Approvato il bilancio 2012 di Bcc Filottrano: utile a 2 milioni in linea con il 2011

FILOTTRANO–Risultati soddisfacenti per la Banca di Credito Cooperativo di Filottrano (fondata nel 1952) che

ZONE DI COMPETENZA DELLA BCC DI FILOTTRANO

SPORTELLI E ZONE DI COMPETENZA DELLA BCC DI FILOTTRANO

domenica 12 maggio 2013 ha tenuto l’assemblea ordinaria dei soci, nel corso della quale è stato approvato il bilancio 2012 che, sebbene in piena crisi economica, si è chiuso con un utile di circa 2 milioni di euro, in linea con il risultato del 2011, a conferma di una solidità generale dell’istituto, che comunque non perde di vista la propria vocazione di banca locale attenta all’economia reale.

Nel corso del 2012 infatti, i prestiti erogati dalla BCC di Filottrano non si sono interrotti, ma sono aumentati seppur in maniera lieve (0,3%). Ovviamente essere di sostegno all’economia locale, finanziando famiglie e imprese, significa anche esporsi maggiormente agli effetti della crisi come confermato dall’aumento delle sofferenze e degli accantonamenti per presunte perdite future.

Al netto di tutto questo, tuttavia, l’utile è positivo – ricorda il Presidente Luciano Saraceni – e questo è sicuramente un segnale incoraggiante, soprattutto se rapportato con i risultati di molti altri istituti di credito intorno a noi”. Probabilmente la conferma del buon andamento della banca viene dall’incremento della raccolta diretta che, nel corso dell’anno, è aumentata del 5,75%, a riprova di una crescente fiducia riconosciuta da clienti e soci.

Ultima menzione, i dati relativi all’impegno sul sociale: quasi 350.000 euro tra contributi e sponsorizzazioni erogati a 300 Associazioni, oltre a 800.000 euro concessi attraverso l’iniziativa di finanza etica denominata Ethical Banking per finanziare progetti con finalità sociali sul territorio. Coniugare finanza con etica, reddito e bene comune non è dunque solo un’utopia ma è possibile se si continua a svolgere l’attività ‘ispirandosi ai principi dell’insegnamento sociale cristiano e ai principi cooperativi della mutualità’ così come previsto dall’art. 2 dello Statuto Sociale della Banca.