You are currently browsing the daily archive for maggio 25, 2013.

SANT’ELPIDIO A MARE–L’Auditorium “Giusti” ha ospitato, nella giornata di oggi sabato 25 maggio 2013, un incontro organizzato dalla Croce Azzurra di Sant’Elpidio a Mare e Monte Urano, nell’ambito della seconda edizione del corso “Sicurezza in emergenza”. Nel corso dell’incontro è intervenuto l’equipaggio dell’elisoccorso “Icaro” di Ancona per fornire informazioni – date da professionisti – in merito a tematiche relative a procedure di radiocomunicazione tra i vari mezzi di soccorso e i diversi comportamenti da adottare in caso di massima emergenza.
I quattro membri dell’equipaggio “Icaro” sono stati accolti, in mattinata, presso la sala del Consiglio Comunale, dall’Assessore alle Politiche Sociali Monia Tomassini e dai Consiglieri Comunale Simone Diomedi e Dalmazio Montemaggio che hanno voluto ringraziarli per l’attività prestata e per l’importante opera di soccorso effettuata, più volte, anche in territorio elpidiense.
I membri dell’equipaggio giunto in paese sono stati il Comandante Bruno Tasso, l’operatore tecnico della centrale operativa di Ancona Paolo Marasca e gli infermieri di soccorso della Regione Marche Sandro Mangiacristiani e Alessio Bonazzelli. Quest’ultimo, in particolare, elpidiense d’origine, è tornato con piacere nella sua città d’origine ed assieme a Mangiacristiani è intervenuto nel corso dell’incontro al “Giusti” al quale ha preso parte, in rappresentanza del Comune, il Consigliere Comunale Maurizio Cambiotti.
“L’efficacia di un’operazione – ha avuto modo di precisare Bonazzelli – dipende anche dalle condizioni che si creano per darci poi la possibilità di intervenire. Non è così scontato che i volontari, senza nulla togliere al loro lavoro, siano preparati per coordinarsi al meglio con il nostro intervento”. Al “Giusti” Bonazzelli ha poi fornito dettagli in merito all’emergenza in elisoccorso nelle Marche. A Sandro Mangiacristiani, invece, è spettato il compito di mettere in campo la sua memoria storica inSEM-ELISOCCORSO-autore libro con assessore quanto lavora nell’elisoccorso dalla metà degli anni ’70. La sua esperienza, le emozioni provate durante gli interventi, sono state raccolte in un libro scritto dallo stesso Mangiacristiani e dal titolo “Uno sguardo dal cielo, i racconti dell’emergenza”: il libro è stato presentato nel corso dell’incontro ed un paio di copie sono state donate all’Amministrazione Comunale. “Nulla è stato fatto per lucro – ha voluto precisare Mangiacristiani raccontando con trasporto le motivazioni che lo hanno spinto a prendere carta e penna – visto che tutto il ricavato della vendita del libro è destinato all’acquisizione di strumentazioni o a miglioramenti strutturali dell’area dell’emergenza dell’ospedale di Ancona”.
 
Annunci

CIVITANOVA–Spaccio di eroina in pieno centro a Civitanova Marche. Ma questa volta con uCC-eroina marsigliesena tecnica davvero singolare, bizzarra: una vera e propria “caccia al tesoro” tra fioriere e cestini che addobbano il centralissimo Corso Umberto I e i vicoli pedonali adiacenti. Droga “appizzata” preventivamente in punti ben precisi, seminata e sparsa qua e la. E, dopo aver riscosso il compenso della dose dai tossicodipendenti incrociati in centro, venivano fornite le indicazioni per rintracciare il “pezzo” acquistato. Se volevano la droga, dovevano stare a questa sorta di gioco ideato perché si sentiva furbo e, evidentemente, di difficile individuazione. E persino il soprannome che si era dato “il marsigliese”, aveva contribuito a creare un alone di mistero. Niente  numeri di telefono, ma solo contatti “face to face”, lo rendevano difficilmente individuabile.

Ma tutto questo non è bastato a sfuggire alle orecchie dei Carabinieri di Quartiere di Civitanova Marche, che hanno riversato i “rumours” catturati in centro ai colleghi del nucleo operativo della Compagnia, che hanno cominciato ad attuare servizi di osservazione ad hoc.

Il “marsigliese” è un clandestino mai incappato in controlli, di cui avevano una soltanto descrizione sommaria. I carabinieri in borghese, quando pensavano di averlo individuato, hanno iniziato ieri sera a seguirlo  beccandolo proprio durante la “semina” propedeutica allo spaccio. Luoghi prescelti: dapprima una fioriera vicino al semaforo del Comune, poi i giardini di Piazza XX settembre e, mentre si dirigeva in  Vicolo Marte, lo hanno accerchiato e bloccato. In tasca il quantitativo per una quindicina di dosi di eroina, confezionate col fiocco. Individuato persino il domicilio, di fortuna, dove il soggetto in questione alloggiava e dove è stata trovata un’altra po’ di sostanza e bilancini di precisione.

Clandestino, 35 anni, l’uomo bloccato parlava francese, non oriundo della costa azzurra, ma del Marocco. È stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di droga, a disposizione della Procura della Repubblica di Macerata, condotto alla Casa circondariale di Ancona.

Finora il 2013 è stato contrassegnato da un’intensa attività antidroga, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche,  lungo la costa maceratese. Sequestrati in cinque mesi circa 5,5 kili di stupefacenti  a spacciatori che, troppo spesso, gironzolavano in luoghi frequentati da ragazzi e istituti di istruzione.

 

MACERATA–Organizzato dal Circolo Acli Centro Sociale “Santa Maria delle Vergini” di Macerata si è svolto il 24 maggio 2013 un incontro sul tema: “Partirono tempo fa. Pagine di storia di nostri emigranti”. Hanno introdotto l’incontro Marco Moroni, responsabile del Centro Studi delle Acli Marche, e Toto Fusari, appassionato ricercatore di storie di emigranti maceratesi. Il fenomeno dell’emigrazione – ha detto Moroni – ha segnato profondamente la storia della nostra regione. Nelle Marche il fenomeno migratorio è iniziato con ritardo, ma dalla fine dell’Ottocento il flusso è diventato così imponente da superare in termini relativi, in relazione cioè al numero degli abitanti, la media nazionale. Dobbiamo “fare memoria” della nostra esperienza migratoria, che in cento anni ha coinvolto circa mezzo milione di marchigiani. È questo lo scopo del Museo dell’emigrazione marchigiana che la Regione sta allestendo a Recanati. Le Acli, che in tanti Paesi del mondo continuano a organizzare e tutelare i lavoratori italiani all’estero, stanno contribuendo attivamente alla realizzazione del Museo: hanno raccolto storie e con iniziative nelle scuole e nei Circoli, come nel caso di Macerata, contribuiscono a diffondere l’idea che salvaguardare la memoria ci aiuta ad affrontare con più consapevolezza i problemi di oggi.

 Dopo l’intervento di Moroni, ha preso la parola Toto Fusari, infaticabile collaboratore delle Acli nel Progetto “Storie di vita di emigranti marchigiani”. Fusari ha ripercorso alcune delle storie più significative, che le Acli delle Marche hanno raccolto in una pubblicazione dal titolo Cento anni di emigrazione marchigiana. Sono stati così coinvolti molti dei testimoni che, presenti in sala, avevano contribuito alla stesura delle schede relative a loro parenti o amici: guidati da Fusari, hanno parlato di coloro che sono partiti nel secondo dopoguerra per andare a lavorare nelle miniere del Belgio e soprattutto dei tantissimi maceratesi emigrati in Argentina. Tanti nomi, tanti ricordi, tanta nostalgia, ma anche tanta consapevolezza dei problemi. Come in altri incontri sullo stesso tema, l’incontro svoltosi a Macerata ha dimostrato l’importanza di simili iniziative: riflettere sull’emigrazione italiana non è soltanto un necessario esercizio di memoria, ma è anche un aiuto ad affrontare la difficile realtà di oggi.

ANCONA–Prosegue l’attività delle rappresentative giovanili marchigiane. Questa settimana tocca alla formazione juniores, attesa domenica 26 maggio 2013 per la terza edizione dell’incontro under 20 a Caorle (Venezia), dopo che nello scorso week-end la squadra allievi era stata impegnata a Bressanone per il tradizionale Brixia Meeting. Anche stavolta il confronto sarà con diverse regioni italiane: Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Lombardia, oltre ai padroni di casa del Veneto. E si tratta anche di un appuntamento importante in vista dei Campionati italiani di categoria, che si svolgeranno fra tre settimane a Rieti (14-16 giugno). Le Marche si presentano con un team di 19 atleti iscritti, che comprende il pesista Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatletica Marche, nella foto) e il marciatore Michele Antonelli (Nuova Podistica Loreto), entrambi protagonisti in avvio di stagione: infattDel Gattoi hanno già ottenuto risultati in linea con gli standard di partecipazione per gli Europei juniores in programma a Rieti nel mese di luglio. Di seguito l’elenco degli juniores marchigiani per il 3° Trofeo “Città di Caorle”.

Uomini. 100: Gabriel Adenegha (Sport Atl. Fermo), Gian Lorenzo D’Amico (Sport Atl. Fermo); 400: Nicolò Marinelli (Sport Atl. Fermo), Daniele Corazza (Tecno Adriatletica Marche); 800: Zakaria Rouimi (Mezzofondo Club Ascoli), Lorenzo Lucarini (Sef Stamura Ancona); alto: Manuel Nemo (Tecno Adriatletica Marche); lungo: Jacopo Mercuri (Tecno Adriatletica Marche); giavellotto: Emanuele Salvucci (Atl. Avis Macerata); peso: Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatletica Marche), Alessandro Cavalieri (Atl. Avis Macerata); marcia 10 km: Michele Antonelli (Nuova Podistica Loreto); 4×100: Marinelli, Nemo, D’Amico, Adenegha.
Donne: 100: Roberta Del Gatto (Atl. Avis Macerata), Martina Piergallini (Sef Stamura Ancona); 800: Arianna Carbonari (Sef Stamura Ancona), Ilaria Sabbatini (Atl. Avis Macerata); 100hs: Silvia Verolo (Tecno Adriatletica Marche); 100 individuali: Paola Spina (Atl. Avis Macerata), Ilaria Bonafoni (Atl. Fabriano); 4×100: Del Gatto, Piergallini, Spina, Bonafoni.

RECANATI–La classe quinta della specializzazione Chimica dell’ITIS “Mattei” di Recanati ha ricevuto un importante riconoscimento a livello nazionale essendo stata individuata tra le 18 finaliste nazionali nel progetto “La Tua Idea Impresa 2012/13” organizzato da Confindustria. Gli studenti Alessandro Loglisci, Noemi Pagliaricci e Federico Barone hanno prodotto con la loro Docente di Tecnologie Chimiche Industriali Prof. Arianna Centioni un progetto sulle “Fonti Alternative – Biogas” che è stato presentato per partecipare ad un importante concorso che vuole premiare quei ITIS MATTEI RECAN-CHIMICA-F0079giovani che portano proprie idee nel mondo dell’impresa. I progetti presentati a livello nazionale sono stati numerosi e quello della 5^ Chimica dell’ITIS di Recanati si è posizionato tra i primi 18 posti e concorrerà, in occasione della finale nazionale che si terrà il 30 Maggio 2013 a Venezia presso il Teatro Carlo Goldoni, per l’attribuzione dei premi che saranno assegnati alle tre scuole più votate sul territorio nazionale. Si tratta di un importante riconoscimento che premia la forte propensione dell’ITIS Recanatese e in questo caso del corso di Chimica, verso il mondo dell’impresa, con progetti realizzati da studenti che trovano il grande interesse degli imprenditori.

 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
Annunci