You are currently browsing the daily archive for gennaio 12, 2014.

MONTECOSARO–L’associazione culturale “Gruppo folk

CLAUDIO SCOCCO CON IL GRUPPO FOLK JUNIOR NEL CORSO DI UNA ESIBIZIONE ESTIVA ALL'IPPODROMO MORI DI CIVITANOVA ALTA

CLAUDIO SCOCCO CON IL GRUPPO FOLK JUNIOR NEL CORSO DI UN’ ESIBIZIONE ESTIVA ALL’IPPODROMO MORI DI CIVITANOVA ALTA

Li matti de Montecò” inizierà – da venerdì 24 gennaio 2014, tutti i venerdì alle ore 21,30 – dei corsi gratuiti di danze folk per adulti e bambini, presso l’aula magna della Scuola Media del centro storico. Volantini per divulgare l’iniziativa sono stati recapitati anche nelle scuole di Montecosaro e Morrovalle. “Vogliamo promuovere gratuitamente il ricordo delle tradizioni e dei divertimenti antichi dei nostri nonni – ci ha detto Claudio Scocco, l’animatore del gruppo – per non dimenticarli e farli conoscere alle nuove generazioni. Si tratta di balli salutari e giocosi, arricchiti da musiche e coreografie sprizzanti gioia. Inoltre contro…la crisi abbiamo pensato al…tutto gratuito! Un’iniziativa che è tesa a valorizzare il nostro territorio e le tradizioni popolari dovrebbe essere un buon proposito per il nostro paese”. Il Gruppo folk di Montecosaro in questi ultimi anni si è guadagnato la crescente simpatia delle persone, per l’allegria che sempre porta alle feste popolari, partendo da quelle di Montecosaro, per passare a quelle di Civitanova (Carnevale e non solo) e della provincia di Macerata (festa della mietitura e dintorni).

Ricordiamo infine che “Li Matti de Montecò” sono stati chiamati più volte ad animare manifstazioni popolari Subbiano, in provincia di Arezzo, non sono mancate inoltre uscite nel Lazio e finanche in Spagna! Il papà di Claudio Scocco era appassionato di organetto e saltarello; in casa ha cercato di tramandare questa tradizione. Il testimone alal fine è stato raccolto ed ora il Gruppo è sempre più lanciato, tanto da aver inciso anche un Cd, con il quale documenta il cammino percorso sin qui.

 

Annunci

CIVITANOVA–Gazebo del Movimento Cinque Stelle Civitanova (nella foto il drappello capitanato da Mirella Emiliozzi, consigliere comunale, la più votata del M5S) oggi – domenica 12 gennaio 2014 – in Corso Umberto I°, come spesso avviene nel dì di festa, per svolgere a livello militante un’opera di informazione sulle problematiche tipicamente cittadine. Nel colloquio con i cittadini le questioni generali della città, in particolare quella relativa alla costruzione della nuova area commerciale che sta polarizzando l’attenzione di tuttiCINQUE STELLE CIVITANOVA DOM-12-1-2014-9112-LEGGERA, la spesa delle luminarie natalizie (deliberate solo per 9.500 euro), l’Imu da pagare il 24 gennaio.

Il M5S fa presente, inoltre, che da gennaio non si riunirà più in Biblioteca Comunale, come avveniva nel passato (“il Pd ha eccepito che occupavamo spazi pubblici”), ma in Via Cecchetti, 6, dove si trovava la sede dell’Inps. I locali sono stati offerti gratuitamente al M5S.

SAN SEVERINO MARCHE–Oggi Domenica 12 gennaio 2014, a partire dalle

IL TEATRO FERONIA DI SAN SEVERINO NELLA BELAL PIAZZA CENTRALE DEL PAESE

IL TEATRO FERONIA DI SAN SEVERINO NELLA BELLA PIAZZA CENTRALE DEL PAESE

ore 17, il Teatro Feronia ospita il primo appuntamento del nuovo anno con la rassegna “Incontri con l’autore”, promossa dai Teatri di Sanseverino, nel corso del quale sarà presentato il libro “Una zappata nelle Marche… sfiorando le radici”, a cura di Vincenzo Lombardo. Si tratta di una vera e propria raccolta di scritti in cui l’autore traccia un bilancio della propria vita guardando indietro con il cuore in mano.

L’aspetto fondamentale e unificatore di questa raccolta – scrive la professoressa Milena Ranieri – è un’umanità cercata fuori di sé, oltre che dentro di sé, nella convinzione che è necessario essere con gli altri per una vita più piena ed autentica”.

L’introduzione dell’incontro sarà a cura di Francesco Rapaccioni, direttore artistico de “i Teatri di Sanseverino”. Nel corso della presentazione commenti musicali a cura di Monica Micheli all’arpa, Maurizio Moscatelli ai fiati, Paolo Moscatelli al violino. Le voci recitanti saranno affidate ad Alberta Ricottini, Enrico Borsini, Alberto Piantoni. Previsti anche un contributo immagini a cura di Claudio Scarponi, un contributo video di Daniele Mariani e Giuseppe Ciccarelli. Il coordinamento sarà affidato a Gabriela Lampa.

L’appuntamento fa parte del cartellone della stagione in dialetto de “i Teatri di Sanseverino” che il 16 marzo vedrà impegnata la compagnia Teatroclub Amedeo Gubinelli nella presentazione della commedia “C’era una volta San Severino” di Amedeo Gubinelli per la regia di Alberto Pellegrino. L’incasso sarà devoluto in beneficenza all’Associazione Nazionale Persone Down sezione di Macerata. Infine domenica 23 marzo, alle ore 17, il gruppo teatrale L’Alternativa presenterà, sempre al Feronia, “La quinta stagione, ovvero mejo ‘n’ovo óggi che ‘na Galina domà”, scritto e diretto da Maria Cristina Perticarari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al via la rassegna del Teatro del Canguro. Appuntamento alle 17 al Teatro Annibal Caro

CIVITANOVA– Divertimento assicurato per i più piccoli. Da oggi domenica 12 gennaio 2014teatro_bimbi2 torna la fortunata rassegna “A teatro con mamma” e papà, curata dal Teatro del Canguro con la collaborazione del Comune di Civitanova – Assessorato Cultura – e dell’Azienda dei Teatri. 

La manifestazione è stata presentata  dall’assessore alla Cultura Giulio Silenzi, dalla presidente TdC Rosetta Martellini e dal direttore artistico del Teatro del Canguro Lino Terra. “Questa è la 5° edizione – afferma Martellini – ed è un ulteriore tassello della programmazione del teatro dedicata ai più piccoli. Come negli anni precedenti si prosegue nella scelta di utilizzare il teatro storico di Civitanova perché è un gioiello, da mostrare anche ai bambini come bene culturale. A tal fine, al termine di ogni spettacolo ci sarà un incontro dove sarà raccontato lo spazio storico del Teatro Annibal Caro e successivamente i bimbi saranno accompagnati in Pinacoteca”.

Si parte oggi domenica 12 gennaio 2014, alle 17, con “Voglio la Luna”, spettacolo della compagnia Teatro Pirata. Il protagonista è un ragazzo con la sindrome down che presenta un testo teatrale confezionato alla perfezione per lui. È stato finalista del premio Scenario. 

Altri appuntamenti il 2 e 9 febbraio con “Macchie Bizzarre” e “Cenerentola”, per concludere il 16 marzo con “La bella Addormentata”, ultima produzione del Teatro del Canguro che riprende il filone letterario delle favole.
“Questa rassegna intende avvicinare le nuove generazioni al teatro con la caratteristica particolare di unire la famiglia – dichiara Silenzi – , quindi c’è un valore sociale e non solo culturale. La sensibilità verso il teatro va incrementata a Civitanova, e in questo la scuola può essere un importante alleato per favorire l’educazione e la predisposizione come bisogno culturale della persona”. 

Conclude Lino Terra: “il teatro è la comunicazione più antica, è un linguaggio diverso rispetto alla televisione. Con il teatro si danno meno informazioni però si offre la possibilità ai bambini di capire meglio emotivamente ciò che li circonda. È importante che siano accompagnati dai genitori, perché il pubblico adulto vicino può facilitare una seconda lettura dello spettacolo”.

Biglietto (posto unico) a 4 euro. Apertura biglietteria Teatro Rossini un’ora prima dello spettacolo. Tel. 0733/812936. Per info: info@teatrodelcanguro.it, 071/82805.

Nella foto da sinistra Lino Terra, Rosetta Martellini e Giulio Silenzi

 

PESARO –TeatrOltre, un palcoscenico per le più importanti esperienze del teatro di ricerca italian

PALAZZO DUCALE • URBINO

PALAZZO DUCALE • URBINO

o, festeggia il decimo compleanno con un’edizione ricca che presenta fino a maggioquindici spettacoli che parlano ilinguaggi più innovativi della scena.

Ad inaugurare il cartellone – promosso dai Comuni di PesaroUrbino, Urbania e San Costanzo, dalla Fondazione Teatro della Fortuna di Fano e dall’AMATcon il contributo di Regione Marche Ministero per i Beni e le Attività Culturali – è il 16 gennaio al Teatro Sperimentale di Pesaro UNTITLED_I will be there when you diedi Alessandro Sciarroni. Con UNTITLED Sciarroni si conferma autore di primissimo piano sulla scena italiana contemporanea con spettacoli ogni volta spiazzanti che riescono a condividere in sé teatro, danza, performance, visual art, conferendo alla scena ogni volta una nuova e inaspettata dimensione.

Il 28 gennaio per il giorno della memoria il Teatro Sanzio di Urbino ospita A. H. un intenso assolo sugli abissi del male di Francesco Manetti diretto da Antonio Latella, regista che si è imposto per sapienza tecnica e profondità nel lavoro con gli attori anche fuori dall’Italia, tanto da essere ricercatissimo dai teatri europei.

A chi dubita che il teatro italiano stia vivendo una fase di straordinaria vitalità creativa, a chi ancora non crede che sia in atto un decisivo ricambio generazionale – scrive Renato Palazzi sulle pagine de “Il Sole 24 Ore” – suggerirei di vedere il bellissimo Lingua imperii di Anagoor” in scena a TeatrOltre il 31 gennaio (Pesaro, Teatro Rossini). Lo spettacolo è un esemplare concentrato delle modalità espressive contemporanee coniugato con una profondità di pensiero che colloca il gruppo ai vertici della nuova scena nazionale.

Emma Dante, una delle più interessanti e controverse registe italiane, sceglie di mettere in scena una “storia matriarcale” di una famiglia di sette donne, Le sorelle Macaluso al Teatro della Fortuna di Fano il 13 febbraio. Un universo in cui la vita e la morte si confondono indissolubilmente e non ci si stupisce se, chi è morto, si siede accanto a noi e ci prende per mano.

Il 20 febbraio al Teatro Sperimentale di Pesaro è la volta di Dimenticatoiodella compagnia Un’ottima lettera. Le voci, le parole e i gesti dell’attore dispiegano questa favola del dimentico diventando l’espressione tangibile ed errante di questo spazio mentale, diventando un corpo mentale.

Una personalissima, partecipata rievocazione del rapimento e dell’assassinio di Aldo Moro visto da uno che nel 1978 aveva quattro anni è al centro di Aldo Morto / Tragedia di Daniele Timpano al Teatro Bramante di Urbania il 21 febbraio.

A distanza di un giorno, il 22 febbraio, è il Teatro Concordia di San Costanzo ad ospitare Encephalon di Niba, Andrea Bartola e Mario Mariani, una folle e divertente pièce che mescola con spregiudicata irriverenza citazioni teatrali, cinematografiche e scientifiche.

Dopo i grandi affreschi degli ultimi anni il Teatro Valdoca torna, come “amico di lunga data”, a festeggiare il compleanno di TeatrOltre – il 6 marzo al Teatro Sperimentale di Pesaro – e presenta al pubblico un piccolo magico spettacolo, Come cani come angeli: una pièce di teatro d’arte e poesia interpretata da Mariangela Gualtieri e da alcune speciali marionette.

Un lavoro raffinato, una composizione seducente e curiosa, ricca di fascino è Auredi Teatropersona in scena il 18 marzo al Teatro Sanzio di Urbino. Negli ultimi anni la compagnia Teatropersona è stata impegnata in quella che definisce Trilogia del silenzio e della memoria: dopo un lungo lavoro di sperimentazione e formazione, ha deciso di sottrarre il linguaggio verbale alla scena intraprendendo una ricerca pluriennale fra corpo dell’attore e composizione dell’immagine di cui AURE è l’ultimo esito.

Uno spettacolo che arriva al cuore e allo stomaco dello spettatore è Pinocchio di Babilonia Teatri al Teatro Sperimentale di Pesaro il 3 aprile. Lo spettacolo nasce dall’incontro tra gli attori della Compagnia teatrale Gli Amici di Luca (tutte persone con esiti di coma che hanno intrapreso da tempo un percorso terapeutico di cui sono parte integrante anche le attività teatrali) e Babilonia Teatri (una delle più brillanti e rivoluzionarie realtà italiane del teatro di ricerca, Premio UBU 2011). Il risultato è un percorso artistico dove la vita irrompe sulla scena con tutta la sua forza, senza essere mediata dalla finzione.

Quattro attori, il pubblico. Una questione in cui tutti, nessuno escluso, sono coinvolti. Quattro tentativi di risolvere la situazione, la solitudine, la coppia, la famiglia, la società. Un’ora di tempo. Questo in sintesi La questione, lavoro di Federico Paino che fa tappa l’11 aprile a Pesaro (Teatro Sperimentale).

L’8 maggio torna la Nuova Danza Italiana con Anticorpi Explo. I “pezzi brevi” di Giovanni Leonarduzzi, Guido Sarli e Tiziana Bolfe, talenti e progetti emersi dalla Vetrina giovane danza d’autore realizzata da network Anticorpi XL del quale è partner per le Marche l’AMAT, testimoniano con la loro originalità qualità ed evoluzioni della nuova coreografia italiana.

Ancora un appuntamento di danza il 15 maggio – Fano, Teatro della Fortuna – con Terramara riallestimento dello storico lavoro della Compagnia Abbondanza Bertoni nell’ambito del progetto RIC.CI/Reconstruction Italian Contemporary Choreography Anni ‘80/ ’90 diretto da Marinella Guatterini. Terramara con i suoi echi classici bachiani e il fitto intreccio di suggestioni musicali etniche ungheresi, indiane, rumene e siciliane, nasce come riflessione a due sul trascorrere del tempo, sulle sue vestigia antiche e sulla complessità del legame tra due esseri di sesso opposto che s’incontrano per creare nuova vita e ricrearsi.

Alla festa dei dieci anni di TeatrOltre non poteva mancare un altro “amico storico” della rassegna, Motus, gruppo teatrale fondato da Enrico Casagrande e Daniela Nicolò che si distingue per la ricerca radicale e indipendente. La politica nel mondo occidentale alla deriva, forse vicino alla catastrofe, tra Shakespeare e Huxley, il malessere dei giovani che rivendicano un ruolo per progettare il futuro sono la centro di Nella tempesta. 2011>2068 animalepolitico project in scena al Teatro Rossini di Pesaro il 30 maggio.

Completa il trittico dedicato alla danza – ad Urbino data da definire – l’intenso e pluripremiato Parkin’sondi Giulio D’Anna, in scena con il padre affetto da morbo di parkinson in uno spettacolo che tocca delle corde emotive intime e soggettive, coinvolge, affascina e arriva a un pubblico anche digiuno dell’arte coreutica.

 

 

APPIGNANOTanti eventi, ad AppignanoAPPIGNANO-Cantine, legati alla festa di Sant’Antonio Abate. Si comincia oggi domenica 12 gennaio 2014 con la tradizionale benedizione degli animali e la messa al Convento di Forano. Venerdì 17 si svolgerà, invece, la prima edizione di “Sant’Antò un’ora e un po’”, cena-degustazione di piatti poveri della tradizione appignanese, in compagnia degli stornellatori del gruppo “La Macina” e della musica di Marino e la Gang.

Per prenotarsi alla cena, curata dal ristorante Lord Byron e dall’Associazione “I Legumi di Appignano”, si può chiamare il numero 333.1311166.

Domenica 19 gennaio, infine, alle 8, c’è la benedizione degli animali nella chiesetta dei Santi, nel cuore del paese.

Nella foto una tipica cantina di Appignano relativa ad altre manifestazioni popolari legate a Leguminaria. 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
gennaio: 2014
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Annunci