You are currently browsing the daily archive for maggio 20, 2013.

ANCONA–Il Campetto Ancona ha mantenuto fede alle previsioni e stoppato il Cus Macerata. Gli universitari di coach Matteo Palmioli non ce l’hanno fatta a portare la serie contro i dorici a gara3 e sono stati eliminati dai playoff di serie D di basket.

Al PalaVirtus, a 4 giorni dal primo atto terminato 65-56, i cussini sono stati sconfitti 77-60 al termine di un match che li ha sempre visti rincorrere (29-36 all’intervallo) e i cui titoli di coda sono apparsi quando non è riuscito l’aggancio sul -4 nel terzo quarto.

Coach peccato aver giocato con vari elementi non al meglio… “Avevamo preparato bene con allenamenti e video la sfida – dice Palmioli – ma sotto canestro ci hanno creato seri problemi. Sì Trillini, Isabettini, Mancini, Taborro, Nobili erano malmessi, ma l’unico rimpianto che ho riguarda la mancanza di continuità avuta durante la stagione. A questa serie invece siamo arrivati carichi per il successo sull’Abm ma carenti di energie mentali e fisiche.”

Fine corsa, dunque, ma ritiro a testa alta, altissima. Il Cus, infatti, si affacciava da neopromosso, senza esperienza di serie D né nella conduzione né in vari giocatori, la squadra è stata costruita a costo zero ed è stata eliminata nientemeno che dalla seconda miglior compagine del girone.

“Riavvolgo ora il nastro della stagione che è stata intensa – afferma Palmioli –  e non posso che essere soddisfatto. Per larghi tratti siamo stati tra le prime 4, ho chiesto ed avuto molti dai ragazzi, il gruppo a minor costo della categoria. E’ stata un’esperienza super considerato che per me e altri era la prima volta in D, siamo arrivati più avanti delle aspettative grazie al lavoro fatto in palestra”.

 

Annunci

Ventesima edizione del Festival internazionale nel nome del grande ballerino e coreografo Enrico Cecchetti

CIVITANOVA–Da 20 a 2.0 è lo slogan che accompagna la ventesima edizione del festival internazionale Civitanova DanzaL’importante traguardo dei venti anni della manifestazione guarda al futuro e diventa occasione privilegiata di evoluzione verso la forma festival. Un cartellone ricco ed articolato si snoderà tra il 20 luglio e il 15 agosto 2013 tra debutti in prima assoluta e italiana, stelle della danza mondiale, maratone danzate dal tramonto a notte fonda e un campus estivo con i docenti della Scuola di Ballo del Teatro alla Scala, a conferma dello slogan Civitanova danza tutto l’anno che accompagna da qualche anno la manifestazione, a testimonianza da un lato dell’aspirazione a riunire in sé i rappresentanti del mondo e delle diverse culture, dall’altro alla tensione ad una onnicomprensività dello sguardo per le differenti tipologie di danza, diversi stili e linguaggi con cui la danza dialoga. La conferenza stampa nel corso della quale verranno resi noti tutti i dettagli si terrà venerdì 24 maggio (ore 12)  presso la sala giunta  del Municipio (Palazzo Sforza).

PORTO RECANATI–Alcune segnalazioni partite al 112 della Compagnia Carabinieri di Civitanova Marche, hanno permesso ai militari della Stazione Carabinieri di Porto Recanati di scoprire, nei locali sottostanti l’Hotel House un deposito di bombole di GPL. Il palazzone multietnico (17 piani e circa 500 appartamenti) ospita più di un migliaio di persone, fra cui moltissime famiglie con bambini. Le preoccupazioni dei cittadini, che chiamavano il numero d’emergenza dell’Arma, erano che, dall’inidoneità dei locali, potesse scaturire qualche pericoloso incidente. Gli uomini della Stazione di Porto Recanati, guidati dal Luogotenente Giuseppino Carbonari, nel loro intervento e sopralluogo fra i numerosi locali sottostanti l’edificio, hanno scovato il deposito: vi erano effettivamente accatastate una quarantina di bombole di gas. Il sequestro e la messa in sicurezza operati con l’ausilio di alcuni tecnici di una ditta specializzata. La scena della rimozione delle bombole non è passata inosservata ai numerosi abitanti del grattacielo. Molti stranieri si sono avvicinati ai Carabinieri ed hanno manifestato gratitudine e ringraziamento. Qualcuno, nel suo timido imbarazzo, ha persino ammesso che molti sapevano ed avevano provato a far arrivare “in giro” voce di quel pericolo. La vista dei  militari dell’Arma, che procedevano ai sequestri, è stata pertanto accolta con grande favore e persino con qualche “finalmente”. Ora i Carabinieri stanno svolgendo le verifiche e identificando un commerciante che aveva la disponibilità di quei locali. La norma che gli verrà contestata è lo “stoccaggio di materiali infiammabili ed esplosivi”,bombole hotel house  peraltro accatastati nei locali sottostanti un grattacielo popolatissimo. Ne scaturirà una denuncia alla Procura del capoluogo e la segnalazione alle autorità competenti. I materiali, rimossi in sicurezza durante il pomeriggio odierno, sono stati affidati ad una idonea struttura.

ANCONA –20/05/2013 – Il Portavoce del Centrodestra Erminio Marinelli ha presentato una proposta di legge  regionale sulla conciliazione dei tempi famiglia lavoro, che è stata firmata da tutte le consigliere dell’Assemblea Regionale (nella foto): Romagnoli (Centro destra Marche), Foschi (Pdl), Giorgi (Vice Presidente della Assemblea Legislativa), Ciriaci (PdL), Malaspina (Udc), Ortenzi e Bellabarba (PD). Le donne italiane si trovano agli ultimi posti, a livello europeo, sia per quanto riguarda il tasso di occupazione che per quanto riguarda il tasso di fecondità. Nel solo biennio 2008-2010 l’occupazione femminile è diminuita di 103 mila unità ed è cresciuto il part-time solo nella componente involontaria.MARINELLI+CONSIGLIERE-

Nella nostra regione Marche su 13.874 nascite (dati relativi all’anno 2011) 9.101 sono riferite a donne occupate, di cui l’87% nel settore privato (7.958 parti) .

Sempre nelle Marche tuttavia sono 2.337 le mamme lavoratrici che, fra il 2009 e il 2012, hanno lasciato il lavoro durante la gravidanza o subito dopo la nascita di un figlio (ben 565 solo nel 2012 cui vanno ad aggiungersi anche 22 padri lavoratori).

 Un’azione positiva che la Regione può mettere in campo per il mantenimento della posizione lavorativa – sostiene Marinelli – è quella di incentivare l’utilizzo del part-time temporaneo. L’utilizzo del part-time come strumento di conciliazione è infatti conosciuto e spesso implementato nell’ambito della contrattazione collettiva. Questo in genere fino al compimento dei tre anni del bambino.

 “La mia proposta di legge nasce quindi – precisa Erminio Marinelli – dall’idea di agevolare l’utilizzo di questo strumento, favorendo quei datori di lavoro che concedono ai propri lavoratori la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. L’agevolazione consiste in una deduzione della base imponibile IRAP di un importo forfettario di 13.500 euro, rapportato ad anno, per ogni trasformazione temporanea del rapporto di lavoro da tempo pieno e tempo parziale, concessa ai genitori per agevolare l’assistenza al bambino. Una deduzione riconosciuta fino al compimento del terzo anno di età del bambino (art. 1). L’articolo 2 della mia proposta, invece, prevede la copertura economica da parte della Regione fino a 600 richieste di part-time all’anno (numero calcolato sulla media dei dati forniti dalla Direzione regionale del Lavoro, riferiti al quadriennio 2009/2012, circa l’abbandono medio del posto di lavoro entro il primo anno di vita del bambino). E’ evidente che esistono ostacoli di ordine sia culturale che fiscale che incidono negativamente sulla scelta di una donna che lavora di procreare. Ed è altrettanto evidente come una maggiore partecipazione economica femminile riduce il rischio di povertà: la presenza di due redditi invece di uno rende la famiglia meno vulnerabile. Da ciò discende l’esigenza di favorire, con concrete politiche di conciliazione, una inversione di tendenza rispetto al lavoro delle donne madri. Con questa legge le Marche –conclude Marinelli – possono promuovere una concreta inversione di tendenza”.

ANCONA– NECESSARIO IL BALLOTTAGGIO PER L RINNOVO DELL’ORDINE DEI GIORNALISTI MARCHIGIANI. Ieri domenica 19 hanno votato in tutto 140 professionisti e 178 pubblicisti. Eletti al primo turno, per il nazionale De Liberato, Elisei. Domenica 26 maggio dunque il necessario ballottaggio.

Hanno votato 140 professionisti e 178 pubblicisti. I professionisti sono complessivamente 484; i pubblicisti 1.681. Ricordiamo che per i professionisti essendo 140 i votanti la soglia da superare era di 71 preferenze. Eletti al primo turno due consiglieri nazionali: Dario De Liberato (95) e Franco Elisei (74) per i professionisti. Per i pubblicisti, essendo 178 i votanti, la soglia da superare era di 90 preferenze.
Domenica prossima (26 maggio) si torna a votare per il ballottaggio.

Ecco l’elenco completo dei voti ottenuti dai Professionisti per il Consiglio regionale
BALLOTTAGGIO
Gattafoni Dario (voti 69)
Marfoglia Simonetta (voti 66)
Fabrizi Stefano (voti 63)
De Marco Franco (voti 54)
Poli Giuseppe (voti 53)
Pallotta Daniele (voti 50)
Patrizi Patrizio (voti 38)
Serpilli Annalisa (voti 28)
Mandolini Laura (voti 14)
Carbone Maria (voti 8)
De Liberato Dario (voti 5)
Giacomini Giovanni (voti 2)

Ecco l‚elenco completo dei voti Professionisti Colleggio revisori dei conti
BALLOTTAGGIO
Danieli Edoardo (voti 70)
Cimarelli Paola Maria (voti 67)
Serpilli Annalisa (voti 3)
De Marco Franco (voti 2)

Elenco completo dei voti Pubblicisti Consiglio regionale 
BALLOTTAGGIO
Di Francesco Nicolino (voti 87)
Romagnoli Luca (voti 83)
Vincenzi Gabriele (voti 69)
Colibazzi Marisa (voti 43)
Catalani Marco (voti 27)
Rinaldi Roberto (voti 26)

Elenco completo dei voti Pubblicisti Collegio revisori dei conti
BALLOTTAGGIO
Montemezzo Egidio (voti 68)
Ridolfi Roberta (voti 39)

Elenco compelto dei voti Pubblicisti Consiglio nazionale
BALLOTTAGGIO
Di Silvestre Aleandro (voti 77)
Gambucci Luciano (voti 63)
Salvi Claudio (voti 41)
Milesi Sanzia (voti 40)

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
Annunci