MONTELUPONE–Una bella iniziativa è stata quella che il Coordinamento provinciale delle guardie venatorie ha preso recentemente, in collaborazione con la sezione di Montelupone della Federazione italiana della caccia e dell’ente comunale, in occasione di quella che viene ormai da anni considerata la “giornata ambientale”. Ne ha dato notizia il Presidente provinciale delle guardie venatorie, Nazzareno Galassi, che ha sintetizzato i vari momenti dell’intervento finalizzato alla polizia delle “fonti rurali” sparse su tutto il territorio del comune monteluponese. “Queste fonti – ha ricordato Galassi – hanno di certo un gran valore storico e culturale ed è per questo che ogni anno, in prossimità della primavera, e soprattutto della siccità estiva, vengono ripulite per poter permettere a tutta la fauna selvatica di abbeverarsi in un luogo sicuro e pulito. A fare questo lavoro sono i dipendenti comunali, i cacciatori, le guardie venatorie della federazione della caccia e i volontari”. L’iniziativa ha riguardato le “venti fonti” che si trovano nel territorio di Montelupone e molte di queste possono essere visitate mediante una passeggiata a piedi, in bicicletta o a cavallo. Proprio per aiutare gli interessati a compiere la visita, è intenzione dei promotori di predisporre un opuscolo, nel quale mettere in risultato le notizie necessarie per raggiungere le suddette fonti e di trascorrere qualche momento di rilassante riposo.