PORTO RECANATI–Lo stand del Volley PotentinVOLLEY POTENTINO-GAZEBO-DSC00971o spopola al TorMeo 2013. Un bilancio esaltante quello scaturito dalla partnership della B-Chem Potenza Picena con la quarta edizione del trofeo estivo di green volley a squadre miste 4×4 organizzato a Porto Recanati da Marco Meoni, ex fuoriclasse della Lube Macerata e della Nazionale, ora ambasciatore della pallavolo tra i giovani e grande amico della società potentina. La manifestazione sportiva goliardica per tutti gli amanti del volley andata in scena il 27 e 28 luglio ha ospitato una rappresentanza della squadra marchigiana emergente in serie A2 reduce dal decimo posto tra i cadetti e da una campagna di rafforzamento esaltante in fase di mercato. Oltre 600 contatti sotto il tendone dei dirigenti biancazzurri al campo sportivo Monaldi e un via vai ininterrotto per il pulmino societario che per ben due giorni ha trasportato i numerosi giovani facendo la spola tra il centro del paese e gli impianti di gioco.

Il boom del TorMeo, sancito dal numero record di 380 iscritti distribuiti in 77 squadre, ma anche da illustri campioni come lo schiacciatore bulgaro Hristo Zlatanov, è andato di pari passo con le visite sotto il gazebo della B-Chem, autentica novità presente in evidenza tra i campetti 4×4 e la porzione di terreno riservata al sitting volley. I gadget in regalo del sestetto potentino sono andati a ruba, con cappellini, portachiavi, t-shirt e pantaloncini molto gettonati, mentre il centrale Riccardo Tobaldi, neocapitano della formazione allenata da coach Graziosi, è stato tra i grandi protagonisti del weekend per come ha saputo interpretare la competizione amichevole coinvolgendo gli aspiranti giocatori e privilegiando il divertimento all’agonismo. «E’ proprio l’atteggiamento positivo della B-Chem Potenza Picena che mi ha spinto ha rompere gli schemi aprendo le porte del TorMeo a una società di serie A2 – queste le parole di Meoni. Abbiamo la stessa concezione della pallavolo come una passione autentica, veicolo sano e strada privilegiata per amalgamare i giovani. In questa manifestazione amichevole i professionisti si devono sentire come gli amatori, mettendo da parte ogni ambizione di vittoria. Lo scopo è quello di condividere l’amore per una disciplina sportiva e divertirsi tutti insieme». Così è stato.

Limbo di gruppo, gavettoni tra una gara e l’altra, musica dance, sonnellini all’ombra e tanti brindisi. Una ricaduta d’immagine positiva anche per il turismo in riviera. «Parliamo di centinaia di giovani giunti da tutta Italia – ricorda il “Meo nazionale”. Grazie anche all’Orange Party di sabato sera in Piazza Brancondi molti ragazzi hanno scoperto il dinamismo e la bellezza di Porto Recanati. Naturalmente sia io che mio fratello ringraziamo gli amici del Volley Potentino per il grande supporto». Memorabile la partecipazione del tecnico Gianluca Graziosi e dei suoi giocatori alla festa clou del TorMeo al bar gelateria Da Giorgio, nel cuore della cittadina rivierasca. 

Annunci