La Presidente Anna Maria Recchi: il dialetto rappresenta le nostre preziose radici

CIVITANOVA–Il Lions Club Host di Civitanova Marche organizza per domani venerdì 14

RENZO RANIERI FOTO MILLEPAESI

RENZO RANIERI • FOTO©MILLEPAESI

marzo 2014, alle ore 20,30, presso il ristorante country house Bocca del Leone (Viale Sabatucci, ex Invito) un meeting per la presentazione del libro di Renzo Ranieri (presente l’autore, nella foto Millepaesi) dal titolo “Dizionario del dialetto civitanovese dagli anni ’45 in poi”. Nell’epoca della globalizzazione, dove la comunicazione avviene attraverso congegni elettronici che ci tolgono il piacere di comunicare guardandoci negli occhi, parlare di dialetto può sembrare anacronistico. 

“Anche se il dialetto è considerata una lingua meno nobile rispetto a quella italiana, parlata da persone del popolo, esso fa parte – ci ha detto la Presidente del Lions avv. Anna Maria Recchi – del nostro bagaglio culturale e rappresenta le nostre significative e inconfondibili radici. Il dialetto possiede, infatti, una grande
forza espressiva, descrittiva e genuina. Il dialetto civitanovese con il colore riesce a rendere l’idea prima ancora di tradurla in termini precisi. A volte capita di usare parole dialettali per l’immediatezza, per l’efficacia e persino perché in italiano non esiste una parola per esprimere un determinato concetto in termini altrettanto determinanti. Amare il dialetto ed usarlo nel nostro quotidiano equivale ad amare noi stessi per essere possessori della grande eredità della nostra storia, che non deve essere perduta. Ranieri con il suo Dizionario ha effettuato una pregevole opera di recupero e di trasmissione del nostro patrimonio culturale”.

Annunci