“NATURA DA CONOSCERE, NATURA DA VIVERE 2013”
 
SANT’ELPIDIO A MARE – Si è svolta  con successo l’uscita organizzata nell’ambito del “Progetto di educazione ambientale: Natura da conoscere, natura da vivere 2013”, messo a punto dall’Amministrazione Comunale, in adesione alla proposta del C.S.A.A. Centro Sportivo e delle Attività per l’Ambiente Marche sezione di Sant’Elpidio a Mare. Il progetto ha coinvolto quattro classi della scuola secondaria “Andrea Bacci” e l’uscita è stata effettuata presso l’Oasi naturalistica di Capodarco di Fermo. In tutto gli alunni coinvolti sono stati ottantacinque: dopo una lezione preliminare interattiva in classe, nel corso della quale si sono affrontati temi degli ecosistemi naturali e dando spazio all’ecosistema del giardino, ricco di animali, in particolare con la possibilità di poter osservare molte specie di uccelli ed approfondirne le caratteristiche.
Quella di venerdì è stata la seconda fase del Laboratorio didattico, con l’uscita a Capodarco. Gli alunni hanno avuto modo di visionare diversi sentieri natura e percorsi didattici. Un ambiente suggestivo ed affascinante nel quale è stato possibile vedere da vicino il funzionamento di una stazione di inanellamento scientifico. Grazie alla presenza dell’inanellatore Gianfranco Polini, esperto in materia, i ragazzi hanno controllato le reti, hanno preso gli uccelli che vi erano rimasti intrappolati, li hanno inanellati, misurati e rilasciati in libertà. L’esperienza che hanno vissuto i ragazzi è legata ad uno studio gestito dall’Istituto Superiore per la Ricerca e l’Ambiente, struttura ministeriale, e può essere svolto solo da persone formate e adeguatamente abilitate. L’esperienza è proseguita con la visita all’aula didattica gestita dall’Associazione Naturalistica “Smilax Nova”: si è affrontato il tema dell’ecosistema “bosco” con reperti e animali del centro faunistico per poi passare alla visita reale nel bosco stesso, sotto la villa della Comunità. I ragazzi sono andati in esplorazione ed hanno potuto verificarne la struttura.
“I ragazzi e gli insegnanti – commenta il presidente del C.S.A.A. Domenico Verdecchia – hanno molto apprezzato la proposta ed hanno manifestato la volontà di ripetere esperienze del genere. Un ringraziamento va alla Comunità di Capodarco che ci ha messo a disposizione il luogo e le strutture, ma anche al dottor Nazzareno Polini per aver messo a disposizione la sua professionalità. Va ringraziato anche il dirigente scolastico Giocondo Teodori così come gli insegnanti che hanno accompagnato i ragazzi. Sono molto soddisfatto della riuscita del progetto e va dato merito anche all’Assessore Monia Tomassini e all’ufficio scuola del Comune per aver sostenuto ed organizzato il tutto”.
“Il progetto non finisce qui – aggiunge in merito l’Assessore Tomassini – ma prosegue con una specifica sessione collegata al concorso fotografico Immaginando SEMpre, nell’ambito della sezione appositamente riservata alla scuola”.
“Abbiamo ritenuto che il progetto fosse meritevole delle dovute attenzioni – osserva in merito il Sindaco, Alessio Terrenzi – per avvicinare i giovani alla natura e far accrescere in loro la consapevolezza dell’importanza della flora e della fauna come fonti essenziali per la vita umana. Mi auguro che esperienze del genere possano essere proposte anche in futuro”.