SANT’ELPIDIO A MARE – Le critiche mosse dal Pd all’Amministrazione Terrenzi in merito alla gestione del bilancio, hanno motivato un intervento del Vice Sindaco, nonché Assessore al Bilancio, Franco Lattanzi“Probabilmente il Pd non si ritiene soddisfatto perché non è in grado di valutare, o non vuole ammettere che ci siano stati, i risultati ottenuti da questa Amministrazione” osserva Lattanzi passando poi ai dettagli. “Abbiamo ottenuto una riduzione di quasi 400.000 euro della spesa corrente, cosa mai avvenuta in passato quando, invece, con gli amministratori precedenti, la spesa corrente è aumentata di milioni di euro – precisa – Nel nostro consuntivo, posto in essere senza stravolgere, per correttezza politica, il bilancio preventivo trovato, siamo arrivati ad ottenere una riduzione dell’indebitamento, non abbiamo preso mutui e  avendo poco o  nulla da vendere. In precedenza i numeri del bilancio di previsione che programmazione contenevano? I nostri sono realistici, relativi ai conti che abbiamo trovato. Non abbiamo avuto sostanzialmente un avanzo bensì un avanzo vincolato relativo al Cimitero di Cura Mostrapiedi ed al fondo di  riserva previsto dalla  legge. A tal proposito, va chiarito che i 410.000 euro di Cura Mostrapiedi derivano da accertamenti relativi a presupposti giuridici esistenti. Ci dicano loro, invece, come hanno fatto a mettere nel conto  consuntivo più di 700.000 euro in entrata, cifra supportata da alcun presupposto giuridico. Parlano poi di buchi neri: se sono al corrente di buchi neri, che li dicano chiaramente, li ringrazieremo. Se ci sono, cosa che a noi non risulta, non sono certo imputabili all’Amministrazione Terrenzi. Il nostro è un bilancio reale che si basa sui dati. La verità è che devono imparare a fare l’opposizione. L’opposizione si fai sui dati, non sulle chiacchiere. Dicono che non sono stati forniti i documenti? Ebbene, i documenti sono stati depositati ai revisori il 20 di marzo, è stata fatta una commissione tre settimane prima del bilancio, e tutti i documenti previsti dalla legge sono stati forniti nei termini. Quello che è stato chiesto tre giorni prima del consiglio, e cioè il bilancio analitico per capitoli non previsto dalla legge e mai negli anni passati consegnato ai consiglieri, non è stato possibile fornirlo per adempimenti in corso da parte degli uffici, questa è la realtà”.

Il Pd parla poi di mancanza di programmazione. “Dovrebbero sapere – replica il Vice Sindaco – che la programmazione si fa con il bilancio di previsione, non con il consuntivo. Perché non dicono come mai loro hanno lasciato settori senza la necessaria copertura, come un semplice  esempio per le strade bianche non è stata lasciata la dovuta copertura per la ghiaia? Questa è la loro tanto sbandierata programmazione? E si  tratta solo di un esempio su tanti. Forse devono ancora imparare cosa sia la programmazione e sarebbe bene che lo facessero prima di accusare gli altri. Il Pd, poi, cita le somme per la neve: come si evince dal bilancio di previsione analitico, all’epoca è stato iscritto in bilancio un importo di 260.000,00 sia in uscita che in entrata, calata al di fuori del patto di stabilità. La passata Amministrazione aveva di fatto previsto che la Regione Marche avrebbe assegnato al comune l’intera somma liquidandone poi il 40%. Questa Amministrazione, visto che mancavano i presupposti per l’intero accertamento, ha opportunamente eliminato una parte di tale somma, pari a centomila euro: ciò vuol dire che ha pagato con somme proprie tale somma e non ha potuto escluderla dal patto di stabilità penalizzando il bilancio. E’ rimasta la somma di 160.000 euro con la speranza che possa arrivare tale cifra, anche alla luce del recente decreto che parla di una parte di distribuzione”.
Annunci