You are currently browsing the monthly archive for settembre 2013.

Vittoria sfiorata per i rossoblu che colpiscono traverse e pali

Civitanovese: Cattafesta, Botticini (ZivkovCOMOTTO-ZIVKOV-FOTO©MILLEPAESI-5376 27´ p.t.), Schiavone, Coccia, Comotto, Diamanti, Bolzan (Tarantino 23´ s.t.), Rovrena, Pazzi (D´Ancona 30´ s.t.), Buonaventura, Boateng. All. Osvaldo Jaconi

A disp: Chiodini, Caporaletti, Matera, Sako, Squarcia, Trillini

Giulianova: Farnè, Del Grosso, Lo Russo, Maschio, Venneri, D´Orazio, Zouhri (Bianchini 1´ s.t.), Fantini, Dos Santos (Broso 47´ s.t.), Esposito, Berretti (Di Iulio 20´ s.t.). All. Donato Ronci

A disp: Natali, Di Gioacchino, De Luca, Puglia, Rinaldi, Iachini

Arbitro: Nicolò Cipriani (Empoli)

Assistenti: Fabio Bocca (Lucca), Daniele Palla (Pisa)

 Marcatori: Esposito (6´ p.t.), Dos Santos (8´ p.t.), Zivkov (29´ p.t.), Comotto (37´ p.t.)

Ammoniti: Pazzi (9´ p.t. simulazione), Zouhri CIVITANOVESE-GIULIANOVA-ULTIME INCURSIONI OSPITI FOTO©MILLEPAESI-5301(24´ p.t. gioco falloso), Coccia (43´ p.t. gioco falloso), Comotto (22´ s.t. gioco falloso)

Note: Angoli (8-1); Recuperi (2´ p.t.; 3´ s.t.)

CIVITANOVA– Partita palpitante. La Civitanovese parte bene, gagliarda, poi viene freddata dagli ospiti, tuttavia trova la forza e la volontà per reagire come si deve e sfiora persino la vittoria, se si tiene conto delle traverse e dei pali colpiti. Anche il meteo ha accompagnato le fasi alterne della gara, con il sopraggiungere della momentanea pioggia, poi del ritorno della luce e del sole al polisportivo, incastonato fra il mare (oggi opaco) e la città. Una sorta di quiete dopo la leggera tempesta. Una metafora della gara in campo.

Soddisfatti in sala stampa i marcatori Comotto e Zivkov (nella foto Millepaesi) per il pareggio agguantato, così come da parte di mister Osvaldo JaconiOSVALDO JACONI 29-9-2013-FOTO©MILLEPAESI-5348, il quale ha sottolineato come ogni gara sia diversa – domenica dopo domenica – e metta a dura prova i nostri ragazzi, che però hanno sfoderato grinta ed un impegno fisico non trascurabile. Ai rossoblù non è mancata la volontà. 

Anche Ronci (allenatore del Giulianova) ha detto al termine della gara che dopo il pareggio ha chiesto ai suoi di “attaccare ancora”, per evitare la (temuta) capitolazione “Se non l’avessimo fatto – ha aggiunto – la Civitanovese avrebbe vinto”. Forse con un pizzico di fortuna, se le traverse non avessero svolto una funzione… ostruzionistica. Ora vediamo le azioni salienti della gara.

Al 12´ p.t. retropassaggio sbagliato della difesa ospite, Boateng si inserisce, ma Farnè esce in presa bassa, evitando dribbling e rigore.

Al 6´ p.t. Giulianova passa in vantaggio. Il forte Dos Santos scende sulla sinistra, entra in area portandosi sul fondo e serve un´assist al … bacio per Esposito (altro pilastro della squadra ospite) che, tutto solo sul secondo palo, infila inesorabilmente Cattafesta.

 Civitanovese 0 – Giulianova 1

 Al 9´ s.t. Arriva il raddoppio del Giulianova. Sugli spalti è gelo-silenzio. Lancio lungo per la sponda di testa di Fantini, Dos Santos si inserisce in area e batte Cattafesta in diagonale.

 Civitanovese 0 – Giulianova 2

 Al 14´ p.t. Alex Buonaventura (CIVIT-C.D.PUNIZ_5113-LGmarcatissimo dagli ospiti, come Pazzi del resto) si porta verso l´area avversaria e tenta la conclusione, respinge Farnè di piede; palla fuori area per Rovrena, conclusione forte, ma centrale e Farnè allontana in tuffo di pugno.

 Al 25´ p.t. punizione di Coccia dalla destra, testa in area di Buonaventura, che colpisce in pieno la traversa.

Al 27´ p.t. Zivkov (giocatore serbo-austriaco, molto sicuro e determinato) entra al posto di Botticini ed è subito differenza.

 Due minuti dopo, al 29´ il Goal rossoblù. Angolo dalla sinistra di Rovrena, colpo di testa di un difensore ospite che termina sulla traversa, accorre quindi il decisionista Zivkov, che infila prontamente a porta vuota.

 Civitanovese 1 – Giulianova 2

Al 33´ p.t. Zivkov crossa dalla sinistra, il pallone subisce una strana traiettoria, che inganna Farnè e si stampa sulla traversa, sopraggiunge Rovrena in piena area, ma il pallone va fuori di poco!

Ma arriva prestissimo anche il goal del pareggio. Punizione dalla destra di Rovrena, stacco di testa di Comotto (è fratello dell’ex giocatore del Torino) ed è pareggio!

Civitanovese 2 – Giulianova 2

Al 37´ la Civitanovese è vicina al vantaggio con Bolzan, ma il tiro dal limite sfiora il palo, con il portiere ospite Farnè immobile ad …osservare.

Al 40´ p.t. Esposito … ruba palla sulla trequarti sinistra, si invola verso la porta rossoblu e tenta il sinistro sul primo palo, dopo un paio di pregevoli dribbling. Pallone – fortunatamente per i rossoblu – fuori di poco.

Al 47´ p.t. cross in area dalla destra di Pazzi, testa di Buonaventura e miracolo di Farnè, D´Orazio sulla linea salva il risultato.

Finito il primo tempo sul 2-2

Al 9´ s.t. Esposito punta Zivkov in area sulla destra, diagonale respinto a mani aperte da Cattafesta, arriva Bianchini di testa e pallone fuori.

Al 10´ s.t. Pazzi di sinistro dal limite, pallone che sfiora il palo finendo in angolo.

Al 21´ s.t. angolo dalla destra di Bolzan, stacco di Comotto, ma l’estremo difensore Farnè vola in angolo.

Al 37´ s.t. azione in solitaria di Zivkov, entra in area dalla sinistra e tenta il diagonale, tuttavia il pallone finisce di poco a lato.

Al 42´ s.t. ci prova infine Del Grosso da fuori area, ma blocca a terra sicuro Cattafesta.

Risultato finale: Civitanovese 2 – Giulianova 2

Applausi dei tifosi al triplice fischio di chiusura per i giocatori e per Jaconi, data la bella prova di resistenza e di pronto riscatto, già nel primo tempo. Sugli spalti degli ultras uno striscione (“Ciao Gino”) per ricordare affettuosamente Gino Serafini, titolare del locale Kika proprio vicino allo stadio, scomparso a soli 47 anni, i cui funerali si sono tenuti ieri. 

Annunci

CIVITANOVA–Da qualche settimana è stata predisposta anche la pagina Facebook di Millepaesi Civitanova. L’invito a tutti è quello di dare un’occhiata e di dare una mano con il passaparola.

M&G Videx Grottazzolina: 3
B-Chem Potenza Picena:   1

GROTTAZZOLINA: Brandi (L), Minoni ne, Paterniani 16, Vecchi 9, PettinaPPP-Il sindaco Mariano Ambroci premia capitan Tobaldi per la partecipazione della B-Chemri 18, Amari ne, Angelucci ne, Stoico 3, Chiarini 8, Giromi 2, Cecato 2, Marcatili ne. All. Ortenzi.
POTENZA PICENA: Romiti (L), De Leo 4, Caciorgna ne, Bolla 9, Moretti 24, Zampetti 1, Lipparini 8, Tobaldi 5, Zamagni 12, Berni 1, Pinelli, Miscio. All. Graziosi.
Parziali: 17-25 (23’), 25-23 (27’), 25-23 (28’), 25-19 (24’).
Note: Durata totale 1h 42’. Grottazzolina: battute sbagliate 14, ace 5, muri 6, Potenza Picena: battute sbagliate 21, ace 5, muri 4.
Starting six:
Grottazzolina: Cecato-Pettinari, Paterniani-Vecchi, Chiarini-Stoico, Brandi (L).
Potenza Picena: Pinelli-Moretti, Bolla-Lipparini, Tobaldi-Zamagni, Romiti (L).

GROTTAZZOLINA–Nella prima edizione del Trofeo amichevole “Videx”, al PalaSport di Grottazzolina, la B-Chem Potenza Picena incanta per un set, poi va in apnea e molla la presa dalla coppa di fronte alla caparbietà dei padroni di casa. L’altra sera (venerdì 20 settembre) capitan Tobaldi e compagni si sono arresi al quarto set contro il sestetto di Grottazzolina, formazione di B2 infarcita di ex biancazzurri e giocatori di qualità come Cecato, regista che nella scorsa regular season di A2 ha contribuito alla salvezza del Volley Potentino. L’inattesa debacle non preoccupa lo staff tecnico della B-Chem, ma è un’ulteriore testimonianza di come il volley d’estate possa riservare sorprese a dispetto dei pronostici. Formazione ambiziosa e intenzionata a disputare un campionato di vertice, la Videx ha difeso con determinazione per gran parte della gara e ha saputo interpretare al meglio i momenti chiave del match. Nonostante la buona condizione dell’opposto Moretti, top scorer con 24 punti, la squadra di coach Graziosi è apparsa appesantita alla distanza anche per la mole di lavoro affrontata poche ore prima in sala pesi.

In campo dall’inizio il regista Pinelli al palleggio per Moretti, le bande Bolla e Lipparini, la coppia di centrali composta da capitan Tobaldi e Zamagni, ma anche il libero fermano Romiti. Una passeggiata sul velluto il primo parziale con il Volley Potentino subito avanti di sette punti (2-9) grazie alla concretezza delle bocche da fuoco in battuta (4 ace nel set) e la Videx molle sulle gambe, quasi annichilita da una sorta di timore reverenziale. L’unico passo falso biancazzurro arriva con la parziale rimonta dei padroni di casa (10-12) sull’attacco out di Bolla. Dignitosa a muro e letale in attacco con Moretti (7 punti nel set), la B-Chem è abile nel ristabilire il dominio assoluto (10-16). Una ventata di salute conclusa dal muro a uno e dal mani out in successione di Moretti (17-25). Starting six invariati, ma tutto un altro match al rientro in campo. Nel secondo set la B-Chem sciupa troppo e gioca punto a punto con gli avversari fino al 20 pari, poi Pettinari e Vecchi salgono in cattedra (24-21). Potenza Picena annulla due set ball con Moretti (24-23) prima di capitolare sull’errore dai nove metri di Bolla (25-23). Un film già visto nel terzo set. Sul 14-17 esterno i biancazzurri potrebbero dilagare, ma gli uomini di Ortenzi girano a mille con gli ex Cecato e Pettinari (17-17). Sul 20 pari la Videx acciuffa il doppio vantaggio, complici un errore biancazzurro e una presunta svista arbitrale (22-20). Strada in salita per Potenza Picena che si scontra con il buon momento di Paterniani e annulla una palla set con Bolla (24-23) prima di vanificare tutto con la battuta a rete di Pinelli (25-23). Sotto per due set a uno, coach Graziosi rivoluziona la formazione inserendo Miscio al palleggio, De Leo e Zampetti in banda e Berni al centro al posto di Zamagni (77% in attacco e due muri all’attivo nella gara). Resta ai box solo Caciorgna, vittima di un risentimento muscolare alla vigilia della partita. Il restyling non dà i frutti sperati. Tra i locali si esaltano Vecchi e Chiarini infiggendo un pesante 14-7 su ace dello stesso centrale. La rimonta potentina si arresta sul 18-15 firmato Moretti. Incitata a più non posso dal proprio pubblico e lanciata verso la conquista del trofeo, la Videx spinge il piede sull’acceleratore e si impone per 25 a 19 con la spina nel fianco Pettinari. Alle premiazioni presenti il massimo rappresentante della Fipav Marche Franco Brasili e il sindaco di Grottazzolina Mariano Ambrogi. Dopo il prezioso successo casalingo per 3-1 in amichevole contro Città di Castello (A1), per la B-Chem è maturata una sconfitta altrettanto preziosa in trasferta. Un monito a lavorare ancor più sodo e a correggere in corsa le prime imperfezioni nel motore biancazzurro.

Dichiarazioni di coach Gianluca Graziosi:

«Buono l’impatto alla gara dai 9 metri e a muro, poi ci siamo persi privilegiando il fisico alla tecnica. Abbiamo buttato via una partita che si era messa in discesa perché ripetevamo sempre gli stessi errori quando sarebbe bastato ragionare un po’ di più per strappare il doppio vantaggio. Nel secondo set stavo per stravolgere la formazione, ma ho voluto mettere alla prova il sestetto base in un momento di difficoltà. Non c’è stata la reazione sperata. Dobbiamo lavorare ancora molto sul cambio palla. Tanto di cappello ai nostri avversari. E’ vero che in questo genere di incontri la squadra favorita ha solo da rimettere, ma la sconfitta ci servirà da lezione. Sono tranquillo nonostante lo stop, così come non ero al settimo cielo dopo il successo contro Città di Castello».

 
 

CIVITANOVA–Scomparso sabato sera alle 21,50 a Civitanova Marche, all’età di 88 anni, l’ex Segretario comunale Ubaldo Ferraro, che è stato una “colonna portante

UBALDO FERRARO

UBALDO FERRARO

” a Palazzo Sforza per tanti anni, nonchè un personaggio cittadino di caratura, con il suo rigore, il senso della riservatezza, la passione sportiva (basket da giovanissimo, Civitanovese, moto, vela). Ubaldo Ferraro è stato un uomo con l’alto senso delle istituzioni. Con il ragioniere capo del Comune, l’indimenticabile Luigi (Nino) Quintabà, era spesso in tandem a Roma, per accelerare le pratiche burocratiche, onde favorire i lavori pubblici, nonchè i finanziamenti della Cassa Depositi e Prestiti, che hanno permesso negli Anni Settanta di modernizzare Civitanova.

Nel tempo libero Ferraro, come detto, era appassionato di sport, da ragazzo aveva praticato il basket, seguiva il calcio, la Civitanovese in primis. E’ stato anche corrispondente per il Corriere dello Sport di Roma. I funerali si terranno domani lunedì 23 settembre, alle ore 15, nella Chiesa di San Marone (quartiere nel quale abitava). Sul piano sociale ed umanitario era impegnato nell’aiutare i più deboli e spesso accompagnava i malati a Lourdes con l’Unitalsi. Alla moglie Rita ed ai parenti le sincere condoglianze da parte del nostro giornale Millepaesi. (e.e.)

ANCONA-CIVITANOVESE: FINITA CON IL PAREGGIO 1-1
RETE DEL VANTAGGIO AD OPERA DI BOATENG PER I ROSSOBLU’, PAREGGIO S

DYLAN BOATENG

DYLAN BOATENG

U RIGORE DI BISO PER I BIANCOROSSI. NESSUNA DELLE DUE SQUADRE CI STAVA A PERDERE. LA CIVITANOVESE, IN VANTAGGIO DALL’INIZIO, HA SUBITO NEL FINALE L’EROSIONE DORICA.  UNA BELLA PROVA, COMUNQUE, PER I RAGAZZI DI OSVALDO JACONI, CHE HANNO ONORATO L’IMPEGNO CON IL MASSIMO DI ENTUSIASMO, COSI’ COME I DORICI HANNO CERCATO DI EVITARE CHE I CIVITANOVESI “ESPUGNASSERO” IL DEL CONERO.

TABELLINI
Ancona: Lori, Barilaro, Di Dio, Bambozzi, Cacioli, Paoli, Sivilla, 
D´Alessandro, Tavares, Biso, Bondi; All Giovanni Cornacchini
A disp: Niosi, Capparuccia, Gelonese, Cilloni, Pizzi, Hidalgo, Cazzola, Morbidelli, Degano
Civitanovese: Cattafesta, Botticini, Schiavone,Coccia, Co

OSVALDO JACONI FOTO©MILLEPAESI

OSVALDO JACONI FOTO©MILLEPAESI

motto, Morbiducci, Tarantino, Rovrena, Pazzi, Buonaventura, Boateng

A disp: Chiodini, Bolzan, Caporaletti, Diamanti, Emiliozzi, Matera, Squarcia, Trillini, ZivkovArbitro: Davide Andreini (Forlì)Assistenti: Vittorio Pappalardo (Parma); Elpidio Capasso (Piacenza)Marcatori: Boateng 2´ p.t.Ammoniti: Morbiducci (17´ p.t. gioco falloso), Comotto (17´ p.t. reciproche scorrettezze), Cacioli (17´ p.t. reciproche scorrettezze)Espulsi: MorbiducciNote: Angoli (1-1); Recuperi ( )

ANCONA-CIVITANOVESE: I ROSSOBLU DI OSVALDO JACONI SUBITO IN VANTAGGIO CON BOATENG AL DEL CONERO (0-1)

ANCONA–Civitanovese subito in gran spolvero al Del Conero contro l’Ancona. Al 2´ p.t. Goal rossoblu con Boateng, che si è efficacemente inserito in area fulminando il portiere Lori in uscita.

ANCONA 0 – CIVITANOVESE 1
Al 5´ p.t. Bondi si libera di due avversari in dribbling a centro campo, avanza e scocca un gran tiro di sinistro che sfiora il palo.Al 9´p.t. corner dalla sinistra di Bondi, il pallone resta in area e ci prova di rapina Cacioli, pallone di poco a lato.Al 24´ p.t. Alex Buonaventura appoggia sulla destra per Boateng, lancio in profondità per il bomber Pazzi, che si infila tra le linee difensive anconetane volando verso la porta. Tiro di piatto a tu per tu con Lori, che finisce … incredibilmente al lato!Al 27´ del p.t. Bondi ci prova dalla distanza, ma il pallone finisce alle stelle.Al 33´ p.t. ESPULSO MORBIDUCCI PER DOPPIO GIALLO. Fallo su Bondi al limite, scatta la sanzione e il difensore finisce anzitempo negli spogliatoi.Al 40´ p.t. cross dalla destra di Barilaro, stacco di Tavares, blocca facilmente il portiere civitanovese Cattafesta.
PRIMO TEMPO: ANCONA 0 – CIVITANOVESE 1Al 3´ s.t. lancio di Bondi in profondità per Sivilla, fuga verso la porta, conclusione a tu per tu con Cattafesta, che colpisce il palo e la palla termina fuori.Al 9´ s.t. cross dalla destra di Bondi, colpo di Tavares sotto porta, ma la risposta sulla linea in volo di Cattafesta è strepitosa!

Al 13´ s.t. angolo dalla destra di Bondi, stacco di Cacioli, che finisce alto sopra la traversa.

Al 14´ s.t. D´Alessandro gira bene in area un cross dalla destra, pallone che sfiora la traversa.

20´ s.t. cross dalla destra, al portiere rossoblu Cattafesta sfugge la presa, ma fortunatamente Biso, a centro area, spara … altissimo.

Al 32´ s.t. punizione dalla sinistra: Cattafesta non è del tutto preciso nella presa, ma la Civitanovese si salva in extremis, con il classico fallo di…confusione in area.

Al 35´ s.t. Bondi fugge sulla destra, si porta sul fondo e subisce il “tackle” da dietro. L’arbitro decreta il rigore. Sul dischetto va Biso, che trasforma inesorabilmente a favore della propria squadra biancorossa.

ANCONA 1 – CIVITANOVESE 1

Nei restanti minuti di gioco niente di grave da segnalare, per cui la partita si chiude al fischio dell’arbitro con il salomonico pareggio, dopo la rimonta degli ospiti, seguita a distanza di tempo dalla rete “corsara” dei civitanovesi siglata ad appena due minuti dal calcio d’inizio. 

Erminio Marinelli è il primo firmatario di una mozione alla quale ha aderito la stragrande maggioranza dei gruppi consiliari dell’Assemblea Legislativa delle Marche.

ANCONA (19/09/2013) -” È noto a tutti che il rave in quanto tale ha carattere clandestino. Il luogo del “delirio” (questo significa la parola) viene reso noto solo poche ore prima dell’inizio della festa finalizzata allo ‘sballo’, per evitare possibili interventi delle forze dell’ordine. Chi è genitore sa quanto difficile sia controllare – si afferma nella mozione in questione – dove vanno i nostri figli nelle serate con gli amici e tutti sappiamo che nei rave party ci siano sempre abusi di alcool e droghe e spesso episodi di violenza nei confronti delle forze dell’ordine.
L’Osservatorio epidemiologico metropolitano dell’Azienda USL di Bologna già negli anni scorsi aveva condotto un’indagine sui frequentatori di “rave party” dalla quale emergevano dati allarmanti: su 375 intervistati, quasi l’80% si ubriacava almeno una volta alla settimana (età media: 24 anni), tutti usavano droghe da almeno 8 anni e il 50% di questi giovani, nei tre anni precedenti all’intervista, aveva avuto problemi a causa dell’uso di droghe.Quasi ogni anno si deve registrare un tragico bilancio di giovani vittime dei rave party, stroncate dall’uso di alcol e droghe, come avvenuto nel 2008 nelle campagne di Siena e in provincia di Varese, nel 2009 in Salento e nel Molise, o come ancora nel 2012 sul greto del Tagliamento.

Nel 2013 è successo a San Severino, ad un giovane ragazzo di Loro Piceno che non era frequentatore abituale di questo genere di manifestazioni, come hanno affermato i genitori, ma si era trovato casualmente in quel raduno per un cambio di programma imprevisto di un amico.
La nostra mozione vuole contribuire a evitare altre morti come quella di Diego. È quello che i suoi genitori hanno espressamente chiesto tramite la stampa: “fermate i rave party” affinché altri genitori non si trovino nella nostra dolorosa situazione.

In Italia esiste già una unità di monitoraggio del fenomeno presso il Dipartimento Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la quale effettua settimanalmente ricerche su internet e in particolare sui social media con buoni risultati, avendo individuato 71 rave party, 29 dei quali impediti in quanto illegali.

Tuttavia serve uno sforzo maggiore da parte dello Stato. Perciò la nostra mozione impegna la Giunta Regionale a richiedere al Governo di potenziare, anche con l’ausilio della Polizia postale, e diffondere capillarmente le attività di monitoraggio. Il nostro intento è anche quello di promuovere azioni di informazione e prevenzione, anche tramite i media, rivolte ai giovani, alle famiglie, alle istituzioni scolastiche e alle aggregazioni giovanili. Gli enti locali invece devono adottare tutte le misure possibili di controllo del territorio, nell’ambito delle loro competenze, per evitare altri eventi tragici legati ai rave party”.

Erminio Marinelli, primo firmatario – Presidente Gruppo “Per le Marche”
Raffaele Bucciarelli – Presidente Gruppo “Federazione della Sinistra PdCI/PRC”
Valeriano Camela – Presidente Gruppo “Unione di Centro”
Adriano Cardogna – Presidente Gruppo “”Verdi”
Giancarlo D’Anna – Presidente Gruppo “Misto”
Paolo Eusebi – Presidente Gruppo “Italia dei Valori”
Dino Latini – Presidente Gruppo “Liste civiche per l’Italia”
Francesco Massi – Presidente Gruppo “PDL”
Giulio Natali – Presidente Gruppo “Centro Destra Marche”
Moreno Pieroni – Presidente Gruppo “Alleanza Riformisti PSI-MRE-DCM”
Mirco Ricci – Presidente Gruppo “Partito Democratico”
Roberto Zaffini – Presidente Gruppo “Lega Nord”

 

TEATRO PERGOLESI • 46esima stagione lirica del Teatro Pergolesi di Jesi, prove in palcoscenico per “L’Arlesiana” di Francesco Cilea. L’opera, mai rappresentata a Jesi e di rarissimo ascolto, inaugurerà il cartellone lirico venerdì 27 settembre 2013 alle ore 20,30 con replica domenica 29 settembre alle ore 16 e anteprima riservata ai giovani mercoledì 25 settembre, alle ore 16. Il nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini e del Wexford Festival Opera è diretto da Francesco Cilluffo e con la regia di Rosetta Cucchi. Grande attesa tra i melomani per l’esecuzione della romanza che si credeva perduta fino ad un anno fa. 

JESI–Conto alla rovescia per la 46esima Stagione Lirica di Tradizione deJESI-ARLESIANA_Dimitry Golovnin-Annunziata Vestril Teatro Pergolesi di Jesi, organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini e dedicata al tenore Franco Corelli nel decennale della scomparsa, che inaugurerà venerdì 25 settembre alle ore 20,30 con “L’Arlesiana” di Francesco Cilea.

Scritta dal compositore calabrese nel 1897, “L’Arlesiana” fu l’opera che rivelò, nella famosa romanza “Il Lamento di Federico “, il tenore Enrico Caruso. Non è stata mai rappresentata prima a Jesi e in questo suo “debutto” propone al pubblico una autentica rarità musicale: la seconda romanza di Federico “Una mattina m’apriron nella stanza”, ritenuta perduta e recuperata un anno fa dal tenore Giuseppe Filianoti nella città natale di Cilea, Palmi. Per queste pagine di rarissimo ascolto, arriveranno a Jesi spettatori e musicofili da varie regioni d’Italia. Il melodramma sarà replicato domenica 29 settembre alle oJESI-L'arlesiana_foto di scena_Golovninre 16; mercoledì 25 settembre alle ore 25 è prevista una ‘anteprima giovani’ per gli studenti e per i partecipanti al progetto di formazione all’ascolto “Ragazzi… all’Opera”.

L’opera, in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con il Wexford Festival Opera, è diretta da Francesco Cilluffo sul podio della Form Orchestra Filarmonica Marchigiana. Firma la regia Rosetta Cucchi, scene di Sarah Bacon, costumi di Claudia Pernigotti, light designer è Martin McLachlan. Nella compagnia di canto, protagonisti sono il tenore russo Dimitry Golovnin nel ruolo di Federico ed il mezzo-soprano abruzzese Annunziata Vestri nel ruolo di Rosa Mamai; Mariangela Sicilia interpreta Vivetta,  Valeriu Caradja è Metifio, Stefano Antonucci canta Baldassarre, Christian Saitta è Marco, Riccardo Angelo Strano interpreta L’Innocente. Il Coro è il Lirico Marchigiano “V. Bellini” diretto da Carlo Morgante.

JESI-ARLESIANA_Dimitry Golovnin-Annunziata Vestri“L’Arlesiana” fu rappresentata per la prima volta il 27 novembre 1897 al Teatro Lirico di Milano, con Enrico Caruso nel ruolo del protagonista, che eseguì con gran successo “Il lamento di Federico”, la romanza destinata a mantenere ancora oggi vivo il ricordo di quest’opera.

Il nuovo allestimento propone un viaggio nella psiche di Federico, oscillando tra momenti di realtà e la sua percezione sempre più delirante. Una scelta sottolineata dalle scene, che con il progredire del dramma sono sempre più infestate da apparizioni, crudeli proiezioni del desiderio del protagonista. Spiega la regista, Rosetta Cucchi: “Al centro della vicenda è l’insana passione per una donna misteriosa che non compare mai nell’opera. Il protagonista, Federico, la desidera disperatamente, la sogna, soffre per lei, e improvvisamente la sua mente comincia a vacillare. Gli sforzi di coloro che lo circondano per mantenere la sua ragione lucida sono inutili, e lentamente la sua anima trasforma la storia d’amore in una cupa ossessione. È come se l’immagine della persona amata, perennemente sospesa nello stato cosciente, eserciti un’attrazione verso il quale Federico non può difendersi. L’amante ossessionato ascolta il canto della sua sirena e follemente ne segue l’ombra, che si muove via via via, diventando una proiezione delle sue follie. Il pubblico segue il viaggio di Federico fuori dalla realtà, intravisto attraverso una porticina nera all’inizio di ogni atto, verso il suo mondo ideale immaginario. Molte persone orbitano attorno a quest’uomo: una potente madre, un fratello debole, un uomo vecchio e saggio e altri, e nessuno di essi sarà in grado di aiutarlo. Ma siamo assolutamente sicuri che tutto è reale?”.JESI-L'arlesiana_foto di scena_6

Nella storia, ambientata in Provenza, Federico è deciso a sposare una misteriosa donna di Arles contro la volontà di sua madre, Rosa, ma, giunto finalmente il momento del matrimonio, è costretto a rinunciarvi a causa di Metifio, che vanta un diritto di prelazione esibendo alcune lettere d’amore che l’Arlesiana gli ha scritto. Federico si dispera e la madre Rosa riesce a convincerlo a dimenticare la giovane di Arles sposando Vivetta, una brava ragazza del paese da tempo innamorata di lui. Convinto di aver superato la sua malattia d’amore, Federico decide di accettare il suggerimento della madre, ma proprio il giorno fissato per le nozze, la ricomparsa di Metifio risveglia in Federico la passione e la gelosia per l’amata di un tempo, fino a spingerlo al suicidio gettandosi da una torre.

La Stagione lirica di tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi prosegue venerdì 4 ottobre con “Viva V.E.R.D.I. Le grandi opere di Giuseppe Verdi”, rara mise en espace di duetti per baritono e basso tratti dalle opere verdiane Attila, Don Carlo, Simon Boccanegra e Falstaff; in scena, il baritono Julian Kim e il basso Luca Tittoto per la direzione di Giacomo Sagripanti, video scenografia a cura di Benito Leonori.

Chiude la Stagione Lirica 2013 del Teatro Pergolesi il “Falstaff” di Giuseppe Verdi, venerdì 22 novembre alle ore 20.30, con replica domenica 24 novembre alle ore 16 ed anteprima giovani mercoledì 20 novembre alle ore 16, in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Ente Concerti Marialisa De Carolis di Sassari; direttore d’orchestra Giampaolo Maria Bisanti, regia diMarco Spada, scene di Benito Leonori, costumi di Alessandro Ciammarughi, light designer Fabio Rossi.

Al cartellone lirico di tradizione, si affianca inoltre il XIII Festival Pergolesi Spontini dal titolo “Lo scettro e la bacchetta”: dal 5 ottobre al 3 novembre 2013, concerti ed eventi dedicati al rapporto tra musica e potere politico, in un percorso da Gaspare Spontini a Wagner e Verdi; in programma, la prima esecuzione in epoca moderna della Cantata “Gott segne den König!” (‘Dio benedica il Re!’) di Spontini per soli, coro e orchestra, e una giornata dedicata al cinema muto con  la proiezione su musica dal vivo del colossal “Cabiria” (1914).

CIVITANOVA–Marcos Bolzan è stato il grande protagonista del derby di domenica scorsa 15 settembre 2013 contro la Maceratese (3-1). Ha siglato la rete del vantaggio, procurato il rigore trasformato da PBolzanLGazzi e servito il corner dal quale è scaturita la terza marcatura di Tarantino. Ma la testa dei rossoblu è già rivolta alla grande sfida di domenica 22 settembre contro l’Ancona, prevista alle 15 allo Stadio Del Conero. “Domenica sarà un’altra gara molto difficile – esordisce Marcos Bolzan – l’importante però sarà restare tranquilli e giocarci la partita come nelle nostre possibilità. L’Ancona è una grande squadra, ma noi ci faremo trovare pronti, stiamo dimostrando di essere una squadra competitiva e saremo all’altezza dell’importante impegno calcistico. Per quanto mi riguarda mi sono ambientato benissimo a Civitanova, con il mister Osvaldo Jaconi e con il gruppo c’è una grande intesa, per cui credo proprio che possiamo fare bene. Ma sono del parere che non dobbiamo guardare assolutamente la classifica, abbiamo giocato solamente tre gare e sarebbe poco indicative. Andremo ad Ancona per “giocarcela”, facendo del nostro meglio per strappare punti importanti”.

Ancona-Civitanovese, aperta la prevendita dei biglietti

La F.C. Comunica che, in vista del derby di domenica al “Del Conero” contro l´Ancona, da mercoledì pomeriggio sarà possibile acquistare i biglietti in prevendita nei seguenti punti:

1) BLU VIDEO IN VIA CECCHETTI 61
2) CASA DELLA MUSICA IN VIA CORSO UMBERTO I 103

Considerando l´assenza di disposizioni particolari da parte della Questura, i biglietti non saranno nominali e sarà possibile acquistarli anche domenica stessa presso i botteghini dello stadio dorico.

Il costo degli stessi è di euro 12 (10 + 2 diritti prevendita).

Eventuali, improvvise disposizioni, saranno prontamente comunicate dalla Civitanovese

Foto di Ciro Lazzarini
CIVITANOVA–L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI DI CIVITANOVA MARCHE (PRESIDENTE ROBERTO CICCOLA), DI MONTECOSARO (PRESIDENTE GRAZIANO DEL MONTE) E DI MORROVALLE (PRES.IDENTE DOMENICO VALENTE) DOMENICA 15 SETTEMBRE20 13 HANNO EFFETTUATO LA PREVISTA VISITA ISTITUZIONALE AL QUIRINALE, LA SEDE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA. CICCOLA-QUIRINALE-0979
LA DELEGAZIONE, COMPOSTA DA 80 PERSONE, GUIDATA DAL SINDACO DEL COMUNE DI MONTECOSARO, STEFANO CARDINALI, E’ STATA ACCOMPAGNATA DAI FUNZIONARI PREPOSTI  E HA VISITATO PER DUE ORE LA ”CASA DEGLI ITALIANI”, ASSISTENDO E VIVENDO DALL’INTERNO AL ”CAMBIO DELLA GUARDIA”. 
LA VISITA SI E’ CONCLUSA CON UNO SCAMBIO DI DONI CON L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI ”GRUPPO CORAZZIERI” PRESENTE ALL’INTERNO DEL QUIRINALE, CHE OPERANO IN QUALITA’ DI VOLONTARI.CICCOLA-QUIRINALE-N0773 
P.S.: NELLA FOTO  DI CIRO LAZZARINI CON IL ”CORAZZIERE” LA MASCOTTE DELL’A.N.C., TENENTE GIUSEPPE SAGRIPANTI (10 ANNI) DI MONTECOSARO. 
MONTECOSARO– SABATO 14 SETTEMBRE 2013 L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI DI CIVITANOVA MARCHE, MONTECOSARO E MORROVALLE, GUIDATA ISTITUZIONALMCARABINIERI-ASSOCIAZIONE-0404ENTE DAL SINDACO DI MONTECOSARO STEFANO CARDINALI, HA INCONTRATO A ROCCA DI PAPA (VICINO ROMA) IL SINDACO PASQUALE BOCCIA, PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE ”CITTA’ PER LA FRATERNITA’ ”.
HA FATTO SEGUITO LA VISITA ALL’INTERESSANTE ‘MUSEO DI GEOFISICA’, DOVE VIENE STUDIATO E RIPRODOTTO IL TERREMOTO CON TECNOLOGIE ALL’AVANGUARDIA. NEL POMERIGGIO LA DELEGAZIONE (80 PERSONE) SI E’ TRASFERITA A CASTELGANDOLFO, INCONTRANDO IL SINDACO MILVIA MONACHESI E SUA EMINENZA IL CARDINALE ANGELO COMASTRI, GIA’ VESCOVO DI LORETO, ORA PRESIDENTE DELLA FABBRICA DI SAN PIETRO. ROCCA DI PAPA-_0793
AL TERMINE DELL’INCONTRO SCAMBIO DI DONI. 
INTERESSANTE L’INCONTRO CHE LA DELEGAZIONE HA AVUTO CON DON PIETRO DILETTI PARROCO DI CASTELGANDOLFO, GIA’ PARROCO A MORROVALLE, AUTORE ANCHE DI UN LINRO SULLA CHIESA DI SAN MARONE DI CIVITANOVA, CHE NELL’OCCASIONE HA RIVELATO PARTICOLARI INEDITI DEL RECENTE INCONTRO CON PAPA FRANCESCO. 
IL PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI DI MORROVALLE, M.LLO DOMENICO VALENTE, HA DONATO UNA PERGAMENA DEI CARABINIERI A DON PIETRO, CON RECIPROCA SODDISFAZIONE.

 ROCCA DI PAPA-0723

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
settembre: 2013
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30