Due arresti per droga a Porto Recanati: gettati????????????????????????
gli ovuli dal balcone alla vista dei CC

PORTO RECANATI–Carabinieri di Porto Recanati ancora impegnati sul fronte del contrasto alla droga. Avevano controllato alcuni eroinomani, mentre assumevano stupefacenti nelle aree circostanti un grosso condominio e persino nei pressi dei giardini di viale Europa. C’erano state anche chiamate al 112, della centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Civitanova, da parte di residenti del condominio, che segnalando gli squallidi scenari a cui erano costretti ad assistere sotto le loro abitazioni. Scene di consumo di droga che non passavano inosservate e che hanno fatto scattare i controlli. Prima una coppia dell’anconetano, quindi due giovani dell’alto maceratese, sono stati individuati dalle pattuglie dei Carabinieri di Porto Recanati, nel triste rito di assumere l’eroina. La sensazione è che l’assidua presenza di tossicodipendenti giunti nella cittadina rivierasca anche da distanze considerevoli, fosse connessa alla presenza di pusher che muovessero grossi quantitativi e il rischio che il taglio dissennato della droga arrecasse rischi di overdose, hanno indotto i Carabinieri ad accelerare bruscamente gli accertamenti per individuare, prima possibile, i venditori di morte che erano all’opera. Una task force della Stazione Carabinieri di viale Europa guidata dal luogotenente Giuseppino Carbonari, coordinata dalla Compagnia di Civitanova, ha eseguito, nella stessa serata di ieri (sabato 27 aprile 2013), una serie di perquisizioni a tappeto presso i palazzoni del popoloso condominio suddetto. Erano certamente annidati in quelle centinaia di appartamenti i pusher e solo una battuta degli appartamenti, recentemente occupati da “nuovi arrivi”, poteva far emergere gli autori dello spaccio. Mentre una decina di carabinieri bussavano alle porte delle abitazioni di interesse operativo, altri in borghese, dissimulandosi fra i clienti di attività commerciali situati ai piedi dei palazzi, cinturavano ed osservavano le centinaia di affacci. Un’azione provvidenziale perchè da un balcone degli ultimi piani, ad un tratto, si levava una vistosa nuvola bianca. Si schiantavano così sul pavimento, evidentemente disperdendosi, svariati ovuli di eroina. Nonostante il maldestro tentativo di far “nebulizzare” tutto lo stupefacente, i Carabinieri riuscivano a recuperare un paio di ovuli rimasti integri. Al loro interno 100 grammi di eroina. Uno conteneva eroina pura, l’altro la più scadente e commerciale, tipo  Brown Sugar.????????????????????????????????????????????????

E’ scattata così l’irruzione nell’appartamento da cui si erano notati gli “scuotimenti”. Bloccati – prima che potessero allontanarsi – l’affittuaria, una ragazza di origini ungheresi, nota ai Carabinieri. Ospitava in casa un pakistano, già arrestato quando abitava a Recanati. Attualmente senza fissa dimora si era accasato dalla signorina. Erano proprio loro due, gli spacciatori che i Carabinieri stavano ricercando. Sono stati arrestati entrambi, per concorso in spaccio di stupefacenti. Su disposizione del magistrato di turno alla Procura di Macerata, sono stati associati alla Casa circondariale di Camerino.

                                                                              ***

I controlli antidroga da parte dei Carabinieri della Compagnia di Civitanova Marche sono incrementati sensibilmente, così come le attività operative dei primi mesi del 2013. L’intento dell’Arma maceratese è quello di tenere sotto stretta osservazione tutti quei luoghi frequentati dai giovani per fare “terra bruciata” ai pusher che, puntualmente, vengono individuati ed assicurati alla Giustizia. E’ una lotta senza quartiere, che mira a colpire il fenomeno droga in ogni sua connotazione, sottolinea dil Cap. Domenico Candelli. Non vengono quindi sottovalutate le droghe leggere, come la marijuana. Oltre tre etti ne è stata sequestrata ad un nigeriano arrestato tre giorni fa, sempre a Porto Recanati, nella piazzetta delle Erbe, gremita di ragazzini anche delle medie. Preziose, come sempre, le segnalazioni – anche in forma anonima – giunte al 112 (numero unico europeo delle emergenze) della Compagnia di Via Carnia, che funge da collettore e coordinatore di decisivi controlli.