You are currently browsing the daily archive for aprile 25, 2013.

ph Luigi Gasparroni0124CIVITANOVA–Perfettamente riuscita, come l’altr’anno, la manifestazione che segna il mese d’aprile a Civitanova, vale a dire Il mare in fiore, che ha regalato in una giornata di sole, sopratutto al mattino di ieri,  uno splendido colpo d’occhio presso lo scenografico Lungomare Sud Piermanni, dove la gente si è riversata per fare la passeggiata con famiglia ed amici, soffermandosi di bancarella in bancarella, per ammirare composizioni floreali ed effettuare acquisti. Il potere dei fiori di ridestare in ognuno del buon umore è incredibile, un segno tangibile della primavera che ci ridesta alla vita. Le foto che pubblichiamo sono di Luigi Gasparroni, che come al solito ha documentato la giornata con il suo attento obiettivo per la gioia degli occhi.
ph Luigi Gasparroni0151ph Luigi Gasparroni0119ph Luigi Gasparroni0099
Annunci

Venerdì 26 aprile 2013 a Serra San Quirico per la 31esima Rassegna Nazionale di Teatro Della Scuola continua l’omaggio dei giovani alla Festa della LIBERAZIONE: alle ore le scuole di Arcevia e Rosora in scena al Teatro Palestra nella performance conclusiva del progetto “La resistenza incontra i ragazzi del territorio montano”. A seguire, l’incontro con il partigiano marchigiano Giuseppe Cingolani.

SERRA SAN QUIRICO (AN) – Seconda giornata dedicata alla Resistenza a Serra San Quirico, in occasione delle Celebrazioni per la Festa della Liberazione nell’ambito della 31esima Rassegna Nazionale di Teatro Della Scuola.

Venerdì 26 aprile alle ore 9 le scuole secondarie di I grado di Arcevia e Rosora allestiranno la performance conclusiva del progetto “La resistenza incontra i ragazzi del territorio montano” curato dall’ATG e finanziato dalla Regione Marche. Dopo lo spettacolo, studenti ed insegnanti provenienti da ogni parte d’Italia incontreranno il partigiano marchigiano Giuseppe Cingolani.

Alle ore 21, al Teatro Palestra, va in scena lo spettacolo “Con il futuro alle spalle” allestito dai ragazzi dalla II alla IV dell’Istituto Tecnico Industriale “E. Fermi” di Desio (MB) su adattamento di un racconto dello studente Mattia del Core, con la collaborazione dell’insegnante Luisa Camnasio e dell’operatrice Teatrale Annamaria Ronzio.

Gli spettacoli e gli incontri sono tutti aperti al pubblico e gratuiti. Info su www.teatrogiovani.eu

LIBERAZIONE – IL SINDACO CESARE MARTINI AI GIOVANI STUDENTI: “IL SENSO VERO DEL 25 APRILE NEL NOSTRO PAESE SI E’ FINITO PER RIBALTARLO. RISCOPRIAMO LA STORIA”.

 

SAN SEVERINO MARCHE–La storia di questa giornata va riscoperta, il vero senso del 25 Aprile nel nostro Paese si è finito per ribaltarlo”. Con queste parole, rivolte in particolare ai giovani studenti che hanno preso parte alle celebrazioni per il 68esimo anniversario della Liberazione, il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, ha invitato tutti a rileggere una delle pagine più importanti della storia d’Italia.

In quelli che furono gli ideali dei protagonisti della Liberazione – ha detto il primo cittadino settempedano – c’era un’idea di democrazia, di libertà, di giustizia e di eguaglianza. Al contrario, nelle teste dei nemici, c’era il mito del più forte, della razza, c’era un’idea di sangue e di odio. C’è stata una guerra che ha fatto tanti, troppi morti, ed i morti sono tutti uguali. Ma è pur vero che è da vivi che si è, si era e si può essere diversi. La dignità e l’uguaglianza che solo 68 anni fa i nostri padri riuscirono ad ottenere, non furono un regalo, ma una conquista ed un riconoscimento per le loro battaglie. Anche la nostra storia, la storia della Città di San Severino Marche – ha poi aggiunto il sindaco Martini – ha avuto i suoi martiri ed i suoi eroi. Dovremo tutti insieme incamminarci più spesso sui sentieri della memoria per scoprire pagine forse sì ingiallite dalla storia ma che noi tutti dovremmo leggere e riscoprire. Prima ancora di prendere le armi, la guerra di chi partecipò alla Liberazione era quella di scrivere: “Viva la pace” sui muri. Che la pace – ha concluso Martini – sia la parola che precede ogni guerra, che la pace annulli la guerra sempre. Con questo auspicio rinnoviamo il ricordo di quanti hanno reso questo giorno speciale”.

Alla cerimonia, cui hanno preso parte rappresentanza dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, dell’Associazione Combattenti e Re25Aprile-SSMARCHE-2duci, dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri, erano presenti il presidente del Consiglio comunale, Ostilio Beni, il consigliere provinciale, Pietro Cruciani, i consiglieri comunali Alessandra Aronne, Romina Cherubini, Gabriela Lampa e Fernando Taborro, le scuole cittadine, rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo Forestale dello Stato. Durante la stessa hanno prestato servizio i vigili urbani ed i volontari della Protezione Civile. Il corteo, che ha sfilato per le vie della città, è stato preceduto dal Corpo filarmonico bandistico “Francesco Adriani”.

 

 

I dati della raccolta differenziata nella provincia di Macerata nel mese di marzo 2013

 

Si mantiene sui consueti valori la percentuale della raccolta differenziata nei Comuni maceratesi serviti dal Cosmari. Infatti in questi primi mesi del 2013 si è passati dal 70,53% del mese di gennaio, al lieve calo di febbraio, 69,64%, fino al 71,04% di marzo scorso.

Sostanzialmente tutti i Comuni continuano a far registrare medie che vanno di molto oltre i valori regionali e nazionali, grazie all’impegno dei cittadini e del sistema di raccolta domiciliare “Porta a Porta” studiato e applicato dal Cosmari.

In queste ultime settimane il servizio “Porta a Porta” è stato avviato anche a Pievetorina e Montecavallo mentre nel Comune di Fiastra è iniziata la raccolta differenziata della frazione organica.

Nei prossimi mesi, dopo la positiva sperimentazione, i sacchetti “intelligenti” con microchip verranno utilizzati da tutti i cittadini di Porto Recanati e da una prima parte di residenti e attività economiche di Civitanova Marche.

Ma vediamo insieme le percentuali della raccolta differenziata raggiunte nel mese di marzo dai Comuni che applicano il “Porta a Porta” e i cui rifiuti vengono trattati presso gli impianti consortili del Cosmari: Montecassiano 81,63%, Appignano 81%, Camporotondo di Fiastrone 80,15%, Pollenza 79,95%, Ripe San Ginesio 79,65%, Belforte del Chienti 78,86%, Montefano 78,65%, Montelupone 78,60%, Fiordimonte 78,19%, Potenza Picena 78,18%, Urbisaglia 77,80% Caldarola 76,94%, Apiro 76,93%, Corridonia 76,50%, Colmurano 76,29%, Matelica 76,03%, Petriolo 76%, Recanti 75,96%, Morrovale 75,80%, Serrapetrona 75,71%, Sant’Angelo in Pontano 75,14%, Esanatoglia 74,71%, San Severino Marche 74,70%, Pioraco 74,08%, Tolentino 73,98%, Castelraimondo 73,81%, Pievebovigliana 73,47%, Monte San Giusto 73,06%, Treia 72,46%, Montecosaro 72,32%, Gualdo 71,88%, Mogliano 71,83%, Monte San Martino 71,50%, Loro Piceno 71,17%, Fiuminata 70,84%, Gagliole 69,86%, Sarnano 69,74%, Civitanova Marche 66,05%, Porto Recanati 64,88%, Camerino 63,96%, San Ginesio 63,96%, Penna San Giovanni 60,27%.

Tra i Comuni che ancora applicano il sistema di raccolta tradizionale con i cassonetti stradali va segnalato il 55,12% di Fiastra raggiunto grazie all’avvio, come già detto, della raccolta differenziata della frazione organica.

Nel mese di marzo sono stati raccolti 6.478.770 chilogrammi di rifiuti differenziati e 2.640.965 kg di indifferenziati. Carta 698.780 kg, cartone 633.020 kg, ingombranti 286.815 kg, legnosi 191.380 kg, metalli 46.910 kg, indumenti usati 33.120 kg, oli vegetali 19.275, organico 2.652.870 kg, plastica 37.960 kg, vetro 646.440 kg, multimateriale 611.400 kg.

ANCORA SULLE  CELEBRAZIONI PROVINCIALI MACERATESI PER IL 25 APRILE.

 

CIVITANOVA-Il dolore, ancora forte, che ha scosso la città il 5 aprile 2013, giorno del triplice suicidio, pervade i toni della manifestazione a carattere provinciale che si è svolta questa mattina a Civitanova per celebrare l’anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, dedicata quest’anno al lavoro e alla dignità. Nessun discorso celebrativo o di circostanza per il suo primo 25 Aprile con la fascia da Sindaco del Comune di Civitanova. Tommaso Claudio Corvatta lo ha sottolineato, in premessa, dal palco allestito in Piazza XX Settembre dopo aver posto le corone d’alloro davanti ai monumenti ai caduti di tutte le guerre, rivolgendosi alle autorità e ai rappresentanti politici di tutta la provincia accompagnati dai civici gonfaloni, all’Anpi, e alle Forze dell’ordine e ai cittadini, dedicando di fatto il suo primo pensiero alle tre persone che si sono tolte la vita lo scorso 5 aprile.25 APRILE-CORVATTA-MANZI-COSTAMAGNA-P1080193w

“Il confronto delle opinioni, delle idee e delle ideologie – ha detto Corvatta ancorando la storia all’attualità – va fatto con la realtà. E la targa di Piazza Gramsci che abbiamo trovato oggi imbrattata testimonia come la memoria non sia affatto condivisa. Non dobbiamo aver paura di paragonarci agli altri, e non dobbiamo temere di accogliere l’altro e fare con lui comunque squadra, comunque comunità. Nessuna lettura ambigua deve esserci di quello che accadde nel 1945: i partigiani che hanno combattuto erano dalla parte giusta per porre le basi di una democrazia ancora incompiuta”.

Anche il Presidente della Provincia Antonio Pettinari, ricordando le vittime del disagio e della crisi attuale ha rimarcato la necessità di tenere vivi e alti valori che hanno dato coraggio a coloro che hanno lottato per la libertà. “La nostra provincia – ha ricorda nel suo discorso – ha avuto una grande parte nella Resistenza ed oggi siamo qui per ricordare i tanti maceratesi e non maceratesi che trovarono la morte tra il 1943 e il 1944 nella nostra provincia: a Montalto di Cessapalombo, a Muccia, Camerino, Caldarola, Chigiano di San Severino, Frontale di Apiro, Braccano di Matelica ed altre località. Spesso furono uccisi anche inermi cittadini, uomini e donne, giovani ed anziani. Oggi viviamo una fase drammatica della nostra società ed il lavoro rappresenta la punta cruciale di questo dramma. Dobbiamo impegnarci per far si che questa festa della Liberazione sia reale, affinché il lavoro sia garantito e con esso la libertà vera, affinché la dignità sia restituita. Rischieremmo, altrimenti, oggi di vanificare i sacrifici fatti finora. Occorre anche guardare dunque al 25 aprile 1945 come una data d’inizio e non di fine”.

Alle donne invece è stata dedicata l’orazione finale dell’onorevole Irene Manzi, che ha riproposto una lettera scritta nella prigione di Pavullo, il 26 novembre 1944, da Irma Marchegiani, medaglia d’oro al valor militare, fucilata da ufficiali tedeschi del Comando di Bologna alle ore 17 di quello stesso giorno. “La sua – ha sottolinea l’on. Manzi – è la voce di una delle trenta mila donne che, nei diversi ruoli, si sono rese protagoniste, troppo spesso taciute o trascurate dall’opposizione all’occupazione nazifascista. Ho l’orgoglio di rappresentare in questa sede, un’istituzione in cui siedono 197 parlamentari donne, presieduta da una donna, on. Laura Boldrini. Oggi come allora deve accomunarci la coscienza verso l’impegno nella costruzione di un paese pienamente giusto e libero dal bisogno. Facendo questo renderemo ancora forte e vitale quel messaggio di speranza e fiducia nell’avvenire che questa data rappresenta per tutti noi”.

CIVITANOVAIntenso programma per celebrare oggi il 25 aprile 2013 a Civitanova Marche. Il calendario ha previsto dapprima, alle ore 09,30  la Deposizione di una corona presso la Lapide Caduti di tutte le guerre a Civitanova M. Alta, in Viale della Rimembranza, dietro la Rocca.Alle ore 10,00 – Alzabandiera e posa di una corona al Monumento ai Caduti di tutte le guerre in Piazzale Italia, vicino allo Stadio, all’inizio del Lungomare Sud Piermanni.Alle ore 10,30 – Alzabandiera e posa della corona al Monumento ai Caduti della Resistenza (opera di Wladimiro Tulli) in Piazza Gramsci, di fronte alla Pescheria, dove in un cippo c’è anche l’elenco dei civitanovesi morti nel corso dei bombardamenti.Alle ore 10,40 – Partenza del corteo per Piazza XX Settembre.Alle ore 11,00 – Arrivo del corteo in Piazza XX Settembre, dove ha avuto luogo la cerimonia con gli interventi delle Autorità. Presente il Prefetto di Macerata, il Presidente della Provincia Antonio Pettinari, uno stuolo di Sindaci a cominciare dal civitanovese Tommaso Claudio Corvatta, passando per Carancini (Macerata), Nevia Calvigioni (Corridoni), Giovanni Torresi (Pioraco), Franco 25 APRILE- PEZZANESI-ETC-P1080256wPezzanesi (Tolentino) e tutti gli altri. Marconi ha parlato per l’Anpi, a Civitanova rappresentata dalla Prof. Annita Pantanetti.  C’erano in piazza, davanti ai giardini, molti cittadini, iscritti a partiti, sindacati, associazioni. C’erano il vice-sindaco di Civitanova Giulio Silenzi, l’assessore provinciale Giorgio Palombini, l’on. Adriano Ciaffi (primo Presidente della Regione Marche nel 1970), il segretario della Cgil  della provincia di Macerata Aldo Benfatto, Marsilio Marsili di Civitanova. Ogni Comune ha portato il proprio Gonfalone. Al termine  Orazione ufficiale della neo On. Irene Manzi (Macerata), che con un discorso molto chiaro, appassionato e storicamente documentato, citando Piero Calamandrei e non solo, ha voluto rendere omaggio in particolare alla donne, che hanno preso parte alla Resistenza, per poi tributare un pensiero alle 197 donne che siedono nel nuovo Parlamento. E’ stato ricordato altresì il ruolo svolto dall’Istituto per la storia della Liberazione, che ha sede a Macerata ed in Ancona, che pubblica anche una rivista di storia da molti decenni con articoli sempre interessanti e documentati.
 


25 APRILE-CORVATTA-_5197 copiaON RIRENE MANZI-SUL PALCO.5247 copia25 aprile- postacchini-P1080210w25 aprile-palombini-ciaffi-P1080273w25 aprile-pettinari-P1080234w25 APRILE-ANGELINI-PETTINARI-CORVATTA-P1080265w

Il centrale Tobaldi: «Nel 2014 più responsabilità come unica marchigiana in A2»

 PORTO POTENZA PICENA–Allenamenti a ranghi ridotti per la B-Chem Golden Plast Volley Potentino, reduce dal brillante decimo posto alla sua prima esperienza in serie A2. Il centrale di Appignano Riccardo Tobaldi, protagonista di una seconda parte di stagione a dir poco eccellente, continua ad assaporare il gusto dell’impresa portata a termine sotto la guida del coach Gianluca Graziosi, ma pensa soprattutto a tenersi in forma in vista della prossima stagione. «Ammetto di aver allentato l’intensità delle sedute atletiche – mette le mani avanti il gigante biancazzurro – ma ogni martedì e giovedì mi alleno regolarmente con una parte dei compagni». Parecchi atleti continuano a lavorare fuori regione autonomamente, ma i veterani come il regista Emanuele Miscio, il libero Juri Bianchi e lo schiacciatore Enrico Zampetti sono sempre presenti al PalaPrincipi. «Mi fa piacere che Enrico abbia fatto enormi progressi dopo l’operazione ai legamenti crociati – afferma Tobaldi. Ancora non si fida a saltare, ma ha recuperato ottimamente dal punto di vista fisico e ha ripreso a farsi sentire anche in ricezione». Alla vigilia della sontuosa cena con tutti gli sponsor del Volley Potentino che si terrà domani sera (venerdì 26 aprile, ore 20) presso il ristorante Hotel Moretti di Montelupone, il centrale della B-Chem Golden Plast svela apertamente che l’euforia per la salvezza tranquilla conquistata in anticipo ha lasciato il posto alla serenità e al desiderio di mantenere una condizione psicofisica ottimale anche in estate. «Non ho mai smesso di potenziare la muscolatura con i pesi e mi allenerò anche a maggio – anticipa Tobaldi. Poi mi dedicherò al be????????ach volley amatoriale con gli amici per non rimanere fermo nel lungo periodo che ci separa all’inizio del nuovo campionato. Una stagione così corta sottopone gli atleti al rischio di una lunga inattività, ma ognuno di noi sa come gestirsi». Tra un allenamento e l’altro c’è abbastanza tempo per dare uno sguardo ai playoff e lo spilungone di Appignano non può che essere deluso dall’uscita di scena della Lube Macerata nelle semifinali di A1. «L’eliminazione del sestetto di Giuliani da parte di Piacenza mi ha meravigliato – conferma il centrale cresciuto nel vivaio della Lube. Ci sono rimasto male. Forse è mancato un leader in campo nei momenti clou e la squadra ha patito complessivamente un calo di concentrazione». Il gladiatore del PalaPrincipi comincia a maturare l’idea che il prossimo anno oltre all’esperienza e alla maggiore consapevolezza cresceranno anche gli oneri: «La retrocessione della Pallavolo Loreto ci carica di grandi responsabilità. Siamo l’unica squadra marchigiana in A2 di volley e una delle due in tutta la serie A insieme alla Lube. Dovremo farci valere».

 

 

 PAOLO BRAVI VERSO LA 100 KM EUROPEA
 
RECANATI–Per il secondo anno consecutivo, il recanatese Paolo Bravi parteciperà al Campionato europeo della 100 chilometri su strada, che si corre sabato 27 aprile 2013 a Belvès, in Francia. Una grande soddisfazione per l’atleta e presidente della Grottini Team Recanati, capace di confermarsi tra i migliori italiani della specialità: anche stavolta il suo nome è nella formazione dei sette ultramaratoneti convocati per rappresentare i colori azzurri all’evento continentale. Proprio durante l’edizione del 2012 a Seregno, valida in quell’occasione anche come rassegna iridata, il 38enne ingegnere riuscì a migliorare il record personale con il tempo di 7 ore, 11 minuti e 28 secondi. “Spero di portare il mio contributo alla squadra – dichiara Bravi – infatti la Nazionale difende il titolo conquistato dodici mesi fa, e di vivere una bella esperienza. Certamente è una distanza che presenta molte incognite, però mi sono preparato bene: quest’anno ho corso finora tre maratone, con un terzo posto a Siracusa, mentre sono arrivato quinto a Martinsicuro e sesto a Crevalcore”. Poi qualche mezza maratona, disputata come allenamento, e alla Strasimeno di 58 km ha chiuso in settima posizione: un’altra significativa performance in vista dell’appuntamento sulle strade transalpine, dove cercherà di completare la sua quarta 100 km della carriera (già affrontata anche nel 2011 con il debutto alla Firenze-Faenza e successivamente a Fano). Il via alle ore 8 di sabato mattina su un percorso collinare con partenza e arrivo nel borgo medievale di Belvès, situato nel cuore dell’Aquitania, regione della Francia sud-occidentale. La squadra azzurra dovrà fare a meno del campione mondiBravi_Paoloale Giorgio Calcaterra: “In ogni caso possiamo lottare per il podio – afferma il marchigiano allenato dal tecnico Maurizio Riccitelli – e ce la giocheremo soprattutto contro Russia, Spagna e i padroni di casa della Francia. La gara sarà importante in vista dei prossimi Mondiali, che si svolgeranno in Sudafrica nel periodo autunnale”. A sostenerlo ci sarà un gruppo di amici, compagni di squadra e di allenamento (Marco Boccanera, Mirco Cappella, Luca Carestia, Alessandro Dottori, Daniele Grottini, insieme al papà Angelo Bravi), a loro volta in viaggio per questa trasferta francese. Tra l’altro il maratoneta-ingegnere è legato allo sport anche nell’attività professionale, visto che ha il ruolo di omologatore degli impianti di atletica per la regione Marche. E inoltre la squadra azzurra femminile avrà una portacolori della Grottini Team Recanati nella 100 km continentale: si tratta della ferrarese Marina Zanardi, che l’anno scorso fu la migliore italiana al Mondiale di Seregno (nona assoluta e quarta europea). Senza dimenticare che tra le convocate c’è Barbara Cimmarusti, pugliese di nascita ma residente a Pesaro: campionessa italiana assoluta della 50 km nella passata stagione, da quest’anno gareggia per il club toscano dell’Atletica Futura.

W L’ITALIA LIBERA”. A TEATRO LE ULTIME LETTERE DEI CONDANNATI A MORTE DELLA RESISTENZA, CONQUISTANO I CUORI DROSETTA-BICI-FISARMONICA-WL'Italia1EGLI STUDENTI SETTEMPEDANI

SAN SEVERINO MARCHE–Le ultime lettere dei condannati a morte della Resistenza, interpretate al Teatro Italia da una straordinaria Rosetta Martellini (civitanovese), hanno conquistato il cuore degli studenti settempedani. La rappresentazione, prodotta da Fabrica Teatro, dalla Riserva naturale regionale del monte San Vicino e del Monte Canfaito e dal Comitato provinciale dell’Anpi, ha aperto, a San Severino Marche, le manifestazioni pensate per il 25 Aprile 2013. Lo spettacolo, inserito nell’ambito della stagione “Aperti per Ferie” de “i Teatri di Sanseverino”, è stato preceduto dai saluti dell’assessore comunale allo Sviluppo Culturale, Simona Gregori, e di Donella Bellabarba, in rappresentante della sezione settempedana dell’Anpi.

E’ stata una gran bella pagina di storia”, hanno commentato al termine della stessa rappresentazione molti dei presenti che hanno applaudito le musiche, eseguite dal vivo con grande trasporto, da Andrea Mei.

In scena, al coinvolgente racconto delle lettere, si sono intrecciate anche le piccole grandi storie di quella varia umanità che ha partecipato a quei due inverni di lotta, di sacrificio, di fame, ma anche di entusiasmo, di idealismo, di incontri, di condivisioni, di speranza. Una passione civile e un amore per il proprio Paese di cui sembra essersi perso lo stampoROSETTA-STUDENTI-WL'Italia2.ROSETTA-TEATRO-WL'Italia3

 ROSETTA-WL'Italia

ROSETTA-WL'Italia3

Nelle foto: il teatro Italia gremito ed alcune scene della rappresentazione di Rosetta Martellini

Con la droga a due passi da un centro di aggregazione giovanile: arrestato nigeriano a Porto Recanati con oltre 3 etti di marijuana

PORTO RECANATIBloccato con la droga in pieno centro, a Porto Recanati, dai Carabinieri della locale stazione. È accaduto ieri sera (mercoledì 24 aprile 2013) quando un carabiniere della SSpeed Star 1.0393556  00tazione di Porto Recanati, libero dal servizio, transitava dinanzi ad un luogo di aggregazione giovanile, particolarmente frequentato da giovanissimi delle medie in quanto giornata pre –  festiva. Notava che, nella vicina piazzetta delle erbe, un gruppo di giovani stava ammiccando i ragazzetti più tranquilli che frequentano i campetti. Fra i ragazzi più grandicelli che vagava fra quelli che stavano “stazionando”, riconosceva un nigeriano “noto” ai carabinieri del luogo. Chiamava  così il 112 della Compagnia Carabinieri di Civitanova che faceva incrociare subito due pattuglie della caserma di Porto Recanati. Grazie alla puntuale segnalazione del collega, riuscivano a fermare il  nigeriano   perquisendolo prima che potesse disfarsi di quanto aveva addosso: 9 dosi di marijuana ben confezionate e pronte per la cessione, per un peso complessivo di 16 grammi. I militari, guidati dal Luogotenente Giuseppino Carbonari, avviavano immediatamente una perquisizione nell’abitazione del nigeriano, nel condominio Hotel House. E’ emerso così che in casa deteneva altri 3 etti di marijuana, un bilancino e il materiale per il confezionamento, oltre ad un migliaio di euro considerato il provento di spaccio (nella foto). Tutto è stato sequestrato e il ragazzo, 20enne studente di un istituto superiore, è stato tratto  in arresto per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Condotto alla casa circondariale di Ancona a disposizione della Procura della Repubblica di Macerata.Speed Star 1.0414518  00

 I controlli svolti anche a Porto Recanati, si inquadrano nelle linee guida pronunciate dal Comando Provinciale dell’Arma di Macerata, in materia di servizi antidroga nei pressi di scuole, centri di aggregazione, parchi e centri sportivi. Sulla costa maceratese le pattuglie di Carabinieri – in divisa ed in borghese – stanno tenendo sotto “stretta osservazione” quei luoghi dove i ragazzi possono essere contattati dagli spacciatori di droga.

Le segnalazioni corrono anche sul filo del telefono e le numerose chiamate che, anche in forma anonima, pervengono quotidianamente al 112 (numero unico europeo delle emergenze) della centrale operativa dei carabinieri di Civitanova, sono sempre oggetto di approfondimenti. Come era accaduto a Civitanova Marche un mese, in occasione dell’arresto di una “nonna pusher” a due passi dai campi di calcetto, o di un tunisino che nascondeva la droga nei giardini del parco giochi di Civitanova Alta. Ogni sospetto di spaccio, di persone dedite a furti, di malintenzionati e truffatori, può essere “denunciato” telefonicamente ai Carabinieri – precisa l’Arma– che, volentieri, possono effettuare le loro verifiche. La partecipazione del cittadino alla “sicurezza” gli consente di “togliersi un peso”, nel riferire ciò che ha visto di strano, ed ai carabinieri di avere un “occhio” in più sul territorio.

Categorie

METEO CIVITANOVA

Clicca sulla cartina Meteo Marche
aprile: 2013
L M M G V S D
« Feb   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  
Annunci