CIVITANOVAIntenso programma per celebrare oggi il 25 aprile 2013 a Civitanova Marche. Il calendario ha previsto dapprima, alle ore 09,30  la Deposizione di una corona presso la Lapide Caduti di tutte le guerre a Civitanova M. Alta, in Viale della Rimembranza, dietro la Rocca.Alle ore 10,00 – Alzabandiera e posa di una corona al Monumento ai Caduti di tutte le guerre in Piazzale Italia, vicino allo Stadio, all’inizio del Lungomare Sud Piermanni.Alle ore 10,30 – Alzabandiera e posa della corona al Monumento ai Caduti della Resistenza (opera di Wladimiro Tulli) in Piazza Gramsci, di fronte alla Pescheria, dove in un cippo c’è anche l’elenco dei civitanovesi morti nel corso dei bombardamenti.Alle ore 10,40 – Partenza del corteo per Piazza XX Settembre.Alle ore 11,00 – Arrivo del corteo in Piazza XX Settembre, dove ha avuto luogo la cerimonia con gli interventi delle Autorità. Presente il Prefetto di Macerata, il Presidente della Provincia Antonio Pettinari, uno stuolo di Sindaci a cominciare dal civitanovese Tommaso Claudio Corvatta, passando per Carancini (Macerata), Nevia Calvigioni (Corridoni), Giovanni Torresi (Pioraco), Franco 25 APRILE- PEZZANESI-ETC-P1080256wPezzanesi (Tolentino) e tutti gli altri. Marconi ha parlato per l’Anpi, a Civitanova rappresentata dalla Prof. Annita Pantanetti.  C’erano in piazza, davanti ai giardini, molti cittadini, iscritti a partiti, sindacati, associazioni. C’erano il vice-sindaco di Civitanova Giulio Silenzi, l’assessore provinciale Giorgio Palombini, l’on. Adriano Ciaffi (primo Presidente della Regione Marche nel 1970), il segretario della Cgil  della provincia di Macerata Aldo Benfatto, Marsilio Marsili di Civitanova. Ogni Comune ha portato il proprio Gonfalone. Al termine  Orazione ufficiale della neo On. Irene Manzi (Macerata), che con un discorso molto chiaro, appassionato e storicamente documentato, citando Piero Calamandrei e non solo, ha voluto rendere omaggio in particolare alla donne, che hanno preso parte alla Resistenza, per poi tributare un pensiero alle 197 donne che siedono nel nuovo Parlamento. E’ stato ricordato altresì il ruolo svolto dall’Istituto per la storia della Liberazione, che ha sede a Macerata ed in Ancona, che pubblica anche una rivista di storia da molti decenni con articoli sempre interessanti e documentati.
 


25 APRILE-CORVATTA-_5197 copiaON RIRENE MANZI-SUL PALCO.5247 copia25 aprile- postacchini-P1080210w25 aprile-palombini-ciaffi-P1080273w25 aprile-pettinari-P1080234w25 APRILE-ANGELINI-PETTINARI-CORVATTA-P1080265w