva bloccato. Un furto appena consumato di una borsa con lo smartphone in danno di una ragazza di origini dell’est, che lavora come impiegata in città. È stato possibile capire di chi fosse lo smartphone grazie alla paziente ricerca e rinvenimento della scheda sim che aveva buttato e spezzato. Intestato alla vittima, che si era appena accorta del furto accaduto sotto l’ombrellone, è potuta rientrare in possesso dello smartphone di ultima generazione.
L’autore, un giovane 23 enne dell’entroterra maceratese, non nuovo ad episodi predatori, è stato tratto in arresto e verrà presto sottoposto a rito direttissimo.
 

Annunci