FERMO–Ieri, lunedì 30 Dicembre 2013, il Signore ha chiamato improvvisam

IL LIBRO DI DON EMILIO TASSI SUI VESCOVI FERMANI  ANDREA LIVI EDITORE

IL LIBRO DI DON EMILIO TASSI SUI VESCOVI FERMANI ANDREA LIVI EDITORE

ente a Sé Don Emilio Tassi (foto), un sacerdote che si è fatto apprezzare per la sua umDON EMILIO TASSI-FOTOanità e la sua profonda cultura. Aveva 81 anni. Era nato infatti a Carassai il 14 dicembre del 1932 ed era stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1956. L’Arcivescovo gli aveva assegnato un paio di decenni fa il compito di riorganizzare l’Archivio Arcivescovile, perfettamente funzionante da molti anni nel centro storico di Fermo, dietro alla Curia, fonte preziosa per le ricerche storiche nei vari secoli effettuate da studenti per tesi di laurea e cultori della materia. 

La salma è stata esposta, a partire da questa mattina nella Chiesa di Santa Monica nella Piazza di Carassai.
Le Esequie saranno celebrate domani Mercoledì 1 Gennaio, alle ore 15.30, nella Chiesa parrocchiale, sempre a Carassai.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo e la Cassa di Risparmio di Fermo S.p.A hanno espresso – con una nota stampa – le più sentite condoglianze, ai familiari, alla chiesa Fermana ed alla comunità di Carassai, per la scomparsa di don Emilio Tassi.
“Con lui si perde un sacerdote, un ricercatore, uno studioso – è stato sottolineato – che con il suo esempio ha promosso la crescita culturale e civile della comunità fermana”.

“Abbiamo conosciuto da vicino ed apprezzato la sua profonda cu

CARASSAI • LA PARROCCHIA DI DON EMILIO TASSI

CARASSAI • LA PARROCCHIA DI DON EMILIO TASSI

ltura, il suo equilibrio, la capacità di promuovere attività capaci di generare interesse ed entusiasmo”.

“Don Emilio Tassi ha sempre partecipato alla vita della nostra Istituzione con assiduità, portando il contributo della sua umanità: dal 2001 al 2011 è stato componente dell’Organo di Indirizzo della Fondazione e fino ad oggi ha fatto parte dell’Assemblea dei Soci”.

Il Presidente della Fondazione, Amedeo Grilli, ricorda con grata riconoscenza il ruolo che don Emilio Tassi ha avuto nella vita culturale dell’intera Regione Marche, per la gestione dell’Archivio Arcivescovile, per la pubblicazione dei “Quaderni dell’Archivio Arcivescovile” che, per diversi decenni è stata la rivista periodica di riferimento culturale continuo, costituendo un valido strumento indispensabile per la conoscenza della storia locale e regionale.
Tra i suoi studi restano fondamentali le opere pubblicate sulla storia degli Arcivescovi di Fermo e sullo storico Catalani, che costituiscono fonti affidabili ed insostituibili per la conoscenza e lo studio del nostro territorio”.QUADERNI ARCHIVIO-DIOCESANO-8661

“È nei ricordi di tutti l’amore e la passione – ha proseguito Grilli – con cui aveva promosso la pubblicazione del 2008 relativa all’architettura della chiesa di S. Maria del Buon Gesù di Carassai, l’entusiasmo del giorno della presentazione a tutti i suoi concittadini, la cura e la valorizzazione dei documenti e delle opere d’arte della sua Parrocchia”. 

“Perdiamo un uomo di cultura, che tanto ha fatto per coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarlo e di avvicinarsi alla sua umanità e profonda passione e conoscenza per il nostro territorio”.

Il Presidente Alberto Palma, grato per il suo contributo dato alla vita della Fondazione, ricorda “il suo esempio di amministratore attento e la cura nella ricerca archivistica e nei suoi studi storici che ha sempre affrontato e condotto con il massimo rigore scientifico”.TASSI EMILIO-CARASSAI-8663

Annunci