You are currently browsing the daily archive for maggio 12, 2013.

MONTECOSARO– Ancora un taglio del nastro di prestigio (questa 

ALBERTOSI CON WALTER CASSETTA E FIGLI

ALBERTOSI CON WALTER CASSETTA E FIGLI

volta con l’ex portierone azzurro Ricky Albertosi) a Montecosaro centro storico, presso il Palazzo Marinozzi, dove al Museo del cinema è stato affiancato da oggi domenica 12 maggio 2013 anche il Museo dello Sport illustrato. Artefice Paolo Marinozzi, appassionato di musica, cinema e sport allo stesso modo, che in svariati decenni ha portato a Montecosaro, dalla capitale e dagli Usa, tanti personaggi del mondo della celluloide, dello spettacolo e dello sport, passando per il ciclismo, che nel mese di maggio celebra il grande rito del Giro d’Italia, evento che facilita sempre la propensione a sfogliare nuovamente l’album storico delle due ruote, sulla base della storia e della leggenda degli assi dei vari decenni. E così nel Museo dello Sport vi sono foto di giocatori, biciclette di campioni, magliette di Coppi e Bartali, del marchigiano Gismondi di Montegranaro, assieme all’atmosfera del passato, ricreata con l’interno di un bar di una volta con l’enorme televisore anni sessanta con le immagini in bianco e nero che a volte traballano, il bigliardino, il telefono a  gettone, le schedine per giocare al totocalcio, il giornale il Totocalcio del 1950, riviste, ritagli di giornali. Insomma un allestimento gradevolissimo ed efficace degno di un set di Cinecittà per girare un film d’epoca. Per l’arrivo di Albertosi si sono ritrovati in molti, tra cui anche il Presidente di allora dell’Elpidiense, Walter Cassetta, squadra con laALBERTOSI-VALLETTE-5783 copia quale negli ultimi anni di carriera Albertosi ha giocato – lo ricordiamo – dando alla tifoseria di Sant’Elpidio a Mare un notevole orgoglio e risalto sportivo e giornalistico. Rivedendo Albertosi tra la gente ci sono tornate in mente le sue parate sicure, determinate in maglia gialla, in porta era una saracinesca. Con l’imprenditore calzaturiero Cassetta è stato un bel rivedersi dopo anni, unitamente a tanti altri dirigenti di allora della squadra elpidiense, ma c’erano a complimentarsi oggi pomeriggio anche tanti civitanovesi e portorecanatesi, come in altre circostanze. Per Montecosaro una domenica di maggio ancora da annali, con Porta San Lorenzo addobbata a festa, con le bandierine multicolori dei paesi con cui l’Italia azzurra si scontrò nelle partite più memorabili. Tra i presenti anche Maurizio Verdenelli, già inviato de Il Messaggero,  Lino Palanca, già in forza al Corriere Adriatico  da Porto Recanati, il Dr. Mandozzi, che è stato medico sociale della Civitanovese, poi per tanti anni dell’Ascoli Calcio (serie A), quindi della Fermana (serie B), il quale ha avuto modo di seguire da vicino una lunga stagione calcistica fra le più galvanizzanti. Per l’apertura del Museo Paolo Marinozzi ha anche stampato come da tradizione un bel volume, che però verrà presentato in altra occasione nel mese di giugno quasi sicuramente. Un secondo round particolarmente piacevole che non mancherà di fungere da catalizzatore per un’altra bella giornata di amarcord e di spensieratezza, favorendo quel prezioso rivedersi fra persone, che favorisce umanità, buon umore e amicizia.

PAOLO MARINOZZI

PAOLO MARINOZZI

Annunci

MACERATA–Dopo le due giornate di sfide allo stadio Helvia Recina di Macerata, per la prima fase regionale del Campionato italiano assoluto per società, il club organizzatore dell’Atletica Avis Macerata comanda tra gli uomini a quota 14.199 punti e anche al femminile con uno score di 13.748. Le classifiche saranno definitive soltanto dopo la seconda fase, che prenderà in considerazione i risultati delle prossime manifestazioni e si concluderà il 28 luglio. Nel ranking maschile al secondo posto regionale c’è la Tecno Adriatletica Marche (12.664) seguita dall’Atletica Civitanova (12.462), fra le donne la piazza d’onore va alla Sport Atletica Fermo (13.230) con la Tam in terza posizione (13.169).Del Gatto

Protagonista della seconda giornata è il campione italiano under 20 al coperto Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatletica Marche): il montegiorgese, che si allena a Porto San Giorgio sotto la guida tecnica di Alfio Petrelli, ottiene un miglior lancio di 16,10 realizzando il primato personale con l’attrezzo senior da 7,260 kg e anche il minimo di partecipazione per gli Europei juniores di Rieti. Alle sue spalle si piazza un altro atleta della stessa categoria, Alessandro Cavalieri (Atl. Avis Macerata) che è secondo con 15,10. Sui 200 metri, il duello fra portacolori dell’Atletica Avis Macerata si risolve in favore di Alessandro Berdini in 21.61 (-0.7) davanti a Lorenzo Angelini, 21.63. Anche nell’alto prevale un giovane: lo junior Manuel Nemo (Tecno Adriatletica Marche) riesce infatti a superare la quota di 2,00, mentre il lungo vede il successo di Marco Vescovi (Atl. Avis Macerata) con un salto a 6,85 (0.0). Nel mezzofondo, due affermazioni dell’Atletica Civitanova grazie alla promessa Leonardo Zucchini, 1:53.64 sugli 800, e Dario Santoro, 14:52.75 nei 5000 metri, invece Stefano Mancinelli (Asa Ascoli Piceno) fa atterrare il martello a 52,55.
Sfida equilibrata sui 200 femminili, con la junior elpidiense Roberta Del Gatto (Atl. Avis Macerata, nella foto) che ripete il successo della prima giornata (in quel caso sui 100 metri) e si impone in 25.20 (0.0) nei confonti di Francesca Ramini (Sport Atl. Fermo), 25.26, poi Mita Delia (Atl. Avis Macerata), 25.44, seguita dalla junior Martina Piergallini (Sef Stamura Ancona), 25.47, e dall’allieva Annalisa Torquati (Tecno Adriatletica Marche) al personal best con 25.58. Nei 400 ostacoli, 1:05.10 per la promessa Sara Porfiri (Atl. Avis Macerata), mentre la coetanea e compagna di squadra Ornella Kelly Nya Yangasi migliora nel giavellotto con 38,68. Le staffette 4×400 metri vanno a Tecno Adriatletica Marche (Daniele Corazza, Davide Romandini, Matteo Sconocchini, Sasha Tirabassi), 3:32.90, e Atletica Avis Macerata (Maria De Iacovo, Mamadou Binta Diallo, Sara Porfiri, Eleonora Vandi), 4:01.35.

Nella prima giornata, quella di sabato, l’eptatleta sambenedettese Enrica Cipolloni (Tecno Adriatletica Marche/Fiamme Oro) salta 1,80 nell’alto con un percorso netto fino a quel punto, poi compie tre nulli a 1,85. Per lei anche 11,24 nel peso, mentre sui 100 femminili il crono più veloce arriva dall’ultima serie con 12.25 (-0.1) per merito della junior Roberta Del Gatto (Atl. Avis Macerata), vicecampionessa italiana allieve al coperto due anni fa, che migliora il 12.30 (-0.2) ottenuto in precedenza da Ilaria Giretti (Sport Atl. Fermo). Il pomeriggio è parzialmente condizionato dalla pioggia, ma poi lascia spazio al sole: nei 1500 metri la promessa Valentina Talevi (Sef Stamura Ancona) coglie il personal best con 4:41.33, davanti al 4:44.94 di Chiara Capezzone(Atl. Fabriano), invece Maria De Iacovo (Atl. Avis Macerata) si aggiudica i 100 ostacoli in 15.34 (-0.2) e Maria Laura Montelpare  (Tecno Adriatletica Marche) lancia 46,57 nel martello.
In campo maschile, lo junior Michele Antonelli (Nuova Podistica Loreto) chiude in 44:45.01 sui 10.000 metri di marcia. Nei 100 metri si afferma la promessa Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata) con 10.85 (-0.2), davanti a Julius Kyambadde (Atl. Civitanova), che corre in 11.15, e nel giavellotto lo junior Emanuele Salvucci (Atl. Avis Macerata) fa atterrare il suo attrezzo a 56,80 superando l’under 23 Joel Enrico Giorgi(Asa Ascoli Piceno), secondo con 56,34, poi nell’asta prevale Lorenzo Catasta (Sport Atl. Fermo/Fiamme Gialle), autore di un miglior salto a 4,70. Sui 1500 metri, vittoria in 3:59.61 di Andrea Gargamelli (Sef Stamura Ancona), con Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona) che conquista i 3000 siepi in 9:41.38, e sui 400 metri Leonardo Zucchini (Atl. Civitanova) realizza il tempo di 50.64. Nella 4×100 maschile, l’Atletica Avis Macerata (Carlo Nardi, Marco Vescovi, Alessandro Berdini, Lorenzo Angelini) porta il testimone al traguardo in 41.51, e al femminile si impone la Sport Atletica Fermo (Dajana Flamini, Laura Brandimarte, Francesca Ramini, Ilaria Giretti) con 48.26.

TOLENTINO-La sottoscrizione di tutti i Sindaci dei Comuni maceratesi, oltre che di Legambiente MarcheTOLENTINO-SINDACI-COSMARI-_0468[1]LRGGG-, della Provincia di Macerata e del Cosmari della carta per una rete di enti territoriali a “Spreco Zero”, ha concluso una intensa mattinata di studio sullo spreco alimentare promossa dal Cosmari. L’Auditorium della sede consortile di Tolentino non è stato sufficiente a contenere le tante persone che hanno voluto partecipare al convegno “Mettiamo a dieta la pattumiera. Comportamenti ecostostenibile ed ecocompatibili”. Dopo l’intervento introduttivo di Daniele Sparvoli Presidente del Cosmari che ha fornito i dati relativi alla situazione della nostra provincia (120 mila tonnellate di rifiuti di cui 85 mila differenziati. Di questi 40 mila tonnellate sono scarti organici, cioè residui di cibo, in pratica 125 kg l’anno per abitante. Circa 10 mila tonnellate sono puro spreco alimentare in piena sintonia con i dati europei. Da ricordare che nel mondo 36 milioni di persone muoiono per denutrizione e mancanza di cibo mentre 29 milioni di persone muoiono per malattie causate dall’eccesso di cibo.) e dopo il saluto portato dall’Assessore Leonardo Lippi della Provincia di Macerata, l’evento è entrato nel vivo con gli interventi dei relatori. Andrea Segrè, Professore Ordinario di Politica Agraria Internazionale e Comparata – Direttore Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Presidente Last Minut Market Spin-off Accademico, Presidente Centro Agroalimentare di Bologna ha presentato in anteprima il suo nuovo libro, edito da Marsilio e in tutte le librerie a partire dal prossimo 15 maggio, intitolato “Vivere a spreco zero”. Segrè ha fornito alcuni dati e semplici soluzioni per risparmiare risorse e per produrre meno rifiuti. “E’ una rivoluzione alla portata di tutti – ha detto Segrè – Amministratori, imprese e cittadini-attivi e consum-attori posso evitare sprechi, evitando impatti ambientali non più sostenibili. Dobbiamo imparare a fare di più con meno, avere meno cose e più beni, relazionali e comuni. Dobbiamo passare da un falso ben-essere a un autentico ben-vivere”. Questa situazione di crisi, quindi, ci può aiutare a cogliere l’occasione giusta per cambiare il nostro stile di vita e Segrè ha indicato, anche con diversi esempi e buone pratiche realizzate da Last Minute Market, come possiamo trasformare la nostra attuale società in un modello più giusto, e responsabile, equo e solidale, rinnovabile e sostenibile rispetto ai bisogni e ai diritti della collettività.

Francesco Mele Responsabile Slow Food Italia del programma per la lotta agli sprechi alimentari ha rimarcato quanto sia fondamentale l’educazione del gusto e la lotta agli sprechi alimentari. In particolare ha tracciato la filiera degli sprechi, evidenziando come già all’origine, nei campi o nelle industrie di trasformazione, molta quantità di cibo diventa rifiuto. Per non parlare poi della grande distribuzione e di quanto si fa di sbagliato nelle famiglie a causa di cattive abitudini. Per fermare questa “macchina dello spreco”, Francesco Mele ha suggerito alcuni piccoli consigli come fare la lista delle spesa e attenersi ad essa, comprare spesso evitando le “spesone”, comprare direttamente dai produttori, preferire l’agricoltura sostenibile e di piccola scala, comprare meno trasformati e più ingredienti, imparare a cucinare con gli avanzi e gli scarti, aderire alla Carta “Spreco Zero”.

Stefano Ciafani, Vicepresidente nazionale di Legambiente ha puntato l’attenzione sulla prevenzione e sull’importanza di una funzionale raccolta differenziata. “Il Cosmari – ha detto – grazie alla sua impiantistica e al modello “Porta a Porta” applicato su oltre 40 Comuni soci, sta raggiungendo risultati eccezionali. Un Consorzio Riciclone, il primo del centro-sud che è divenuto un modello da replicare in altre zone d’Italia”. Inoltre ha evidenziato il progetto pilota di Legambiente Marche che ha raccolto alcune significative esperienze sulla prevenzione, alcuni esempi reali di come si può ridurre già alla fonte, la produzione dei rifiuti. Questa prima sperimentazione tutta marchigiana verrà replicata a livello nazionale insieme a Federambiente.

Infine Mattia Fontanella, Responsabile Sviluppo e Innovazione Attività Sociali e di Sistema Coop Adriatica, ha illustrato il progetto “Brutti ma buoni” che grazie alla collaborazione di tanti soci volontari sta consentendo di attivare una importante rete solidaristica e di relazioni tra tanti soggetti altrimenti in difficoltà. Una “buona pratica” che sta dando risultati reali e che consente di trasformare gli sprechi in risorse da utilizzare in progetti di solidarietà. Associazioni locali, soci e volontari, oltre ai dipendenti Coop uniti per aiutare concretamente chi si trova in situazioni di difficoltà e bisogno.

Nel concludere i lavori, Andrea Segrè ha voluto sottolineare come proprio da semplici idee di recupero si riesce a dar vita ad un nuovo modello solidale che diviene il vero valore aggiunto per tutti noi. Dobbiamo essere cittadini consapevoli e responsabili, capaci di fare la differenza capaci di utilizzare quotidianamente tutte quelle “Buone pratiche” che ci consentano di prevenire e ridurre inutili sprechi, di qualsiasi genere e in particolare quelli alimentari.

Come detto a concludere la mattinata che ha visto la partecipazione, oltre che dei Sindaci o loro delegati, del Sen. Mario Morgoni, dell’On. Giorgio Carrescia, di molti cittadini, membri di associazioni culturali e ambientaliste e di una rappresentanza di studenti dell’Istituto Alberghiero “Varnelli” di Cingoli, la firma degli amministratori locali della carta “Spreco Zero”, un marchio rilasciato da Last Minute Market, che  ”certifica” l’adozione di una serie di strumenti, procedure e sistemi di controllo, che garantiscono un uso razionale ed efficiente delle risorse e una gestione dei rifiuti ispirata ai principi di prevenzione, riutilizzo e riciclo dei materiali. Il 20 maggio tutti i sindaci maceratesi saranno invitati a Padova per un grande forum di oltre 1000 sindaci italiani ed europei, in occasione della Green Week 2013.

Brindisi finale con prodotti a km zero sapientemente preparati e servizi dagli allievi dell’Istituto alberghiero “Varnelli” di Cingoli. Una piccola degustazione che ha proposto sapori e antiche ricette della tradizione.

Con questo convegno, Cosmari ha voluto porre l’attenzione dell’opinione pubblica sugli sprechi alimentari, favorendo in tutti i Comuni l’adozione di una serie di strumenti, procedure e sistemi di controllo, che garantiscono un uso razionale ed efficiente delle risorse e una gestione dei rifiuti ispirata ai principi di prevenzione, riutilizzo e riciclo dei materiali, come del resto si sta cercando di fare in questi ultimi anni.

Ora noi tutti abbiamo davanti un orizzonte, un obiettivo verso il quale tendere, uno stimolo per ridurre progressivamente il consumo di risorse e le emissioni nell’ambiente legate alle diverse attività. Progettare o ridefinire la propria vita personale e lavorativa significa prestare attenzione, evidenziando le possibili criticità e valutando possibili azioni che permettano di controllare e ridurre gli sprechi. Ai media il compito di comunicare all’esterno le buone pratiche adottate con l’intento di replicarle e di migliorare ulteriormente l’ambiente in cui viviamo.

Il convegno è stato promosso da Cosmari, Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari, Last Minut Market, Legambiente, Slow Food, Coop Adriatica. Ha collaborato l’Istituto Alberghiero “Varnelli” di Cingoli.

 

TOLENTINO– Camping Club di Civitanova Marche e l’Unione Club Amici, in collaborazione con il ComuneRADUNO-CAMPERISTI-LEGG-4 di Tolentino, Assessorato al Turismo e la Pro Loco TCT hano organizzato “Raduno dell’Amicizia” per camperisti, che si è tenuto il 10, 11 e 12 maggio 2013 a Tolentino, “Comune Amico del Turismo Itinerante”. Venerdi 10 maggio, a partire dalle ore 18.00, si è registrato l’arrivo, sistemazione e registrazione degli equipaggi, presso l’area di parcheggio riservata in via Foro Boario e zone limitrofe. Sabato 11 mattina proseguimento dell’arrivo e registrazione equipaggi. Ore 9.30 inizio visite guidate a gruppi al centro storico (complesso monumentale della Basilica di San Nicola, Cattedrale di San Catervo, Chiesa della Carità, Palazzo Parisani – Bezzi, Palazzo Sangallo, Ponte del Diavolo, Torre dell’orologio). Ore 12.00 aperitivo offerto dal club. Nel pomeriggio ore 16.00 visite guidate a gruppi al centro storico. Ore 20.30 Cena insieme, facoltativa e su prenotazione entro i termini, presso un ristorante vicino al complesso monumentale della Basilica di San Nicola.

Domenica 12 (ore 10.30) S. Messa presso la Basilica di San Nicola, cui ha fatto seguito alle ore 11.30 il ricevimento presso la sala consiliare, per la consegna della targa di Comune Amico del Turismo Itinerante alle autorità comunali (Sindaco Pezzanesi in testa), da parte del coordinatore di area dell’Unione Club Amici. Dopo il pranzo, nel pomeriggio con calma…baci e abbracci e un…arrivederci al prossimo incontro!RADUNO-CAMPERISTI-LEGG-3 Continuano, quindi, le iniziative promosse a Tolentino per la promozione turistica. Come si ricorderà, già nei mesi scorsi, l’Amministrazione comunale ha deciso di aderire al circuito “Comune amico del turismo itinerante”, rete di enti territoriali che danno spazio a questo particolare tipo dl turismo e offrono la possibilità di sostare utilizzando servizi essenziali. L’adesione al circuito, che attualmente è composto da 160 associazioni diverse e di tutta Italia, assicurerà l’inserimento del Comune di Tolentino negli elenchi dei percorsi proposti ai camperisti e comporterà l’impegno a installare in alcuni punti strategici della città i cartelli che indicano il titolo di “Comune amico del turismo itinerante”. Anche i cittadini – ha ricordato il Sindaco Giuseppe Pezzanesi – sono stati invitati al ricevimento che si è tenuto nella Sala Consiliare nella mattina del 12 maggio. In tale occasione è stata formalizzata, con una piccola cerimonia, la consegna di una targa da parte del coordinatore di area dell’Unione Club Amici alle autorità comunali, suggellando ufficialmente l’ingresso della Città di Tolentino nel circuito “Comune amico del turismo itinerante”. RADUNO-CAMPERISTI-LEGG-2Con questa nostra iniziativa – ha affermato l’Assessore al Turismo Orietta Leonori – vogliamo avviare una collaborazione continua e proficua con questa particolare tipologia di turisti e quindi è nostra intenzione potenziare la visibilità della Città di Tolentino, anche verso il target dei camperisti e degli appassionati del turismo itinerante. Siamo certi che la nostra offerta turistica, culturale, museale e paesaggistica, senza dimenticare l’enogastronomia e le nostre eccellenti produzioni artigianali e industriali, incontreranno il favore di tutti coloro che parteciperanno al Raduno dell’Amicizia.

Numeri da piena estate a consuntivo di una notte del sabato sera, vigilata da pattuglie del Radiomobile di Civitanova Marche coadiuvate dalle Stazioni dei CC di Civitanova Alta e Recanati.

 

CIVITANOVA–Con le temperature favorevoli – da Civitanova a Porto Recanati – si è scatenata la  “movida”. Locali pieni di gente, di famiglie e di ragazzi provenienti da ogni zona delle province di Macerata, Ancona e Fermo. Ieri sera c’era chi onorava la Festa della mamma e chi si divertiva sulle spiagge. Intanto le chiamate al 112 della centrale operativa dell’Arma, sulla costa civitanovese, hanno sfiorato quota 100, nel solo arco orario che va dalle ore 20 di ieri sabato 11 maggio 2013 alle  ore 8 di questa domenica mattina. Le segnalazioni più insistenti dalla zona nord di Civitanova, a ridosso della foce dell’Asola, per rumori molesti provenienti da uno chalet e auto lasciate in sosta lungo la Statale Adriatica, in un tratto di strada rettilineo, buio e pericoloso.

Le pattuglie della Compagnia dei Carabinieri di Civitanova hanno istituito posti di controllo alla circolazione stradale, sia all’ingresso della vicina cittadina di Porto Potenza, che in zona Fontespina, ma anche sulla Regina, a ridosso di Santa Maria in Potenza di Porto Recanati.

Ad incappare nell’etilometro drager – in dotazione al Radiomobile – moltissimi ragazzi, di età compresa fra i 19 e i 37 anni, ma anche due donne, fra cui una giovane mamma, di rientro da una serata in un locale della costa. Un modo per festeggiare la festa della mamma smascherato sia dal precursore, che segnava rosso, che dall’etilometro, che riscontrava un tasso superiore a 0,8 grammi per litro. Ma il tasso più alto lo aveva un civitanovese che stamane all’alba, dopo aver causato presunti danni a veicoli in sosta in una via del centro, è stato riscontrato con un tasso elevatissimo: 2,25. La patente, inoltre, aveva già azzerato i punti disponibili e scatterà, con ogni probabilità, il provvedimento di revoca, oltre ad una serie di pesanti sanzioni che sono all’esame degli uffici del Radiomobile. Aveva causato un incidente in serata ed era sotto l’effetto di droghe, un civitanovese che è stato altresì denunciato al termine degli esami clinici. Ma anche uno straniero senza patente di guida che andava in giro per le strade della città.

Ma ancora interventi verso le 21 a Porto Recanati dove sono accorse pattuglie della locale stazione, di quella di Porto Potenza  e del radiomobile civitanovese. Segnalata una lite violenta fra stranieri, chiarita con l’intervento delle divise che hanno verificato solo un alterco, tuttavia non degenerato, evidentemente per il pronto intervento delle pattuglie dell’Arma.

“Prove tecniche d’estate”, quindi, sopperite dalle autoradio della Compagnia di Civitanova che, al termine di una nottata piuttosto movimentata, avendo agito fondamentalmente per la prevenzione delle stragi del sabato sera, hanno potuto registrare (fortunatamente) nessun incidente con gravi conseguenze.

 

MONTE URANO–Il Comune di Monte Urano (Provincia di Fermo) offre a tutti i genitori che volessero partecipare un ciclo di incontri gratuiti, tenuti dalla Psicologa Dott.ssa Marilena Tiburzi. I vari incontri si terranno presso il Comune di Monte Urano (Sala delle Riunioni), ingresso da Corso Mazzini, dalle ore 21.15 alle ore 23,00 circa, nelle seguenti date:

MONTE URANO-COMUNE

MONTE URANO-COMUNE • FOTO MILLEPAESI

14 maggio 2013 • IL BAMBINO DELLA SCUOLA PRIMARIA (dai 6 ai 10 anni) E LE AUTONOMIE: COME GUIDARLO ALL’AUTONOMIA SENZA CHE SI SENTA ABBANDONATO DALLE CURE GENITORIALI.

23 maggio 2013: • IL PASSAGGIO DALLA SCUOLA PRIMARIA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO.

 

Una proposta delle Acli ai giovani che vogliano essere attivi di fronte al mondo del lavoro

FANO –Si è svolto il 7 maggio 2013 presso il Circolo ACLI S. Orso di Fano il secondo appuntamento del LAPIS  (Laboratorio per l’impegno sociale e politico) organizzato dalle ACLI delle Marche, che quest’anno si pone l’obiettivo di promuovere una cultura dell’autoimprenditorialità e di offrire ai giovani strumenti concreti per avviare un’attività nel campo dell’impresa e della cooperazione sociale nei principali settori produttivi del nostro territorio. Il tema affrontato nell’incontro di Fano è stato “Creare lavoro in agricoltura: l’agricoltura sociale”. La relazione introduttiva è stata svolta da Claudio Gagliardini, vicedirettore regionale della Coldiretti delle Marche.

Dopo aver illustrato le difficili condizioni dell’agricoltura, colpita come gli altri settori dalla gravissima crisi economica che in Italia sta provocando una drammatica crescita della disoccupazione e una fortissima caduta dei consumi, Gagliardini si è soffermato sulle nuove opportunità che vengono offerte alle aziende agricole, grazie alla multifunzionalità che è stata loro riconosciuta di recente. l settore che più si è sviluppato negli ultimi anni è stato, come è noto, quello dell’agriturismo e più in generale dell’agro-ambientale. Ma altre opportunità si presentano se si guarda all’agricoltura anche in un’ottica sociale. Ed è su questo tema che Gagliardini è intervenuto più diffusamente, presentando esempi di aziende che hanno aperto “agrinido”, o che hanno accolto bambini con difficoltà mostrando che un più stretto rapporto con la natura li rende più sereni e li aiuta a superare alcune difficoltà, o, infine, che hanno permesso ad anziani autosufficienti di restare attivi anche nella “quarta età”.

Ha chiuso i lavori Maurizio Tomassini che oltre a sottolineare le molte e ancora inesplorate opportunità offerte dall’agricoltura sociale, specie quella connessa con l’inserimento lavorativo di soggetti con fragilità, ha collegato l’iniziativa dell’agenda per lo sviluppo dell’economia civile nel territorio di Marche Nord al progetto di rafforzare la rete delle imprese sociali, per il quale le Acli della provincia di Pesaro Urbino stanno lavorando da tempo.

COLLAUDO IN CORSO IN VIA EINAUDI

SANT’ELPIDIO A MARE–Collaudo in corso presso il condominio di Via Einaudi. L’Amministrazione Comunale si sta adoperando per risolvere la situazione relativa al condominio di Bivio Cascinare, denominata area progetto Apr 20, in merito alla mancanza dell’illuminazione pubblica per questioni inerenti la realizzazione delle opere di urbanizzazione a suo tempo effettuate. Dopo un incontro avuto a suo tempo con il Prefetto di Fermo, Emilia Zarrilli, considerato che si rende urgente e improcrastinabile la risoluzione del problema della fornitura dell’energia elettrica, l’Ente Comunale ha comunicato all’Enel, e per conoscenza allo stesso Prefetto, che ci si è attivati per poter proseguire l’iter di escussione della polizza fidejussoria, finalizzata anche alla realizzazione dei nuovi allacci per le forniture di energia elettrica non realizzate dai privati.

“La Giunta Comunale, con una recente delibera – ha fatto sapere l’Assessore ai Lavori Pubblici Stefano Ravagnani – per venire incontro agli attuali proprietari degli immobili, ha stabilito, stante l’urgenza, di anticipare la somma necessaria all’affidamento del collaudo in attesa dell’escussione delle somme dovute dai privati lottizzanti. Si è poi affidato l’incarico per il collaudo e ad oggi le operazioni di collaudo delle opere di urbanizzazione primaria del Piano di Lottizzazione “APR 20”  di via Einaudi  sono in corso. Tale procedura si chiuderà a breve”. A seguito di ciò si potrà avere un quadro esaustivo sullo stato delle opere realizzate e sulla loro conformità al progetto approvato. Il collaudo fornirà inoltre la quantificazione delle opere non realizzate propedeutica all’escussione della polizza fidejussoria.

“Considerato che l’eventuale distacco della fornitura di energia elettrica creerebbe problemi di sicurezza e ordine pubblico – aggiunge il Sindaco, Alessio Terrenzi – abbiamo formalmente chiesto,  nei limiti di legge, di non procedere al distacco dell’energia elettrica in quanto l’ente, escussa la polizza, in via prioritaria provvederà alla realizzazione dei nuovi allacci”.

Raduno informale del governo Letta all’Abbazia di Spineto (oggi 12 e domani 13 maggio 2013) in provincia di Siena. E’ la notizia che più ha incuriosito gli italiani in questi ultimi giorni subito dopo l’annuncio (Il Presidente lo aveva annunciato 2 giorni fa via Twitter), per la singolarità, ma allo stesso tempo perchè il luogo

PALAZZO CHIGI • SEDE DEL GOVERNO

PALAZZO CHIGI • SEDE DEL GOVERNO

dell’incontro fa pensare che l’atmosfera dell’Abbazia aiuti a mettere in primo piano la persona, prima degli schieramenti politici, favorendo il dialogo effettivo, di cui ha bisogno sia l’esecutivo, sia il Paese Italia. I lavori si svolgeranno presso l’Abbazia di Spineto (in via Molino di Spineto n.8, a Sarteano), dalle ore 17,30 circa di oggi domenica alle ore 12,00 circa di domani lunedì 13. Il raduno si svolge a porte chiuse, vi partecipano soltanto il Presidente del Consiglio, i Ministri e il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi.  

Il Presidente del Consiglio italiano Enrico Letta giovedi a Varsavia. 

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, giovedì 16 maggio 2013 (alle ore 17.00) sarà a Varsavia per incontrare il Primo Ministro Polacco, Donald Tusk. Al termine dei colloqui si terrà una conferenza stampa congiunta. La Polonia di questi anni sta attraversando un periodo socio-economico di sviluppo. Il benessere è aumentato di parecchio rispetto ad alcuni decenni fa. Lo scambio commerciale Italia-Polonia e viceversa è significativo e può essere sicuramente incrementato.

RIMINI–Pasta italiana fatta con il 100 per cento di grano prodotto nelle Marche. E’ il progetto realizzato dal Consorzio agrario dell’Adriatico, che comprende i consorzi di Ascoli Piceno, Macerata e Pesaro e che ha visto l’inaugurazione del Pastificio Ghigi a San Clemente di Rimini. Alla manifestazione (8 maggio 2013) hanno preso parte 300 produttori della  regione Marche, assieme al presidente nazionale di Coldiretti, Sergio Marini, e a quello della Coldiretti marchigiana, Giannalberto Luzi. Un progetto controcorrente, che si avvale del controllo della filiera da parte degli agricoltori, tramite i consorzi agrari coinvolti, con la garanzia di un ritorno economico in base alla qualità del prodotto. Nella nostra regione le aziende interessate dal progetto sono 900, per una produzione di quaranta milioni di chili di grano coltivati su novemila ettari di terreni. La pasta prodotta viene commercializzata nelle Botteghe di Campagna Amica. La filiera Ghigi è nata sotto l’egida della green economy, oltre ad assicurare la tracciabilità di tutto il grano dal campo alla tavola, con il controllo dal seme al concime, al diserbo, fino allo stoccaggio e insilaggio gestito dai Consorzi Agrari. Lo stesso ritiro del prodotto avviene con macchine certificate no-Ogm. Il marchio Ghigi è presente sulle tavole dal 1870, ma qualche anno fa aveva rischiato di scomparire. La cordata di consorzi agrari, guidati dal Consorzio Agrario dell’Adriatico, nel pieno della crisi economica mondiale, ha consentito la ripartenza del pastificio, salvaguardando l’occupazione e assicurando una integrazione di filiera tra agricoltura e industria con l’utilizzo di soli cereali italiani.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
Annunci