«Ritrovo tanti amici. Abbiamo le carte in regola per fare bene»

 

PORTO POTENZA-Colpo di coda della B-Chem Potenza Picena. Il countdown per la chiusura del volley mercato è agli sgoccioli e la società marchigiana annuncia un ingaggio da capogiro al culmine di un corteggiamento che non ha lasciato nulla al caso. Definito dagli addetti ai lavori un vero e proprio fuoriclasse, richiesto anche da società della massima serie, il libero Roberto Romiti ha scelto di riabbracciare i dirigenti che lo avevano lanciato verso il grande volley e vestirà di nuovo a distanza di anni la casacca biancazzurra, ma questa volta in A2. Nato a Fermo nel 1983, lo “Spider-Man” marchigiano è alto 183 cm e pesa 70 kg. Dopo una stagione da protagonista nelle file della corazzata Sora, chiusa con l’eliminazione a sorpresa nella semifinale playoff contro Padova, Roberto tornerà in “famiglia” per vivere un’altra avventura intensa ed entusiasmante. Agli albori della carriera, dopo i quattro anni passati nella Pallavolo Appignano, il vero trampolino di lancio fu proprio l’approdo a Potenza Picena. Nelle sei stagioni tra il 2002 e il 2008 il talentuoso fermano è letteralmente sbocciato partita dopo partita, prima portando il Volley Potentino in B1 (2003/2004), poi dimostrando sul campo di meritarsi il salto tra i big. Occasione che arrivò con La Nef Castelfidardo in A2 (2008-2009), squadra molto grintosa, ma ancora acerba, con Gianluca Graziosi in panchina e Federico Moretti opposto. Proprio la possibilità di una reunion a Potenza Picena con coach Graziosi e Moretti ha spinto Romiti ad accettare l’offerta. Un ritorno alle origini, ma con stimoli rinnovati, dopo due stagioni trascorse a Città di Castello intervallate da una parentesi a Loreto (2010-2011) e la promozione in A1 sfuggita di mano al fotofinish nel sestetto di Sora. Appassionato di freccette e ottimo giocatore di poker, Romiti sta già calibrando la mira per fare centro con il sestetto biancazzurro in serie A2 grazie anche alla giusta dose di spregiudicatezza necessaria per rilanciare le ambizioni potentine con un all-in di impegno e perseveranza. 

Dichiarazioni di Roberto Romiti

«Con il dg Carlo Muzi ho sempre mantenuto un rapporto speciale. Con il ds Paolo Salvucci amavo scherzare spesso sul mio ritorno a Potenza Picena. Eccomi qui per davvero. Mi sono sentito corteggiato dalla B-Chem, che si è fatta avanti con una proposta concreta. L’ambiente sereno, la società affidabile e l’opportunità di ritrovare coach Graziosi insieme all’opposto Moretti hanno inciso in maniera determinante sulla mia scelta. Ho voglia di riscattarmi perché l’anno scorso a Sora speravo in un risultato ancora migliore. Non amo i pronostici, ma sono sicuro che quest’anno ce la giocheremo alla pari con quasi tutte le rivali, fatta eccezione per due o tre team di altissimo livello».

 

 
Annunci