PESARO–Nelle prime ore del pomeriggio di oggi 29 aprile 2014, è stata condotta dagli uomini della Capitaneria di Porto un’importante operazione di soccorso in mare, in collaborazione con il personale sanitario del Servizio 118 di Pesaro e del Centro Internazionale Radio Medico.

Infatti, poco dopo le ore 16:00 è pervenura via radio una richiesta di soccorso su canale di emergenza VHF 16 alla sala operativa della Guardia Costiera, da un motopesca, a circa 4 miglia dal Porto di Pesaro, relativa ad un malore, con perdita di conoscenza, occorso al Comandante dell’unità stessa.

E’ stata immediatamente disposta l’uscita in mare della Motovedetta S.A.R. (Search and Rescue) CP 872, con a bordo il personale sanitario del Servizio 118 e contestualmente si attivava il C.I.R.M. (Centro Internazionale Radio Medico) per i primi consigli medici del caso.

L’equipaggio della Guardia Costiera ha intercettato prontamente in mare l’unità da pesca con a bordo il marittimo che versava in stato di shock ed una volta affiancatosi a questa, il personale sanitario trasbordava dalla motovedetta SAR a bordo del peschereccio, per prestare le prime urgenti cure del caso.

In relazione alle condizioni del marittimo, il personale medico riteneva opportuno non trasbordare il marittimo e di condurlo in porto direttamente dal motopesca, scortato dall’unità della Guardia Costiera.
Raggiunta la banchina commerciale del Porto di Pesaro, il marittimo è stato prontamente sbarcato e trasferito a mezzo di un’ambulanza presso il pronto soccorso dell’Ospedale San Salvatore di Pesaro.

Il pescatore soccorso in mare, 39 anni, nazionalità italiana, colpito da shock anafilattico, è attualmente fuori pericolo.

MOTOVEDETTA CP PESARO 29 APRILE 2014-DSC_0113