Ieri sciopero al Corriere Adriatico in Via Berti sede del quotidiano marchigiano • Pertanto oggi domenica 14 luglio 2013 niente  giornale  nelle edicole 

ANCONA–Mercoledì 10 luglio 2013 si è conclusa – con esito negativo – presso la Fieg (Federazione Italiana Editori  giornali) di Roma, la fase sindacale nazionale della procedura di licenziamento collettivo (legge 223/91), per 13 lavoratori poligrafici del Corriere Adriatico, lo storico quotidiano delle Marche fondato nel 1860.

IL BUS ROSSO CHE PER I 150 ANNI DI FONDAZIONE IL CORRIERE ADRIATICO HA FATTO GIRARE  NEL 2010 PER I MAGGIORI COMUNI MARCHIGIANI NELLA FOTO©MILLEPAESI LA SOSTA A CIVITANOVA DAVANTI PALAZZO SFORZA

IL BUS ROSSO CHE PER I 150 ANNI DI FONDAZIONE IL CORRIERE ADRIATICO HA FATTO GIRARE NEL 2010 PER I MAGGIORI COMUNI MARCHIGIANI • NELLA FOTO©MILLEPAESI LA SOSTA A CIVITANOVA DAVANTI PALAZZO SFORZA

L’assemblea dei lavoratori poligrafici del Corriere Adriatico, in accordo con le RSA e le Organizzazioni sindacali territoriali, preso atto del mancato accordo, ha dichiarato per ieri sabato 13 luglio 2013 l’intera giornata lavorativa di sciopero, dando inoltre mandato alle proprie Rappresentanze di organizzare un pacchetto di ulteriori sei giornate di sciopero, da effettuarsi in attesa del confronto in sede regionale con l’Azienda e la Regione Marche.

Le Organizzazioni Sindacali Fistel-Cisl e Slc-Cgil  si attiveranno da subito – è stato affermato in un comunicato – nel coinvolgimento delle Istituzioni locali e regionali.

Annunci