CIVITANOVA–Sono continuati, anche sotto i 40° di Agosto, i servizi di prossimità studiati ad hoc per “chi va al mare”, in atto dal 1° luglio al 31 di questo mese. I Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche, attraverso sei militari delle stazioni costiere di Civitanova Marche, Porto Potenza Picena e Porto Recanati, effettuano pattuglie a piedi sui Lungomare proprio nelle ore di massimo afflusso dei bagnanti. Accedono ai 116 stabilimenti balneari e lungo i tratti di spiaggia libera dei 20 chilometri di costa maceratese per garantire prossimità e maggiore sicurezza a chi è in vacanza.  Servizi che continuano a riscuotere il giudizio positivo di operatori balneari, turisti e bagnanti che riflettono opinioni e suggerimenti nei questionari di customer satisfaction. Quest’anno, poi, anche quattro militari in abiti civili del Nucleo Operativo della Compagnia civitanovese che, a bordo di moto da enduro e scooter con targhe di copertura, stanno garantendo servizi preventivi da furti e borseggi.

Nella sola giornata dell’altro ieri, molteplici le attività condotte dall’Arma civitanovese sul Lungomare sud di Civitanova. Un bagnante, alla vista del Carabiniere di quartiere, ha riferito di essere stato appena derubato del suo smartphone e che aveva già chiamato la Polizia. Ma il Carabiniere di Quartiere sapeva bene che quel tipo di telefono palmare installa un software che consente di localizzarlo, mediante la visualizzazione da tablet o pc ad esso connesso. Gli formulava questa domanda e il turista ammetteva di aver effettivamente avviato quel software. Gli bastava aprire il tablet e osservare il segnale gps in movimento del suo smartphone. Era a poca distanza, nei pressi della Casa del Balilla. Il carabiniere si avviava e, intanto era giunta la volante del Commissariato, alla quale poteva fornire quella preziosa informazione spulciata dal tablet del proprietario che consentiva agli agenti di transitare dal luogo indicato e rinvenire quel telefono. È ancora una vota la tecnologia degli smartphone di ultima generazione ad aiutare le forze dell’ordine a rinvenire queste preziose apparecchiature. Un fatto analogo era accaduto qualche settimana fa ad un professionista di Civitanova. Derubato di borsa 24 ore e smartphone, aveva incontrato la pattuglia del radiomobile che, seguendo il gps, aveva intercettato immediatamente alla zona ceccotti la coppia di ladri e rinvenuto l’intera refurtiva.

Un software, dunque, che aiuta decisamente ma qualche raccomandazione: chiedere sempre l’intervento di pattuglie delle forze di polizia ed evitare le ricerche “fai da te”; ricordarsi di avviare il software sul proprio dispositivo e tenerlo sempre sincronizzato su un dispositivo che sia in grado di navigare e captare segnale 3g.

Ancora interventi in spiaggia, questa volta sul Lungomare nord, dove una mamma con una ragazzina, di origine magrebina, lamentavano di aver avuto una discussione con alcuni connazionali che, per tutta risposta, avevano sollevato una nuvola di sabbia verso gli occhi. L’intervento risolutore della gazzella che tranquillizzava gli animi e riscontrava che l’episodio era circoscritto e non aveva comportato conseguenze sulle donne.

Un altro furto è stato sventato, in tarda serata di ieri, in una villa di Civitanova Alta. Erano riusciti a disattivare l’allarme e ad entrare, ma il latrato di uno splendido pastore lupo ha richiamato l’attenzione di alcuni residenti lì vicino. Hanno visto alcune sagome sul tetto ed hanno chiamato al 112. Immediatamente si sono mobilitate tre pattuglie provenienti da Civitanova e Porto Potenza, che hanno raggiunto i luoghi in pochi istanti. Circondata la villa, i militari hanno scavalcato un cancello alto circa 4 metri, incrociato il bravo “lupo” ma dei ladri, purtroppo, non c’era più traccia. Immediata la battuta nei campi, bui della zona, e i controlli istituiti su strada. L’intervento immediato ha tuttavia evitato che il furto si consumasse perché i proprietari che, poco dopo, hanno raggiunto l’abitazione hanno potuto riscontrare solo danni agli infissi, ma nessun ammanco. Sul posto anche i repertatori del Nucleo operativo della Compagnia di Civitanova (guidata dal Capitano Candelli) che hanno condotto un accurato sopralluogo assieme ai militari della Stazione di Civitanova Alta.

Intanto sempre ieri sera e stanotte, pattugliamenti a piedi dell’Arma civitanovese  hanno assicurato la regolarità di una festa in corso sul Lungomare sud. Tanta musica e tanta gente, vista passeggiare sui marciapiedi e sull’isola pedonale allestita, in tranquillità e serenità. Un tratto cittadino interessato in questi giorni da interventi scaturiti da ripetute segnalazioni di nomadi accampati nei parchi giochi del lungomare Piermanni. A garantire le pattuglie a piedi anche due giovani marescialli, Alessandro De Meo e Roberta   Scarpone, allievi della scuola marescialli di Velletri, giunti a Civitanova per un  tirocinio pratico per tutto il mese di agosto.

Ieri pomeriggio ancora nomadi segnalati all’Arma. Avvistati da alcuni passanti nella zona industriale a ridosso di un grosso distributore di carburanti. Due pattuglie dell’Arma, della Stazione di Civitanova Alta e del Radiomobile, in concomitanza col loro arrivo hanno provveduto all’identificazione degli occupanti che, spontaneamente, hanno rinunciato a sostarvi.

 

 

 

 
Annunci