You are currently browsing the daily archive for giugno 22, 2013.

 «Volevo questa maglia con tutte le mie forze. Il feeling coi tifosi sarà decisivo»

 

PORTO POTENZA–Doppio matrimonio per l’opposto Federico Moretti. ProprioMoretti-volley pp nel giorno in cui il fortissimo attaccante fermano è convolato a nozze con la sua fidanzata (sabato 22 giugno 2013), il Volley Potentino annuncia in via ufficiale l’accordo con il giocatore proveniente dalla Tonazzo Padova per la prossima stagione agonistica. Sarà lui a raccogliere la pesante eredità del veterano in uscita Fabio Muzio. Un arrivo di assoluto prestigio per quello che l’atleta marchigiano ha saputo far vedere negli ultimi anni in piazze importanti della serie A.

Nato a Fermo nel 1983, l’ultimo arrivato al PalaPrincipi sfoggia la ragguardevole altezza di 204 cm e pesa 97 kg. Cresciuto nella Videx Grottazzolina e salito alla ribalta del volley nazionale per la sua efficacia come terminale offensivo, il neo biancazzurro si è rivelato nel tempo un autentico trascinatore. Dote che ha già dimostrato a pochi chilometri di distanza nell’esaltante biennio con la casacca della Pallavolo Loreto. Reduce dalla recente finale playoff nelle file di Padova, Moretti ha disputato anche tre stagioni in A1 con Cagliari, Latina e Taranto. Suggestiva la reunion con il tecnico Gianluca Graziosi, che lo ha già allenato nella stagione 2008/2009 a Castelfidardo, annata conclusa con la retrocessione, ma che ha consacrato l’attaccante come uno dei giocatori più prolifici della regular season. Tra i match più emozionanti fin qui disputati, Moretti blinda nel cassetto dei ricordi un incontro con la maglia della nazionale B azzurra contro Cuba. Già laureato in Scienze economiche e manageriali, a un passo dalla laurea in Scienze politiche internazionali e dell’amministrazione, il talentuoso fermano si professa molto ottimista e non nasconde le sue armi segrete per caricarsi nelle partite importanti: il feeling con il palazzetto e i propri sostenitori. Chiave importante per una società come il Volley Potentino che vuole richiamare alle partite un numero sempre maggiore di tifosi.

Dichiarazione di Federico Moretti: «E’ un trasferimento fortemente voluto. Desideravo tornare nella mia regione indossando la maglia del Volley Potentino. Parecchi anni fa, quando Potenza Picena militava in B2, il dg Carlo Muzi fu il primo a elogiare le mie qualità di giovane emergente. Approdare in biancazzurro era nel mio destino. Conosco tutti i dirigenti e so di ritrovare un grande tecnico come Gianluca Graziosi. Ho voglia di fare bene e vincere divertendomi. Spero di raggiungere subito un’ottima intesa con i tifosi perché per me è importante sentire il loro calore e ripagarli con prestazioni ad alta intensità agonistica».

 2013-2014 A2 B-Chem Golden Plast

2012-2013

A2

Tonazzo Padova  

2011-2012

A2

Energy Resources Carilo Loreto  

2010-2011

A2

Energy Resources Carilo Loreto  

2009-2010

A1

Prisma Taranto  

2008-2009

A2

La Nef Castelfidardo  

2007-2008

A1

Andreoli Latina  

2006-2007

B1

Pall. Falchi Ugento (LE)  

2005-2006

A1

Tiscali Cagliari  

2004-2005

A2

Videx Royal Pat Grottazzolina  

2003-2004

B1

Cibers Castelfidardo  

2002-2003

A2

Videx Royal Pat Grottazzolina  

2001-2002

A2

Videx Da.Mi. Grottazzolina  

2000-2001

A2

Videx Da.Mi. Grottazzolina  

1999-2000

Giov.

Videx Grottazzolina  

*********************************************************************************** 

 Si separano le strade dell’opposto Fabio Muzio e della B-Chem Golden Plast. Si chiude un ciclo esaltante culminato con l’approdo tra i cadetti e la salvezza in serie A2. La grande famiglia del Volley Potentino ringrazia il fuoriclasse campano per le gioie regalate e per i traguardi raggiunti a braccetto augurandogli infine i migliori auguri per il suo futuro professionale.

 

 

POTENZA PICENA–L’Amministrazione comunale ha ricevuto in salaBocciofila-montesanto-01-leggera giunta la Bocciofila Montesanto, protagonista di un’eccellente stagione agonistica che l’ha portata alla promozione nella serie B nazionale, dopo che lo scorso anno era già salita di categoria. Il brillante successo sportivo è stato salutato con soddisfazione dal sindaco Sergio Paolucci, che ha voluto congratularsi con i protagonisti e che ha sottolineato come il movimento sportivo in generale del territorio comunale potentino sia particolarmente attivo, sia dal punto di vista della partecipazione giovanile che per le eccellenze che annovera, come, tra le altre, la serie A1 nel basket in carrozzina, la A2 nel volley maschile, il podismo a livello nazionale, la serie B nel baseball e, ora, nelle bocce. Guidati dal Presidente Amato Biagiola, della Bocciofila Montesanto sono saliti in municipio il tecnico Giuseppe Petrelli, il segretario Simone Biagiola, il dirigenti Silvano Natali e Gianfranco Calcina, gli sponsor Silvano e Luigi Gelosi della Gielle Stampi, i giocatori Sauro e Luca Petrelli, Giorgio Cesoroni, Stefano Micucci, Simone Renzi, Tiziano Iena, l’arbitro nazionale Luigi Emiliani. Ringraziando l’Amministrazione comunale, gli esponenti della Bocciofila Montesanto hanno ripercorso la stagione agonistica appena andata in archivio ed hanno presentato quella prossima, che li vedrà impegnati in lunghe trasferte, come quelle in Lombardia. La passione per le bocce a Potenza Picena e nel suo territorio è particolarmente radicata ed il palmares delle società locali è ricco di allori nazionali ed internazionali: continuare su questa strada appare, quindi, naturale.

 

PENNA SAN GIOVANNI-MONTE SAN MARTINO–Buona la partenza delle serate

PENNA-Rassegna cinematografica CAG _Alla ricerca di.._ cinematografiche organizzate da Comunità Attiva nei centri giovani di Penna San Giovanni e Monte San Martino. Quattro film importanti quelli scelti per la rassegna intitolata ‘Alla Ricerca di…’. 
La ricerca nel titolo vuole essere intesa – dicono i promotori – come motore che fa muovere le nostre esistenze, alla ricerca di un senso che spesso risulta essere più vicino di quello che si immaginava e porta a scoperte bellissime, ma soprattutto sconvolgenti, non solo per i protagonisti delle vicende narrate, ma anche per gli spettatori che si immedesimano – loro malgrado – in storie che non risultano poi cosí lontane dalle nostre vite di tutti i giorni, arricchendole di un significato nuovo, eppure chiarissimo.

Nelle prime due serate di giovedí e venerdí scorso, gli spettatori hanno avuto modo di seguire le vicende di Jonathan ‘collezionista di ricordi’ che dall’America vola in Ucraina alla ricerca della storia della sua famiglia in ‘Ogni cosa è illuminata’ e di Simone l’undicenne protagonista del film ‘L’uomo fiammifero’ che vive intimamente alla ricerca delle sue creature meravigliose nelle campagne teramane.

La rassegna continuerà la prossima settimana con altri due film. Giovedí 27 Giugno alle 21.15 sarà la volta di ‘Freedom Writers’ al Centro giovani di Monte San Martino, una classe di studenti difficili ed un’insegnante alle prime armi che insegnerà loro il valore della tolleranza. Venerdí 28 Giugno, sempre alle 21.15 nel Centro giovani di Penna San Giovanni sarà invece la volta del ‘Cacciatore di Aquiloni’ per incontrare Amir e Hassan e lasciarsi affascinare dalla loro storia di perdono e riscatto tra l’America e l’Afghanistan.

Comunità Attiva, associazione giovanile della Comunità Montana dei Monti Azzurri si reputa soddisfatta di come siano andate le serate inziziali della rassegna e spera di bissare il risultato la prossima settimana. La rassegna é stata organizzata nell’ambito del progetto Giovani IN-Formazione” realizzato con il sostegno della Comunità Montana dei Monti Azzurri, della Provincia di Macerata e della Regione Marche.

Il teologo e scrittore grande protagonista del dibattito con il presidente della comunità don Vinicio Albanesi, sul tema: “La coscienza occidentale in tempo di crisi”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERACAPODARCO DI FERMO – “Vengo non so da dove; sono non so chi; muoio non so quando; vado non so dove; mi stupisco di essere lieto”, parte dal famoso detto medioevale riportato dal fisolofo tedesco Karl Jaspers, Vito Mancuso, interrogato sul significato della vita dal presidente della Comunità don Vinicio Albanesi, durante il dibattito di apertura della X Festa della Comunità, dal tema “La coscienza occidentale in tempo di crisi”.

Di fronte a una platea di centinaia di persone, davanti a svariate personalità e autorità locali e nazionali, tra cui il sindaco di Fermo Nella Brambatti, il Prefetto Emilia Zarrilli, l’onorevole Paolo Petrini e il consigliere regionale Rosalba Ortenzi, il teologo milanese e il presidente della Comunità di Capodarco hanno dato vita a un dibattito ricco di spunti di riflessione e di analisi.

“Il segreto della vita” spiega il teologo “è armonia” e il compito della spiritualità consiste proprio nel risvegliare questa logica di armonia che l’uomo moderno sta perdendo.

Interrogato da don Albanesi sul rapporto tra coscienza e libertà, Mancuso, citando la famosa Critica della ragion Pura di Kant, spiega che la libertà è una delle tre antinomie per eccellenza. La libertà ci contraddistingue da ogni altro essere: “teoreticamente parlando” spiega “noi siamo libertà”, ma si tratta di una libertà non assoluta.  Per essere veramente liberi occorre acquisire una dimensione autonoma nella propria solitudine.  Non per niente Alfred North Whitehead, continua Mancuso, ci ha offerto “la più bella definizione di religione” proprio riferendola alla solitudine: “la religione”, scriveva Whitehead, “è ciò che l’individuo fa nella propria solitudine”: “deponendo ciò che sono per gli altri e restando solo me stesso” spiega lo scrittore  “sono libero”.

Interrogato su quali siano gli elementi da sviluppare nella dimensione moderna per riuscire ad acquisire la libertà, Mancuso suggerisce di coltivare un rapporto armonioso con la natura, di connettersi il più possibile con la realtà ma, soprattutto, di combattere sempre la menzogna, soprattutto quella che alberga dentro di noi. Infine avere sempre la massima apertura alla rivelazione continua  della vita e alla sua dimensione eucaristica: “in fondo” conclude  “noi siamo solo un pezzo di materia che diventa pensante”. Dopo questo incontro, la festa è proseguita con la tradizionale cena e l’esibizione del duo Frères Chaos, ex concorrenti di “X Factor” particolarmente amati dai giovanissimi.

Domani 23 giugno, è prevista una passeggiata nel bosco della Comunità e, dopo la cena, grande finale con l’atteso concerto del gruppo Marta sui Tubi, freschi partecipanti, tra i 14 big, all’ultima edizione del festival di Sanremo.

 

 

 

POTENZA PICENA– Lungo la strada statale “Regina”Freccette-2013-leggera, presso il bar “Espresso Italiano”, si trova la sede degli allenamenti e delle gare del Dart Club Never 180, compagine iscritta alla Federazione Italiana Gioco Freccette.

Nata nel 2010, l’associazione sportiva potentina, dopo due anni di militanza in serie B, è approdata nella massima categoria nazionale, si è collocata al quarto posto assoluto nelle Marche e si è piazzata in 17° posizione nella graduatoria italiana.

Una crescita rapida e notevole, il cui merito va alla qualità tecnica dei suoi iscritti ed alla loro passione per una disciplina sportiva in veloce sviluppo, mix pregevole di concentrazione e precisione balistica. Ecco i componenti del D.C. Never 180: Simone Trovarelli (Presidente), Sara Paoletti (vicepresidente), Danilo Belluccini, Duilio Marinacci, Paolo Fontana, Loris Altarocca, Alessandra Onofri, Simone Storani, Andrea Bambozzi, Massimo Caprani, Alessandro Caprani, Maurizio Mazzoni, Fabrizio Piccinini. Quest’ultimo giocatore è il più rappresentativo della formazione: più volte campione regionale, è stato anche vicecampione italiano ed ha pure vestito la maglia azzurra della Nazionale. Attorno a lui sta crescendo una squadra che promette di salire ancora altri gradini della classifica assoluta. Chi volesse farne parte può rivolgersi direttamente in sede.

CIVITANOVA–Dal primo giorno d’estate sono stati intensificati i servizi diOLYMPUS DIGITAL CAMERA controllo del territorio della costa maceratese da parte dei Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche.

Dal 21 giugno sono partiti una serie di servizi diurni e notturni che impegneranno le nove Stazioni ed il Nucleo Operativo e Radiomobile per poter garantire, al meglio, le numerose richieste d’intervento e far trascorrere, al meglio, le vacanze ai turisti che hanno scelto il litorale che attraversa Civitanova Marche, Porto Potenza Picena e Porto Recanati.

Molta attenzione da parte dei CC al fenomeno dei furti in appartamenti che, con la calura estiva, possono subire impennate, ma anche ai fenomeni predatori sulle spiagge e sulle autovetture, moto e biciclette. CC-22-6-2013-casello A:14 3

Dalle Caserme Carabinieri della costa verrà messo su strada il maggior numero di pattuglie per garantire sull’intero arco delle 24 ore più unità possibili sul territorio. Dal primo luglio, inoltre, alle autoradio sulle strade si affiancheranno le pattuglie a piedi, rivolte essenzialmente alla vigilanza dei 116 Stabilimenti balneari e ai numerosi tratti  di spiaggia libera che insistono nei 20 km di costa maceratese. Servizi rimodulati quest’anno – assicura il Capitano Domenico Candelli – per essere presenti, contemporaneamente, in più chalet, affiancando ai carabinieri di pattuglia in uniforme, anche carabinieri in borghese a bordo di scooter, per prevenire l’odioso fenomeno degli scippi. I dettagli dei nuovi servizi di “prossimità a chi va al mare” che vedranno la collaborazione degli assessorati al turismo dei Comuni costieri e dell’ABAT, con inizio dal 1° luglio, sono presto detti.

Intanto, già col solstizio d’estate (ieri 21 giugno), gli uomini dell’Arma hanno messo in atto una serie di controlli ed attività operative:

·   Un’autovettura rubata, in altra regione, è stata rinvenuta nella zona sud di Porto Recanati in stato di abbandono. I Carabinieri hanno tenuto d’occhio quel veicolo per un po’ di tempo, allo scopo di verificare se fosse ancora in uso a ladri o ricettatori, quindi l’hanno sottoposta a sequestro. All’interno un armamentario di attrezzi da scasso (guanti, cacciavite e lampadina), contenuti in un borsone, con i resti di un furto consumato evidentemente qualche giorno fa in luoghi da verificare, visto che non collimano con le refurtive di alcuni episodi accaduti in zona. Lo stato ormai di abbandono del veicolo lasciava presumere che il mezzo fosse stato considerato ormai “inutilizzabile” dalla banda di ladri che lo avevano lasciato per strada, nei pressi della Stazione ferroviaria. I monili che vengono ritratti nella foto, possono essere visionati – per riconoscimento e restituzione – presso la sede della Stazione Carabinieri di Porto Recanati, sita in Viale Europa, i cui uffici sono aperti tutti i giorni dalle 8 alle 22, con info allo 0719799013 od allo 0733825300 della Compagnia di Civitanova Marche.

·        “Al ladro al ladro” l’altra sera, sempre a Porto Recanati, è stato udito dalla pattuglia dei carabinieri in servizio sul lungomare. Una donna, del luogo, che aveva lasciato in sosta la sua bicicletta, bloccando la ruota posteriore con una catena,  non l’aveva ritrovata. Gli uomini dell’Arma, sulla base della descrizione puntuale della bici, si sono subito messi alla ricerca,  e dopo qualche minuto l’ hanno ritrovata. Un marocchino, abitante a Porto Recanati, se la stava trascinando a gambe levate con tutta la catena, ma i carabinieri sono  riusciti a bloccarlo. Fotosegnalato nei laboratori dello SPIS della Caserma Piermanni di Civitanova Marche, a suo carico una denuncia per ricettazione del mezzo che, dopo le formalità di rito, è stato restituito alla donna, con sua legittima soddisfazione e gradite manifestazioni di apprezzamento ai militari dell’Arma.  

·  Ieri pomeriggio ancora “al ladro” sotto gli ombrelloni di Porto Potenza. Un ragazzo che passeggiava sul lungomare, quando ha raccolto dalla spiaggia libera uno shopper, sono scattati i legittimi sospetti dei bagnanti  che avesse commesso un furto. Telefonate al 112 di alcuni bagnanti che lo seguivano ha fatto dirottare, dalla centrale operativa del Comando di Via Carnia, un paio di pattuglie del Radiomobile civitanovese e della Stazione di Porto Potenza, nella zona nord del litorale potentino. Lo hanno bloccato ma quel ragazzo, in quello shopper teneva solo un paio di effetti personali e, probabilmente, quel suo raccogliere velocemente quel sacco, in stato di abbandono e di nessun valore commerciale, era stato scambiato per un furto. L’attenzione dei bagnanti non è stata tuttavia censurata dai militari intervenuti, che hanno anzi ringraziato ed incitato a segnalare al 112, come in questo caso, ogni situazione sospetta.

·        Le segnalazioni corrono sul 112, ma non sfuggono quelle rivolte coram populi sui social network, come quella che, ieri sera, un civitanovese aveva effettuato per lamentare la presenza di due prostitute a Civitanova, zona Fontanelle, poco al di qua del ponte sul fiume Chienti.  Sebbene si trattasse di una notizia carpita informalmente e che sarebbe meglio formulare ai numeri di emergenza delle forze di polizia, la gazzella del radiomobile verso la mezzanotte ha eseguito il controllo e l’identificazione delle due che, già in altri servizi antiprostituzione dell’Arma civitanovese, erano state proposte per il foglio di via da questo Comune. Le due, pertanto, al termine delle operazioni di identificazione sono state denunciate per inottemperanza al provvedimento.

ANTICHI SPLENDORI MONTEVIDONESI: RICORDI DI ISTANTANEE E ARTE”

MONTE VIDON COMBATTE–Sabato 22 giugno alle ore 17.30, presso la Chiesa di San Procolo di MonteStampa Vidon Combatte verrà inaugurata la mostra fotografica “Antichi Splendori Montevidonesi: ricordi di istantanee ed arte”, evento organizzato dal Comune di Monte Vidon Combatte e inserito nell’ambito del Progetto Ecomuseo della Valle dell’Aso e delle sue identità,neo-istituzione nata da un finanziamento regionale dedicato a “I luoghi dell’animAzione” e impegnata nella gestione e valorizzazione del territorio della Valdaso, con le sue identità storico-artistiche, naturalistiche e sociali.

 Grazie al contributo dei cittadini Montevidonesi, sono state raccolte circa 200 foto che vanno dai primi del 900 agli anni ’70: sono paesaggi, scorci di vita quotidiana contadina, gite di paese e feste religiose; uno spaccato della realtà dell’epoca carico di suggestioni ed emozioni che quel periodo ha fatto riaffiorare.

Di particolare importanza è la location della mostra che ne fa da cornice: la Piccola Chiesa antica di San Procolo è un piccolo gioiellino architettonico da tutelare e custodire e futuro Centro d’interpretazione dell’Ecomuseo della Valle dell’Aso.

La chiesetta, di proprietà della Parrocchia ma chiusa al pubblico, risale al XII secolo circa ed è un monumento tanto importante ai fini storico-artistici quanto sconosciuto; quindi con questa mostra – riferisce il sindaco Luciano Evandri – è nata la volontà di accendere i riflettori su di un bene che purtroppo risulta ignoto anche agli stessi cittadini di Monte Vidon Combatte.

  struttura ha subito negli anni numerose modifiche, tra le quali, non ultima, la recisione della parte anteriore,con annessa facciata principale e torre campanaria.

Ad intervenire sull’aspetto storico – culturale della chiesa sono stati chiamati l’Arch. Paola Mazzotti – Dirigente P.F. Conservazione del patrimonio culturale e recupero dei beni culturali della Regione Marchee il Dr. Stefano Papetti Direttore delle Raccolte comunali di Ascoli Piceno; con loro si analizzerà sia l’importanza architettonica che quella artistica della Chiesa.

La Chiesetta, essendostata costruita conmateriale recuperato da precedenti costruzioni provenienti da diverse zone, presenta nellfacciata laterale, elementi in laterizio, travertino, mattone in cotto e perfino arenaria decorata secondo iclassici stili longobardi, oltre che, nella parete sud incastonata nella pietra, resti di un’antica macina.

L’importanza artistica ricade, invece, su una serie di affreschi votivi che è possibile vedere su livelli diversi e quindi sovrapposti, presenti in un ambiente raccolto con copertura a capriate euna zonaabsidale conaltareinpietra. Gli affreschi quattrocenteschi vengono attribuiti a diverse scuole: latesipiùaccreditata indicherebbecome autori dei lavori alcuni esponenti della scuola, definita dal Crocetti, “Farfense”in particolare M.Colada S.Vittoria, discepolo di Fra Marino Angeli,di cui èstato trovato un polittico, proprio nella chiesetta di S.Procolo.

Sullo sfondo si staglia l’affresco absidale: una Crocifissione con l’Addolorata e S. Giovanni; quasicomeunapalad’altare, essaècircoscritta in altodallarco ogivaledellavoltadellacappella. Nella parete interna dell’arco, sul lato sinistro, definito da una cornice diarchetti goticitroviamounaMadonna conBambino, mentre suquellodestro due rappresentazioni di S.Sebastiano, purtroppo entrambe acefale.

Oltre a questi interventi di carattere storico artistico è prevista la presenza della Regione Marche e della Provincia di Fermo.

L’Assessore alla Cultura Giuseppe Buondonno ha, infatti, sostenuto tale iniziativa con la collaborazione dell’Associazione Belvedere con l’inserimento della mostra all’interno della fototeca provinciale di recente avviata dalla stessa amministrazione Provinciale.

La mostra si configura, inoltre, come evento conclusivo del progetto Work Experience nei piccoli comuni promosso dalla Provincia di Fermo, che ha permesso ad una giovane laureata in Conservazione dei Beni Culturali, la Dott.ssa Daniela della Pelle, di sviluppare un progetto di promozione e tutela culturale e ambientale.

La mostra ha ottenuto il contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Fermo, e il Patrocinio di Italia Nostra (sezione di Fermo) e dell’Associazione Altidona Belvedere.

HAPPY HOUR TUCANO’S

PORTO SAN GIORGIO–La sua voce è ormai inconfondibile. Il suo stile un must. E la grinta che 
trasmette è adrenalina pura per migliaia e migliaia di ragazzi. Stiamo parlando 
di Tanja Monies, vocalist tra le più rinomate sulla scena europea, che domenica 
sbarcherà al Tucano’s beach per il mitico happy hour. A partire dalle ore 17, 
proprio in concomitanza con l’inizio dell’aperitivo by Tucano’s, Tanja Monies 
salirà in consolle per caricare a mille i tantissimi amici dello chalet sul 
Lungomare nord di Porto San Giorgio. E via con uno degli appuntamenti più cool 
della riviera adriatica firmato Tucano’s beach. Ma definire la regina delle 
consolle solo una vocalist è quantomeno riduttivo. Tanja Monies, infatti, è 
stimata anche come conduttrice radiofonica, cantante, produttrice discografica 
e testimonial di griffe alla moda. Il suo graffiante microfono e la sua 
conturbante bellezza hanno lasciato il segno alla Villa delle Rose di Misano 
Adriatico, al Peter Pan di Riccione, al Meccanò di Firenze, al Malemi di 
Desenzano, tanto per citare solo alcuni dei tanti locali in cui la Monies  ha 
lavorato. Special guest nei migliori club italiani e stranieri a Ibiza, Londra, 
Amburgo, Zurigo, Berna, Basilea, Bien. Nata a Copenaghen, Danimarca, il 31 
agosto 1973, scopre la sua indole artistica fin da giovanissima. La madre, 
famosa pittrice, ha creato per vent’anni le scenografie del Teatro Reale di 
Copenaghen. A 16 anni si trasferisce negli Stati Uniti, alla High School di 
South Illinois, per concludere gli studi superiori. L’anno successivo prende 
parte ai corsi di recitazione presso la Scuola di Teatro di Copenaghen; a 19 
anni approda in Italia per completare la sua formazione artistica. Durante la 
sua permanenza a Firenze viene notata dai più importanti responsabili delle 
agenzie di spettacolo italiane, che le chiedono di diventare animatrice per 
discoteche. Dopo poche settimane, Tanja si rende conto che questa nuova 
esperienza può diventare una vera e propria dimensione artistica. Il passaggio 
da animatrice a vocalist arriva in un lampo. Già performer ai German Dance 
Awards, ai Party di Gala di Viva Tv e al festival White Sensation di 
Dusseldorf, ha lavorato e lavora con i top dj’s mondiali: Knuckles, Morales, 
Sanchez, Little Louie Vega, Joe T. Vannelli, Claudio Coccoluto. Vocalist del 
Mtv One-Night Official Tour.

PORTO SAN GIORGIO-Quattro concerti a partire da oggi, sabato 22 giugno e per 4 sabati successivi, presso larocka in rock foto suggestiva cornice di Rocca Tiepolo a Porto San Giorgio. Si inizia con la rivisitazione rock dei classici italiani con la band “Io e i gomma gommas”, il 29 giugno sarà invece la volta degli “Hydra” che proporranno musiche dei Beatles e dei Police, si continuerà sabato 6 luglio con un reggae party animato da “Rubba dubba”, per terminare il 13 luglio con uno splendido omaggio ai Queen. Ogni band sarà accompagnata da gruppi musicali emergenti. In più ci saranno stand gastronomici, mercatini dell’artigianato locale e musica per tutta la serata.

 Gli organizzatori dell’evento, fondatori dell’associazione Live Sound, gestiscono da un anno la sala prove comunale La Piccola a Porto Sant’Elpidio e cercano di promuovere la musica locale anche fuori della struttura. “Cerchiamo – dicono Massimo e Fabio – sia di promuovere band emergenti locali che di rivalutare una location stupenda come la Rocca, la quale, illuminata e animata, appare una cornice perfetta per eventi musicali di questo tipo”. Si può accedere alla Rocca sia dal parcheggio dell’Ospedale che dal cancello adiacente la Chiesa centrale di Porto San Giorgio.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche