Doppietta keniana sulla mezza maratona: vincono Rono e Chelagat, che migliora il primato della gara femminile. Boom di partecipazione all’evento podistico per i bambini del Salesi, Anche il sindaco Carletti fra i partecipanti


NUMANAAnche quest’anno la Conero Running è stata una vera festa di sport per i tanti podisti arrivati da ogni angolo d’Italia. Nella sua quinta edizione, la mezza maratona nazionale (21,097 km) con arrivo e partenza sul lungomare di Numana, attraversando anche i comuni di Loreto e Porto Recanati, si è svolta nuovamente in una mattinata di bel tempo. Tutti hanno contribuito a rinnovare il successo dell’evento, perché ogni iscritto ha donato un euro alla Fondazione dell’Ospedale Salesi Onlus di Ancona, a sostegno della struttura pediatrica: l’intera raccolta ha raggiunto stavolta la notevole quota di 1.613 euro, mai così tanti in precedenza.

Un record di partecipazione ottenuto non solo grazie ai runners della distanza più lunga (alla fine 529 arrivati), ma soprattutto a quelli delle due gare non competitive: la Conero TEN, 10,8 chilometri interamente sul litorale, e la Mini Conero di 4 km, appuntamento irrinunciabile per le famiglie.

Nella mezza maratona, vincono gli africani: al maschile si impone il keniano Julius Rono (Atl. Recanati) con 1h09’23” davanti a Denis Curzi, C

CONERO RUNNING LA PARTENZA CON LA PARTECIPAZIONE DEL SINDACO CARLETTI

CONERO RUNNING LA PARTENZA CON LA PARTECIPAZIONE DEL SINDACO CARLETTI

arabiniere di Centobuchi, secondo in 1h10’17”. Ancora più netta l’affermazione dell’altra keniana Jane Chelagat (Atl. Recanati), che realizza il primato della gara femminile con 1h17’20” e precede la sambenedettese Marcella Mancini (Runner Team 99), seconda in 1h20’01”, con la mascotte Salesino ad accogliere ogni atleta sul traguardo come di consueto, insieme alla tartaruga Manà, mascotte di Numana.

Parole di soddisfazione da parte del Sindaco di Numana, Marzio Carletti, che ha preso parte alla Mini Conero di 4 chilometri: “Ho corso insieme a mio figlio di undici anni, solo all’inizio perché poi mi ha staccato, ed è stata un’esperienza piacevolissima. Conosco bene il percorso, ma viverlo in questo modo è qualcosa di entusiasmante. Le cifre di partecipazione dimostrano la crescita di questo evento, che è pienamente riuscito e non deve certo essere abbandonato in futuro, bensì proseguito. Per noi ormai è la manifestazione che inaugura la stagione estiva, e va presa come buon auspicio, per rendersi conto che ci sono energie per andare avanti nel miglior modo possibile”.

Anche la direttrice operativa della Fondazione dell’Ospedale Salesi Onlus, Annarita Settimi Duca, ha affrontato la distanza dei 4 km e conferma il suo impegno: “La raccolta di quest’anno sarà dedicata alle malattie rare, per donare un microscopio al laboratorio di citogenetica. Riconoscere le malattie rare all’inizio contribuisce a migliorare la qualità di vita del bambino”.

Il responsabile organizzativo della manifestazione, Andrea Carpineti, si esprime così: “La Conero Running porta il sole sulla Riviera, come da tradizione. Vanno doverosamente ringraziati i volontari, 150 persone che hanno lavorato incessantemente per tre giorni, sul percorso e nella segreteria organizzativa. Senza di loro, questa manifestazione non potrebbe esistere”. Presenti inoltre sul palco per consegnare i riconoscimenti agli atleti Fabio Sturani, presidente Coni Marche; Fabio Luna, presidente Coni Ancona; Rosalba Compagnucci, assessore al turismo del Comune di Numana; Mario Fusario, presidente del Rotary Club Ancona 25-35.

LA GARA – Tra gli uomini non ha avuto rivali il 23enne keniano Julius Rono, da tre stagioni attivo in Italia, che ha collezionato la sua quarta vittoria su altrettante mezze maratone disputate nel mese di aprile, dopo quelle di Stra (in provincia di Venezia), San Benedetto del Tronto e Prato. “Un percorso molto bello e scorrevole – commenta – anche se c’era un po’ di vento, contrario nella parte iniziale”. La lotta per il secondo posto risolta al decimo chilometro da Denis Curzi, al rientro agonistico dopo essersi fermato nella maratona di Roma, con la terza posizione per Mauro Marselletti (Asa Ascoli Piceno), atleta di Offida, che abbraccia la mascotte Salesino ancor prima del traguardo per testimoniare lo spirito di una manifestazione che va oltre il semplice fatto agonistico, seguito da Vito Sardella (Podistica Valtenna) e dal giovane osimano Massimiliano Strappato (Esercito Sport & Giovani).

La doppietta per i keniani dell’Atletica Recanati viene completata dal trionfo nella prova femminile di Jane Chelagat, classe 1991, autrice di un crono che vale la miglior prestazione mai realizzata da una donna sul percorso di Numana, battendo il tempo di 1h18’04” centrato dalla ruandese Angeline Nyiransabimana dodici mesi fa. Gara in solitaria alle sue spalle anche per Marcella Mancini, reduce dal quarto posto alla maratona di Roma. La due volte campionessa italiana assoluta sui 42,195 km, che da otto anni abita a San Benedetto del Tronto, ha la meglio su Cristina Marzioni (Gs Dinamis Falconara), ancora una volta sul podio della Conero Running dopo i secondi posti delle ultime due edizioni, Silvia Luna (Grottini Team Recanati) e Francesca Capobelli (Atl. Amatori Osimo). Il cielo si copre soltanto dopo l’arrivo della vincitrice femminile, ma senza pioggia nella mattinata, per garantire un’altra edizione con meteo favorevole, nonostante le previsioni avverse. Tra i gruppi più numerosi l’Atletica Amatori Sangiustese, il Gp Avis Castelraimondo, la Nuova Podistica Loreto, l’Atletica Amatori Osimo, la Podistica Valtenna e il Gruppo podistico Il Crampo di Lanciano, in provincia di Chieti.

Alla partenza il lungo serpentone degli oltre 1600 podisti è uno spettacolo di colori: c’è anche un folto gruppo di olandesi, con le inconfondibili magliette arancio. E poi tante famiglie, genitori con figli piccoli mano nella mano oppure sul passeggino, atleti diversamente abili, podisti accompagnati dal proprio cane: tutti insieme in una domenica di festa. Per la prima volta alla Conero Running c’erano inoltre 8 pace-makers ufficiali, che hanno tenuto un ritmo prestabilito in modo da venire sempre più incontro alle esigenze di tutti i podisti: due per 1h30’, altri due in 1h45’ e quattro per le 2h00’. Nella Conero TEN di 10,8 chilometri arriva davanti a tutti il milanese Stefano Casagrande (Atl. Recanati), la migliore donna è Rita Mascitti (Atl. Avis San Benedetto del Tronto).

Per il secondo anno di fila la Conero Running è stata abbinata al Mercato della Fondazione Campagna Amica, patrocinato dalla Coldiretti Ancona, con numerosi stand enogastronomici allestiti direttamente dai produttori delle tipicità marchigiane. Continua il patrocinio del Rotary Club Ancona 25-35, presente in gruppo con i suoi soci al via della Mini Conero. Quest’anno insieme alla Conero Running c’era anche l’associazione Teranga Loreto, che ha lo scopo di favorire l’incontro interculturale fra i popoli, il sostegno a distanza e il turismo responsabile e solidale, con progetti rivolti al Senegal e in particolare, per questa occasione, alla costruzione di un pollaio nel villaggio di Ndieye.

QUESTI I RISULTATI

Classifica maschile: 1. Julius Rono (Kenia/Atl. Recanati) 1h09’23”; 2. Denis Curzi (Carabinieri) 1h10’17”; 3. Mauro Marselletti (Asa Ascoli Piceno) 1h11’56”; 4. Vito Sardella (Podistica Valtenna) 1h12’57”; 5. Massimiliano Strappato (Esercito Sport & Giovani) 1h13’18”.
Classifica femminile: 1. Jane Chelagat (Kenia/Atl. Recanati) 1h17’20”; 2. Marcella Mancini (Runner Team 99) 1h20’01”; 3. Cristina Marzioni (Gs Dinamis Falconara) 1h21’30”; 4. Silvia Luna (Grottini Team Recanati) 1h23’02”; 5. Francesca Capobelli (Atl. Amatori Osimo) 1h28’45”.
Risultati completi: http://www.fidal.it/risultati/2014/COD4539/Index.htm

IL GRAND PRIX – Tra le novità di quest’anno c’è stato l’inserimento di una tappa del Grand Prix regionale FIDAL di marcia e corsa giovanile all’interno della Conero Running, subito dopo l’arrivo della mezza maratona. A fare da “tutor” per i più giovani non sono mancati gli alfieri dell’Atletica Recanati, che attualmente è in testa al Campionato italiano assoluto per società di marcia: Alessandro Maltoni, recente vincitore del bronzo tricolore nella 20 km under 23, insieme a Michele Antonelli, quarto ai campionati italiani promesse sui 5000 indoor, e all’allievo Luca Antonelli, allenati dal tecnico Diego Cacchiarelli.

Nelle prove del Grand Prix, successi per i cadetti Fabio Lori (Gp Avis Castelraimondo) nei 3 km di corsa, Alessio Costantini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) sui 4 km di marcia, Caterina Paccamiccio (Atl. Amatori Osimo) nei 2 km di corsa e Claudia Angellotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) sui 3 km marcia, invece tra i ragazzi sulla distanza dei 2 km hanno vinto Paolo Pennacchietti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) e Andree Fioretti (Atl. Jesi) nella corsa, Alberto Concetti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) e Ludovica Ruzzetta (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) nella marcia.

I NUMERI – L’impegno organizzativo è testimoniato dalle 2.000 bottiglie d’acqua da mezzo litro distribuite al traguardo, con 3.000 litri di acqua per i ristori, 300 litri di tè, 400 kg di frutta all’arrivo, così come oltre 6000 fette di dolce e 500 merendine. All’arrivo c’erano 80 volontari, tra segreteria organizzativa, allestimento, premiazioni, pacchi gara e deposito borse, e 70 sul percorso con il fondamentale apporto della Protezione Civile, inoltre vigili urbani, carabinieri, medici, ambulanze della Croce Bianca. Al traguardo l’animazione di Radio Bunny e il servizio di massaggi a cura dello Studio Fisioterapico KDM, poi il supporto tecnico di Quota Cs Sport con New Balance, mentre l’azienda Conti degli Azzoni ha offerto il vino per ogni partecipante alla mezza maratona nel pacco-gara, che comprendeva anche la pasta Giovanni Perna e la rivista Marathon.

IN TV – Un ampio reportage sulla Conero Running, anche con riprese aeree, verrà trasmesso su TVRS (canale 11 del digitale terrestre) giovedì 8 maggio alle ore 21.30 e sarà disponibile anche online sul canale YouTube del Comitato regionale FIDAL Marche.

La Conero Running, gara nazionale Fidal si è svolta per iniziativa dell’Atletica Recanati, in collaborazione con il Comune di Numana e la Fondazione dell’Ospedale Salesi Onlus. Partner dell’evento sono stati la Regione Marche, le Province di Ancona e Macerata, i Comuni di Recanati, Loreto e Porto Recanati, il CONI Marche, il Parco del Conero, l’Associazione Riviera del Conero, Kòmaros Servizi, Coldiretti Ancona e il Rotary Club Ancona 25-35.

Annunci