ANCONAValeria Straneo e Jamel Chatbi sono i nuovi campioni italiani assoluti

VALERIA STRANEO

VALERIA STRANEO

dei 10.000 metri. Ad Ancona, l’alessandrina del Runner Team 99 conquista la sua quarta maglia tricolore in carriera, ma è la prima in questa distanza su pista, e chiude nel tempo di 32:30.56. Per lei una gara in solitaria, portata avanti con un ritmo regolare: al traguardo riesce a precedere Fatna Maraoui (Esercito), seconda in 33:57.27, mentre Claudia Pinna (Cus Cagliari) finisce terza con 34:18.70. Tra gli uomini il portacolori dell’Atletica Riccardi Milano, di origine marocchina però residente in provincia di Bergamo e adesso italiano, vince in 28:56.27 davanti al campione uscente Simone Gariboldi (Fiamme Oro), 29:37.28, invece Giammarco Buttazzo (Atl. Casone Noceto) sale sul terzo gradino del podio con 29:42.73.
 
Subito dopo la partenza della prova femminile, sotto un sole che poi si copre, Valeria Straneo stacca il resto del gruppo e procede con la sua andatura: i parziali oscillano fra 3:13 e 3:17 al chilometro, con un passaggio a metà gara di 16:10. Alle sue spalle Fatna Maraoui e Laila Soufyane (Esercito): quest’ultima successivamente (intorno all’ottavo chilometro) viene superata da Claudia Pinna, ma anche da Silvia La Barbera (Forestale), quarta in 34:29.88, e Valeria Roffino (Fiamme Azzurre), quinta con 34:32.26 (primato personale), quindi la Soufyane arriva in sesta posizione con 34:48.29. Alla fine la vincitrice realizza il doppiaggio di tutte le avversarie: l’ultima a subirlo è proprio la Maraoui, durante il giro conclusivo. “Questo mese di allenamenti è andato bene – commenta la Straneo, ottava nella maratona ai Giochi Olimpici di Londra – e sono decisamente soddisfatta della gara, nonostante una bronchite che mi ha condizionato in settimana. Ci tenevo, anche perché non avevo mai vinto un titolo italiano su pista. Nella seconda parte di gara ho un po’ sofferto, c’era anche un po’ di vento. Adesso punto a correre la mezza maratona nei Giochi del Mediterraneo, a fine giugno, poi penserò ai Mondiali di Mosca”. Undicesimo posto per la jesina Simona Santini (Atl. Brescia 1950), 35:34.80, diciannovesima Marcella Mancini (Runner Team 99) in 36:46.06.

JAMEL CHATBI

JAMEL CHATBI


 
Al maschile, sulla rinnovata pista del campo Italico Conti, tutto si risolve poco dopo metà gara, quando Jamel Chatbi guadagna qualche metro di vantaggio su Kaddour Slimani (Atl. Casone Noceto), che poi si ritira a nove giri dal termine. Dietro inseguono Gariboldi e Buttazzo, finiti nell’ordine, insieme a Gabriele Carletti (Athletic Terni), anche lui costretto ad alzare bandiera bianca. Al quarto posto si piazza così Giovanni Auciello (Atl. Casone Noceto), 29:58.56, tallonato da Andrea Pranno (Gp Parco Alpi Apuane), quinto in 30:00.19, e Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle), sesto con 30:01.10. Ottavo lo jesino Daniele Caimmi (Atl. Potenza Picena) in 30:08.01, 14° tempo per Gilio Iannone (Cus Camerino), 30:37.80, 16° Andrea Gargamelli (Sef Stamura Ancona) in 30:41.83, ritirati Antonio Gravante (Atl. Potenza Picena) e Andrea Falasca Zamponi (Atl. Recanati).