You are currently browsing the daily archive for giugno 13, 2013.

ANCONA–Proclamato ufficialmente il neo-sindaco dorico

VALERIA MANCINELLI

VALERIA MANCINELLI

Valeria Mancinelli, che si è insediata stamattina (giovedì 13 giugno 2013) in Comune, dopo una breve cerimonia di passaggio di consegne con il Commissario straordinario Antonio Corona. Il dott. Corona, che ha retto l’Amministrazione comunale per cinque mesi (dopo la crisi della giunta Gramillano), ha affidato la fascia di primo cittadino e ha augurato buon lavoro al nuovo sindaco appena eletto al ballottaggio di lunedì scorso 10 giugno. Convalidati i 32 consiglieri comunali eletti il 26 e 27 maggio scorso. Il primo Consiglio comunale dovrà essere convocato entro 10 giorni dalla convalida dal sindaco e sarà presieduto dal consigliere anziano sino alla elezione del Presidente.

Ecco chi farà parte del nuovo Consiglio dorico a Palazzo degli Anziani (centro storico):

Barca Mario – PD

Berardinelli Daniele – PDL

Crispiani Stefano – SEL

D’Angelo Italo – La tua Ancona – PDL

Dini Susanna – PD

Diomedi Daniela – MOVIMENTO 5 STELLE

Duranti Massimo – PD

Fagioli Tommaso – PD

Fazzini Massimo – ANCONA 2020

Finocchi Bona – LA TUA ANCONA

Fiordelmondo Federica – PD

Foresi Stefano – PD

Freddara Claudio – PD

Gastaldi Marco – MOVIMENTO 5 STELLE

Gnocchini Marco – UDC

Gramazio Angelo – LA TUA ANCONA

Grelloni Roberto – ANCONA 2020

Lazzeri Cristina – MOVIMENTO 5 STELLE

Mandarano Massimo – PD

Mazzeo Deanna Elena – PD

Milani Marcello – VERDI

Morbidoni Lorenzo – PD

Pelosi Simone – PD

Pistelli Loredana – PD

Pizzi Simone – PDL

Polenta Michele – VERDI

Quattrini Andrea – MOVIMENTO 5 STELLE

Rubini Filogna Francesco – SEL

Tombolini Stefano – SESSANTACENTO ANCONA

Tripoli Gabriella – PD

Urbisaglia Diego – PD

Vichi Matteo – SCELTA CIVICA

Annunci

CORRIDONIA–Il Comune di Corridonia ha già da tempoCRD-CAMPERISTI-gruppo  aderito al progetto Comune Amico del Turismo Itinerante, per cui nel fine settimana presso la sala consigliare si è svolta la simbolica cerimonia di consegna dell’attestato e dei cartelli stradali da apporre all’ingresso della città. Erano presenti l’Assessore al turismo del Comune Massimo Cesca, il Vice Sindaco Paolo Cartechini, il Comandante dei Carabinieri Arringoli, il Coordinatore Centro Italia dell’UCA  Giancarlo Staffolani e il Responsabile Nazionale del Progetto, Gabriele Gattafoni, oltre  all’instancabile  Presidente del Camper Club Corridonia, Daniele Marcelletti e tutti i suoi collaboratori.
Già in occasione dell’Infiorata promossa nel comune di Corridonia erano presenti oltre 50 camper, per un totale di circa 160 persone, che hanno visitato la città per due giorni ed usufruito dei servizi messi a disposizione  dell’amministrazione, dei ristoranti e dai negozi.
“Questa iniziativa, insieme al lavoro svolto dall’associazione Noi Marche e a tanti piccoli eventi come l’Infiorata,  Incontri di Sapore  e la rievocazione storica Contesa della Margutta rappresentano – ci ha detto l’assessore Massimo Cesca –  piccoli passi importanti verso un’apertura della città al turismo”. 
 

TRA LE PRIME IN ITALIA A DOTARSI DI UN BILANCIO SOCIALE  • IN UN ANNO 50.843 SPETTATORI E 12.043 STUDENTI COINVOLTI IN PROGETTI EDUCATIVI

JESI–Nel 2012, l’azienda culturale di produzione eFSJ-Bilancio2012FPS_Graziosi Bacci Grizi Fioretti_ok-LEGG servizi per il territorio ha dato lavoro a 573 maestranze nelle 4 produzioni liriche, erogato 31.291 giornate lavorative, e si è servita di 378 fornitori di beni e servizi. Gli spettatori sono stati 50.843,  gli studenti coinvolti in progetti educativi 12.043, mentre sono state 658 le giornate di apertura dei sei Teatri, 208 gli eventi, con un tangibile ritorno economico per tanti operatori del commercio, dell’artigianato e del turismo: 2.000 circa i pasti consumati nei ristoranti, trattorie, bar, 1.300 circa i pernottamenti in hotel, alberghi, Bed&Breakfast, agriturismi e appartamenti.

L’Esercizio Finanziario 2012 si è chiuso per il settimo anno in pareggio: gestite risorse economiche pari a € 3.300.000 circa.FSJ-Bilancio2012FPSGraziosi-BacciLEGG-ok

Da segnalare nel 2012 il grande successo del Progetto Svoboda, la conclusione dei lavori di ristrutturazione del Teatro Pergolesi di Jesi, il XXXI Premio della critica musicale “Franco Abbiati” per l’esecuzione dell’opera omnia di G.B.Pergolesi, l’uscita dei primi due volumi dell’Edizione Nazionale delle opere di Pergolesi e dei sei dvd delle opere del grande compositore marchigiano.

La Fondazione Pergolesi Spontini è stata tra i primi enti culturali in Italia, e primo caso nelle Marche, a dotarsi di un Bilancio Sociale, uno strumento di trasparenza che consente alla collettività e ai principali portatori di interesse di comprendere l’identità aziendale, quali sono le risorse a disposizione e come sono impegnate, con chi si lavora e in che modo, i servizi, i progetti, i risultati ottenuti. Questa preziosa banca dati, oggi ampliamente adottata in tutta la regione, nella sua settima edizione conferma lo stile gestionale della Fondazione, caratterizzato da un assetto organizzativo aziendale, sostenibilità economica, concreta attenzione ai bisogni del territorio, internazionalità.

 1 – L’IDENTITA’. La Fondazione Pergolesi Spontini è una azienda culturale di produzione e servizi per il territorio, nata nel 2000. E’ certificata UNI EN ISO 9001: 2008 da parte dell’Ente Terzo di Certificazione TÜV, aderisce all’Associazione degli Industriali della Provincia di Ancona, ed ha ottenuto la certificazione di Bilancio da parte della Deloitte & Touche S.p.A. L’azienda, sostenuta da enti pubblici e da un pool di imprese private, gestisce 6 Teatri storici nelle Marche (a Jesi, Maiolati Spontini, Montecarotto, Monte San Vito e San Marcello) in cui organizza 14 stagioni e rassegne.

E’ operativa 12 mesi l’anno con una multiforme attività organizzata in base ad un progetto artistico di rete ed integrato. La sua attività principale è la produzione lirica con il Festival Pergolesi Spontini e la Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi. E’ attiva a livello internazionale nella ricerca musicologica attraverso l’azione di due propri Comitati Studi dedicati a Pergolesi e a Spontini; in qualità di editore musicale, edita in edizioni critiche le opere dei due compositori cui è dedicata. E’ inoltre Agenzia Formativa accreditata presso la Regione Marche per azioni rivolte ad operatori tecnici e artistici nelle professioni del palcoscenico. Si occupa di divulgazione culturale e promuove progetti di integrazione sociale in collaborazione con scuole e servizi socio-sanitari del territorio.

2 – I NUMERI. Il Bilancio Sociale 2012 della Fondazione Pergolesi Spontini illustra un anno di attività nelle sue implicazioni culturali, educative, sociali ed economiche a vantaggio del territorio.

Lo scorso anno, l’azienda culturale ha dato lavoro a 573 MAESTRANZE nelle quattro produzioni liriche, erogato 31.291 GIORNATE LAVORATIVE, e si è servita di 378 FORNITORI di beni e servizi. Gli SPETTATORI sono stati 50.843, 12.043 gli STUDENTI coinvolti in progetti educativi, 658 le GIORNATE DI APERTURA dei sei Teatri, 208 gli EVENTI prodotti ed ospitati, con un tangibile ritorno economico per tanti operatori del commercio, dell’artigianato e del turismo: 2.000 circa i PASTI consumati nei ristoranti, trattorie, bar, 1.300 circa i PERNOTTAMENTI in hotel, alberghi, Bed&Breakfast, agriturismi e appartamenti.

Nella “filiera produttiva” dell’azienda, importante è il ruolo svolto dal LABORATORIO SCENOGRAFICO della Fondazione, a Jesi, ove sono state costruite nel 2012 le scene di tre delle quattro opere prodotte, con 197 giornate lavorative e 32 maestranze impiegate, per la maggior parte professionalità della regione e giovani.

3 – IL BILANCIO FINANZIARIO 2012. La Fondazione Pergolesi Spontini ha chiuso il bilancio dell’esercizio finanziario 2012 in pareggio, per il settimo anno consecutivo. In dodici anni di attività, l’azienda ha gestito 7 Stagioni Liriche di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi e 12 edizioni del Festival Pergolesi Spontini per un volume d’affari complessivo di circa 49 milioni di euro, senza situazioni deficitarie pregresse. Un dato molto positivo che emerge in un settore molto colpito dalla crisi economica.

 Nel 2012 sono state gestite risorse economiche pari a € 3.300.000 circa, di cui il 64% di entrate da Enti Pubblici (-12% rispetto al 2011), il 10% di entrate da Sponsor e Sostenitori Privati (-66%), l’11% di incassi di biglietteria (8%) e il 15% da coproduzioni e servizi conto terzi (+10%).

Di fronte ad un anno particolarmente difficile, che ha registrato tra l’altro l’uscita della Provincia di Ancona dalla compagine sociale della Fondazione, e che non ha permesso di avere certezza dei finanziamenti pubblici a suo tempo concordati con alcuni dei soci fondatori pressati dalla crisi economica, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in corso d’anno di operare tutte le azioni utili al raggiungimento del pareggio di bilancio 2012, tra le quali la riduzione del 25% del compenso dell’Amministratore Delegato, la riduzione del personale sospendendo alcuni contratti professionali importanti e strategici (area Formazione e Progetti europei), e la riduzione di alcune attività programmate: i concerti e gli eventi del Festival 2012 sono stati ridimensionati; i costi di produzione della 45esima stagione lirica di tradizione sono stati ridotti cancellando una recita di ogni Opera e andando a rimodulare i costi artistici e di produzione.

 4 – L’INTERNAZIONALITA’. La Fondazione opera in un territorio con un bacino d’utenza di circa 60 mila persone, cui eroga servizi valorizzando al contempo le risorse locali, ma la sua proiezione e le collaborazioni attivate sono nazionali ed internazionali. Lo scorso anno le collaborazioni hanno interessato numerosi Teatri e enti in Germania, Repubblica Ceca, Francia, U.S.A, Kazakhstan e Australia. Numerose le collaborazioni in Italia, che hanno consentito di abbassare i costi delle produzioni liriche e di far circuitare le opere in numerose città: le coproduzioni  hanno interessato enti lirici nazionali (Teatro Lirico G. Verdi di Trieste, Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova Napoli, Teatro San Carlo di Napoli), teatri di tradizione quali i Teatri Del Circuito Lirico Lombardo (Cremona, Como, Brescia, Pavia), il Teatro Coccia di Novara e il Teatro Alighieri di Ravenna, ed infine teatri di lirica ordinaria, quali il Teatro dell’Aquila di Fermo.

Molto consultato da utenti di tutto il mondo è il sito della Fondazione Pergolesi Spontini, i cui contenuti sono disponibili in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo, cinese, arabo. Nel 2012, il sito ha registrato 6.328.831 contatti.

5 – DA SEGNALARE.

IL PROGETTO SVOBODA. Da segnalare per il 2012 la prosecuzione del “Progetto Svoboda” che ha portato alla ricostruzione di alcuni tra i più celebri allestimenti realizzati in Italia dallo scenografo boemo.

I PREMI ABBIATI. Nel 2012 per l’esecuzione dell’opera omnia di Giovanni Battista Pergolesi, in occasione delle celebrazioni per i trecento anni della sua nascita (Jesi, 1710 – 2010), la Fondazione ha vinto il Premio Speciale del XXXI Premio della critica musicale “Franco Abbiati”. Nello stesso anno, sono andati in scena a Jesi e nel circuito dei teatri coproduttori il “Macbeth” e “La Fuga in maschera”, le opere premiate recentemente con i due Premi Abbiati a Benito Leonori (per la ricostruizione della scenografia di Svoboda) e a Leo Muscato per la regia lirica.

SUL PIANO MUSICOLOGICO, sono stati pubblicati i primi due volumi “Stabat mater” e “La fenice sul rogo ovvero La morte di San Giuseppe” di Pergolesi, a cura dell’Edizione Nazionale delle opere di G.B. Pergolesi, della Fondazione Pergolesi Spontini e dell’editore G. Ricordi & C. Inoltre si è concluso il progetto di catalogazione e archiviazione dell’archivio Spontini conservato nel “Fondo Robert” della Biblioteca Planettiana di Jesi dal 1889. Il materiale d’archivio, opportunamente inventariato e catalogato, è ora in procinto di essere completamente digitalizzato.

UNO SPONTINI INEDITO E TUTTO PERGOLESI IN DVD. Da registrare la messa in scena, in prima esecuzione in epoca moderna, dell’opera “La fuga in maschera” di Gaspare Spontini, e l’uscita dei sei dvd dell’integrale delle opere di Giovanni Battista Pergolesi allestite a Jesi durante le Celebrazioni per i 300 anni della sua nascita, per etichette internazionali.

IL RESTAURO DEL TEATRO PERGOLESI. Nel corso del 2012 si è concluso l’intervento di risanamento conservativo, restauro e riqualificazione funzionale del Teatro Pergolesi, iniziato prima con la piattaforma mobile per le operazioni di carico e scarico del palcoscenico, proseguito poi con il risanamento conservativo delle coperture del palazzo e con il restauro delle facciate e degli infissi.

FERMO–Da piccoli ci è stato inculcato il concetto del risparmio nelle aule con il semplice ma efficace salvadanaio. Il 31 ottobre si celebra da sempre la giornata del risparmio. Ma la gente oggi risparmia forse meno che nel passato, non solo per la crisi. Fatto sta che prende il via “Primo Risparmio Carifermo”, il nuovo deposito Carifermo dedicato ai più piccoli, un libretto di risparmio destinato ai ragazzi di età compresa tra zero e tredici anni. E’ un’iniziativa, ma anche una curiosità, che segnala la preoccupazione anche pedagogica. Senza risparmio non si possono fronteggiare imprevisti futuri ed è anche difficile, se non impossibile investire.

                           ***

Con “Primo Risparmio Carifermo”, l’istituto fermano vuole promuovere così il valore del risparmio e favorirne l’educazione nei più piccoli. Il deposito nominativo è intestato al minore e prevede particolari operatività come ad esempio la possibilità, dal compimento dell’11° anno, di prelevare autonomamente un importo massimo di 25 euro.

Proprio per incoraggiare il risparmio, con l’apertura del libretto, il bambino o la bambina riceveranno un simpatico salvadanaio, simbolo per eccellenza dell’economia e dell’oculatezza. Una proposta stimolante che educhi a riflettere sul valore del denaro e sulla necessità di gestirlo in modo consapevole, per sé stessi e per la comunità.

Oltre al salvadanaio, il genitore riceverà una brochure con dei suggerimenti per la promozione del risparmio. Qualche esempio? Insegnare al figlio fin da piccolo e riconoscere le monete, classificandole in base alla forma, gestendo con regole pratiche la paghetta o ancora portandolo in banca.

PORTO POTENZA PICENA–Conferenza stampa, domani venerdì 14 giugno 2013,alle ore 12,15, presso la Sala Conferenze della Pro Loco di Porto Potenza Picena, in Piazza della Stazione nel corso della quale verrà presentato il programma della Festa per la Bandiera Blu (che si terrà sabato 15 giugno). Alla conferenza stampa prenderanno parte il Sindaco Sergio Paolucci, l’Assessore al Turismo Silvio Calza, il Presidente della Pro Loco di Porto Potenza. Mario Ottaviani, il Presidente della Pro loco di Potenza Picena, Giuseppe Castagna, nonchè i rappresentanti del settore turistico-ricettivo del territorio comunale, operatori balneari, ristoratori, albergatori, rappresentanti delle Associazioni. 

CIVITANOVA–Sempre domani venerdì 14 giugno 2013 aINVITO BLU 2013 Civitanova, alle ore 11, presso il Club Vela (Molo Nord) si terrà la cerimonia di consegna  della Bandiera Blu di quest’anno. Interverrà l’assessore alla cultura e turismo Giulio Silenzi.

 

CIVITANOVARAPINA ALLE POSTE DI CIVITANOVA MARCHE OGGI, INTORNOPOSTE-AMBULANZA-POLIZIA-LEGG- A MEZZOGIORNO (CHIAMATA AL 113 GIUNTA ALLE 12,12), NELLA CENTRALISSIMA VIA DUCA DEGLI ABRUZZI.

UN UOMO – SEMBREREBBE AL MOMENTO – DALLE PRIME VOCI RACCOLTE IN STRADA – UNO STRANIERO (CON UN NASTRO ADESIVO SUL VISO,IMITANDO DEI BAFFI), SI E’ PRESENTATO AGLI SPORTELLI PROPRIO DI FRONTE ALL’INGRESSO (DOVE SI SPEDISCONO LE LETTERE) E QUINDI IN QUELLI LATERALI (DOVE SI RITIRANO LE PENSIONI O SI PAGANO I BOLLETTINI), PRETENDENDO DEI SOLDI. SI E’ FATTO CONSEGNARE UNA CIFRA CHE AL MOMENTO E’ AL VAGLIO DELLA POLIZIA DI STATO, ACCORSA CON UNA PROPRIA PATTUGLIA. ALL’INTERNO DELLE POSTE C’ERANO SVARIATE PERSONE, MOLTE  ANZIANE E QUALCHE MAMMA CON I PROPRI BIMBI.

IL PROTAGONISTA DELL’EPISODIO, AD UN CERTO MOMENTO, SI E’ AVVICINATO ANCHE AL BOX DELLA TELEFONIA MOBILE E L’ADDETTO E’ STATO PRESSO DA UN EVIDENTE PALLORE, MA HA RETTO ALLA SITUAZIONE.POSTE-TUTA ABBANDONATA-6888

OTTENUTI I SOLDI L’UOMO E’ SCAPPATO, MA E’ STATO INSEGUITO CON PRONTEZZA DI RIFLESSI DA ALCUNI CITTADINI CHE ERANO ALL’INTERNO DELLE POSTE E/O NEI PARAGGI. L’UOMO SE L’E’ DATA A GAMBE, IMBOCCANDO SUBITO E DECISO I VICOLI DEL BORGO MARINARO, PROPRIO DI FRONTE ALL’UFFICIO POSTALE, DIMOSTRANDO DI AVERE UNA NOTEVOLE RESISTENZA FISICA.

HA EFFETTUATO  COSI’ UN ATLETICO  SLALOM FRA I VICOLI, PER POI PORTARSI QUINDI IN CORSO DALMAZIA, DOVE ALL’INCROCIO CON VICOLO VENERE, HA ABBANDONATO UNA TUTA CELESTE, CHE  E’ STATA RECUPERATAT DALLA POLIZIA, SICURAMEMNTE UTILISSIMA ALLE INDAGINI.

NEL FRATTEMPO L’UFFICIO POSTALE E’ STATO CHIUSO AL PUBBLICO PER EFFETTUARE TUTTI GLI ACCERTAMENTI E RACCOGLIERE LE TESTIMONIANZE.

DAVANTI ALLE POSTE E’ STATA FATTA ACCORRERE ANCHE UN’AMBULANZA, POI  PARTITA, MA NON A SIRENE SPIEGATE, EVIDENTEMENTE PER SOTTOPORRE QUALCHE PERSONA A QUALCHE CONTROLLO DI RITO, DOPO LA BRUTTA AVVENTURA MATTUTINA.

NEL POMERIGGIO IL SINGOLARE PROTAGONISTA DELLA MOVIMENTAVA RAPINA (RISULTATO ESSERE UN NORD AFRICANO) E’ STATO TRATTO IN ARRESTO DALLA POLIZIA. SI ERA NASCOSTO IN UN SOTTOPASSO DOVE SCORRE IL TRABOCCO NELLA ZONA SUD DI CIVITANOVA. LA PISTOLA CHE AVEVA BRANDITO NEGLI UFFICI SI E’ RIVELATA UN GIOCATTOLO.  LA SOMMA DI CUI SI ERA IMPADRONITO 1.225 EURO.

ALLE POSTE DI VIA DUCA DEGLI ABRUZZI TUTTO E’ TORNATO ALLA NORMALITA’   GIA’ ALLE TRE DEL POMERIGGIO CON IL CONSUETO AFFLUSSO DI GENTE.

“I miei anni maceratesi sono stati estremamente fertili” ha ricordato. Applausi anche dal Presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo

MACERATA–Sono accorsi anche dagli altri Atenei italiani – Ferrara, Firenze,GROSSI-PERGAMENA-7868 Siena, Perugia, L’Aquila, Bologna, Molise, Camerino, Ancona, Napoli – e internazionali – Nantes – per applaudire Paolo Grossi, giudice della Corte Costituzionale e storico del diritto, insignito ieri pomeriggio (12 giugno 2013) della laurea honoris causa in Studi politici e internazionali dall’Università di Macerata. Tra loro, nonostante i tanti impegni, non è voluto mancare il Presidente della Corte Costituzionale Franco Gallo, quinta carica dello Stato. “Un gesto di grande amicizia”, lo ha salutato Grossi. E il messaggio di auguri di Alberto Quadrio Curzio, vicepresidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, “Desidero rallegrarmi con voi ed anche con il vostro “neo laureato” per questo riconoscimento che conferma l’altissimo livello scientifico di Paolo Grossi che ha espresso anche a livello internazionale la più insigne tradizione delle Scienze giuridiche italiane”.GROSSI-RETTORE LACCHE'-12-6-2013-7650

Un lungo e sentito applauso ha accompagnato il conferimento della laurea che “riannoda un filo mai spezzato che viene da lontano” ha commentato il Rettore Luigi Lacchè, ricordando come, proprio a Macerata, l’illustre studioso ha vinto la cattedra alla Facoltà di Giurisprudenza, di cui è stato preside dal 1964 al 1966. “Sono trascorsi tanti anni – ha proseguito Lacchè -. Tutto è cambiato, ma nulla è cambiato, se guardiamo ai valori più profondi che danno un senso alla nostra esistenza sulla terra”.

La cerimonia ha riportato alla luce la dimensione accademica dell’Ateneo maceratese come trasmissione continua del sapere dagli insegnanti agli allievi, alimentata tanto dagli uni come dagli altri. Una lunga e autorevole tradizione che, ai tempi di Paolo Grossi, vedeva tanti nomi illustri tra i docenti, come Stefano Rodotà, Francesco Romano o Antonio Villani, ricordati dal rettore stesso. Allora l’Ateneo, caso unico in Italia, aveva solo la Facoltà di Giurisprudenza e circa 750 iscritti, ma si trovava alle soglie di importanti cambiamenti, grazie alle intuizioni di “un rettore umanista come Giuseppe Lavaggi – ha aggiunto Lacchè – lucido e rigoroso, che nel 1964 portò all’istituzione della Facoltà di Lettere e filosofia e prefigurò quella di Scienze politiche”.GROSSI-CONFERIMENTO-7652

Ugualmente sentito il ricordo di Grossi dei tempi maceratesi. “Macerata è un po’ anche mia come istituzione accademica. I cinque anni trascorsi qui sono stati per me estremamente fertili. Qui c’era una comunità di giovani giuristi da cui ho appreso molto. Ricordo i colloqui e i dialoghi fecondi che facevamo in questa aule o durante le lunghe passeggiate intorno alle mura. Un colloquio fitto con gli studenti, soprattutto con uno di essi, diventato per me un Maestro dal punto di vista intellettuale, Mario Sbriccoli, che una morte rapace ha tolto alla nostra familiarità e impedisce di essere fisicamente qui presente. Questa nostra comunità è segno di quello che abbiamo costruito insieme e rappresenta una profonda sintonia culturale che si è instaurata tra di noi”.

IL PRESIDENTE DELAL CORTE COSTITUZIOANLE FRANCO GALLO IN AULA MAGNA

IL PRESIDENTE DELLA CORTE COSTITUZIOANLE  FRANCO GALLO IN AULA MAGNA

E’ stata l’ex Facoltà di Scienze politiche che ha deciso di conferire la laurea honoris causa a Paolo Grossi. “Nel pensiero di Paolo Grossi si coglie la possibilità di accostare il diritto alla società e alla storia, facendo fluire incessantemente ciò che riguarda noi come uomini e come società, facendo fluire la vita stessa nel diritto” ha detto il direttore del Dipartimento di Scienze politiche, della comunicazione e delle relazioni internazionali Francesco Adornato durante la laudatio, seguita dalla lettura del dispositivo di conferimento da parte della vicedirettrice del Dipartimento Barbara Pojaghi.

Si concluderanno domenica 16 giugno i festeggiamenti per il cinquantennale dell’associazione dei donatori del sangue della Comunale di Ripatransone. Molte le attività in programma.

 

RIPATRANSONE (AP) – Cinquant’anni all’insegna del volontariato e della generosità. Si concluderannoRIPATRANSONE-50 avis-legg domenica 16 giugno 2013 a Ripatransone i festeggiamenti per l’importante traguardo raggiunto dalla Comunale ripana dell’Avis. Migliaia i donatori che in questi decenni hanno collaborato e contribuito alle attività dell’associazione. Tre giornate di festa che si chiuderanno Domenica, a partire dalle ore 9, con l’accoglienza delle rappresentanze e la celebrazione della Santa Messa, alle ore 9.30, presso la chiesa Monumentale di San Filippo Neri, con la partecipazione della corale “Madonna di San Giovanni”.

La celebrazione continuerà con il corteo e la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai Caduti, con la Partecipazione del Corpo Bandistico “Città di Ripatransone”. Seguirà l’inaugurazione della Fontana Commemorativa del 50° Anniversario.

Alle ore 11 i festeggiamenti proseguiranno all’interno del Teatro Mercantini con il saluto delle Autorità e la presentazione del Libro d’Artista realizzato da Mario Vespasiani.

Saranno, inoltre, consegnati i riconoscimenti ai soci fondatori. La giornata si concluderà con il pranzo sociale presso il ristorante “Valle Verde” di Ripatransone. Durante la mattinata, dalle ore 9 alle 13, sarà attivo il servizio di annullo postale presso l’ingresso del Teatro Mercantini.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
Annunci