You are currently browsing the daily archive for Mag 17, 2013.

Croce Rossa comitato Potenza Picena: educazione al soccorso • Domani (sabato 18 maggio) le vie centrali di Porto Potenza si trasformeranno in un “setting” per la simulazione dei soccorsi dopo un incidente stradale.

PORTO POTENZA–Non ci sarà motivo di preoccupazione per i portopotentini che domani (sabato 18 maggio 2013) si troveranno nel bel mezzo di un incidente con il coinvolgimento di auto, pedoni, mezzi dei Vigili del Fuoco e autoambulanze. Sarà infatti una simulazione, organizzata dalla Croce Rossa di Porto Potenza, nell’ambito della sua attività rivolta alla cittadinanza di prevenzione e di promozione sul territorio dell’informazione ed educazione all’intervento di primo soccorso.

L’iniziativa vedrà la partecipazione anche di Vigili del Fuoco, Polizia Municipale e Protezione Civile e si svolgerà alle ore 17 nei pressi di Piazza Douhet, all’incrocio tra via Livorno e traversa Torresi.

Sarà l’occasione per i cittadini per prendere parte a un’iniziativa finalizzata a ricevere preziose informazioni su come comportarsi nei primissimi minuti di emergenza.

Nello stesso contesto domenica, alle ore 10,30, si terrà una Santa Messa nella chiesa del Corpus Christi per i Volontari del Soccorso della Croce Rossa Italiana, al termine della quale verranno consegnati gli attestati di anzianità e i brevetti ai nuovi volontari. I parroci don Francesco Miti e don Cesare Di Lupidio benediranno le ambulanze.

Seguirà il pranzo della solidarietà organizzato dalla locale sezione dell’Unitalsi al Palasport di viale Piemonte, a cui prenderanno parte gli ospiti della Casa di riposo comunale e quelli dell’Istituto di riabilitazione Santo Stefano.

In semifinale la Lube se la vedrà con Vibo Valentia, i piemontesi con l’Itas Trentino

 PORTO POTENZA PICENA/PalaPrincipi di Potenza Picena:

Itas BTB Trentino – Altotevere San Giustino 3-0 (25-15, 25-16, 25-16). Girone B

La seconda giornata della Junior League si apre con la netta vittoria di Trento in tre set ai dannitimeout cuneo del sestetto di San Giustino, squadra coraggiosa che non riesce a ripetere lo sprint iniziale del match d’esordio e finisce subito nel tritacarne dell’Itas. Pronti, partenza, via e subito la strepitosa serie al servizio di Nelli fa il vuoto con Trento che conduce 9-3. Col passare dei minuti il divario aumenta, tanto che gli under 20 di coach Burattini doppiano i rivali con un attacco al centro di Festi (16-9) e chiudono il primo set approfittando di un errore del centrale Santilli dai 9 metri (25-15). Nel secondo parziale l’equilibrio si mantiene solo per pochi minuti, poi sale di nuovo in cattedra Trento legittimando il vantaggio grazie alla stoccata da posto 4 di Mazzone (16-11). Sembra quasi radiocomandato il bolide di Nelli che squarcia in due la difesa per il 25-16. Senza storia anche l’atto conclusivo con i ragazzi di Romanò in balìa di una formazione più fisica e smaliziata. L’errore dai 9 metri di San Giustino ratifica subito un primo gap (8-5), poi i trentini allungano agevolmente il e sbaragliano i rivali per 25-16. Sugli spalti dell’impianto potentino presenti tra gli altri il tecnico della Lube Alberto Giuliani e il libero transalpino della formazione biancorossa Hubert Henno, ma anche il palleggiatore della B-Chem Golden Plast Nicola Cecato.

Bre Banca Lannutti Cuneo – Tonno Callipo Vibo Valentia. Girone Atimeout vibo

Nel pomeriggio Cuneo si sbarazza di Vibo Valentia con il massimo scarto. Avvio di gara molto equilibrato con il sestetto piemontese che mette la testa avanti (8-6, 16-15) per poi subire il ritorno di Vibo sul 17-19. Solo un falso allarme. Cuneo dà una prova di forza siglando sette punti di fila (24-19). Coach Torchia chiama due time out quasi consecutivi e rivoluziona la formazione, senza però salvare l’esito del set (25-20). Anche nel secondo parziale parte meglio Cuneo (8-6). I ragazzi di Monica Cresta arrotondano il punteggio e prendono il largo con Sideri (16-10). Reazione d’orgoglio dei calabresi nel finale che limano il gap e annullano due palle set (24-22) prima di capitolare sull’attacco di Galaverna (25-22). Il terzo parziale ricalca i precedenti con Cuneo subito avanti 8-6. Vibo fa quel che può, ma sull’errore del centrale Presta dai 9 metri è sotto 16-11. Gli under 20 di Vibo non riescono a risollevarsi e cedono anzitempo con un’infrazione a rete (25-18) che sancisce il primo posto nel girone di Cuneo, superiore in tutti i fondamentali. Entrambe le squadre approdano alle semifinali: i piemontesi se la vedranno con Trento, la Vibo con Macerata. Sugli spalti in evidenza il sindaco di Potenza Picena Sergio Paolucci e l’allenatore di Ortona Nunzio Lanci.attacco cuneo

PalaSerenelli di Loreto:

Tonno Callipo Vibo Valentia – Sir Safety Perugia 3-0 (25-18, 25-23, 25-12). Girone A

Cucine Lube Banca Marche Macerata – Itas BTB Trentino 3-0 (25-23, 25-23, 25-17). Girone B

Classifica

Girone A: Bre Banca Lannutti Cuneo 6, Tonno Callipo Vibo Valentia 3, Sir Safety Perugia 0.

Girone B: Cucine Lube Banca Marche Macerata 6, Itas BTB Trentino 3, Altotevere San Giustino 0.

Programma di sabato 18 maggio 2013:

PalaPrincipi – Potenza Picena Finale 5°- 6° posto

Ore 11.00  Sir Safety Perugia – Altotevere San Giustino.

PalaSerenelli – Loreto Semifinali

Ore 15.30  Cucine Lube Banca Marche Macerata – Tonno Callipo Vibo Valentia

Ore 18.00  Bre Banca Lannutti Cuneo – Itas BTB Trentino

Le Marche al Salone del Libro di Torino • L’assessore regionale Pietro Marcolini: “’Editoria settore importante per la crescita culturale, turistica ed economica”

 “Siamo una delle sette Regioni presenti a Torino, con una partecipazione ventennale che sottolinea l’importanza che attribuiamo all’editoria per la crescita culturale e turistica delle Marche e per la valorizzazione economica del comparto”. Lo ha affermato l’assessore alla Cultura, Pietro Marcolini, in apertura delle manifestazioni in programma alla Salone del Libro di Torino, nello stand della Regione Marche. Il denso programma delle iniziative ha dato spazio a una serie di presentazioni editoriali. In occasione dei cento anni dalla nascita di Pietro Zampetti e di due dalla sua scomparsa, la Regione Marche ha promosso la figura dell’illustre marchigiano. L’opportunità è stata data dalla presentazione del cofanetto video: Da Zampetti a Zampetti… ricordando. Racconti e testimonianze dedicato dalla Giunta regionale al professore che ha conquistato un posto di rilievo nel mondo dell’arte internazionale. “Dai racconti, le interviste, i ricordi e le testimonianze dirette di Pietro Zampetti  – ha evidenziato Marcolini – emerge tutta la ricchezza della sua personalità, la sua dimensione umana e le sue innumerevoli esperienze, la sua attività di storico dell’arte e di studioso, di docente e di instancabile divulgatore. Nel DVD video la sua immagine si fa viva e reale. È lo stesso Zampetti a illustrare con passione, in un racconto serrato e coinvolgente, eventi memorabili ed esaltanti scoperte artistiche. Sono le sue parole a far affiorare dal passato luoghi dimenticati e personalità lontane nel tempo e a narrare, con altrettanta semplicità e vivacità, non solo i successi conseguiti e le attestazioni di stima ricevute, ma anche le delusioni e le amarezze di una lunga vita dedicata alla ricerca, allo studio, alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio artistico”.

Attraverso un percorso guidato e condotto sul “filo della memoria”, Zampetti traccia con passione e partecipazione un percorso nell’arte delle Marche, passando in rassegna fenomeni artistici, pittori, che scopre, rivaluta o recupera dall’anonimato e capolavori che rilegge con acume e sensibilità, contribuendo a diffondere e far conoscere l’arte e a formare nuove generazioni di studiosi. 

Diversi e interessanti sono risultati gli altri appuntamenti che si sono susseguiti nello stand della Regione Marche che hanno sempre visto la partecipazione dell’assessore Marcolini.

Iniziando dal libro di Fabio Santilli (edito dal Centro studi Gabriele Galantara) “Segni di gloria” che ripercorre la Storia d’Italia nella stampa satirica dal Risorgimento alla Grande Guerra. Per proseguire con quello della sociologa Lella Mazzoli e del giornalista Giorgio Zanchini (“Utopie. Percorsi per immaginare il futuro” – Codice Editore) che hanno interrogato alcuni protagonisti del panorama culturale italiano per tracciare una mappa ideale del futuro. Significativo anche il volume di Carlo Scheggia “La storia del Nabucco”, rivolto ai bambini dagli 8 agli 11 anni di età. Il libro, illustrato a colori, presenta la storia verdiana di Nabucco. Fa parte del nuovo corso del Macerata Opera Festival per promuovere la lirica al “pubblico di domani”.

A seguire si è svolta la presentazione della rivista “Storia delle Marche in età contemporanea” a cura di Marco Severini. Propone alcune ricerche sulle professioni che meglio hanno caratterizzato il territorio marchigiano tra ‘800 e ‘900, insieme ad alcuni saggi dedicati all’attuale situazione politica nazionale, con interventi di storici, giuristi e una serie di lavori di storia politica, sociale e intellettuale sul contesto marchigiano, italiano e internazionale.

Altra questione proposta sono state le politiche culturali, nel corso della presentazione del volume “La Cultura per ripartire. Gli intellettuali per le Marche”, a cura di Valentina Conti per i tipi di Affinità elettive. Una sfida ardua da affrontare se la cultura non diventa una priorità dell’investimento pubblico. “La cultura è il nostro futuro, perché i contributi che ne possono derivare, in termini di innovazione di sistema e risposte all’apparato produttivo, sono superiori ai bisogni che chiedono di essere riconosciuti – ha ribadito l’assessore Marcolini – Con l’aiuto degli intellettuali si è cercato di compiere un passo ulteriore nella direzione della riorganizzazione dell’intervento regionale nella cultura e della ridefinizione condivisa delle politiche culturali in tempo di crisi, riscrivendo obiettivi, funzioni e possibilità, in una prospettiva di medio periodo che guardi alla Marche del 2020”.

 

 

 

La sera si balla con saltarello e tarantelle. E ancora: il teatro dentro un’auto, il jazz-core dei Mombu e la cucina internazionalUNIFESTIVAL-_previewe

 

MACERATA–Uno spettacolo teatrale dentro un’automobile? Il re del pop che ritorna a danzare? Sono tante le sorprese che l’Unifestival regala sabato (18 maggio 2013) a Macerata, dopo il successo delle precedenti giornate, con il tutto esaurito allo spettacolo di Max Paiella e i concerti all’aperto. Già la mattina sotto la Loggia del grano, gli studenti dell’Itis Divini di San Severino allestiranno un torneo di minisumo tra robot. Si prosegue nel pomeriggio alle 17 in Piazza Oberdan, con il travolgente e spettacolare “Jacsology“, tributo a Michael Jackson, interpretato dalla scuola di danza “La Luna Ballerina”, guidata dal ballerino Stritti e dai suoi ragazzi, in un viaggio di musica e ballo. La Loggia del grano, invece, ospiterà i gruppi musicali degli studenti del Liceo scientifico di Macerata.

Le scuole per Unifestival hanno, inoltre, in serbo: la mostra “La casa di Peschi 4” e la proiezione del video “Unifestival 2012” alla Galleria Galeotti di Piazza Vittorio Veneto, a cura dell’Istituto d’Arte Cantalamessa; chi si vuole coccolare un po’ non deve far altro che andare alla postazione di trucco e acconciatura dell’Istituto professionale “Renzo Frau” all’Infopoint di Unimc, dove è allestita anche una mostra di arredamento e un’esposizione di go-kart e manufatti.UNIFESTIVAL-CORTILE-preview

Il ballo torna protagonista la sera con “Mòvi la gonna e balla co’ me“, che unirà musiche, danze tradizionali contadine e produzioni agroalimentari tipiche alle  21.30 in Piazza Cesare Battisti; e con gli stornelli, le tarantelle, le serenate, le pizziche salentine e le tammurriate napoletane degli Etnomusicantes in Piazza Vittorio Veneto. Un’esperienza assolutamente inedita, invece, con “La macchina sovversiva” del Teatro sovversivo, che aprirà le “portiere” al pubblico – pochi per volta – su piccoli mondi, visioni private da scegliere e vivere nel bagagliaio spazioso in Piazza Oberdan.

 Per gli amanti del jazz, serata musicale con il duo jazz-core Mombu nel cortile di Filosofia. Per i più golosi e curiosi, immancabile l’appuntamento con l’Eurodinner nel cortile di Palazzo Ciccolini: ogni studente porterà un piatto tipico del proprio paese. Premi al miglior dolce e al miglior salato. L’Associazione Il Glomere parteciperà coinvolgendo l’associazione culturale italo-tedesca e il gruppo del corso di inglese, con letture e interpretazioni di artisti contemporanei. E chi vuole ammirare le stelle, deve solo recarsi sulla terrazza del Palazzo degli studi dove docenti e studenti li guideranno alla scoperta delle costellazioni.

Per approfondimenti e aggiornamenti: www.festival.unimc.it, pagina facebook Unifestival Macerata.

CORRIDONIA–Sabato 18 maggio  2013, alle ore 17:00, inaugurazione della mostra “Volto di Donna”, promossa dall’associazione artXword con il patrocinio della Provincia di Macerata e del Comune di Corridonia, presso la Chiesa San Francesco, Palazzo Persichetti, Circolo Montolmo. Saranno presenti all’inaugurazione, oltre a Roberto Riccio, anche Simone Riccioni (protagonista nell’ultimo film di Moccia in imminente uscita nelle sale cinematografiche)  e Jun Ichikawa (attrice di origine giapponese protagonista di molti film televisivi). Una grande mostra pensata e realizzato appositamente per sostenere e promuovere  progetti concreti in Africa, nello specifico una struttura ospedaliera, tramite la quale salvare molte vite umane.

Saranno esposte opere realizzate oltre che dallo stesso Roberto Riccio anche da tanti esponenti del mondo dello spettacolo: Jun Ichikawa, Ron, Chiara Augenti, Andrea De La Roche e tanti altri.

“E’ straordinario che tanti artisti provenienti da esperienze diverse – ci ha detto l’avv. Massimo Cesca, assessore ai servizi sociali – si siano resi disponibili per una mostra finalizzata non tanto a promuove l’arte, ma nella quale l’arte si mette al servizio di scopi umanitari. L’arte e gli artisti come veicolo e strumento di promozione sociale è un segnale di grande speranza per tutti. Un’occasione imperdibile dal 18 maggio al 2 giugno, per ammirare opere d’arte, conoscere personalmente diversi artisti presenti e l’associazione artxword. Impressiona e stupisce che la mostra allestita a Corridonia verrà poi proposta in altre città come Roma, Milano, Napoli, Londra, Parigi, New York, ecc.”

 

 

 

ANCONA–Ryanair, la compagnia aerea piú grande d’Italia, festeggia oggi i 2 milioni di passeggeri dall’Aeroporto di Ancona,  per cui offre nel periodo di giugno voli a partire da  € 15.99*.

Giuseppe Belladone, Sales and Marketing Executive di Ryanair per l’Italia, ha commentato: “E’ con grande piacere che festeggiamo i 2 milioni di passegeri ad Ancona. Da quando Ryanair è arrivata ad Ancona per la prima volta nel 1999 è cresciuta fino ad attivare 7 rotte e trasportare da e per Ancona 2 milioni di passeggeri, sostenendo più di 2.000** posti di lavoro ‘in loco’ e contribuendo significativamente al turismo marchigiano.

Per festeggiare i 2 milioni di passeggeri trasportati da e per Ancona, Ryanair sta lanciando una promozione con posti a partire da soli €15.99* per viaggiare in Europa nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e giovedì nel mese di giugno. I posti potranno essere prenotati entro la mezzanotte di lunedì (20 maggio 2013). Ne approfitto per ricordare che la programmazione estiva di Ryanair da Ancona include sei rotte nazionali ed estere, per cui quest’estate sará possibile volare da Ancona verso le destinazioni di Alghero, Trapani, Dusseldorf (Weeze), Bruxelles (Charleroi), Stoccolma (Skavsta) e Londra (Stansted)”.

*Solo andata, tasse incluse.

** ACI conferma fino a 1.000 posti di lavoro “in loco” per 1 milione di passeggeri.

 

Termini e condizioni dell’offerta:

 

Periodo di prenotazione:

fino alla mezzanotte di lunedí 20 maggio

Periodo di viaggio:

giugno

Giorni di applicabilità:

soggetto a disponibilità

Anticipo sull’acquisto:

soggetto a disponibilità

Periodo di esclusione:

soggetto a disponibilità

Ryanair – precisa la compagnia –  è l’unico vettore ultra low cost in Europa e la più grande compagnia aerea in Italia, con più di 1.500 voli giornalieri (oltre 500.000 all’anno) da 57 basi, su 1.500 rotte a tariffe basse che collegano 180 destinazioni in 29 paesi, e opera con una flotta di 305 nuovi Boeing 737-800. Ryanair ha recentemente annunciato ordini per ulteriori 175 nuovi aeromobili Boeing, in consegna tra il 2014 e il 2018. Ryanair conta attualmente un organico di oltre 8.500 professionisti altamente qualificati, trasporterà quest’anno più di 80 milioni di passeggeri e vanta un record di 28 anni di sicurezza.

DIFFICOLTA’ LOGISTICHE NEL CAMPO DI FONTESPINA SPECIE NEL PERIODO DI MALTEMPO QUANDO E’ NECESSARIO TRASFERIRE I RAGAZZI ALTROVE CON GRANDE DISAGIO PER LA SOCIETA’ E LE FAMIGLIE

CIVITANOVA–Le criticità relative al campo di Fontespina hanno da sempre ostacolato il lavoro della Vis Civitanova, una delle realtà calcistica storiche della città. Ma qualcuno sembra ancora non si sia accorto dell’importanza del sodalizio rossoblù, continuando ad ignorare le difficoltà con cui vengono portate avanti le attività, spesso e volentieri soggette ai cambiamenti climatici e atmosferici. “Basta che piova un pò e la società è costretta a “trasferire” i propri ragazzi in altre strutture, a proprie spese, pur di garantire un servizio che viene annualmente corrisposto in denaro dalle famiglie”. Per questo il Presidente Paolo Biancucci esce allo scoperto e chiede “parità di trattamento” tra tutte le realtà calcistiche cittadine, “senza che si continui a distinguere tra figli e figliastri”. “E’ ora che si azzeri completamente la situazione relativa alla gestione degli impianti comunali di Civitanova – stigmatizza Paolo Biancucci. Da mesi siamo in attesa che si sblocchi la situazione relativa ai nuovi campi di Villa Conti, che dovranno essere regolamentati e affidati con regolare procedura di appalto pubblico. Ma quello che i genitori ci chiedono continuamente è il perché alla Civitanovese sia stato affidato il campo di Civitanova Alta con assegnazione diretta, senza passare quindi per il bando, mentre per la Vis sono nati tutti questi cavilli burocratici? Non abbiamo forse gli stessi diritti? A questi quesiti che ci vengono posti ogni giorno, diano una risposta chiara e precisa l’Assessore Balboni e il suo “braccio destro” Massimo Giulietti. E’ il momento di revocare – secondo noi della Vis – tutte le gestioni consolidate nel tempo e preparare degli appalti pubblici per ogni singolo campo comunale. E sottolineo comunale, perché sebbene gestiti da società dilettantistiche, gli impianti sono e restano di proprietà del Comune e di conseguenza della collettività. Si faccia trasparenza, una volta per tutte, su come questi campi vengono gestiti”. 

 “Si ricominci da zero e, una volta dati in gestione, si proceda subito – argomenta ancora Biancucci – alla formazione di un organo di controllo.  Non è ammissibile e non dovrà essere più tollerato il fatto che, società con minor numero di tesserati, occupino la maggior parte delle ore disponibili. Ogni società gestrice si accollerà la propria parte relativa al costo di chi dovrà vigilare, in modo da non pesare ulteriormente sulle tasche del Comune. Ma si faccia presto e si abbia il coraggio di prendere decisioni nette, che rimandino alla correttezza e alla trasparenza. La Vis Civitanova è stanca di essere bistrattata e farà in modo che i diritti di ogni cittadino siano ugualmente tutelati. Le nostre famiglie subiscono quotidianamente le problematiche relative al campo di Fontespina, che ogni stagione invernale diventa un vero e proprio “campo di patate” e costringe ognuno di noi ad evidenti difficoltà logistiche e maggiori esborsi economici. La nostra pazienza è oramai ai minimi storici, da anni ci viene promesso un campo in sintetico che non è mai stato realizzato, a differenza di altri quartieri cittadini. Non accettiamo più di essere presi in giro, chi di dovere si attivi per trovare presto una soluzione. Siamo pronti anche ad organizzare una raccolta firme per rendere visibile il problema; ci rivolgiamo all’attuale Amministrazione ed in particolare all’Assessore Piergiorgio Balboni affinchè si prenda l’incarico, l’onere e l’onore di fare un gesto tanto rivoluzionario quanto giusto per la nostra città”.  

ANCONA–Un filosofo noto non solo in Italia, ma anche in Francia è  Silvano Petrosino, che sarà il terzo ospite della rassegna curata da Giancarlo Galeazzi che da diciassette anni si tiene con successo ad Ancona. Docente di Teorie della comunicazione e di  Filosofia morale  all’Università Cattolica di Milano e Piacenza, Petrosino è studioso di Levinas e Derrida, ai quali  ha dedicato alcuni fondamentali  studi tradotti anche in francese. 

Ad Ancona è stato invitato come filosofo della comunicazione nell’ambito del ciclo “Linguaggi: incontrare l’altro” . E proprio  ai problemi relativi al linguaggio e alla comunicazione, Petrosino ha dedicato il volume L’esperienza della parola. Testo, moralità e scrittura (Vita e Pensiero 2008). In particolare,  ha prestato attenzione al significato dell’abitare nel volume significativamente intitolato: Capovolgimenti. La casa non è una tana, l’economia non è il business (Jaca Book 2008), che articola una riflessione filosofica sul luogo soffermandosi in particolare sul tema dell’abitare, di cui si era occupato in Babele. Architettura, filosofia e linguaggio di un delirio (Il Melangolo,  2003) e su cui è poi tornato in  Lo stare degli uomini. Sul senso dell’abitare e sul suo dramma (Marietti, 2012). 

Nell’ambito degli incontri di Ancona Petrosino rifletterà sul tema della “persuasione” in modo da mostrarne la complessità per incontrare l’altro. Come sottolinea Galeazzi, presentando il filosofo della Cattolica, “proviene da Petrosino un duplice invito, che si può sintetizzare  con i titoli di due suoi libri:  Pensare il presente (Berti, 2013) e Ripensare il quotidiano (Vita e Pensiero, 2012), per dire della necessità di una filosofia che  sia finalizzata alla conquista dell’autenticità”. Come  ha scritto lo stesso Petrosino, l’uomo non deve solo esistere o vivere, deve pure “custodire e coltivare” l’esistenza stessa in cui si trova gettato e tale dimensione trova la sua più alta espressione  “nel dare il nome alle cose”, ma avendo consapevolezza che “si può dare il nome  anche in modo perverso”, producendo quella che è stata chiamata “la banalità del male”: ancora una volta  il rischio è quello del “capovolgimento”, che si può evitare, però, se  impegnati a coltivare e  custodire “l’alterità, e le differenze fino al culmine delle unicità”.

L’incontro con Silvano Petrosino è in programma per lunedì 20 maggio 2013 con inizio alle ore 21 al Teatro Sperimentale, in via Redipuglia ad Ancona. L’ingresso è libero. Per informazioni rivolgersi all’Assessorato alla cultura del Comune di Ancona: tel. 071.2225019.

PESARO-“La città di Pesaro è stata onorata – ha dichiarato il Sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli –per aver avuto Giancarlo Bojani quale direttore scientifico dei suoi Musei per un quinquennio. La sua straordinaria competenza, in particolare nel campo della ceramica, ha contribuito a valorizzare il patrimonio delle nostre ceramiche e dei Musei Civici in generale. Oggi piangiamo la scomparsa di uno dei massimi esperti di ceramica in Italia e nel mondo, che qui ha lasciato un segno indelebile”.

 

 

 

 

RECANATI–La Società Beta Spa ha comunicato ai Sindacati la decisione di chiudere Tvrs dopo 35 anni di attività. Una decisione inattesa, che ha destato stupore fra gli addetti ai lavori e soprattutto in migliaia di affezionati utenti, che avrà come conseguenza il probabile licenziamento dei 21 dipendenti, a meno che si trovi qualche soluzione per scongiurare tale epilogo. Le organizzazioni sindacali, da parte loro, hanno emesso una nota nella quale si afferma: “Le lavoratrici, i lavoratori e le loro Organizzazioni sindacali esprimono tutto il proprio disappunto e la propria preoccupazione per la decisione aziendale di voler cessare le attività di produzione in capo ai canali Tvrs (11) e Tvrs Marche (111) dichiarando in esubero tutto il personale attualmente dipendente: questo significa che a breve 21 persone e le rispettive famiglie si troveranno senza lavoro e le Marche private di uno storico servizio di informazione ed intrattenimento locale attivo ininterrottamente da 35 anni. Ciò è tanto più incomprensibile – prosegue la nota – se si guarda ai bilanci di tutti questi anni e alla quantità di aiuti che sono stati erogati a vario titolo dalle Istituzioni pubbliche”. La Rappresentanza sindacale aziendale, insieme alle sigle sindacali presenti in Azienda (Slc-Cgil, Uilcom e Sigim) hanno già chiesto un incontro urgente con l’Assessore regionale al lavoro Marco Luchetti e hanno indetto un’ora di sciopero per questa mattina alle 10 (venerdì 17 maggio) unitamente a una Assemblea sindacale con tutte le lavoratrici e i lavoratori di Beta SpA-Tvrs. Le Organizzazioni Sindacali hanno anche convocato una Conferenza Stampa urgente per illustrare tutti i termini della vicenda.

 

 

 

 

 

 

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche