Una proposta delle Acli ai giovani che vogliano essere attivi di fronte al mondo del lavoro

FANO –Si è svolto il 7 maggio 2013 presso il Circolo ACLI S. Orso di Fano il secondo appuntamento del LAPIS  (Laboratorio per l’impegno sociale e politico) organizzato dalle ACLI delle Marche, che quest’anno si pone l’obiettivo di promuovere una cultura dell’autoimprenditorialità e di offrire ai giovani strumenti concreti per avviare un’attività nel campo dell’impresa e della cooperazione sociale nei principali settori produttivi del nostro territorio. Il tema affrontato nell’incontro di Fano è stato “Creare lavoro in agricoltura: l’agricoltura sociale”. La relazione introduttiva è stata svolta da Claudio Gagliardini, vicedirettore regionale della Coldiretti delle Marche.

Dopo aver illustrato le difficili condizioni dell’agricoltura, colpita come gli altri settori dalla gravissima crisi economica che in Italia sta provocando una drammatica crescita della disoccupazione e una fortissima caduta dei consumi, Gagliardini si è soffermato sulle nuove opportunità che vengono offerte alle aziende agricole, grazie alla multifunzionalità che è stata loro riconosciuta di recente. l settore che più si è sviluppato negli ultimi anni è stato, come è noto, quello dell’agriturismo e più in generale dell’agro-ambientale. Ma altre opportunità si presentano se si guarda all’agricoltura anche in un’ottica sociale. Ed è su questo tema che Gagliardini è intervenuto più diffusamente, presentando esempi di aziende che hanno aperto “agrinido”, o che hanno accolto bambini con difficoltà mostrando che un più stretto rapporto con la natura li rende più sereni e li aiuta a superare alcune difficoltà, o, infine, che hanno permesso ad anziani autosufficienti di restare attivi anche nella “quarta età”.

Ha chiuso i lavori Maurizio Tomassini che oltre a sottolineare le molte e ancora inesplorate opportunità offerte dall’agricoltura sociale, specie quella connessa con l’inserimento lavorativo di soggetti con fragilità, ha collegato l’iniziativa dell’agenda per lo sviluppo dell’economia civile nel territorio di Marche Nord al progetto di rafforzare la rete delle imprese sociali, per il quale le Acli della provincia di Pesaro Urbino stanno lavorando da tempo.

Annunci