CIVITANOVA–Grande festa (domenica 21 luglio 2013) alla Croce VerdCESARE-BARBARA PISTILLI-FOTO©MILLEPAESI-9945-LGe di Civitanova Marche (Via Aldo Moro), per l’inaugurazione di due ambulanze donate dalla Fondazione Carima (presente Marcello Mataloni). Intervenute anche le consorelle di Porto Sant’Elpidio e Porto Potenza (Croce Rossa). Una targa è stata scoperta per ricordare i soci e responsabili negli anni della Croce Verde. L’attuale Presidente Dr. Cesare Bartolucci ha fatto un discorso toccante, che riportiamo di seguito, che rende bene l’idea dello spirito che anima questa benemerita associazione civitanovese, che catalizza sempre anche tanta gioventù.

ANTONELLA-SERANTONI-BARBARA PISTILLI-MASSI SANDRA-FOTO©MILLEPAESI-9967-LG

VITTORIO VERDINI, MARIA LUCE CENTIONI, CESARE BARTOLUCCI, ROBERTO PANTELLA

Oggi, domenica 21 luglio 2013 – ha esordito Bartolucci – è festa grande. Inauguriamo, con una Santa Messa 2 nuove ambulanze, dono della Fondazione della Cassa di Risparmio di Macerata. Celebriamo il 60° compleanno della Croce Verde. Era nata nel 1910. Poi durante la seconda guerra mondiale venne chiusa. E’ rinata il 12 agosto 1953 ed oggi siamo qui a festeggiare il suo 80° di costituzione. Celebriamo inoltre il 40° di fondazione del corpo dei militi. Il primo corso si tenne nella primavera del 1972. Le squadre A e B divennero però operative il 7 aprile 1973, con una SOCCORSO-SIMULAZIONE-FOTO©MILLEPAESI-0004-LGforza di 36 volontari.

In quell’occasione la Croce Verde commemorava anche i sui primi 20 anni. Il motto che il consiglio di allora e mio padre Ruggero, che ne era il Presidente – ha aggiunto Cesare – scelsero fu quello di “Croce Verde 1953-1973: natura ci creò fratelli”. E’ un motto che ci accompagna ancora oggi! Venne pensato insieme a tanti componenti della Croce Verde di quell’epoca, che sono qui stretti vicino a noi e che abbracciamo con un grande applauso. Inoltre per coloro che sono stati parte della nostra amata Croce Verde e che non ci sono più scopriremo e benediremo una targa ricordo (è avvenuto poi all’ombra di due solenni tigli, ndr). Una memoria indelebile che ci invia un ordine preciso. Continuate ad aiutare chi soffre, avanti così! Siamo grati a loro che quotidianamente ispirano il nostro operato! Che ci guardano e ci confortano!”

ANTONELLA-SERANTONI-BARBARA PISTILLI-MASSI SANDRA-FOTO©MILLEPAESI-9967-LG

ANTONELLA SERANTONI, BARBARA PISTILLI (GIA’ SINDACO DI CIVITANOVA), SANDRA MASSI FOTO©MILLEPAESI

In questo 2013 che assume un significato speciale ricorrono anche – ha proseguito il Dr. Bartolucci – i 30 anni della prima gettata di cemento per costruire la sede sociale: era il marzo 1983.

La nostra sede è frutto della raccolta di carta e stracci. Ora ci accoglie e ci permette di fare tutto ciò che ci impegniamo a svolgere al meglio nell’interesse altrui, ricordandoci sempre che in fondo al tunnel della sofferenza si vede il faro blu della Croce Verde, un tempo una lampadina fioca a 6 volts ed oggi invece addirittura a led, una luce che dice a malati e feriti “Tieni duro stiamo arrivando. Siamo qui per te! Volontari e dipendenti, matricole e veterani tutti con una Croce Verde sul loro grande cuore. Grazie, grazie di cuore a tutti voi e buona festa della Croce Verde. Viva la Croce Verde e tutte le associazioni che dovunque aiutano AMBULANZA NUOVA-INTERNO-0036 copiachi soffre!”. Anche a chi è stato milite in anni lontani è stato consegnato un attestato della partecipazione alla crescita della Croce Verde. Attestato anche a Barbara Pistilli (già Sindaco di Civitanova), Sandra Massi, Antonella Serantoni che da studentesse, assieme ad altre liceali, presero parte al nuovo corso della Croce Verde. Barbara Pistilli si è soffermata ad osservare sia la modernità delle nuove ambulanze, sia la storica lettiga antecedente curioso delle ambulanze, nonché la corposa rassegna stampa relativa al volontariato, alla costruzione della nuova sede e tutto il resto.TARGA-9893FOTO©MILLEPAESI-LG

Alle 20,30, nel piazzale retrostante la Palazzina della Croce Verde, sono state servite delle fumanti pennette al ragù, per una cena frugale, ma gustosa – il tutto preparato e servito sempre dai volontari – per cui amicizia e convivialità hanno ottenuto il sigillo a tavola. Con il Presidente Bartolucci il vice-presidente Vittorio Verdini ed il responsabile dell’amministrazione il commercialista Roberto Angeletti. L’inesauribile ed istrionico Oscar Monina ha quindi “declamato” alcune poesie di Trilussa, che hanno davvero divertito i presenti. Mentre un team si è occupato di logistica per la giornata di festa la Croce Verde come istituzione di soccorso ha continuato la sua missione H24 con l’abituale generosità ed impegno di tutti coloro che erano di turno. (e.e.)

Annunci