IN ARRIVO ALLE FAMIGLIE ELPIDIENSI GLI STAMPATI  

DA RESTITUIRE ENTRO IL 10 MAGGIO 2013

 

SANT’ELPIDIO A MARE Il Sindaco Alessio Terrenzi ed il Vice Sindaco, nonché assessore alla partecipazione, Franco Lattanzi, hanno dato conto questa mattina dell’iter che si sta seguendo per arrivare a concretizzare il bilancio partecipato. “Uno dei punti qualificanti del nostro programma elettorale – ha esordito il sindaco – è che sarà il primo bilancio partecipato della provincia di Fermo. Con questo nuovo modo di gestire il bene comune intendiamo indicare le scelte in funzione degli effettivi bisogni espressi dalla cittadinanza”.TERRENZI-LATTANZI-bilancio partecipato

Il percorso ha preso avvio con le assemblee pubbliche nel territorio e tale prima fase si chiuderà giovedì sera, 2 maggio, alle ore 21.15, presso l’Auditorium Giusti.

In questi giorni si apre la seconda fase con l’invio alle famiglie elpidiensi di questionari con i quali si vuole permettere alla cittadinanza di diventare parte attiva delle scelte, che poi l’Amministrazione Comunale valuterà di realizzare. Sono 6.200 le copie stampate, andranno una per ogni famiglia: i questionari compilati dovranno essere restituiti entro il 10 di maggio presso la segreteria del sindaco, all’ufficio protocollo, presso gli ausiliari del traffico, in cassette esterne che saranno disponibili presso le scuole cittadine o le sale pubbliche del territorio, via fax al numero 0734.8196229 o via mail presso la segreteria del sindaco.

 L’invio degli stampati che arriveranno in questi giorni nelle case degli elpidiensi – osserva in merito Lattanzi – è lo strumento per poter attivare un contatto diretto con la cittadinanza, permettendo anche a coloro che non partecipano alle assemblee di avere voce in capitolo. Intendiamo coinvolgere tutti coloro che abitano nel territorio comunale nella convinzione che il bilancio partecipato rappresenti un’occasione, sia per chi amministra che per i cittadini, utile a creare un rapporto più propositivo e collaborativo, consentendo così di arrivare a prendere le decisioni migliori”.

 Gli elpidiensi potranno indicare gli interventi che ritengono prioritari, cinque per il quartiere di residenza e cinque per il territorio inteso nella sua interezza. Nella fase successiva, una volta che le schede compilate torneranno all’Amministrazione Comunale, si provvederà alla verifica delle proposte per poi passare alla fase successiva. “In linea di principio sarebbe prevista una seconda fase di assemblee – ha concluso Lattanzi – ma visto che siamo stretti con i tempi probabilmente torneremo ad inviare uno stampato alla cittadinanza per mezzo del quale votare le cinque proposte che risulteranno indicate nella fase uno dal maggior numero di persone”.

 

 

 

Annunci